Valorizzare il prezioso patrimonio culturale e religioso messinese per:

Ridestare e rinsaldare la nostra identità collettiva

Attuare strategie di affermazione socioculturale

Rendere più vivibile e accogliente la nostra città

Sviluppare la naturale vocazione  turistico-religiosa di Messina

Messina Religiosa

“MESSINA RELIGIOSA”
== Storia, Identità, Cultura ==

L’Associazione culturale “Messina Religiosa”, in stretto collegamento con il “Gruppo di Montevergine” che ha sede presso l’omonimo Monastero a Messina, in Via XXIV Maggio 161, ha come finalità preminente quella di fornire adeguati stimoli costruttivi di “produzione culturale” rivolti alla nostra città, e non solo. Si prefigge di esercitare questo ruolo attraverso strategie di affermazione socioculturale, intese a risvegliare e rafforzare l’identità collettiva, a migliorare le funzioni socio-politico-amministrative e del modo di vivere comune, facendo leva sui valori che derivano dall’enorme patrimonio tradizionale-storico-spirituale, che conferisce alla nostra città un’impronta identitaria cratterizzata da una forte componente religiosa.

“Messina Religiosa”, pertanto, intende svolgere attività di carattere culturale, civile e spirituale, rivolta ad approfondire la consapevolezza delle radici, delle potenzialità e valori che contraddistinguono la nostra collettività, e che rappresentano per i messinesi validi motivi di orgogliosa appartenenza. Tale impegno è incentrato soprattutto nella valorizzazione del prezioso patrimonio di religiosità e spiritualità che appartiene alla nostra storia, fra cui principalmente le tre grandi figure di Santi messinesi: Eustochia Smeralda Calafato, Annibale M. Di Francia e San Placido Martire; cui si unisce la tradizionale e caratterizzante devozione per la Madonna della Lettera, insieme ai numerosi altri personaggi messinesi avviati sulla via della beatificazione, che fanno di Messina una privilegiata “Terra di Santi”. Un insieme di fattori assai significativi e stimolanti che sul piano tradizionale, storico, civile, spirituale, religioso e culturale, ci spingono a “riappropriarci del nostro nobile passato per valorizzarlo e aprirlo sull’avvenire”.

Sulla scia di queste linee guida, dunque, la nostra vuol essere una Associazione di autentico impegno intellettuale, oltre che religioso; che, per essere veramente tale, deve produrre senso costruttivo, attraverso pratiche culturali di appartenenza identitaria, a vantaggio della nostra esistenza collettiva, e divulgarlo mediante la riscoperta e valorizzazione del patrimonio culturale religioso che ci appartiene. Patrimonio culturale religioso che accomuna le diverse realtà rappresentate dai vari ordini, congregazioni, confraternite, associazioni, gruppi e movimenti, con cui, pur nelle differenti specificità, sarebbe utile, per il bene della collettività, trovare modalità di cooperazione e occasioni di iniziative congiunte.

Inoltre, tra le attività che si intendono svolgere non può non esserci un particolare interesse rivolto a promuovere la valorizzazione dell’accogliente centralità di Messina, e del ruolo naturale che essa merita di rivestire nel solco di una secolare tradizione mediterranea ed europea, in particolar modo, nel segno della vocazione turistica che crediamo sia particolarmente congeniale alle caratteristiche della nostra città, e pertanto rispondente alle sue esigenze di sviluppo socio-economico.

A tale scopo, riteniamo pertinente dedicare un particolare lavoro di analisi e approfondimento delle risorse culturali e religiose presenti a Messina e provincia, al fine di metterne in risalto gli elementi rilevanti, non solo con l’obiettivo di favorire il rafforzamento dell’identità collettiva della città, ma anche per valorizzarne le vocazioni comunitarie e territoriali, in ordine all’incremento del turismo religioso locale, allo scopo di favorire il rilancio dello sviluppo socio-economico cittadino. Sotto questo profilo, considerando che dal punto di vista antropologico l’identità di una comunità si identifica con la sua cultura, e questa, indubbiamente, ha fra le sue componenti principali la religiosità, possiamo ben dire che proprio nel grande “serbatoio” di valori religiosi che le appartiene, Messina ha un patrimonio di notevole entità. Ancor più importante perché ad esso si aggiunge una particolare ricchezza di storia, tradizioni, doti paesaggistiche e dinamiche territoriali di mobilità sociale, che fanno della nostra città un centro di rilevante importanza: una città, dunque, la cui particolare ricchezza va adeguatamente valorizzata e sviluppata.

