Nave Diciotti, la Chiesa italiana accoglie i migranti bloccati nel porto di Catania. Don Ivan Maffeis (Cei): “Ma questa è una risposta di supplenza”.

Redazione1
di Redazione1 agosto 28, 2018 10:00

Nave Diciotti, la Chiesa italiana accoglie i migranti bloccati nel porto di Catania. Don Ivan Maffeis (Cei): “Ma questa è una risposta di supplenza”.

L’apertura della Chiesa sulla questione dei migranti rimasti a bordo dell’imbarcazione della Guardia Costiera, col supporto della spontanea disponibilità di numerose diocesi, ha contribuito, insieme all’Irlanda e all’Albania, a sbloccare la situazione di immobilismo della nave ferma nel porto di Catania per disposizione del Viminale.

Le spiegazioni circa le modalità dell’accoglienza offerta dalla Chiesa, ce le fornisce don Ivan Maffeis, sottosegretario della Cei e direttore dell’Ufficio nazionale per le comunicazioni sociali, attraverso il report di Patrizia Caiffa.

Dopo lo sbarco di sabato notte, i 143 migranti della nave Diciotti rimasta ferma una settimana al porto di Catania, sono ora nell’hotspot di Messina per le procedure di identificazione. Quelli accolti dalla Chiesa italiana saranno spostati tra poche ore in un centro di accoglienza nella zona dei Castelli Romani, quindi distribuiti nelle tante diocesi che si sono messe a disposizione spontaneamente: Torino, Firenze, Brescia, Bologna, Agrigento, Cassano all’Jonio, Rossano Calabro…Qui verranno seguiti i vari protocolli con progetti personalizzati a seconda delle situazioni.

Mentre è in corso un incontro al Viminale che sta affrontando le varie questioni tecniche, don Ivan Maffeissottosegretario della Cei, ribadisce al Sir: “Questa è una risposta di supplenza. Non è ‘la risposta’. La risposta di un Paese democratico matura attraverso ben altri processi. Ma anche risposte di solidarietà e di umanità come questa possono aiutare a sviluppare una cultura dell’accoglienza”.

Accogliere i migranti della nave Diciotti è stata una scelta della presidenza Cei, legata alla volontà di uscire da una situazione di stallo in cui queste persone erano da diversi giorni. Davanti ad una situazione insostenibile dal punto di vista umanitario si è scelto di non andare avanti con comunicati e appelli generici, ma di intervenire offrendo una disponibilità all’accoglienza concreta, fattiva e immediata.

La Chiesa è intervenuta proprio per sbloccare questa situazione. Il governo pretendeva, anche giustamente, il coinvolgimento dell’Europa per una redistribuzione dei migranti e per affrontare in maniera comunitaria un fenomeno di portata enorme. D’altra parte è ovvio che per arrivare a concordare una politica comunitaria su un tema come quello delle migrazioni non possiamo servirci di gente in fuga dalla guerra o da situazioni di persecuzione.

I migranti della nave Diciotti che in atto sono nell’hotspot di Messina, saranno trasferiti quanto prima, nelle prossime ore, in un centro di Rocca di Papa, in attesa di essere ospitati nelle tante diocesi che hanno dato la disponibilità: Torino, Brescia, Bologna, Agrigento, Cassano all’Jonio, Rossano Calabro, per citare solo quelle di cui sono a conoscenza. È stata una risposta spontanea, noi non abbiamo fatto alcun appello. La Chiesa italiana ha una tradizione d’accoglienza reale. Infatti nelle diocesi ci sono già tra le 26mila e le 28mila persone accolte, che dovrebbe farci riflettere per capire quanto stiamo enfatizzando un fatto solo perché li abbiamo bloccati lì.

Quante persone saranno accolte dalla Chiesa italiana e come?

La Chiesa italiana è disposta a prendere tutti quelli che hanno necessità di essere accolti; non abbiamo fatto una questione di numeri. Per noi era importante sbloccare una situazione oramai insostenibile. Abbiamo offerto un’accoglienza umanitaria. Nel momento in cui andiamo a redistribuire le persone sul territorio, l’applicazione del protocollo dipenderà da situazione a situazione. Questo è positivo perché si cercherà di fare progetti mirati che salvaguardino l’integrità della famiglia, ad esempio con i ricongiungimenti familiari. In queste ore a Messina si stanno aiutando le persone a dare le proprie generalità per essere accolte in maniera degna. A fronte della disponibilità offerta da tanti bisognerà guardare qual è il progetto. Questo sarà il compito delle prossime ore, per far sì che queste persone siano veramente accolte.

È successo con la nave Aquarius, ora con la Diciotti: qualcuno interviene per sbloccare una situazione di stallo perché i porti italiani vengono chiusi. Si può andare avanti in maniera estemporanea ed emergenziale, con il rischio che a pagare il prezzo più alto siano persone già vulnerabili?

Credo che ci siano livelli diversi di intervento: il livello della solidarietà e dell’emergenza ci sta tutto ma non è quello con cui possiamo affrontare fenomeni di questa portata, dove la politica e la cultura del Paese devono interrogarsi e fare la propria parte.

Sono livelli che vanno uniti: non possiamo aspettare che maturino politiche o culture dell’accoglienza che superino la globalizzazione dell’indifferenza. Ben venga che nel momento in cui c’è una situazione che ci interpella ci sia una risposta. Ma questa è una risposta di supplenza. Non è “la risposta”. La risposta di un Paese democratico matura attraverso ben altri processi.

Ma ritengo anche che risposte di solidarietà e di umanità come questa possono aiutare a sviluppare una cultura dell’accoglienza.

