Nave Diciotti, la Chiesa italiana accoglie i migranti bloccati nel porto di Catania. Don Ivan Maffeis (Cei): “Ma questa è una risposta di supplenza”.

Redazione1
di Redazione1 agosto 28, 2018 10:00

Nave Diciotti, la Chiesa italiana accoglie i migranti bloccati nel porto di Catania. Don Ivan Maffeis (Cei): “Ma questa è una risposta di supplenza”.

L’apertura della Chiesa sulla questione dei migranti rimasti a bordo dell’imbarcazione della Guardia Costiera, col supporto della spontanea disponibilità di numerose diocesi, ha contribuito, insieme all’Irlanda e all’Albania, a sbloccare la situazione di immobilismo della nave ferma nel porto di Catania per disposizione del Viminale.

Le spiegazioni circa le modalità dell’accoglienza offerta dalla Chiesa, ce le fornisce don Ivan Maffeis, sottosegretario della Cei e direttore dell’Ufficio nazionale per le comunicazioni sociali, attraverso il report di Patrizia Caiffa.

Dopo lo sbarco di sabato notte, i 143 migranti della nave Diciotti rimasta ferma una settimana al porto di Catania, sono ora nell’hotspot di Messina per le procedure di identificazione. Quelli accolti dalla Chiesa italiana saranno spostati tra poche ore in un centro di accoglienza nella zona dei Castelli Romani, quindi distribuiti nelle tante diocesi che si sono messe a disposizione spontaneamente: Torino, Firenze, Brescia, Bologna, Agrigento, Cassano all’Jonio, Rossano Calabro…Qui verranno seguiti i vari protocolli con progetti personalizzati a seconda delle situazioni.

Mentre è in corso un incontro al Viminale che sta affrontando le varie questioni tecniche, don Ivan Maffeissottosegretario della Cei, ribadisce al Sir: “Questa è una risposta di supplenza. Non è ‘la risposta’. La risposta di un Paese democratico matura attraverso ben altri processi. Ma anche risposte di solidarietà e di umanità come questa possono aiutare a sviluppare una cultura dell’accoglienza”.

Accogliere i migranti della nave Diciotti è stata una scelta della presidenza Cei, legata alla volontà di uscire da una situazione di stallo in cui queste persone erano da diversi giorni. Davanti ad una situazione insostenibile dal punto di vista umanitario si è scelto di non andare avanti con comunicati e appelli generici, ma di intervenire offrendo una disponibilità all’accoglienza concreta, fattiva e immediata.

La Chiesa è intervenuta proprio per sbloccare questa situazione. Il governo pretendeva, anche giustamente, il coinvolgimento dell’Europa per una redistribuzione dei migranti e per affrontare in maniera comunitaria un fenomeno di portata enorme. D’altra parte è ovvio che per arrivare a concordare una politica comunitaria su un tema come quello delle migrazioni non possiamo servirci di gente in fuga dalla guerra o da situazioni di persecuzione.

I migranti della nave Diciotti che in atto sono nell’hotspot di Messina, saranno trasferiti quanto prima, nelle prossime ore, in un centro di Rocca di Papa, in attesa di essere ospitati nelle tante diocesi che hanno dato la disponibilità: Torino, Brescia, Bologna, Agrigento, Cassano all’Jonio, Rossano Calabro, per citare solo quelle di cui sono a conoscenza. È stata una risposta spontanea, noi non abbiamo fatto alcun appello. La Chiesa italiana ha una tradizione d’accoglienza reale. Infatti nelle diocesi ci sono già tra le 26mila e le 28mila persone accolte, che dovrebbe farci riflettere per capire quanto stiamo enfatizzando un fatto solo perché li abbiamo bloccati lì.

Quante persone saranno accolte dalla Chiesa italiana e come?

La Chiesa italiana è disposta a prendere tutti quelli che hanno necessità di essere accolti; non abbiamo fatto una questione di numeri. Per noi era importante sbloccare una situazione oramai insostenibile. Abbiamo offerto un’accoglienza umanitaria. Nel momento in cui andiamo a redistribuire le persone sul territorio, l’applicazione del protocollo dipenderà da situazione a situazione. Questo è positivo perché si cercherà di fare progetti mirati che salvaguardino l’integrità della famiglia, ad esempio con i ricongiungimenti familiari. In queste ore a Messina si stanno aiutando le persone a dare le proprie generalità per essere accolte in maniera degna. A fronte della disponibilità offerta da tanti bisognerà guardare qual è il progetto. Questo sarà il compito delle prossime ore, per far sì che queste persone siano veramente accolte.

È successo con la nave Aquarius, ora con la Diciotti: qualcuno interviene per sbloccare una situazione di stallo perché i porti italiani vengono chiusi. Si può andare avanti in maniera estemporanea ed emergenziale, con il rischio che a pagare il prezzo più alto siano persone già vulnerabili?

Credo che ci siano livelli diversi di intervento: il livello della solidarietà e dell’emergenza ci sta tutto ma non è quello con cui possiamo affrontare fenomeni di questa portata, dove la politica e la cultura del Paese devono interrogarsi e fare la propria parte.

Sono livelli che vanno uniti: non possiamo aspettare che maturino politiche o culture dell’accoglienza che superino la globalizzazione dell’indifferenza. Ben venga che nel momento in cui c’è una situazione che ci interpella ci sia una risposta. Ma questa è una risposta di supplenza. Non è “la risposta”. La risposta di un Paese democratico matura attraverso ben altri processi.

Ma ritengo anche che risposte di solidarietà e di umanità come questa possono aiutare a sviluppare una cultura dell’accoglienza.

Il grande nodo europeo da sciogliere è però la Riforma del Regolamento di Dublino.

