Messina – Montevergine, consacrazione di due claustrali: “Si fanno strumento di Dio mediante il dono di se stesse”

Redazione1
di Redazione1 novembre 29, 2020 22:52

Messina – Montevergine, consacrazione di due claustrali: “Si fanno strumento di Dio mediante il dono di se stesse”

La vita contemplativa, abbracciata nella totale donazione sacrificale, che le claustrali scelgono per amore di Dio e per la salvezza dell’umanità, è certamente “un’opera di immenso valore spirituale e religioso, che riesce a suscitare tanta edificazione e gratitudine in tutti i credenti”. Spesso, però, a questi sentimenti di lodevole e commovente considerazione di cristiana fraternità, si associano, da parte di molti, incomprensione e disattenzione verso chi, andando controcorrente, si ritira dal mondo per intraprendere un cammino vocazionale austero, rinunciando a tutti i sogni, i progetti, le aspettative, che una giovane vita prospetta.

Per cui non si possono non avere moti di ancor più grande e cristiana ammirazione nei confronti di Chiara Maria Eustochia della Passione, 30 anni, e Maria Chiara Amata dell’Eucarestia, 45 anni, che hanno pronunciato i voti della Professione religiosa temporanea, verso il raggiungimento di quella definitiva, che è piena accettazione di un progetto di vita donativa totalizzante in risposta alla

chiamata di Dio.

“In un tempo in cui la Chiesa è chiamata ad aprirsi verso gli altri per trasmettere il messaggio di salvezza e il suo aiuto agli ultimi, ha detto nell’omelia il celebrante, il significato di questa scelta vocazionale, apparentemente anacronistica, risiede nel desiderio di queste due clarisse di essere strumento di Dio mediante il dono di se stesse”. Anziché dedicarsi alle opere di Dio nella vita attiva, ha specificato fra Catalfamo, hanno scelto il suo stesso cuore, così da essere con Lui in intima unione e vivere con il suo stesso amore per la salvezza delle anime in povertà, obbedienza e carità, in clausura.

“Mi hai chiamato: eccomi, Signore. Il mio cuore è colmo di gratitudine perché il Signore, nella Sua infinita misericordia, ha posato su di me il Suo sguardo e mi ha scelta come sposa”, è la risposta ferma e convinta, come atto di amore nuziale, che le due novizie hanno dato alla chiamata di Dio, entrando così a far parte delle Clarisse Sorelle povere di Santa Chiara. Seguaci di Eustochia Smeralda Calafato, che, nel monastero da lei fondato nel 1464, prezioso caposaldo di spiritualità che arricchisce l’identità religiosa e culturale della nostra città, hanno passato gli anni di formazione e discernimento come postulanti e novizie.

Il commovente Rito liturgico con cui è stato sancito questo loro progetto vocazionale, si è svolto nel corso di una celebrazione eucaristica presieduta dal provinciale dei Frati Minori di Sicilia fra Antonino Catalfamo, con la concelebrazione del provinciale dei Frati Cappuccini fra Luigi Saladdino, del cappellano del monastero di Montevergine mons. Pietro Aliquò e da altri sacerdoti diocesani, alla presenza della comunità delle clarisse con l’abbadessa madre Agnese Mattia Pavone. La funzione liturgica è stata animata dalla Corale di Montevergine, diretta e accompagnata da Carmela De Francesco, madre di suor Chiara Maria Eustochia.

La cerimonia celebrativa, entrando nel vivo del suo svolgimento, ha fatto vivere un’esperienza di fede toccante, ricca di intense emozioni spirituali, in particolar modo quando il rituale si è snodato attraverso i passaggi salienti che hanno rappresentato la centralità dell’azione liturgica.

 

La Pofessione, mediante cui la novizia, in ginocchio mani nelle mani della madre abbadessa, fa voto a Dio, promettendo di “vivere per tre anni in castità, povertà e obbedienza, in clausura, secondo la Regola delle Sorelle povere di santa Chiara”.    

Poi, il momento altrettanto coinvolgente delle Consegne. Cioè quando la neoprofessa riceve i segni fondamentali che danno l’impronta sacra al suo impegno vocazionale.

il velo,

“Ricevi il velo in segno di consacrazione a Cristo Signore e sii fedele fino all’incontro con lui nella vita eterna ”.

 

Il libro della Regola,

 

“Ricevi la Regola della madre santa Chiara, specchio di vita evangelica. Osservala

nella fedeltà quotidiana,

proclamane la bellezza e vivila con gioia”.

 

 

 

Il Crocifisso,

“Ricevi la croce del Signore nostro Gesù

Cristo: se con lui soffrirai, con lui regnerai;

se con lui morirai, possiederai la gioia eterna e il tuo nome sarà scritto nel libro della vita”.

