mr_img_002
Messina è un comune italiano di 240 725 abitanti capoluogo dell’omonima provincia in Sicilia, nonché tredicesimo comune italiano e terza città non capoluogo di regione più popolosa d’Italia.

Detta anche “porta della Sicilia” e anticamente Zancle e Messana, sorge nei pressi dell’estrema punta nordorientale della Sicilia (Capo Peloro) sullo Stretto che ne porta il nome.

Il suo porto, scalo dei traghetti per il Continente, è il primo in Italia per numero di passeggeri in transito e sesto per traffico crocieristico.

Antica città, Messina ha raggiunto l’apice della sua grandezza fra il tardo medioevo e la metà del XVII secolo quando contendeva a Palermo il ruolo di capitale siciliana.

Messa a ferro e fuoco nel 1678 dopo una storica rivolta antispagnola che comportò l’annientamento della sua classe dirigente, venne gravemente danneggiata da un terremoto nel 1783. Fu assediata nel 1848, durante una storica rivolta contro Ferdinando II di Borbone, subendo gravi danni. Nel 1908 un disastroso terremoto distrusse la città quasi per intero, provocando la morte di circa metà della popolazione cittadina.

Ricostruita a partire dal 1912, la città moderna si presenta con una maglia ordinata e regolare con vie ampie e rettilinee in direzione nord-sud. Negli ultimi anni, sono in corso progetti mirati alla riqualificazione della città attraverso opere come il waterfront ed una nuova sede per la stazione ferroviaria.

Importante e storica sede universitaria, fondata nel 1548 da Sant’Ignazio di Loyola, Messina è una città con un’economia basata sui servizi, i commerci, il turismo e una rilevante attività industriale nella cantieristica navale da diporto.
Situata nell’angolo nord est della Sicilia, sulla sponda occidentale dello Stretto di Messina (Mar Ionio)— altitudine 3 metri s.l.m. — ha una superficie comunale di 211,23 km².

A circa 90 km da Catania e 220 km da Palermo, stretta tra le coste ionica e tirrenica ed i monti Peloritani, si affaccia con il suo grande porto naturale (militare e commerciale), chiuso dalla penisoletta a forma di falce di San Raineri, di fronte a Villa San Giovanni e poco più a Nord rispetto a Reggio Calabria. Capo Peloro, nella zona nord della città, è invece dirimpettaio a Scilla. In queste acque è localizzato il mito di Scilla e Cariddi, i cui gorghi sono paragonati alla pena delle anime dell’inferno che girano in tondo e si urtano in eterno (“qui la gente riddi”).

« Come fa l’onda là sovra Cariddi, che si frange con quella in cui s’intoppa, così convien che qui la gente riddi. »
(Dante Alighieri, Divina commedia, VII canto dell’Inferno)
Dal livello del mare, all’interno dello stesso Comune, è possibile salire sino a 1130 metri s.l.m., tramite i colli che sovrastano la città, al monte Dinnammare (dal latino “bimaris”, due mari). Da qui la vista spazia sui due mari della città, lonio (sullo Stretto di Messina) e il Tirreno. A est, è possibile vedere l’intera città di Messina sottostante, mentre al di là del mare la Calabria dal suo punto più meridionale sino alla provincia di Vibo Valentia. A sud, l’imponente vista dell’Etna. A nord ovest, le isole Eolie e la costa tirrenica con Capo Milazzo, Capo Tindari e Capo Calavà di Gioiosa Marea.