Non c’è dubbio. Siamo davanti ad un fenomeno enorme che non è più di emergenza. È una situazione con cui dobbiamo misurarci. Possiamo essere talmente miopi da chiuderci in una Europa fortezza? Oppure possiamo, con tutta la disponibilità possibile, trovare delle vie per affrontare il tema secondo legalità e sostenibilità, e metterci in gioco.

 

 

 

 

Redazione, da sito di informazione

Redazione1
di Redazione1 agosto 28, 2018 10:00


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Assemblea Cei: obbligo morale di denunciare gli abusi sui minori
    Oltre alla tutela dei minori l'Assemblea Cei ha affrontato la difficile situazione nelle zone terremotate: il premier italiano Conte vedrà i 26 vescovi del Centro Italia. Il card. Bassetti: un Sinodo della Chiesa italiana richiede tempi lunghiLa Chiesa italiana intensifica la lotta agli abusi su minori e soggetti deboli. Si è chiusa in Vaticano l’Assemblea […]
    Vatican News
  • Le danze irlandesi producono sorprendenti benefici per chi soffre di Parkinson
    Un altro incontro virtuoso tra scienza e tradizione: il ritmo dei balli comunitari irlandesi tramandati dal medioevo aiuta il cervello a superare alcuni impedimenti neurologici nell'andatura.La tradizione è considerata spesso una fantasma da cui le nostre case dovrebbero essere disinfestate. Roba vecchia e stantia, zavorra ormai desueta di cui liberarsi. Chesterton era di altro parere […]
    Annalisa Teggi
  • Don Fabio Rosini, Abramo, i migranti: la Bibbia secondo Neri Marcorè
    L'attore e regista marchigiano racconta in che modo è stato ispirato dalle Sacre Scritture Ospite lo scorso 2 maggio alla serata inaugurale del Festival Biblico di Vicenza, il regista e attore Neri Marcorè è un cultore delle Sacre Scritture. Marcorè, intervistato da Famiglia Cristiana (23 maggio), cita una sua recente lettura: «Ho appena concluso un […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Anime e clichés: c’è un professionista che “aggiusta” la gente fotografandola
    Veterano della fotografia formatosi trent’anni fa presso l’istituto Louis Lumière, Pedro Lombardi ha scelto di mettere il suo talento a servizio dell’umano. Nel 2009 l’Associazione ASMAE di suor Emmanuelle si rivolge a lui: fu l’elemento scatenante di un’avventura al cuore dell’anima umana. Grazie a un atelier fotografico appositamente concepito e realizzato, l’artista riesce a riparare, […]
    Louise Alméras
  • Crocifissa e flagellata come Gesù: Santa Giulia ha resistito a chi le chiedeva di rinnegare la sua fede
    Il martirio è da brividi. Ma non tutti gli storici concordano su come si sarebbero svolti i fatti In Italia quello di Giulia è uno dei nomi femminili più popolari. Della Santa omonima (420-450), però, poco o nulla si sa, se non l’ essenziale: all’abiura della fede cristiana preferì il martirio. È una Passio alquanto […]
    Gelsomino Del Guercio
  • FOTO ESCLUSIVE: Volete dare un’occhiata all’interno di una clausura domenicana?
    In soli 12 mesi, le religiose del New Jersey sono riuscite a progettare e finanziare l'espansione del loro monastero“E come pensate di raccogliere il denaro necessario per questo progetto, sorella?”, hanno chiesto riferendosi alla proposta di espandere il loro antico monastero. La religiosa ha risposto sorridendo: “Dio provvederà!” E così è stato. Il 17 maggio, […]
    Jeffrey Bruno
  • La bellezza è inutile: è per questo che vale così tanto!
    L’amore non conserva, non calcola, non pensa a quello che resta, e per questo è bello. L’amore richiede uno spreco, la bellezza è uno spreco, ma per questo è così importante, perché ci fa comprendere come ragiona Dio.di Anna Mazzitelli Copio dal libro scritto da un mio amico, che inviterò tutti a comprare appena vedrà […]
    Piovono Miracoli 2.0
  • I testimoni che hanno visto lottare Natuzza Evolo contro il demonio
    Le ricostruzioni di Italia Giampà e del professore Marinelli sono agli atti del processo di beatificazione della mistica calabrese Natuzza Evolo, la mistica calabrese morta in concetto di santità il primo novembre 2009, nelle sua lunga vita, non ebbe a che fare solo con gli angeli buoni, ma purtroppo anche con gli spiriti maligni. Natuzza […]
    don Marcello Stanzione
  • Studenti di un’università cattolica vivono per un semestre in un monastero trecentesco
    Gli allievi dell'Università Francescana di Steubenville vanno ad abitare nella Kartause, un monastero certosino sulle Alpi austriacheIl pittoresco villaggio di Gaming è adagiato alle pendici delle Alpi austriache. Ogni anno centinaia di studenti dell’Università Francescana di Steubenville vi si recano per il loro semestre all’estero. Gli allievi vivono, pregano e imparano nel gioiello di Gaming, […]
    Carissa Pluta
  • E mentre l’uomo parla di eutanasia, la Madonna va in visita agli ammalati
    Il mese di maggio è tempo di processioni, la Madonna che visita le nostre strade e si avvicina alle nostre ferite ci ricorda che la ricerca del bene ci porta a incontrare Dio, mentre la venerazione del benessere ci chiude in trappole mortali.Ogni anno qui a Crotone potete assistere ad una processione davvero significativa. È […]
    Sposi&spose di Cristo

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

Almanacco

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 0:
    • 122:
    maggio: 2019
    L M M G V S D
    « Apr    
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    2728293031  

    Login