La memoria storico culturale di un mitico toponimo di Messina, richiamata dalla festività della”Luminara” di S. Ranieri, patrono di Pisa

Redazione1
di Redazione1 giugno 28, 2017 13:27

La memoria storico culturale di un mitico toponimo di Messina, richiamata dalla festività della”Luminara” di S. Ranieri, patrono di Pisa

In una Terra di Santi, qual è Messina, che ha dato i natali a luminose figure di Faro di S. Raineri °altissima spiritualità, ma anche città naturalmente incline ad attirare e propiziare religiosità, sono stati numerosi i personaggi fautori di santità che l’anno attraversata e in essa vissuto anche per tanti anni. Uno di questi, un santo laico, pellegrino e penitente, risalente al XII secolo, che qui ha vissuto per tanto tempo ma di cui si è sbiadito molto il ricordo, ci viene richiamato, di recente, dalla suggestiva festa che a Pisa viene celebrata il 17 giugno in onore del suo santo Patrono. Il cui nome, ma anche parecchie somiglianze, e persino un intervento prodigioso, lo ricollegano indubbiamente alla nostra città.

luminara S. Raineri °Anche quest’anno la bella feasta celebrata in onore di San Ranieri, patrono di Pisa,  alla presenza di parecchie decine di migliaia di cittadini e turisti, assiepati sui lungarni per ammirare l’incantevole spettacolo della “Luminara”, si è svolta con successo. Un evento molto partecipato dai pisani, che riesce a creare un’atmosfera suggestiva di colori e di luci per via dei circa 100.000 lumini che, a partire dalle prime ore del tramonto, vengono accesi e in larga parte fatti scorrere liberamente sulle acque dell’Arno.

Pisa_Luminara°Lumini (chiamati lampanini) che, sistemati in parte su telai in legno, vengono applicati a palazzi, chiese, e torri dei lungarni, in modo da metterne in risalto le forme architettoniche, mentre un’altra quantità di queste luci viene affidata alla corrente del fiume, così da formare una magica scia luccicante che ondeggia sull’Arno.

Dunque, una celebrazione davvero singolare e di straordinario effetto in grado di suscitare suggestioni emozionanti. Per i messinesi, però, dato il nome della figura festeggiata, questa celebrazione ha un motivo in più per essere interessante, e persino sentita come familiare. Il richiamo alla nostraBraccio S. Raineri ° città è dovuto al fatto che il nome di questo santo è praticamente lo stesso dato alla nostra “Zona falcata” o “Braccio di San Raineri” – luogo fin dall’antichità assai rappresentativo dell’identità storica della nostra città – di cui, però, a partire dal Settecento si è prodotta una progressiva perdita della memoria collettiva. Santo riferito ad un personaggio laico del XII secolo, dedito al romitaggio, vissuto in astinenza e povertà, cui è attribuita l’opera generosa di segnalatore a vantaggio dei naviganti nello Stretto, dalla striscia di terra (Lingua del Faro) protesa nel “mare grosso” di Messina.

Di questo personaggio misterioso e controverso è stato scritto un saggio,Copertina-libro° frutto di approfondita ricerche, da parte di Sergio Bertolami e Rosa Manuli (Ex Aqua – Il Braccio di San Raineri, Ed. Esperiences, Messina) che ne hanno studiato a fondo aspetti storici e letterari assai interessanti.

Comunque sia, per quanto riguarda “il Santo pisano, Ranieri o Raineri (1118-1161), sappiamo che ha condotto, da ‘romitello’, in astinenza e povertà, parte della propria esistenza in Terra Santa. Dal 1633 è patrono di Pisa, dove, nella Cattedrale, sono conservate le sue spoglie. La sua vita è narrata in due manoscritti medievali, ma è solo nell’iconografia il momento più rappresentativo per dimostrare l’attestazione del toponimo riferito alla Falce del porto della nostra città. Speciale considerazione, infatti, va posta al ‘Miracolo di Messina’ affrescato nel Campo Santo monumentale di Pisa, dove il santo divide il vino dall’acqua (ex aqua) che un oste disonesto vi ha mescolato”.

Miracolo di Messina Campo S. monumentale di Pisa

Miracolo di Messina –  Campo S. monumentale di Pisa

In ogni caso, sia che il poco conosciuto S. Raineri di Messina, laico e forestiero (di cui nella nostra terra si trovano reliquie, ma anche chiese e cappelle a lui dedicate), corrisponda a quello pisano (con cui invero ci sono diverse caratteristiche in comune) oppure no, il soggiorno nella nostra città di questo Santo pellegrino e penitente, rafforza l’esigenza di riscoprire e valorizzare i fondamenti del nostro patrimonio storico, culturale e spirituale che tanto giova a rinsaldare la nostra identità collettiva.

 

A.M.