Sulla base di queste premesse, nel quadro di un conseguente programma di massima da concretizzare, si rileva tutta l’importanza che ha – in ordine al turismo religioso – poter migliorare il rapporto tra luoghi sacri della memoria e visitatori, interni ed esterni, che cercano di soddisfare un’esigenza interiore e di fede, unitamente al recupero del senso di identità di siti che hanno un significativo valore storico-culturale-spirituale. Una prospettiva che appare di grande valore per la crescita sociale, identitaria ed economica di un territorio come il nostro che ne ha bisogno, e che, sotto questo profilo, è privilegiato, fra l’altro, per la sua posizione e conformazione geografica.

 La Redazione

LE RADICI DELLA NOSTRA APPARTENENZA

Quali  promotori del suddetto progetto, intendiamo fare riferimento alle radici dell’identità spirituale da cui proveniamo, e che ci

Lo storico "Comitato di Montevergine"

Lo storico “Comitato di Montevergine”

caratterizza nel segno di una appartenenza privilegiata, di cui ci sentiamo particolarmente orgogliosi .

Si tratta dell’adesione al “Gruppo di Montevergine” – con sede presso il Monastero di clausura in cui opera la Comunità delle “Sorelle povere di Santa Chiara” –  un sodalizio la cui naturale provenienza risale allo storico ”Comitato di Montevergine”. Comitato che, a suo tempo, ebbe un ruolo importante nel dare sostegno alle Clarisse dell’omonimo Monastero  –   essendo Abbadessa Madre Chiara Fortunata Angelino e Cappellano Mons. Francesco Sgalambro, Vescovo ausiliare di Messina – per il buon esito dell’iter di preparazione alla Canonizzazione della clarissa messinese Eustochia Smeralda Calafato, avvenuta eccezionalmente nella nostra città l’11 giugno 1988, ad opera di Papa Giovanni Paolo II.

  Di conseguenza, in quanto fautori di “Messina Religiosa”, ci sentiamo particolarmente collegati e ispirati ai valori di carattere religioso, storico, morale, umano, sociale e psicologico che fanno di questa Santa messinese un prezioso patrimonio culturale della nostra città, quale elevato ed esemplare modello di vita, tanto  esaltante nel dare lustro all’identità  collettiva di Messina.

Il Papa nella chisa di S. Eustochia

Il Papa nella chiesa di S. Eustochia (1988)

 Ci sentiamo,  pertanto, vivamente coinvolti, nel voler seguire e diffondere i valori culturali e religiosi proveniente dallo  “Spirito di Montevergine”,  che da secoli irradia luminosissima spirititualità attraverso il Messaggio di Santa Eustochia Smeralda. Un Messaggio che rappresenta  un invito ad uno specifico impegno, rivolto a porre all’attenzione dei messinesi, in chiave anche di miglioramento della loro vita comune, i valori universali, insiti in questa luminosa figura di nostra santa concittadina, che rappresenta per noi tutti un comune e orgoglioso motivo di  appartenenza.

 


