mr_img_002
Messina è un comune italiano di 240 725 abitanti capoluogo dell’omonima provincia in Sicilia, nonché tredicesimo comune italiano e terza città non capoluogo di regione più popolosa d’Italia.

Detta anche “porta della Sicilia” e anticamente Zancle e Messana, sorge nei pressi dell’estrema punta nordorientale della Sicilia (Capo Peloro) sullo Stretto che ne porta il nome.

Il suo porto, scalo dei traghetti per il Continente, è il primo in Italia per numero di passeggeri in transito e sesto per traffico crocieristico.

Antica città, Messina ha raggiunto l’apice della sua grandezza fra il tardo medioevo e la metà del XVII secolo quando contendeva a Palermo il ruolo di capitale siciliana.

Messa a ferro e fuoco nel 1678 dopo una storica rivolta antispagnola che comportò l’annientamento della sua classe dirigente, venne gravemente danneggiata da un terremoto nel 1783. Fu assediata nel 1848, durante una storica rivolta contro Ferdinando II di Borbone, subendo gravi danni. Nel 1908 un disastroso terremoto distrusse la città quasi per intero, provocando la morte di circa metà della popolazione cittadina.

Ricostruita a partire dal 1912, la città moderna si presenta con una maglia ordinata e regolare con vie ampie e rettilinee in direzione nord-sud. Negli ultimi anni, sono in corso progetti mirati alla riqualificazione della città attraverso opere come il waterfront ed una nuova sede per la stazione ferroviaria.

Importante e storica sede universitaria, fondata nel 1548 da Sant’Ignazio di Loyola, Messina è una città con un’economia basata sui servizi, i commerci, il turismo e una rilevante attività industriale nella cantieristica navale da diporto.
Situata nell’angolo nord est della Sicilia, sulla sponda occidentale dello Stretto di Messina (Mar Ionio)— altitudine 3 metri s.l.m. — ha una superficie comunale di 211,23 km².

A circa 90 km da Catania e 220 km da Palermo, stretta tra le coste ionica e tirrenica ed i monti Peloritani, si affaccia con il suo grande porto naturale (militare e commerciale), chiuso dalla penisoletta a forma di falce di San Raineri, di fronte a Villa San Giovanni e poco più a Nord rispetto a Reggio Calabria. Capo Peloro, nella zona nord della città, è invece dirimpettaio a Scilla. In queste acque è localizzato il mito di Scilla e Cariddi, i cui gorghi sono paragonati alla pena delle anime dell’inferno che girano in tondo e si urtano in eterno (“qui la gente riddi”).

« Come fa l’onda là sovra Cariddi, che si frange con quella in cui s’intoppa, così convien che qui la gente riddi. »
(Dante Alighieri, Divina commedia, VII canto dell’Inferno)
Dal livello del mare, all’interno dello stesso Comune, è possibile salire sino a 1130 metri s.l.m., tramite i colli che sovrastano la città, al monte Dinnammare (dal latino “bimaris”, due mari). Da qui la vista spazia sui due mari della città, lonio (sullo Stretto di Messina) e il Tirreno. A est, è possibile vedere l’intera città di Messina sottostante, mentre al di là del mare la Calabria dal suo punto più meridionale sino alla provincia di Vibo Valentia. A sud, l’imponente vista dell’Etna. A nord ovest, le isole Eolie e la costa tirrenica con Capo Milazzo, Capo Tindari e Capo Calavà di Gioiosa Marea.

La città si sviluppa prevalentemente in senso longitudinale lungo la costa dello Stretto senza soluzione di continuità da Giampilieri Marina a Capo Peloro per 32 kilometri nella fascia jonica. La fascia tirrenica, di 24 km, si estende da Capo Peloro a Orto Liuzzo. L’area urbana centrale, che può essere racchiusa tra i torrenti Annunziata e San Filippo — oggi coperti dal piano stradale, — è lunga circa 12 km, con scarsa propensione verso ovest dovuta ai contrafforti collinari dei Peloritani, che impediscono lo sviluppo di un ampio reticolato urbano geometrico in detta direzione. L’estrema vicinanza dei monti conferisce alla parte occidentale della città una certa pendenza, superata con scalinate e attraversata dalla panoramica circonvallazione a monte. Sono presenti numerose “intrusioni urbane” verso l’interno collinare in corrispondenza delle brevi pianure dei torrenti, che tendono a inglobare come quartieri alcuni dei più antichi casali del territorio cittadino (i cosiddetti “Villaggi”, che sono 48).

