mr_img_002
Messina è un comune italiano di 240 725 abitanti capoluogo dell’omonima provincia in Sicilia, nonché tredicesimo comune italiano e terza città non capoluogo di regione più popolosa d’Italia.

Detta anche “porta della Sicilia” e anticamente Zancle e Messana, sorge nei pressi dell’estrema punta nordorientale della Sicilia (Capo Peloro) sullo Stretto che ne porta il nome.

Il suo porto, scalo dei traghetti per il Continente, è il primo in Italia per numero di passeggeri in transito e sesto per traffico crocieristico.

Antica città, Messina ha raggiunto l’apice della sua grandezza fra il tardo medioevo e la metà del XVII secolo quando contendeva a Palermo il ruolo di capitale siciliana.

Messa a ferro e fuoco nel 1678 dopo una storica rivolta antispagnola che comportò l’annientamento della sua classe dirigente, venne gravemente danneggiata da un terremoto nel 1783. Fu assediata nel 1848, durante una storica rivolta contro Ferdinando II di Borbone, subendo gravi danni. Nel 1908 un disastroso terremoto distrusse la città quasi per intero, provocando la morte di circa metà della popolazione cittadina.

Ricostruita a partire dal 1912, la città moderna si presenta con una maglia ordinata e regolare con vie ampie e rettilinee in direzione nord-sud. Negli ultimi anni, sono in corso progetti mirati alla riqualificazione della città attraverso opere come il waterfront ed una nuova sede per la stazione ferroviaria.

Importante e storica sede universitaria, fondata nel 1548 da Sant’Ignazio di Loyola, Messina è una città con un’economia basata sui servizi, i commerci, il turismo e una rilevante attività industriale nella cantieristica navale da diporto.
Situata nell’angolo nord est della Sicilia, sulla sponda occidentale dello Stretto di Messina (Mar Ionio)— altitudine 3 metri s.l.m. — ha una superficie comunale di 211,23 km².

A circa 90 km da Catania e 220 km da Palermo, stretta tra le coste ionica e tirrenica ed i monti Peloritani, si affaccia con il suo grande porto naturale (militare e commerciale), chiuso dalla penisoletta a forma di falce di San Raineri, di fronte a Villa San Giovanni e poco più a Nord rispetto a Reggio Calabria. Capo Peloro, nella zona nord della città, è invece dirimpettaio a Scilla. In queste acque è localizzato il mito di Scilla e Cariddi, i cui gorghi sono paragonati alla pena delle anime dell’inferno che girano in tondo e si urtano in eterno (“qui la gente riddi”).

« Come fa l’onda là sovra Cariddi, che si frange con quella in cui s’intoppa, così convien che qui la gente riddi. »
(Dante Alighieri, Divina commedia, VII canto dell’Inferno)
Dal livello del mare, all’interno dello stesso Comune, è possibile salire sino a 1130 metri s.l.m., tramite i colli che sovrastano la città, al monte Dinnammare (dal latino “bimaris”, due mari). Da qui la vista spazia sui due mari della città, lonio (sullo Stretto di Messina) e il Tirreno. A est, è possibile vedere l’intera città di Messina sottostante, mentre al di là del mare la Calabria dal suo punto più meridionale sino alla provincia di Vibo Valentia. A sud, l’imponente vista dell’Etna. A nord ovest, le isole Eolie e la costa tirrenica con Capo Milazzo, Capo Tindari e Capo Calavà di Gioiosa Marea.

La città si sviluppa prevalentemente in senso longitudinale lungo la costa dello Stretto senza soluzione di continuità da Giampilieri Marina a Capo Peloro per 32 kilometri nella fascia jonica. La fascia tirrenica, di 24 km, si estende da Capo Peloro a Orto Liuzzo. L’area urbana centrale, che può essere racchiusa tra i torrenti Annunziata e San Filippo — oggi coperti dal piano stradale, — è lunga circa 12 km, con scarsa propensione verso ovest dovuta ai contrafforti collinari dei Peloritani, che impediscono lo sviluppo di un ampio reticolato urbano geometrico in detta direzione. L’estrema vicinanza dei monti conferisce alla parte occidentale della città una certa pendenza, superata con scalinate e attraversata dalla panoramica circonvallazione a monte. Sono presenti numerose “intrusioni urbane” verso l’interno collinare in corrispondenza delle brevi pianure dei torrenti, che tendono a inglobare come quartieri alcuni dei più antichi casali del territorio cittadino (i cosiddetti “Villaggi”, che sono 48).