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Papa Francesco esorta la Chiesa a non rimanere “statica”
    Guidata dallo Spirito Santo, non deve smettere di far comprendere in pienezza gli insegnamenti di Gesù. L’auspicio è che faccia risplendere il proprio volto “bello e luminoso” voluto da Cristodi Giada Aquilino – Città del Vaticano Una Chiesa libera da “legami mondani”, non “statica”, nella quale ogni fedele si lasci “istruire e guidare” dallo Spirito […]
    Mirko Testa
  • Chi sono i «miti» delle Beatitudini che erediteranno la terra?
    A cosa si riferisce la frase «Beati i miti, perché erediteranno la terra»? Si parla di un ruolo che le persone miti potranno avere nella storia di questo mondo, o si parla di una loro posizione privilegiata in paradiso? Fabio Luppi Risponde don Stefano Tarocchi, docente di Sacra Scrittura alla Facoltà teologica dell’Italia Centrale. La […]
    Toscana Oggi
  • Le frasi più forti dei Papi sull’Europa
    «Hanno voluto negare le radici dell'Europa e così Dio si è vendicato» Dalla visione profetica di Pio XII, il Papa della seconda guerra mondiale, alle parole di mediazione di Giovanni XXIII. Dagli appelli di Giovanni Paolo II alle stoccate sui valori cristiani messi in discussione da parte di Benedetto XVI e Francesco. Ecco le frasi dei […]
    Gelsomino Del Guercio
  • L’angelo del Portogallo e le apparizioni a Fatima prima della Madonna
    Lo spirito celeste ha fatto da precursore alla Vergine. Ecco gli episodi più significativi che sono avvenuti raccontati da Suor Lucia Una  delle apparizioni mariane più importanti  del XX secolo, è stata certamente quella di Fatima in Portogallo dove l’angelo della nazione portoghese, quindi uno spirito buono territoriale, interpretò un ruolo di  capitale importanza. La […]
    don Marcello Stanzione
  • Come si smette di avere paura di poter fallire?
    Ecco alcuni esercizi per star meglio anche di fronte ai "no" La paura di fallire che ci scuote dentro, che non ci fa vivere serenamente. Come affrontarla e superarla? Lo psicoterapeuta Pasquale Ionata risponde con un’analisi molto efficace nel suo nuovo libro “Accogli ciò che è” (Città Nuova). Lo psicoterapeuta parte da un presupposto: per […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Ecco a voi il sapore della birra della Bibbia!
    I ricercatori israeliani realizzano il lievito di 5.000 anni fa per ricreare la birra anticaDopo aver riunito dei campioni di lievito da pentole di terracotta trovate in occasione degli scavi archeologici in Israele e non usate per migliaia di anni, un’équipe composta da biologi, archeologi e birrai artigianali ha elaborato con successo una birra che […]
    J.P. Mauro
  • Trasformare i cadaveri in compost è cristiano?
    Lo Stato di Washington è il primo ad approvare una legge che regola questa pratica, che entrerà in vigore il 1° maggio 2020“Recompose offre un’opzione alternativa alla cremazione e ai metodi di sepoltura convenzionali. Il nostro servizio, la ricomposizione, trasforma dolcemente i resti umani in terra, perché possiamo alimentare una nuova vita dopo la morte”. […]
    Jaime Septién
  • Chiara Amirante: affido le persone ferite che incontro a Maria e Lei interviene sempre!
    In una recente intervista la fondatrice di Nuovi Orizzonti parla della sua devozione mariana, dei pellegrinaggi a Medjugorje e Lourdes e di come la Provvidenza sia sempre intervenuta in suo aiuto.Sul nuovo numero del settimanale Maria con te è apparsa una bella intervista di Antonio Sanfrancesco a Chiara Amirante, la fondatrice della comunità di Nuovi Orizzonti. […]
    Silvia Lucchetti
  • La Chiesa lucra sui 35 euro al giorno per ogni migrante?
    Tranquilli, non c'è dietro nessun business di Vaticano o parrocchie! 35 euro per ogni migranti. E poi quei soldi dove finiscono? Come li utilizza la Chiesa? Si fa chiarezza su questi temi nel libro “I soldi della Chiesa. Ricchezze favolose e povertà evangelica” (Edizioni Paoline), Mimmo Muolo, vaticanista di Avvenire. Muolo premette: qualcuno sostiene si […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Vincent Lambert: la dichiarazione dei Vescovi di Francia
    Qualche giorno dopo l’annuncia fatto dal medico del CHU di Reims sull’arresto delle cure elementari (alimentazione e idratazione) di Vincent Lambert, la commissione di Bioetica della Conferenza dei Vescovi di Francia (CEF) ha reagito il 18 maggio 2019 (dunque prima della precipitazione e del colpo di scena del 20) pubblicando una dichiarazione intitolata “Un’ambizione: la […]
    Aleteia

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

Almanacco

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 228:
    • 156:
    maggio: 2019
    L M M G V S D
    « Apr    
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    2728293031  

    Login