Messina è al centro di una zona agricola, con la produzione di agrumi (tra cui il limone Interdonato, l’arancio, il mandarino e il mandarancio o clementina), frutta, ortaggi e dei vini D.O.C. Faro e Mamertino. La città è sede universitaria dal 1548, dell’Arcidiocesi Protometropolitana di Messina – Lipari – Santa Lucia del Mela ed Archimandritato del Santissimo Salvatore e di un’antica Fiera Internazionale. Il porto è anche sede di un antico Arsenale militare e di cantieri navali civili (Rodriguez e Palumbo).

 

 

Messina fu originariamente fondata da coloni Calcidesi nel 757 a.C., con il nome di Zancle (dal greco Ζὰγκλης, che riprende un termine siculo che significa “falce”, perché la penisola di San Raineri, porto naturale della città, somiglia ad una falce). Assunse il nome di Messana probabilmente quando Anassilao di Reggio, intorno al 486 a.C., la conquista ai danni di Cadmo di Cos, fiduciario di Gelone, e la ripopola con, tra gli altri, elementi provenienti dalla Messenia. I Romani la conquistarono nel 264 a.C. e dopo la caduta dell’Impero romano d’Occidente fu prima in possesso dei Bizantini e quindi degli Arabi. Nel 1060 venne conquistata dai Normanni.

Sotto i dominî svevo-angioino-aragonese, Messina raggiunse grande prosperità, divenendo capitale del Regno di Sicilia assieme a Palermo (il Regno di Sicilia comprese per lunghi periodi anche tutta l’Italia meridionale) e, grazie al suo porto, uno tra i primissimi centri commerciali e tra le più grandi, fiorenti ed importanti città del mar Mediterraneo. Fu, per lunghi secoli, la città siciliana più ricca, seconda nel Mezzogiorno d’Italia solo a Napoli.

Nel 1674 si ribellò alla Spagna e ne subì successivamente la repressione. Fu toccata da un grave terremoto nel 1783. Entrò a far parte del Regno d’Italia dopo la spedizione dei Mille garibaldina del 1860.

Nel 1908 subì le distruzioni di un altro terribile terremoto e ancora dei bombardamenti della seconda guerra mondiale. Una pagina significativa dell’amicizia fra la città ed il popolo russo è legata al tragico: il terremoto del 1908. I primi soccorritori giunti a Messina furono proprio i marinai della flotta imperiale russa, che si trovava nel porto di Augusta per delle esercitazioni.[15] Il terremoto di Messina è considerato uno degli eventi più catastrofici del XX secolo. Si verificò alle ore 05:21 del 28 dicembre 1908 e in 37 “lunghissimi” secondi danneggiò gravemente le città di Messina. A Messina, maggiormente sinistrata, rimasero sotto le macerie ricchi e poveri, autorità civili e militari.

Nella nuvola di polvere che oscurò il cielo, sotto una pioggia torrenziale ed al buio, i sopravvissuti inebetiti dalla sventura e semivestiti non riuscirono a realizzare immediatamente l’accaduto. Alcuni si diressero verso il mare, altri rimasero nei pressi delle loro abitazioni nel generoso tentativo di portare soccorso a familiari ed amici. Qui furono colti dalle esplosioni e dagli incendi causati dal gas che si sprigionò dalle tubature interrotte. Tra voragini e montagne di macerie gli incendi si estesero, andarono in fiamme case, edifici e palazzi ubicati nella zona di via Cavour, via Cardines, via della Riviera, corso dei Mille, via Monastero Sant’Agostino.

Ai danni provocati dalle scosse sismiche ed a quello degli incendi si aggiunsero quelli cagionati dal maremoto, di impressionante violenza, che si riversò sulle zone costiere di tutto lo Stretto di Messina con ondate devastanti stimate, a seconda delle località della costa orientale della Sicilia, da 6 m a 12 m di altezza. Lo tsunami in questo caso provocò molte vittime, fra i sopravvissuti che si erano ammassati sulla riva del mare, alla ricerca di un’ingannevole protezione. Improvvisamente le acque si ritirarono e dopo pochi minuti almeno tre grandi ondate aggiunsero al già tragico evento altra distruzione e morte. Onde gigantesche raggiunsero il litorale spazzando e schiantando quanto esistente.

Nel suo ritirarsi la marea risucchiò barche, cadaveri e feriti. Molte persone, uscite incolumi da crolli ed incendi, trascinate al largo affogarono miseramente. Alcune navi alla fonda furono danneggiate, altre riuscirono a mantenere gli ormeggi entrando in collisione l’una con l’altra ma subendo danni limitati. Il villaggio del Faro a pochi chilometri da Messina andò quasi integralmente distrutto. La furia delle onde spazzò via le case situate nelle vicinanze della spiaggia anche in altre zone. Le località più duramente colpite furono Pellaro, Lazzaro e Gallico sulle coste calabresi; Briga e Paradiso, Sant’Alessio e le altre località fino a Riposto sulle coste siciliane. Gravissimo fu il numero delle vittime: Messina, che all’epoca contava circa 140.000 abitanti, ne perse circa 80.000.