Messina è al centro di una zona agricola, con la produzione di agrumi (tra cui il limone Interdonato, l’arancio, il mandarino e il mandarancio o clementina), frutta, ortaggi e dei vini D.O.C. Faro e Mamertino. La città è sede universitaria dal 1548, dell’Arcidiocesi Protometropolitana di Messina – Lipari – Santa Lucia del Mela ed Archimandritato del Santissimo Salvatore e di un’antica Fiera Internazionale. Il porto è anche sede di un antico Arsenale militare e di cantieri navali civili (Rodriguez e Palumbo).

 

 

Messina fu originariamente fondata da coloni Calcidesi nel 757 a.C., con il nome di Zancle (dal greco Ζὰγκλης, che riprende un termine siculo che significa “falce”, perché la penisola di San Raineri, porto naturale della città, somiglia ad una falce). Assunse il nome di Messana probabilmente quando Anassilao di Reggio, intorno al 486 a.C., la conquista ai danni di Cadmo di Cos, fiduciario di Gelone, e la ripopola con, tra gli altri, elementi provenienti dalla Messenia. I Romani la conquistarono nel 264 a.C. e dopo la caduta dell’Impero romano d’Occidente fu prima in possesso dei Bizantini e quindi degli Arabi. Nel 1060 venne conquistata dai Normanni.

Sotto i dominî svevo-angioino-aragonese, Messina raggiunse grande prosperità, divenendo capitale del Regno di Sicilia assieme a Palermo (il Regno di Sicilia comprese per lunghi periodi anche tutta l’Italia meridionale) e, grazie al suo porto, uno tra i primissimi centri commerciali e tra le più grandi, fiorenti ed importanti città del mar Mediterraneo. Fu, per lunghi secoli, la città siciliana più ricca, seconda nel Mezzogiorno d’Italia solo a Napoli.

Nel 1674 si ribellò alla Spagna e ne subì successivamente la repressione. Fu toccata da un grave terremoto nel 1783. Entrò a far parte del Regno d’Italia dopo la spedizione dei Mille garibaldina del 1860.

Nel 1908 subì le distruzioni di un altro terribile terremoto e ancora dei bombardamenti della seconda guerra mondiale. Una pagina significativa dell’amicizia fra la città ed il popolo russo è legata al tragico: il terremoto del 1908. I primi soccorritori giunti a Messina furono proprio i marinai della flotta imperiale russa, che si trovava nel porto di Augusta per delle esercitazioni.[15] Il terremoto di Messina è considerato uno degli eventi più catastrofici del XX secolo. Si verificò alle ore 05:21 del 28 dicembre 1908 e in 37 “lunghissimi” secondi danneggiò gravemente le città di Messina. A Messina, maggiormente sinistrata, rimasero sotto le macerie ricchi e poveri, autorità civili e militari.

Nella nuvola di polvere che oscurò il cielo, sotto una pioggia torrenziale ed al buio, i sopravvissuti inebetiti dalla sventura e semivestiti non riuscirono a realizzare immediatamente l’accaduto. Alcuni si diressero verso il mare, altri rimasero nei pressi delle loro abitazioni nel generoso tentativo di portare soccorso a familiari ed amici. Qui furono colti dalle esplosioni e dagli incendi causati dal gas che si sprigionò dalle tubature interrotte. Tra voragini e montagne di macerie gli incendi si estesero, andarono in fiamme case, edifici e palazzi ubicati nella zona di via Cavour, via Cardines, via della Riviera, corso dei Mille, via Monastero Sant’Agostino.