Il grande nodo europeo da sciogliere è però la Riforma del Regolamento di Dublino.

Non c’è dubbio. Siamo davanti ad un fenomeno enorme che non è più di emergenza. È una situazione con cui dobbiamo misurarci. Possiamo essere talmente miopi da chiuderci in una Europa fortezza? Oppure possiamo, con tutta la disponibilità possibile, trovare delle vie per affrontare il tema secondo legalità e sostenibilità, e metterci in gioco.

 

 

 

 

Redazione, da sito di informazione

Redazione1
di Redazione1 agosto 28, 2018 10:00


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Perché l’amore materno è fondamentale per lo sviluppo dei bambini?
    È il tesoro più grande che possiamo offrire loroRicevere molto affetto dalla madre durante la prima infanzia aumenta la capacità di affrontare la vita adulta. La sana psicologia dello sviluppo ci insegna che le madri che inondano i figli di affetto nei loro primi anni di vita li preparano a far fronte allo stress che […]
    Javier Fiz Pérez
  • Perché la Chiesa cattolica è contraria ai metodi anticoncezionali?
    A partire dal 1930, praticamente tutte le denominazioni protestanti hanno iniziato ad accettare la contraccezione. La Chiesa cattolica, invece, insegna ancora quello che i cristiani hanno sempre insegnatoLa contraccezione non è una novità. La storia ci parla di vari metodi contraccettivi impiegati migliaia di anni fa. Popoli antichi ingerivano certe sostanze per provocare la sterilità […]
    Paulo Ricardo
  • Nathalie Guetta: sono un’attrice ma volevo solo essere una mamma e una moglie
    Natalina, la perpetua più famosa d'Italia, ha confidato commossa a Caterina Balivo il grande dolore di non avere una famigliaNathalie Guetta per noi fan della fiction Don Matteo è semplicemente Natalina, la perpetua più amata d’Italia. Lo sguardo buffo con un velo di malinconia, l’accento bizzarro e inconfondibile franco-napoletano, le movenze irrequiete da grillo parlante […]
    Silvia Lucchetti
  • Il volto di Gesù nel quadro della Divina Misericordia è sovrapponibile all’uomo della Sindone
    Ecco la testimonianza del vescovo di Vilnius, dove è custodito il dipinto fatto commissionare da Santa Faustina KowalskaIl Gesù del famoso quadro della Divina Misericordia e l’uomo della Sindone sono sovrapponibili. In “Suor Faustina e il volto di Gesù Misericordioso” (edizioni Ares), David Murgia ripercorre la storia dell’unico vero dipinto fatto realizzare a Vilnius, capitale […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Non potete ricevere l’Eucaristia? Ecco come realizzare la Comunione spirituale
    I santi hanno spesso fatto un atto di Comunione spirituale quando non potevano ricevere l'Eucaristia a MessaPer varie ragioni, potremmo non poter ricevere l’Eucaristia a Messa. Potremmo aver infranto il digiuno di un’ora richiesto, essere in stato di peccato mortale o essere costretti a casa, impossibilitati a uscire per assistere alla Messa. In questi casi […]
    Philip Kosloski
  • Cosa manca nella lotta alla pornografia? Un autore pensa di avere la risposta
    Difendersi per un certo periodo non basta...“Signore, che io riabbia la vista!” Questa semplice dichiarazione del Vangelo di Luca (18, 41) potrebbe far vergognare più di qualcuno. Perché? Perché tanti dicono invece: “Do solo una sbirciatina!”, “Solo stavolta!”, “Un’altra volta e basta!”, o “Guarderò quando non guarda nessun altro”. Queste povere anime sono intrappolate nella […]
    Robert McTeigue, SJ
  • Caro Papa, ecco come pur nella sterilità sono fioriti per noi sposi l’amore e i figli
    La storia di una coppia di sposi cristiani che si è consegnata al Signore nella fede e in Lui ha riposto ogni speranza. E così ha attraversato dolori e gioie, morte e resurrezione. Soprattutto nella gioia misteriosa di accogliere figli non partoriti che li hanno aiutati a spogliarsi via via dell'uomo vecchio per rivestirsi di […]
    Aleteia
  • Coca Cola pensa di lanciare una bibita a base di marijuana
    Loro sono un colosso mondiale con le vendite in calo, tu sei un consumatore (... e se diventi dipendente dal prodotto è meglio)La piccola goccia scava la pietra, si dice. E a piccoli sorsi ci si può bere il cervello. E’ questo il trucco, farlo a piccole dosi. Quanti veleni umani e pericoli mortali ci […]
    Annalisa Teggi
  • Ondata di commozione a Rouen dopo il suicidio di un giovane parroco
    È stato con grande tristezza che mons. Dominique Lebrun, arcivescovo di Rouen, ha annunciato lo scorso 18 settembre la scoperta del corpo esanime di padre Jean-Baptiste Sèbe nei locali della chiesa di Saint-Romain a Rouen. Aveva 38 anni, il giovane parroco, e si sarebbe dato la morte.A Rouen la comunità cristiana è divisa tra lo […]
    Agnès Pinard Legry
  • Foto esclusive: Padre Pio porta la misericordia di Cristo a New York City
    Little Italy guadagna un nuovo residente!Il mese di settembre a Little Italy è uno dei più festosi e attesi dai newyorkesi, perché ha luogo la festa di San Gennaro. Quella che è iniziata un secolo fa nella comunità di immigrati italiani come una semplice Messa e una processione per festeggiare il giorno del loro amato […]
    Jeffrey Bruno

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

Almanacco

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 78:
    • 63:
    settembre: 2018
    L M M G V S D
    « Ago    
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930

    Login