Valorizzare il prezioso patrimonio culturale e religioso messinese per:

Ridestare e rinsaldare la nostra identità collettiva

Attuare strategie di affermazione socioculturale

Rendere più vivibile e accogliente la nostra città

Sviluppare la naturale vocazione  turistico-religiosa di Messina

Messina Religiosa

“MESSINA RELIGIOSA”
== Storia, Identità, Cultura ==

L’Associazione culturale “Messina Religiosa”, in stretto collegamento con il “Gruppo di Montevergine” che ha sede presso l’omonimo Monastero a Messina, in Via XXIV Maggio 161, ha come finalità preminente quella di fornire adeguati stimoli costruttivi di “produzione culturale” rivolti alla nostra città, e non solo. Si prefigge di esercitare questo ruolo attraverso strategie di affermazione socioculturale, intese a risvegliare e rafforzare l’identità collettiva, a migliorare le funzioni socio-politico-amministrative e del modo di vivere comune, facendo leva sui valori che derivano dall’enorme patrimonio tradizionale-storico-spirituale, che conferisce alla nostra città un’impronta identitaria cratterizzata da una forte componente religiosa.

“Messina Religiosa”, pertanto, intende svolgere attività di carattere culturale, civile e spirituale, rivolta ad approfondire la consapevolezza delle radici, delle potenzialità e valori che contraddistinguono la nostra collettività, e che rappresentano per i messinesi validi motivi di orgogliosa appartenenza. Tale impegno è incentrato soprattutto nella valorizzazione del prezioso patrimonio di religiosità e spiritualità che appartiene alla nostra storia, fra cui principalmente le tre grandi figure di Santi messinesi: Eustochia Smeralda Calafato, Annibale M. Di Francia e San Placido Martire; cui si unisce la tradizionale e caratterizzante devozione per la Madonna della Lettera, insieme ai numerosi altri personaggi messinesi avviati sulla via della beatificazione, che fanno di Messina una privilegiata “Terra di Santi”. Un insieme di fattori assai significativi e stimolanti che sul piano tradizionale, storico, civile, spirituale, religioso e culturale, ci spingono a “riappropriarci del nostro nobile passato per valorizzarlo e aprirlo sull’avvenire”.

Sulla scia di queste linee guida, dunque, la nostra vuol essere una Associazione di autentico impegno intellettuale, oltre che religioso; che, per essere veramente tale, deve produrre senso costruttivo, attraverso pratiche culturali di appartenenza identitaria, a vantaggio della nostra esistenza collettiva, e divulgarlo mediante la riscoperta e valorizzazione del patrimonio culturale religioso che ci appartiene. Patrimonio culturale religioso che accomuna le diverse realtà rappresentate dai vari ordini, congregazioni, confraternite, associazioni, gruppi e movimenti, con cui, pur nelle differenti specificità, sarebbe utile, per il bene della collettività, trovare modalità di cooperazione e occasioni di iniziative congiunte.

Inoltre, tra le attività che si intendono svolgere non può non esserci un particolare interesse rivolto a promuovere la valorizzazione dell’accogliente centralità di Messina, e del ruolo naturale che essa merita di rivestire nel solco di una secolare tradizione mediterranea ed europea, in particolar modo, nel segno della vocazione turistica che crediamo sia particolarmente congeniale alle caratteristiche della nostra città, e pertanto rispondente alle sue esigenze di sviluppo socio-economico.

A tale scopo, riteniamo pertinente dedicare un particolare lavoro di analisi e approfondimento delle risorse culturali e religiose presenti a Messina e provincia, al fine di metterne in risalto gli elementi rilevanti, non solo con l’obiettivo di favorire il rafforzamento dell’identità collettiva della città, ma anche per valorizzarne le vocazioni comunitarie e territoriali, in ordine all’incremento del turismo religioso locale, allo scopo di favorire il rilancio dello sviluppo socio-economico cittadino. Sotto questo profilo, considerando che dal punto di vista antropologico l’identità di una comunità si identifica con la sua cultura, e questa, indubbiamente, ha fra le sue componenti principali la religiosità, possiamo ben dire che proprio nel grande “serbatoio” di valori religiosi che le appartiene, Messina ha un patrimonio di notevole entità. Ancor più importante perché ad esso si aggiunge una particolare ricchezza di storia, tradizioni, doti paesaggistiche e dinamiche territoriali di mobilità sociale, che fanno della nostra città un centro di rilevante importanza: una città, dunque, la cui particolare ricchezza va adeguatamente valorizzata e sviluppata.

Sulla base di queste premesse, nel quadro di un conseguente programma di massima da concretizzare, si rileva tutta l’importanza che ha – in ordine al turismo religioso – poter migliorare il rapporto tra luoghi sacri della memoria e visitatori, interni ed esterni, che cercano di soddisfare un’esigenza interiore e di fede, unitamente al recupero del senso di identità di siti che hanno un significativo valore storico-culturale-spirituale. Una prospettiva che appare di grande valore per la crescita sociale, identitaria ed economica di un territorio come il nostro che ne ha bisogno, e che, sotto questo profilo, è privilegiato, fra l’altro, per la sua posizione e conformazione geografica.