La città si sviluppa prevalentemente in senso longitudinale lungo la costa dello Stretto senza soluzione di continuità da Giampilieri Marina a Capo Peloro per 32 kilometri nella fascia jonica. La fascia tirrenica, di 24 km, si estende da Capo Peloro a Orto Liuzzo. L’area urbana centrale, che può essere racchiusa tra i torrenti Annunziata e San Filippo — oggi coperti dal piano stradale, — è lunga circa 12 km, con scarsa propensione verso ovest dovuta ai contrafforti collinari dei Peloritani, che impediscono lo sviluppo di un ampio reticolato urbano geometrico in detta direzione. L’estrema vicinanza dei monti conferisce alla parte occidentale della città una certa pendenza, superata con scalinate e attraversata dalla panoramica circonvallazione a monte. Sono presenti numerose “intrusioni urbane” verso l’interno collinare in corrispondenza delle brevi pianure dei torrenti, che tendono a inglobare come quartieri alcuni dei più antichi casali del territorio cittadino (i cosiddetti “Villaggi”, che sono 48).

Messina è al centro di una zona agricola, con la produzione di agrumi (tra cui il limone Interdonato, l’arancio, il mandarino e il mandarancio o clementina), frutta, ortaggi e dei vini D.O.C. Faro e Mamertino. La città è sede universitaria dal 1548, dell’Arcidiocesi Protometropolitana di Messina – Lipari – Santa Lucia del Mela ed Archimandritato del Santissimo Salvatore e di un’antica Fiera Internazionale. Il porto è anche sede di un antico Arsenale militare e di cantieri navali civili (Rodriguez e Palumbo).

 

 

Messina fu originariamente fondata da coloni Calcidesi nel 757 a.C., con il nome di Zancle (dal greco Ζὰγκλης, che riprende un termine siculo che significa “falce”, perché la penisola di San Raineri, porto naturale della città, somiglia ad una falce). Assunse il nome di Messana probabilmente quando Anassilao di Reggio, intorno al 486 a.C., la conquista ai danni di Cadmo di Cos, fiduciario di Gelone, e la ripopola con, tra gli altri, elementi provenienti dalla Messenia. I Romani la conquistarono nel 264 a.C. e dopo la caduta dell’Impero romano d’Occidente fu prima in possesso dei Bizantini e quindi degli Arabi. Nel 1060 venne conquistata dai Normanni.

Sotto i dominî svevo-angioino-aragonese, Messina raggiunse grande prosperità, divenendo capitale del Regno di Sicilia assieme a Palermo (il Regno di Sicilia comprese per lunghi periodi anche tutta l’Italia meridionale) e, grazie al suo porto, uno tra i primissimi centri commerciali e tra le più grandi, fiorenti ed importanti città del mar Mediterraneo. Fu, per lunghi secoli, la città siciliana più ricca, seconda nel Mezzogiorno d’Italia solo a Napoli.

Nel 1674 si ribellò alla Spagna e ne subì successivamente la repressione. Fu toccata da un grave terremoto nel 1783. Entrò a far parte del Regno d’Italia dopo la spedizione dei Mille garibaldina del 1860.

Nel 1908 subì le distruzioni di un altro terribile terremoto e ancora dei bombardamenti della seconda guerra mondiale. Una pagina significativa dell’amicizia fra la città ed il popolo russo è legata al tragico: il terremoto del 1908. I primi soccorritori giunti a Messina furono proprio i marinai della flotta imperiale russa, che si trovava nel porto di Augusta per delle esercitazioni.[15] Il terremoto di Messina è considerato uno degli eventi più catastrofici del XX secolo. Si verificò alle ore 05:21 del 28 dicembre 1908 e in 37 “lunghissimi” secondi danneggiò gravemente le città di Messina. A Messina, maggiormente sinistrata, rimasero sotto le macerie ricchi e poveri, autorità civili e militari.

Nella nuvola di polvere che oscurò il cielo, sotto una pioggia torrenziale ed al buio, i sopravvissuti inebetiti dalla sventura e semivestiti non riuscirono a realizzare immediatamente l’accaduto. Alcuni si diressero verso il mare, altri rimasero nei pressi delle loro abitazioni nel generoso tentativo di portare soccorso a familiari ed amici. Qui furono colti dalle esplosioni e dagli incendi causati dal gas che si sprigionò dalle tubature interrotte. Tra voragini e montagne di macerie gli incendi si estesero, andarono in fiamme case, edifici e palazzi ubicati nella zona di via Cavour, via Cardines, via della Riviera, corso dei Mille, via Monastero Sant’Agostino.