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Perché non abbiamo più rapporti sessuali?
    Rimanere collegati alla persona che si ama è fondamentale nel matrimonio Michele Weiner-Davis è una terapeuta che dopo aver vissuto il divorzio dei genitori ha dedicato tutta la vita ad aiutare a evitare che accada ad altre persone. In base alla sua ampia esperienza in fatto di matrimonio, ha concluso che molte infedeltà e molti […]
    Cecilia Zinicola
  • La storia dietro la Madonna della Neve
    Quando la neve cadde miracolosamente ad agosto a Roma, venne costruita una chiesa per commemorare l’evento La pala d’altare onora il ruolo giocato dalla neve nella fondazione di Santa Maria Maggiore, una delle più importanti chiese cattoliche di Roma. La neve è rara a Roma in inverno, figuriamoci in estate. Secondo la tradizione, però, la […]
    V. M. Traverso
  • Lettera della madre di un militare caduto in servizio
    Il 13 gennaio suo figlio Éloi Fournier – maresciallo dei Logis (93mo reggimento d’artiglieria di montagna) – ha trovato la morte a seguito di una valanga: neanche dieci giorni dopo la madre Laurence si rivolge a lui a mezzo di una toccante lettera aperta. Vi si racconta il dolore di una mamma provata, ma pure […]
    Domitille Farret d'Astiès
  • Condannati e poi esaltati: piccola storia spirituale del gioco degli scacchi
    Condannato da san Luigi ma difeso da Francesco di Sales e additato ad esempio spirituale da santa Teresa d’Avila, il gioco degli scacchi è una metafora ludica del gioco dell’anima… dove è Dio che vuole fare scacco matto. Al museo del Louvre, nel Corridor de Valence, si trova un pezzo da collezione piuttosto unico nel […]
    Camille Dalmas
  • Papa Francesco: l’invidia porta la guerra, ma è sempre una bolla di sapone
    Nell’omelia della Messa del mattino, Papa Francesco mette in guardia contro “il tarlo della gelosia”, che ci porta a giudicare male gli altri, ad entrare in concorrenza, con un “chiacchiericcio” con noi stessi che uccide l’altro, ma che in realtà “non ha consistenza”. Il Signore ci dia sempre la grazia di capirlo e, come Saul, […]
    Vatican News
  • La guida di San Francesco di Sales all’uso dei social media
    Ricordate questi semplici principi quando vi collegate alle reti sociali! I social media sono sicuramente un mezzo importante per collegarci alle persone di tutto il mondo, ma possono anche condurci lungo una via oscura di pettegolezzo e calunnia, e alla tendenza a giudicare. Le nostre emozioni possono facilmente essere lasciate a briglia sciolta, e l’anonimato […]
    Philip Kosloski
  • I 5 libri più belli della settimana scelti per le donne
    Santa Caterina era capace di parole infuocate; il perdono ci chiede parole che mettono a bada l’istinto; Andrea Vianello è un giornalista che ha dovuto imparare da capo le parole. Anche il mondo dei libri ci dice che siamo fatti per una relazione. Mentre ordinavo l’elenco dei libri da suggerirvi questa settimana, mi sono accorta […]
    Annalisa Teggi
  • 10 errori comuni nell’educazione dei figli
    È facile caderci vista la nostra condizione umana Vi siete mai chiesti perché si dice che “educare è un’arte”? Il compito educativo dei genitori e delicato e meraviglioso come l’arte, e implica un processo di apprendimento soggetto a errori. Pur volendo il meglio per i figli, non sempre i genitori li favoriscono quando adottano certi […]
    LaFamilia.info
  • Noi ti vediamo ancora: “Hair love” è il potente corto su malattia e famiglia (VIDEO)
    “Hair love” è il corto animato di Matthew A. Cherryv che parla di famiglia e malattia da una prospettiva insolita: anche prendersi cura dei propri capelli è un gesto d’amore, che dice a un malato”va tutto bene”, là fuori la tua vita ti aspetta ancora! Un taglio di capelli non è mai “solo” un taglio […]
    Giovanna Binci
  • Noi cattolici siamo già molto Hygge…e pure molto felici!
    La moda dell’Hygge con la sua ricetta danese per la felicità fatta di coperte, candele e famiglia sta spopolando. Tutto molto bello, ma da cattolica, mi rendo conto di avere molto di più! Hygge (che si pronuncia hugge o come ti pare, tanto nessuno lo sa davvero da queste parti) è l’arte di essere felici […]
    Martha, Mary and Me

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 80:
    • 201:
    gennaio: 2020
    L M M G V S D
    « Dic    
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    2728293031  

    Login