Ai danni provocati dalle scosse sismiche ed a quello degli incendi si aggiunsero quelli cagionati dal maremoto, di impressionante violenza, che si riversò sulle zone costiere di tutto lo Stretto di Messina con ondate devastanti stimate, a seconda delle località della costa orientale della Sicilia, da 6 m a 12 m di altezza. Lo tsunami in questo caso provocò molte vittime, fra i sopravvissuti che si erano ammassati sulla riva del mare, alla ricerca di un’ingannevole protezione. Improvvisamente le acque si ritirarono e dopo pochi minuti almeno tre grandi ondate aggiunsero al già tragico evento altra distruzione e morte. Onde gigantesche raggiunsero il litorale spazzando e schiantando quanto esistente.

Nel suo ritirarsi la marea risucchiò barche, cadaveri e feriti. Molte persone, uscite incolumi da crolli ed incendi, trascinate al largo affogarono miseramente. Alcune navi alla fonda furono danneggiate, altre riuscirono a mantenere gli ormeggi entrando in collisione l’una con l’altra ma subendo danni limitati. Il villaggio del Faro a pochi chilometri da Messina andò quasi integralmente distrutto. La furia delle onde spazzò via le case situate nelle vicinanze della spiaggia anche in altre zone. Le località più duramente colpite furono Pellaro, Lazzaro e Gallico sulle coste calabresi; Briga e Paradiso, Sant’Alessio e le altre località fino a Riposto sulle coste siciliane. Gravissimo fu il numero delle vittime: Messina, che all’epoca contava circa 140.000 abitanti, ne perse circa 80.000.