Ai danni provocati dalle scosse sismiche ed a quello degli incendi si aggiunsero quelli cagionati dal maremoto, di impressionante violenza, che si riversò sulle zone costiere di tutto lo Stretto di Messina con ondate devastanti stimate, a seconda delle località della costa orientale della Sicilia, da 6 m a 12 m di altezza. Lo tsunami in questo caso provocò molte vittime, fra i sopravvissuti che si erano ammassati sulla riva del mare, alla ricerca di un’ingannevole protezione. Improvvisamente le acque si ritirarono e dopo pochi minuti almeno tre grandi ondate aggiunsero al già tragico evento altra distruzione e morte. Onde gigantesche raggiunsero il litorale spazzando e schiantando quanto esistente.

Nel suo ritirarsi la marea risucchiò barche, cadaveri e feriti. Molte persone, uscite incolumi da crolli ed incendi, trascinate al largo affogarono miseramente. Alcune navi alla fonda furono danneggiate, altre riuscirono a mantenere gli ormeggi entrando in collisione l’una con l’altra ma subendo danni limitati. Il villaggio del Faro a pochi chilometri da Messina andò quasi integralmente distrutto. La furia delle onde spazzò via le case situate nelle vicinanze della spiaggia anche in altre zone. Le località più duramente colpite furono Pellaro, Lazzaro e Gallico sulle coste calabresi; Briga e Paradiso, Sant’Alessio e le altre località fino a Riposto sulle coste siciliane. Gravissimo fu il numero delle vittime: Messina, che all’epoca contava circa 140.000 abitanti, ne perse circa 80.000.