Redazione1
di Redazione1 giugno 28, 2017 13:27

RSS aleteia

  • Sapete qual è stato il primo Papa ad aver viaggiato in aereo?
    Innocenzo XII è stato l’ultimo Papa con la barba, Clemente VIII il primo a provare il caffè e Leone X il primo (e ultimo) ad avere come animale da compagnia un elefante, ma Papa Paolo VI (noto anche come “il Papa pellegrino”) è stato il primo a viaggiare in aeroplano, il primo a lasciare l’Italia […]
    Daniel R. Esparza
  • Il salvataggio della Grande Barriera Corallina
    Quando l’equilibrio della natura viene rotto, a causa dell’uomo o no, l’uomo stesso può intervenire a restaurarlo. Il nostro collaboratore Tugdual Derville ci racconta la storia di una mobilitazione umana riuscita per salvare uno dei nostri beni comuni: la Grande Barriera Corallina.  The post Il salvataggio della Grande Barriera Corallina appeared first on Aleteia.org - […]
    Tugdual Derville
  • Padre Martin Mekel, in missione tra i Rom di Slovacchia
    Nel corso della sua visita in Slovacchia, dal 12 al 15 settembre, papa Francesco ha incontrato la minoranza rom a Košice, la seconda città slovacca per dimensioni. Il racconto di padre Martin Mekel, in missione nel popolo rom. The post Padre Martin Mekel, in missione tra i Rom di Slovacchia appeared first on Aleteia.org - […]
    Thomas Oswald
  • Torturato in Libia, migrante nel Mediterraneo: ora gioca a calcio in serie B
    Una storia d’altri tempi: la fuga dalla Guinea, sua terra natia in preda a bande assassine, poi i furti subiti, le torture in Libia, il viaggio su un barcone di migranti con destinazione Calabria: infine per Cherif Karamoko l’approdo a Padova dove realizza il suo sogno di giocare a calcio. Diventa un atleta della squadra […]
    Gelsomino Del Guercio
  • I nazisti lo uccisero a bastonate. Ora Don Giovanni Fornasini sarà beato
    Don Giovanni Fornasini è “fratello di tutti”, se c’è “un testamento della sua vita è che non lasciava dietro nessuno”. Così l’arcivescovo di Bologna, cardinale Matteo Zuppi, ha ricordato la figura del sacerdote martire, ucciso dai nazifascisti il 13 ottobre 1944 a San Martino di Caprara, testimone degli eccidi avvenuti a Monte Sole, Marzabotto, nei […]
    Gelsomino Del Guercio
  • 4 suggerimenti contro l’ansia
    La fuga è una risposta naturale dell’organismo di fronte a situazioni minacciose, come fa un animale selvaggio nella foresta o la pandemia. In un contesto minaccioso, il corpo produce un ormone chiamato cortisone, che comporta vari benefici per il corpo stesso e permette una risposta rapida. Quando non si fa nulla per combattere o per […]
    Octavio Messias
  • Il Sinodo. Camminare insieme senza paura
    C’è una decisione che va in profondità: voglio uscire dall’isolamento? Dalla supponenza individualista? Dalle ritrosie egoistiche che mi sospingono a vedere nell’altro un nemico e non un compagno e amico di strada? Abbiamo paura dell’altro, chiunque esso sia, si immagini se dovessimo “amare il nemico”, e la paura pervasiva invade e paralizza i primi passi […]
    Don Fortunato Di Noto
  • Federico ha saltato l’inizio della scuola… per salire in vetta al Cervino
    «Ha scalato il Cervino» non è una giustificazione che molti genitori useranno nel libretto delle assenze dei figli, ma la mamma di Federico Tomasi ha dovuto proprio scrivere così. Federico è mancato da scuola i primi due giorni, frequenta la seconda media in Piemonte e ha compiuto un’impresa storica. Nell’attuale panorama desolante di psico-pandemia (paghiamo […]
    Annalisa Teggi
  • La proposta di matrimonio che forse vi siete persi ai Giochi Paralimpici
    Oltre a tutti i successi sportivi dei Giochi Paralimpici di Tokyo di quest’anno, c’è stato spazio anche per un po’ di romanticismo. Fortunatamente, le telecamere sono riuscite a captare il dolce momento perché tutti potessero vederlo. Keula Nidreia Pereira Semedo è un’atleta con disabilità visiva che gareggia nei 100 e 200 metri. Per muoversi con […]
    Dolors Massot
  • Se un gatto fa il prete: i Mienmiuaif e il meraviglioso nonsense della fede
    Avevo appena aperto la mia confezione di bagigi sotto sale da mangiare tutta intera in santa pace con tanto di leccata di dita finale quando eccolo lì. E ti pareva. Parli di bagigi e lui li ha già fiutati da un chilometro o da dovunque sia la sua canonica. Un gatto che predica Ma poi […]
    Giovanna Binci

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 145:
    • 134:
    settembre: 2021
    L M M G V S D
    « Ago    
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    27282930  

    Login