MESSINA – Montevergine, il carisma francescano al femminile trattato in una tavola rotonda titolata “Santa Eustochia a Messina”

Redazione1
di Redazione1 gennaio 29, 2017 19:52

MESSINA – Montevergine, il carisma francescano al femminile trattato in una tavola rotonda titolata “Santa Eustochia a Messina”

 


Il convegno fa parte di una serie di “Incontri di spiritualità e cultura” indetti da “Spazio Francescano”, allo scopo di diffondere la ricchezza spirituale del messaggio del Santo di Assisi. Gli incontri proseguiranno fino a maggio; il prossimo si svolgerà il 23 febbraio nella chiesa di S. Andrea Avellino. 

Il carisma universale che caratterizza l’opera di San Francesco,Scalinata S. Eustochia ° fondato sui valori evangelici che il Santo di Assisi ha trasmesso con forza a tutti e tre i rami dell’unica famiglia spirituale dei Francescani, e che ha fatto nascere l’Ordine delle “Le Sorelle povere di Santa Chiara”, chiamate clarisse, ha a Messina un’eccezionale interprete  in Santa Eustochia Smeralda. Le cui seguaci continuano la sua opera nel monastero di clausura di Montevergine da lei fondato.

La grande mistica francescana, che nel 1464 ha riportato i monasteri di clausura a seguire l’originale “Regola” clariana, rappresenta, al femminile, una testimonianza di spiritualità francescana di altissimo livello, per la sua totale e appassionata adesione alla Croce di Cristo, per la sua grande fortezza d’animo, donazione orante per la salvezza delle anime e amore  per la sua città.

Copia di 1902° CopiaSe ne è parlato nel corso di una tavola rotonda, tenuta nella chiesa di Montevergine, incentrata sul tema: “Santa Eustochia a Messina”; di cui sono stati relatori:

mons. Pietro Aliquò  –  ”Aspetti della spiritualità di S. Eustochia”;
la prof. Maria Antonietta Barbàra  –  “S. Eustochia e la Croce”;
la prof. Rosa Gazzara  –  “La virtù della fortezza in S. Eustochia”;
il dott. Giacomo Sorrenti  –  “Messina e la sua Santa”.

Ha moderato i lavori:  la prof. Maria Gabriella Vigorita (O.F.S. Pompei).

L’incontro è stato allietato da alcuni brani di musica classica eseguiti dalla violinista Viola Adàmova.

La spiccata spiritualità evangelica di grande intensità e forza espansiva della clarissa messinese è stata messa bene in luce da mons. Aliquò, che ne ha tratteggiato le diverse manifestazioni edificanti, mostrando come la profonda corpo-s-eustochiaconvinzione di fede espressa da Eustochia, sia stata convalidata da uno stile di vita perfettamente conforme alla sua professata volontà di seguire appassionatamente Gesù Crocifisso. Sulla profonda  adesione di Eustochia alla Croce  ha parlato la prof. Barbàra, che ne ha sottolineato i momenti più significativi correlandoli con interessanti richiami biblici ed evangelici,  mettendo in evidenza così la tenace e costante volontà della clarissa messinese nel ripercorrere la  Passione di Cristo.  Una volontà che Eustochia ha esercitato anche con forte tensione spirituale, comeRosa Gazzara ha messo bene in evidenza nel suo intervento, nell’affrontare i passi determinanti della  travagliata “avventura vocazionale” della clarissa, insieme alle prime seguaci, fra cui principalmente Jacopa Pollicino,  rifacendosi alla biografia scritta da quest’ultima consorella. Riferimenti attraverso i quali la relatrice ha fatto risaltare l’incrollabile e  vittoriosa volontà della giovanissima seguace del Crocifisso nei momenti più difficili. Scelta vocazionale, allontanamento travagliato dal monastero di Basicò,  fondazione di un suo monastero, accanite opposizioni dei suoi detrattori.

Nel rapporto della clarissa messinese con la sua città ha parlato Giacomo Sorrenti, che ha messo in evidenza come, all’inizio della appassionata e sacrificale professione religiosa di Eustochia, si sia  iverificato verso di essa un iniziale logo-francescanostrano fenomeno di misconoscimento, per la sua dedizione spirituale ritenuta incomprensibile. Infatti, per la sua rigida osservanza alla Regola clariana di povertà assoluta, e per i comportamenti di religiosità sacrificale ritenuti eccessivi, veniva considerata addirittura come una persona fuori di senno poco credibile. Naturalmente, questi atteggiamenti di contrarietà  verso la persona e le opere, improntate a santità, dell’Innamorata del Crocefisso- che da Eustochia venivano contraccambiati con un  immenso e incondizionato amore per la sua città –  sono andate via via cessando, dando luogo, per converso, ad una grande ammirazione e devozione da parte dei messinesi.  Dopo la sua morte, proclamata Beata, venne eletta Patrona della città, e nel 1777, per decreto del Senato di Messina,  fu stabilito che il 22 agosto di ogni anno la città si affidasse alla sua protezione, offrendole “38 libbre di cera lavorata”.