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Rocky Marciano appese i guanti al chiodo per amore di Gesù
    Rocky Marciano, insieme con Mohammed Ali, resta uno dei pochi campioni di boxe nella categoria dei pesi massimi a non aver conosciuto sconfitte nella sua attività. Eppure quando era all’apice della carriera decise di seguire il consiglio di un amico sacerdote: «Certo può guadagnare del denaro battendosi – gli disse padre Paul McKenzie –, ma […]
    Louise Alméras
  • Getta il figlio dal 3°piano in fiamme per salvarlo: ex marine lo prende al volo
    Una storia tragica e insieme consolante. Una famiglia ferita a morte dalle fiamme che hanno ucciso la giovane mamma, Rachel, nel tentativo di salvare entrambi i suoi figli. Siamo a Phoenix, in Arizona e Philip si trovava lì per puro caso. O no? Serve sempre il contesto per giudicare un gesto e più ancora serve […]
    Paola Belletti
  • Le grazie speciali che il Signore manda ai genitori
    Vi capita mai di innervosirvi, di perdere la pazienza, di non sapere come reagire davanti a una marachella del vostro bambino, di non sapere come ascoltarlo o che consigli dargli? Sapevate che il Signore dispensa grazie speciali appositamente per il vostro compito di educatori? Sono inerenti alla grazia di stato. Come fare per chiederle e […]
    Bénédicte de Saint-Germain
  • Dio ha salvato Gesù morto, e farà lo stesso con te
    Hai paura di pensare al futuro? La pandemia è come il deserto che il popolo ebraico ha attraversato fino alla terra promessa. Vivi senza preoccuparti del futuro Mi piace di tanto in tanto guardare indietro con il cuore grato. Mi piace pensare alla mia storia santa che elaboro mano nella mano con Dio. Egli tesse […]
    Carlos Padilla
  • La preghiera di Taizé: bellezza, introspezione, meditazione
    Un’eccellente risorsa cattolica per la preghiera contemplativa Ormai è noto da decenni, ma molte persone non hanno ancora mai sentito parlare dello stile di preghiera di Taizé, fortemente introspettivo. Forma di canto sviluppata nel XX secolo dai monaci francesi, Taizé è un termine che definisce sia lo stile musicale che i servizi ecclesiali che lo […]
    J.P. Mauro
  • John Travolta: mia moglie Kelly ha perso la sua battaglia contro il tumore al seno
    L’attore ha annunciato la morte della moglie a cui era legato da 29 anni. Aveva perso anche la prima moglie per un tumore al senso e nel 2009 la morte del figlio Jett svelò il legame problematico della sua famiglia con la setta di Scientology. Con un post delicato e sofferto John Travolta ha annunciato […]
    Annalisa Teggi
  • La sapienza, una delle virtù migliori da chiedere a Dio
    È quello che Salomone ha chiesto al Signore, e Dio gli ha concesso un cuore saggio e intelligente In un’occasione, Papa Francesco ha affermato che la sapienza “è la grazia di poter vedere ogni cosa con gli occhi di Dio”, “vedere il mondo, vedere le situazioni, le congiunture, i problemi, tutto, con gli occhi di […]
    Mário Scandiuzzi
  • Mi spaventa l’idea di non avere la vita che avevo prima della pandemia
    “Un’altra parte cadde nella buona terra e portò frutto, dando il cento, il sessanta, il trenta per uno. Chi ha orecchi intenda” “Devo accettare la mia verità, quello che sono davvero, per lasciar entrare Dio nel profondo. Perché Dio agisce sempre nella verità”. Com’è possibile che dall’aridità del deserto possa derivare la vita che feconda […]
    Carlos Padilla
  • Preghiera per evitare distrazioni durante la meditazione
    Se tendete a distrarvi mentre meditate, recitate questa preghiera per chiedere l’aiuto di Dio per rimanere concentrati Spesso, quando ci sediamo a meditare sulla Parola di Dio o a contemplare i misteri divini, ci distraiamo e i nostri pensieri cominciano a vagare. Magari stiamo sperimentando anche un profondo stato di meditazione, e poi i nostri […]
    Philip Kosloski
  • Ami Gesù? Allora ami anche la religione
    Non c’è società senza religione. Credere nel soprannaturale, in un mondo spirituale, è una caratteristica umana fondamentale “Odiare la religione e amare Gesù è un’eresia alla ricerca di un nome”, ha twittato di recente il missionario @SteveMissionary. Qualsiasi genitore cattolico che difende la Chiesa lo sa. Respingere la religione è oggi più popolare che mai. […]
    Tom Hoopes