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Cantante curato da Padre Pio afferma che il santo lo ha guidato nella registrazione questa canzone
    I proventi di “Meraviglioso” andranno alle opere della Saint Pio Foundation L’attore, poi diventato cantante, Robert Davi si è unito alla Saint Pio Foundation per produrre un brano per raccogliere fondi per l’ente caritativo. La canzone e il video che l’accompagna sono stati registrati come messaggio di pace e speranza in un’epoca in un cui […]
    J.P. Mauro
  • “Toccare di nuovo Gesù”. Riflessione di un sacerdote che invita a tornare nelle chiese
    di padre Juan Carlos Vásconez Poche ore prima della cerimonia della mia ordinazione sacerdotale, l’allora Prelato dell’Opus Dei ha ricordato a noi diaconi che ci stavamo preparando, che saremmo diventati sacerdoti soprattutto per avvicinare le anime a Dio attraverso i sacramenti. Che questo era il dono più grande che Dio aveva fatto all’umanità, rendersi presente […]
    Catholic Link
  • Foto esclusive: la festa di San Gennaro a New York torna alle sue umili origini
    Nel 94° anno del suo svolgimento, la devozione va avanti nonostante la pandemia Se le strade di New York City potessero parlare, racconterebbero mille storie di fede. Ovviamente ci sarebbero anche storie di crimini e caos, ma questa è un’altra storia. Se potessero davvero parlare, vi donerebbero storie di santi come Madre Cabrini, Elizabeth Ann […]
    Jeffrey Bruno
  • Sapersi distaccare dai propri genitori, una questione essenziale per una giovane coppia
    Anche se le due prescrizioni di lasciare e onorare i genitori possono sembrare paradossali, sono comunque molto importanti per una coppia che vuole mettere su famiglia. Ecco alcuni suggerimenti su come tagliare il cordone ombelicale con i genitori e vivere una vita di coppia serena. di Ariane Lecointre-Cloix Da bambina, Estelle era sempre “leale e […]
    Edifa
  • Eredità: come evitare il regolamento dei conti
    L’eredità spesso risveglia dei sentimenti che avremmo preferito lasciare da parte. Quando si prepara il testamento o si ereditano dei beni dai genitori, è importante assicurarsi che la divisione non si trasformi in uno battaglia. di Firenze Brière-Loth I credenti si comportano meglio degli altri quando si tratta di eredità? Frate Jean Emmanuel Ena esplora […]
    Edifa
  • Consigli astuti per avere una memoria da elefante
    Compleanni, codice della carta di credito, testi di canzoni… Per evitare dei vuoti di memoria, bisogna stimolare costantemente il cervello. Ecco qualche esercizio pratico per far funzionare i nostri neuroni quotidianamente. di Dr. Cécile Maître La memoria si consuma se non è utilizzata. Ecco qualche consiglio del dottor Cécile Maître per farla funzionare ogni giorno. […]
    Edifa
  • Santificate la vostra vita quotidiana con San Josemaría Escrivà
    Chiamato il santo patrono del quotidiano, San Josemaría era convinto che le circostanze della vita non siano un ostacolo sulla via della perfezione e del sacrificio. Ecco i cinque passi per mettere in pratica questa filosofia nella vita quotidiana. di Beatrice de La Coste Il fondatore dell’Opus Dei aveva una convinzione, presente in tutti i […]
    Edifa
  • Ogni credente ha un angelo custode a titolo di “pedagogo” o di “pastore”
    Lo dice San Basilio. Ecco cosa intende. Ma il dibattito è aperto sull’assegnazione dello spirito celeste alla nascita o dopo il Battesimo L’esistenza degli Angeli custodi è molto rassicurante per noi umani. Ma è opportuno chiedersi se ha qualche fondamento teologico, a tale riguardo una preghiera recita così: “O Santo Angelo, che Dio, per la […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Prendendo precauzioni, le chiese cattoliche hanno evitato focolai di Covid, dicono i medici
    “Mantenere la distanza, indossare le mascherine e lavarsi le mani”, continuano a consigliare gli esperti in un nuovo rapporto Nella festa dell’Assunzione, il 15 agosto, molti piccoli gruppi si sono riuniti in vari punti della piazza all’esterno della cattedrale di St. Mary a San Francisco (Stati Uniti). Ogni gruppo, limitato a una dozzina di persone, […]
    John Burger
  • Cosa dice la Bibbia sul pettegolezzo e le chiacchiere?
    L’uso malevolo e distorto della lingua, al fine di procurare male a qualcuno, è condannato sia nel Vecchio che nel Nuovo Testamento. Ecco come Il tema del pettegolezzo, nelle sue varie forme, lo ritroviamo trasversalmente negli scritti sia dell’Antico sia del Nuovo Testamento, soprattutto nei Libri sapienziali, nei Salmi, nei Vangeli e nelle Lettere di […]
    Gelsomino Del Guercio