 

Anastasio Majolino

Redazione1
di Redazione1 novembre 29, 2020 22:52

RSS aleteia

  • Don Patriciello richiama Fedez che incita all’aborto: i preti scelgono la vita
    Don Maurizio Patriciello striglia Fedez sull’aborto. E lo fa con un editoriale sul quotidiano Avvenire (29 luglio) in cui smonta con parole d’amore, la “scomunica” ai sacerdoti via twitter intimata dal rapper milanese.  Tutto era nato da un tweet di un altro prete, don Mirco Bianchi, che inneggiava al supporto degli influencer nella battaglia contro […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Paolo Palumbo: la Sla non lo piega. Ora è un “eroe” su Facebook (FOTO)
    Nell’ultimo post su Facebook, Paolo Palumbo ha scagliato un altro schiaffo alla SLA, che lo ha colpito cinque anni fa: ha ricevuto quasi 15mila interazioni e centinaia di ovazione per il suo approccio da lottatore contro una malattia degenerativa che lo sta mettendo a dura prova ogni giorno. SONO ESAUSTO. Questa è la faccia di […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Benedetta dopo 66 anni la salma di “Luciedda”, ora la verità
    Si disse che i funerali non si fecero “per via del diritto canonico”, ma nella piccola Lucia Mantione la sua Montedoro riconobbe sempre e da subito una sorella di Maria Goretti. The post Benedetta dopo 66 anni la salma di “Luciedda”, ora la verità appeared first on Aleteia.org - Italiano.
    Giovanni Marcotullio
  • Neha, 17 anni, uccisa a bastonate da nonni e zii perché indossava i jeans
    Adolescente indiana, amava lo stile all’occidentale Uccisa a bastonate perché amava indossare jeans e t-shirt. E’ successo in India, nello stato settentrionale dell’ Uttar Pradesh. Si chiamava Neha Paswan, aveva 17 anni, studiava e sognava di diventare poliziotto. La madre riferisce a BBC Hindi che a casa era scoppiata l’ennesima discussione tra il nonno, gli […]
    Paola Belletti
  • Genova: neonata lasciata nella culla per la vita. Affidata, non abbandonata
    Come il proverbiale albero che cresce nella foresta, una vita salvata non fa rumore quanto le battaglie mediatiche pro-aborto. E va benissimo così, perché il campo da gioco è la realtà e non i post acchiappa-like. La vita ha un peso, c’è. E ha fatto scattare i sensori di una culla, lo scorso martedì sera. […]
    Annalisa Teggi
  • Non dominare la concupiscenza può rovinare la vita
    Quell’uomo, professionista di successo sui quaranta, aveva bisogno di un’assistente personale. Aveva intervistato alcune candidate con la solita professionalità quando si è presentata una ragazza attraente e affascinante, che ha deciso di assumere senza neanche chiederle il requisito di una lettera di presentazione. Fino a quel momento era stato in grado di vivere un amore […]
    Orfa Astorga
  • Il centro vaccinazioni di Sant’Egidio non lascia indietro nessuno
    “L’apertura di questo hub vaccinale è per aiutare gli ultimi”, ha dichiarato Marco Impagliazzo, presidente della Comunità di Sant’Egidio. “Ci sono ancora migliaia di persone che vivono per strada, che non hanno un domicilio fisso. Tante che non sono state raggiunte dalla campagna vaccinale, ma possono essere raggiunte da quella rete di contatti che Sant’Egidio […]
    Catholic-factchecking.com
  • A Federica Pellegrini e a tutte le nostre ultime volte
    Le ultime volte.  Potremo scrivere un trattato su come dovrebbero essere le ultime volte della nostra vita. Se sapessi quale sarà l’ultima volta che terrò in braccio mia figlia, l’ultima volta che ho salutato mia nonna. Ci sono le ultime volte che conosciamo. Il mio ultimo giorno di liceo era il 12 giugno 2008. L’ultima […]
    Giovanna Binci
  • Lo stress ci opprime? Possiamo imparare a gestirlo
    Il colibrì dalle racchette è un piccolo volatile variopinto che abita le foreste dell’America meridionale. La sua vita è semplice e frenetica allo stesso tempo: trascorre intere giornate alla ricerca di cibo con il fine ultimo di avere energie per la ricerca stessa. Le sue ali vibrano a una velocità molto elevata ed è così […]
    BenEssere
  • Madonna in lacrime, sangue, stigmate: dal 1989 accade a Giampilieri
    E’ morta per un male incurabile, la veggente di Giampilieri Marina, in provincia di Messina, Pina Micali. Di lei per un trentennio si sono occupate anche le cronache nazionali dei giornali, perchè Pina Micali diceva di entrare in contato con la Madonna nei giorni di martedì e venerdì. Così a Giamplieri, dove la Madonna avrebbe […]
    Gelsomino Del Guercio

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 62:
    • 110:
    luglio: 2021
    L M M G V S D
    « Giu    
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    262728293031  

    Login