I valori dello sport: “Una cultura di umanità, civiltà e spiritualità”

Redazione1
di Redazione1 febbraio 5, 2021 21:32

I valori dello sport: “Una cultura di umanità, civiltà e spiritualità”

Parlando di sport, a parte le motivazioni psicologiche legate a punti di vista viziati da logiche prettamente individualistiche, non si può che dirne bene: lo sport è salute, serve a scaricare lo stress, favorisce il benessere del corpo che rende sana la mente, tonifica i muscoli, e via dicendo; ma poi, per lo più, si trascura di riconoscere che lo sport serve anche, e molto, a temprare la volontà, la forza d’animo e…lo spirito. Ecco, sotto questo aspetto che appare particolarmente importante in un mondo in crisi, in cui le sollecitazioni materialistiche, egoistiche e deprimenti prevalgono, ci sembra molto utile prestare attenzione agli interessanti rilievi che Gabriella Forlese, un’innamorata dello sport, andrà facendo riguardo a questa apprezzabile e benefica attività umana. (A.M.)

Lo sport, manifestazione di vita, di gioia, affascinante contesto in cui si affermano valori fondamentali che, al di là del mondo prettamente sportivo, abbracciano la quotidianità inglobando il rapporto con il prossimo e con se stessi. Un contesto che, rivolto ai giovani, contribuisce alla formazione della loro personalità in modo sano ed equilibrato e che, rivolto agli adulti, permette loro di meglio affrontare le difficoltà quotidiane, offrendo una rapida soluzione alla gestione dello stress.

L’attività sportiva, inoltre, permette di mantenere mente e corpo in perfetta sintonia tra loro e con l’ambiente circostante, attraverso la capacità di mettersi in gioco, di uscire dalla propria “confort zone”, di scoprire o riscoprire abilità e potenzialità rivolte alla realizzazione di obiettivi, con grande capacità di resilienza.

Lo sport, quindi, è da intendersi come una delle principali manifestazioni dell’uomo; ed in questo senso anche la CEI, attraverso la competente Commissione Ecclesiale,  lo definisce “…un valore dell’uomo e della cultura, un luogo di umanità e civiltà…”.
Appare quindi evidente come la Chiesa promuova i valori sportivi ritenendoli consonanti con la dimensione spirituale.

Prendiamo in considerazione i valori olimpici: Pierre de Coubertin (1863-1937), fondatore dei Giochi olimpici moderni, ne era convinto: lo sport può aiutare gli uomini a superare il loro limiti, ma anche ad avvicinarsi e a capirsi meglio, indipendentemente dalle differenze. Per tale ragione egli difendeva i valori umanistici, divenuti indissociabili dall’Olimpismo: rispetto dell’avversario, amicizia fra i popoli, senza dimenticare il fair play, un codice di condotta utile sia nello sport che nella vita in generale.

Attraverso la pratica sportiva, l’individuo cresce, progredisce nel corpo e nell’anima, acquisisce conoscenza e consapevolezza delle proprie capacità e dei propri limiti. Impara a rispettare l’altro, a comprendere i propri punti di forza e di debolezza accettandoli e rispettandoli. Acquisisce maggior carattere e determinazione, che gli serviranno per affrontare la vita di tutti i giorni.

Emblematiche sono al riguardo le parole pronunciate dal cardinal Bagnasco agli atleti azzurri alla vigilia delle Olimpiadi di Londra 2012 in cui il Presidente della CEI esalta i valori umani e spirituali dello sport affermando “ Lo sport rappresenta «una lezione di vita più che mai necessaria oggi in un tempo di crisi che chiama tutti a rigore e sacrificio» oltre che essere «un veicolo educativo mentre la vera sfida non è solo quella di ottenere riconoscimenti umani, ma pure premi più preziosi come insegna la Sacra Scrittura. La Carta olimpica ci ricorda che scopo del Movimento olimpico è contribuire alla costruzione di un mondo migliore. Da sempre, lo sport ha favorito un movimento di idee e di intenti all’insegna di un universalismo caratterizzato da istanze di fraternità e amicizia tra i popoli; di concordia e di pace tra le nazioni».

Per usare le parole della Chiesa “Lo sport, come la cura del corpo nel suo insieme, non può essere un fine a sé, decadendo nel culto della materia. Esso è al servizio di tutto l’uomo; dunque lungi dall’intralciare il perfezionamento intellettuale e morale, deve promuoverlo, aiutarlo e favorirlo” (PIO XI Discorso per il congresso scientifico Nazionale dello Sport e dell’Educazione Fisica, 8.11.1952); ed ancora “…una filosofia dello sport, il cui principio-chiave non è ‘lo sport per lo sport’ o per altre motivazioni che non siano la dignità, la libertà, lo sviluppo integrale dell’uomo” (GIOVANNI PAOLO II Discorso per il Giubileo Internazionale degli Sportivi 12.4.1984).
La Chiesa intende, quindi, promuovere la funzione di umanizzazione dello sport, privilegiando la sua potenzialità di elevazione e di servizio a Dio, e tenendo conto della sua relatività rispetto ai più, per contribuire alla formazione di una società conforme alle aspettative del dettato cristiano, per contribuire alla formazione di una società conforme alle aspettative del dettato cristiano.