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

  • Giornata mondiale migrazioni: Sant’Egidio, domani in piazza con il Papa 26 settembre 2020
    In occasione della Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato la Comunità di Sant’Egidio si unisce alle celebrazioni che si tengono in tutto il mondo, a partire da quella con Papa Francesco in piazza San Pietro, domani, 27 settembre, a cui parteciperà con “Genti di Pace”, composto da migranti che frequentano le Scuole di Lingua […]
  • Migranti: card. Czerny, cercare “misure alternative alla detenzione” 26 settembre 2020
    “Misure alternative alla detenzione dei migranti; accesso al territorio ai richiedenti di protezione internazionale; dignità di lavoratori migranti”. Sono questi alcuni versanti su cui la Sezione Migranti e Rifugiati del Dicastero per il Servizio dello sviluppo umano integrale sta lavorando, per “aiutare il lavoro della Commissione vaticana Covid-19 e soprattutto di sostenere il magistero del […]
  • Giornata mondiale migrazioni: Caritas Internationalis, “garantire accesso incondizionato ai beni primari” 26 settembre 2020
    “Garantire agli sfollati interni l’accesso incondizionato a beni primari – come cibo e acqua – e ai servizi di base, permettendo loro di vivere una vita dignitosa, specialmente in questo periodo di pandemia di Covid-19”. E’ una delle richieste avanzate dalla Caritas Internationalis, in sintonia con Papa Francesco, in vista della Giornata mondiale del migrante […]
  • Papa Francesco: nomina David Charles Baulcombe membro ordinario della Pontificia Accademia delle Scienze 26 settembre 2020
    Il Papa ha nominato membro ordinario della Pontificia Accademia delle Scienze  David Charles Baulcombe, professore di Botanica presso l’Università di Cambridge. A darne notizia è oggi la Sala Stampa della Santa Sede. Il prof. Baulcombe è nato il 7 aprile 1952 a Solihull, in Gran Bretagna. Ha studiato presso le Università di Leeds ed Edimburgo, conseguendo il […]
  • Papa Francesco: nomina mons. Mamberti suo inviato a Bruxelles 26 settembre 2020
    Il Papa ha nominato il card. Dominique Mamberti, prefetto del Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica, suo inviato speciale a presiedere la celebrazione della Messa che si terrà il 28 novembre prossimo, nella basilica di Koekelberg a Bruxelles, in occasione del 150° anniversario di fondazione dell’Associazione Pro Petri Sede. Ne dà notizia oggi la Sala Stampa della Santa […]
  • Anno Ignaziano: card. Omella (Barcellona), “il Papa non esclude di visitare Manresa” 26 settembre 2020
    “Il Papa non esclude di visitare Manresa in occasione dell’Anno Ignaziano del 2022”. Lo ha detto il cardinale arcivescovo di Barcellona Juan José Omella alla stampa, al termine di una riunione dei vertici della Conferenza episcopale spagnola con il Santo Padre, nei giorni scorsi. “Soprattutto perché non conosce Manresa” – ha sottolineato Omella, secondo quanto […]
  • Intelligenza artificiale: don Pasqualetti (Ups), “l’uomo deve fare le scelte etiche e possedere la capacità di comprensione tecnologica” 26 settembre 2020
    “A forza di lavorare a contatto con le macchine invece di raffinare la nostra capacità di analisi stiamo regredendo”. Lo ha detto don Fabio Pasqualetti, decano della Facoltà di Scienze della comunicazione dell’Università pontificia salesiana, durante il convegno sulla intelligenza artificiale dello stesso ateneo. “Noi – prosegue – non siamo processori ma funzioniamo in modo […]
  • Intelligenza artificiale: p. Benanti, “oggi impera l’algocrazia, abbiamo bisogno della algoretica” 26 settembre 2020
    “Ci troviamo in una società in cui impera l’algocrazia per cui abbiamo bisogno della algoretica”. Così padre Paolo Benanti, docente di teologia morale ed etica delle tecnologie alla Pontificia università gregoriana, durante il convegno dedicato all’intelligenza artificiale promosso dalla Università pontificia salesiana in corso oggi on line. “I grandi sistemi di IT – prosegue – offrono servizi […]
  • Università Pontificia Salesiana: il 15 ottobre inaugurazione nuovo anno accademico con prolusione dell’astrofisica Branchesi 26 settembre 2020
    Giovedì 15 ottobre l’Università Pontificia Salesiana inaugura il nuovo anno accademico. L’evento, che segna anche la conclusione delle celebrazioni dell’80° dalla fondazione, avrà una connotazione diversa dal solito a motivo dell’emergenza sanitaria che impone una partecipazione contingentata. In rispetto delle disposizioni vigenti relative alla sicurezza delle persone e degli ambienti, l’ingresso sarà su invito, precedentemente confermato. […]
  • Rinnovamento nello Spirito: da domani a Roma l’“Alleluja! International Web Meeting” 25 settembre 2020
    Si svolgerà il 26 e 27 settembre in digitale l’“Alleluja! International Web Meeting”, l’evento di preghiera ed evangelizzazione organizzato dal Rinnovamento nello Spirito nella sede nazionale di Roma. La due giorni è organizzata in tre sessioni scandite da momenti dal vivo e trasmissione di contenuti registrati. L’iniziativa è rivolta principalmente agli aderenti del RnS e […]

Commenti recenti

     

    • 140:
    • 242:
    settembre: 2020
    L M M G V S D
    « Ago    
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    282930  

    Login