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

  • Tv2000: domani alle 21 il Rosario dalla cattedrale di Prato 14 luglio 2020
    Torna l’iniziativa “Prega con noi”: Tv2000 e InBlu Radio invitano “i fedeli, le famiglie e le comunità religiose a ritrovarsi, mercoledì 15 luglio, alle 21, per recitare insieme il Rosario che verrà trasmesso da Tv2000 (canale 28 e 157 Sky), InBlu Radio e su Facebook”. La preghiera andrà in onda dalla cappella della Madonna del […]
  • Coronavirus Covid-19: Pettenon, “la salute è un bene pubblico globale che va difeso a beneficio di tutti” 14 luglio 2020
    “Il momento difficile, uno dei più duri che la società italiana abbia affrontato dal dopoguerra ad ora, si sta timidamente allontanando. Ma le dinamiche che abbiamo vissuto, nuove per noi, non sono sconosciute in molti luoghi che hanno subito anche recentemente il passaggio di flagelli come l’epidemia di ebola, che ha crudelmente colpito pochi anni fa alcuni degli Stati più […]
  • Coronavirus Covid-19: mons. Marcianò (Omi), “nella testimonianza dei carabinieri deceduti il senso della vita intesa come servizio” 13 luglio 2020
    “La pandemia che abbiamo vissuto, e stiamo ancora vivendo, ci riguarda come popolo, come nazione, come famiglia umana: non siamo certo indifferenti davanti alle cifre impressionanti dei contagi, dei malati, dei morti a livello mondiale. Ma è anche vero che questa esperienza ci ha fatto sentire popolo. Popolo che ha affrontato un pericolo comune, popolo che […]
  • Coronavirus Covid-19: card. Turkson, marittimi vittime della pirateria, “non siete soli, nessuno vi abbandonerà” 13 luglio 2020
    “Purtroppo dobbiamo deplorare il fatto che, mentre i marittimi si adoperano, con dedizione e a costo di enormi sacrifici personali, affinché le catene di approvvigionamento continuino a funzionare, alcuni armatori, agenzie di reclutamento e dirigenti senza scrupoli usano la scusa della pandemia per revocare i propri obblighi nei loro confronti, rifiutandosi di garantire i loro […]
  • Coronavirus Covid-19: card. Turkson, “molti marittimi necessitano di cure mediche urgenti” 13 luglio 2020
    “In una situazione come questa che non ha precedenti, i membri dell’equipaggio, che avevano già trascorso tra i sei e i dieci mesi a bordo, hanno dovuto subire il grande inconveniente di vedersi estendere il periodo di lavoro, con la conseguenza di un aumento della fatica personale e di un’assenza prolungata dai loro cari e […]
  • Coronavirus Covid-19: card. Turkson, “rivalutiamo il ruolo dei marittimi” 13 luglio 2020
    “Pensiamo ai parenti e agli amici delle innumerevoli vittime del coronavirus (tra cui molti marittimi) e ci sentiamo angosciati e disorientati per l’incertezza del futuro”. Inizia così il messaggio inviato ieri dal card. Peter Kodwo Appiah Turkson, prefetto del Dicastero per il Servizio dello sviluppo umano integrale, ai cappellani, ai volontari e ai sostenitori dell’Apostolato […]
  • Papa Francesco: Angelus, “sono molto addolorato” per Santa Sofia 12 luglio 2020
    “Penso a Santa Sofia, e sono molto addolorato”. Sono le parole di Papa Francesco dopo la recita dell’Angelus, in merito alla decisione della Turchia di trasformare la basilica di Santa Sofia di Istanbul in moschea. Il Santo Padre ha ricordato anche la Giornata internazionale del mare: “Rivolgo un affettuoso saluto a tutti coloro che lavorano […]
  • Papa Francesco: Angelus, “abituarsi ad ascoltare la Parola di Dio e a leggerla” 12 luglio 2020
    “Questa del seminatore è un po’ la ‘madre’ di tutte le parabole, perché parla dell’ascolto della Parola. Ci ricorda che essa è un seme fecondo ed efficace; e Dio lo sparge dappertutto con generosità, senza badare a sprechi. Così è il cuore di Dio!”. Lo ha detto Papa Francesco prima della recita dell’Angelus: “Ognuno di […]
  • Tempo di vita autentica 12 luglio 2020
    “Che cosa cercate o chi cercate?” sono le domande che Gesù rivolge costantemente a ciascuno di noi e che sono vitali anche per l’ateo, per poter capire che cosa si sta muovendo nella propria vita. Esse sollecitano una risposta consapevole che parte da una conoscenza dei bisogni reali e personali, per poterli gestire e coniugare […]
  • Diocesi: Tasca (nuovo arcivescovo Genova), “desidero essere vostro fratello, per camminare insieme” 11 luglio 2020
    “L’Eucaristia che stiamo celebrando è il rendimento di grazie più bello e perfetto che possiamo offrire al Padre”. Così mons. Marco Tasca, nuovo vescovo di Genova, nel saluto di ringraziamento al termine della celebrazione eucaristica per la sua ordinazione episcopale. La messa, presieduta dal card. Angelo Bagnasco, si è svolta stasera. “Il mio grazie commosso […]

Commenti recenti

     

    • 22:
    • 187:
    luglio: 2020
    L M M G V S D
    « Giu    
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    2728293031  

    Login