Gabriella Forlese

 

 

Redazione1
di Redazione1 febbraio 5, 2021 21:32

RSS aleteia

  • Preghiera mattutina per chiedere a Dio di benedire la nostra giornata
    Il modo in cui iniziamo la giornata detta spesso il corso del resto del giorno. È per questo che la Chiesa incoraggia fortemente i fedeli a iniziare la loro giornata con una preghiera mattutina. Eccone una offerta dal Breviario Romano che chiede a Dio di benedire la nostra giornata e di renderla santa:Signore Dio, Re […]
    Philip Kosloski
  • Il Burkina Faso sconvolto dopo un massacro costato la vita a più di cento persone
    Chi è sopravvissuto all’attacco terroristico più sanguinoso da quando si è scatenata la violenza islamista in Burkina Faso, nell’Africa Occidentale, vive nel terrore di altri attacchi. Lo ha riferito Laurent Dabiré, vescovo cattolico di Dori, alla fondazione pontificia Aiuto alla Chiesa che Soffre (ACS), osservando che “la gente è senza parole. Soprattutto chi vive nel […]
    Aiuto alla Chiesa che Soffre
  • A cosa vi aggrappate, a Cristo o alle ideologie?
    Cristo o ideologie: a cosa vi aggrappate? È la domanda che p. Gabriel Vila Verde ha lanciato a chi accompagna le sue reti sociali. Il sacerdote ha scritto: “Nella tempesta della vita, ciascuno si aggrappa al tronco che considera più sicuro. Per alcuni è il tronco delle ideologie politiche, per altri il tronco della menzogna, […]
    José Miguel Carrera
  • 12 nomi papali che potreste dare ai vostri figli
    Se Pietro, con riferimento al Pescatore di Galilea, resta un evergreen, la lunga lista dei pontefici romani offre una larga scelta di nomi belli, talvolta originali e sempre ricchi di storia cristiana. The post 12 nomi papali che potreste dare ai vostri figli appeared first on Aleteia.org - Italiano.
    Giovanni Marcotullio
  • India: orfana a 7 anni accudisce il fratello di 2 mesi
    La seconda ondata del Covid ha colpito l’India tra aprile e maggio con una furia devastante, si sono raggiunti picchi giornalieri che sfioravano i 300 mila contagi. Il sistema sanitario non ha retto l’urto, il numero esponenziale di vittime è dipeso anche dalla carenza di ossigeno e di strutture ospedaliere adeguate. E come coda velenosissima […]
    Annalisa Teggi
  • Patrizia Pellegrino: mia figlia è sopravvissuta per miracolo e di questo ringrazio Maria
    Nell’ultimo numero in edicola del settimanale Maria con te viene riportata la testimonianza dell’attrice napoletana Patrizia Pellegrino, 58 anni, reduce da un delicato intervento chirurgico per l’asportazione di un rene a causa di un tumore.  L’attrice confida l’angoscia provata al pensiero di poter lasciare soli i tre figli, “i quali hanno bisogno di me quanto […]
    Silvia Lucchetti
  • Accesso ai vaccini, i gesuiti: ora brevetti liberi, c’è una catastrofe in corso
    Liberalizzare i brevetti dei vaccini anti Covid. Fare in modo che siano accessibili a tutta la popolazione mondiale e non solo a Stati Uniti, Europa, e pochi “eletti”. I gesuiti alzano la voce contro le difficoltà a reperire vaccini degli Stati più poveri. Un problema di cui si ne parla troppo poco. L’autorevole rivista La […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Tokyo, le Olimpiadi per “uomini che si sentono donne”
    I diritti di una categoria contro quelli di tutte le altre Non poteva che essere questa la naturale, mostruosa conseguenza. Se leggi di stato stanno affermando che è giusto che una persona venga trattata a seconda di come dice di sentirsi in merito al genere, se queste leggi si diffondono come un super batterio farmacoresistente […]
    Paola Belletti
  • Maciej voleva diventare rocker: oggi scrive magnifiche icone
    Venerate da alcuni, collezionate da altri, le icone – espressioni di arte plurimillenaria – affascinano. Che cosa rivelano, al di là della bellezza artistica? Come trasformano la vita di quanti le scrivono? Abbiamo incontrato Maciej Leszczynski, iconografo, cantore e teologo. The post Maciej voleva diventare rocker: oggi scrive magnifiche icone appeared first on Aleteia.org - […]
    Marzena Wilkanowicz-Devoud
  • Sant’Angela da Foligno, che trascorse i suoi primi trent’anni conducendo una “vita mortalmente peccaminosa”
    “L’umiltà esiste solo in coloro che sono abbastanza poveri da vedere che non possiedono nulla”. Sant’Angela da Foligno A 18 chilometri da Assisi si trova Foligno, città che affonda le sue radici in epoca romana. Anche se ampiamente trascurata nella maggior parte delle vie di pellegrinaggio e offuscata dalla vicina Assisi per via della santità […]
    Bret Thoman, OFS

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 429:
    • 1805:
    giugno: 2021
    L M M G V S D
    « Mag    
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    282930  

    Login