 

 

A.M.

 

Redazione1
di Redazione1 gennaio 29, 2017 19:52

RSS aleteia

  • Credere dopo la crisi: riscoprire la Chiesa domestica
    Nel nostro cammino di riflessione su pandemia, crisi e ritorno alla fede abbiamo individuato “tre cose da fare” e abbiamo già sottolineato l’importanza e l’urgenza di liberarci da tutte le false immagini di Dio, specialmente dinanzi per rinnovare il nostro modo di pensare e di annunciare Dio dinanzi al mistero della sofferenza, del male e […]
    Don Francesco Cosentino
  • Jane Goodall: nella Bibbia si condanna il maltrattamento degli animali
    Nella Bibbia si condanna il maltrattamento degli animali. “Ogni animale è un individuo, Dio nota anche quando muore un ragno, e quindi bisogna pensare ai tanti esseri che soffrono in questo mondo, non solo umani”, ha affermato l’etologa britannica Jane Goodall, 87 anni, pioniera nello studio degli scimpanzè selvaggi e nota messaggera di pace dell’ONU. […]
    Ary Waldir Ramos Díaz
  • Francesco: la preghiera vocale ci porta per mano a Dio
    “Non cadiamo nella superbia di disprezzare la preghiera vocale”, perché “le parole che pronunciamo ci prendono per mano”, “destano anche il più assonnato dei cuori” e sono le sole che, in maniera sicura “indirizzano a Dio le domande che Lui vuol ascoltare”. Così Papa Francesco nella catechesi dell’udienza generale di questa mattina, tenuta ancora nella […]
    Vatican News
  • L’incredibile storia di un bambino inghiottito dal mare e restituito un anno dopo
    Questa storia incredibile ha a che vedere con uno dei santi più venerati nell’antichità e terzo successore di Pietro, San Clemente Romano. Prima di raccontare questa leggenda straordinaria dobbiamo sapere com’è morto San Clemente, perché la storia ha uno stretto rapporto con il suo martirio. San Clemente Romano Documenti del IV secolo narrano che Papa […]
    Maria Paola Daud
  • La perfezione dell’imperfezione nella vita cristiana
    “Quanti giovani hanno abbandonato del tutto la Chiesa?” Questa domanda colpisce al cuore innumerevoli ministri giovanili, educatori, sacerdoti e genitori, ma capire perché tanti giovani lasciano è fondamentale per il futuro della Chiesa. Ad aver posto questa domanda è stato Doug Tooke, che ha più di 25 anni di esperienza a livello di ministero giovanile […]
    Theresa Civantos Barber
  • Quali rischi si corrono con i vaccini AstraZeneca e Johnson & Johnson?
    Vaccino anti Covid: tra il 14 e 20 aprile 2021, l’Agenzia Europea del Farmaco (Ema) ha aggiornato le linee guide sulla sicurezza di AstraZeneca e Johnson & Johnson, evidenziando quali rischi si possono generare per la salute di chi si vaccina. Facciamo chiarezza: si tratta di eventi molto rari, che però vanno spiegati in modo […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Che cosa vuole donarci Dio?
    In quel tempo, disse Gesù alla folla: «Io sono il pane della vita; chi viene a me non avrà fame e chi crede in me non avrà sete, mai! Vi ho detto però che voi mi avete visto, eppure non credete.Tutto ciò che il Padre mi dà, verrà a me: colui che viene a me, […]
    Luigi Maria Epicoco
  • Hadjadj: «Andiamo verso una società senza odore»
    La chiamano «sindrome di Proust». È la capacità della nostra memoria olfattiva di ricordare una esperienza del passato, anche caduta nel dimenticatoio. Basta un odore, un profumo familiare ed ecco riaffiorare le emozioni collegate a quell’antica esperienza. Proprio come la celebre madeleine di Proust, il dolcetto imbevuto di tè che col suo sapore, all’inizio di […]
    Emiliano Fumaneri
  • Via il bastone: Mary e Gordon si riabbracciano dopo il Covid
    Una coppia di pensionati britannici separati da mesi a causa del Coronavirus si ritrova, e il loro video – condiviso sui social – commuove l’Inghilterra. The post Via il bastone: Mary e Gordon si riabbracciano dopo il Covid appeared first on Aleteia.org - Italiano.
    Aleteia
  • Come aiutare i figli adolescenti a distinguere tra flirt e vero amore?
    di Christine Ponsard A cinque o sei anni, si gioca a “m’ama, non m’ama”, staccando ad uno ad uno i petali bianchi delle margherite, come se si recitasse una filastrocca. Dieci anni dopo, le cose cambiano e, margherita o no, dire “ti amo” non dovrebbe più essere così banale. Il flirt è un male o […]
    Edifa

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 99:
    • 187:
    aprile: 2021
    L M M G V S D
    « Mar    
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    2627282930  

    Login