 La Redazione

LE RADICI DELLA NOSTRA APPARTENENZA

Quali  promotori del suddetto progetto, intendiamo fare riferimento alle radici dell’identità spirituale da cui proveniamo, e che ci

Lo storico "Comitato di Montevergine"

Lo storico “Comitato di Montevergine”

caratterizza nel segno di una appartenenza privilegiata, di cui ci sentiamo particolarmente orgogliosi .

Si tratta dell’adesione al “Gruppo di Montevergine” – con sede presso il Monastero di clausura in cui opera la Comunità delle “Sorelle povere di Santa Chiara” –  un sodalizio la cui naturale provenienza risale allo storico ”Comitato di Montevergine”. Comitato che, a suo tempo, ebbe un ruolo importante nel dare sostegno alle Clarisse dell’omonimo Monastero  –   essendo Abbadessa Madre Chiara Fortunata Angelino e Cappellano Mons. Francesco Sgalambro, Vescovo ausiliare di Messina – per il buon esito dell’iter di preparazione alla Canonizzazione della clarissa messinese Eustochia Smeralda Calafato, avvenuta eccezionalmente nella nostra città l’11 giugno 1988, ad opera di Papa Giovanni Paolo II.

  Di conseguenza, in quanto fautori di “Messina Religiosa”, ci sentiamo particolarmente collegati e ispirati ai valori di carattere religioso, storico, morale, umano, sociale e psicologico che fanno di questa Santa messinese un prezioso patrimonio culturale della nostra città, quale elevato ed esemplare modello di vita, tanto  esaltante nel dare lustro all’identità  collettiva di Messina.

Il Papa nella chisa di S. Eustochia

Il Papa nella chiesa di S. Eustochia (1988)

 Ci sentiamo,  pertanto, vivamente coinvolti, nel voler seguire e diffondere i valori culturali e religiosi proveniente dallo  “Spirito di Montevergine”,  che da secoli irradia luminosissima spirititualità attraverso il Messaggio di Santa Eustochia Smeralda. Un Messaggio che rappresenta  un invito ad uno specifico impegno, rivolto a porre all’attenzione dei messinesi, in chiave anche di miglioramento della loro vita comune, i valori universali, insiti in questa luminosa figura di nostra santa concittadina, che rappresenta per noi tutti un comune e orgoglioso motivo di  appartenenza.

 


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Perché non abbiamo più rapporti sessuali?
    Rimanere collegati alla persona che si ama è fondamentale nel matrimonio Michele Weiner-Davis è una terapeuta che dopo aver vissuto il divorzio dei genitori ha dedicato tutta la vita ad aiutare a evitare che accada ad altre persone. In base alla sua ampia esperienza in fatto di matrimonio, ha concluso che molte infedeltà e molti […]
    Cecilia Zinicola
  • La storia dietro la Madonna della Neve
    Quando la neve cadde miracolosamente ad agosto a Roma, venne costruita una chiesa per commemorare l’evento La pala d’altare onora il ruolo giocato dalla neve nella fondazione di Santa Maria Maggiore, una delle più importanti chiese cattoliche di Roma. La neve è rara a Roma in inverno, figuriamoci in estate. Secondo la tradizione, però, la […]
    V. M. Traverso
  • Lettera della madre di un militare caduto in servizio
    Il 13 gennaio suo figlio Éloi Fournier – maresciallo dei Logis (93mo reggimento d’artiglieria di montagna) – ha trovato la morte a seguito di una valanga: neanche dieci giorni dopo la madre Laurence si rivolge a lui a mezzo di una toccante lettera aperta. Vi si racconta il dolore di una mamma provata, ma pure […]
    Domitille Farret d'Astiès
  • Condannati e poi esaltati: piccola storia spirituale del gioco degli scacchi
    Condannato da san Luigi ma difeso da Francesco di Sales e additato ad esempio spirituale da santa Teresa d’Avila, il gioco degli scacchi è una metafora ludica del gioco dell’anima… dove è Dio che vuole fare scacco matto. Al museo del Louvre, nel Corridor de Valence, si trova un pezzo da collezione piuttosto unico nel […]
    Camille Dalmas
  • Papa Francesco: l’invidia porta la guerra, ma è sempre una bolla di sapone
    Nell’omelia della Messa del mattino, Papa Francesco mette in guardia contro “il tarlo della gelosia”, che ci porta a giudicare male gli altri, ad entrare in concorrenza, con un “chiacchiericcio” con noi stessi che uccide l’altro, ma che in realtà “non ha consistenza”. Il Signore ci dia sempre la grazia di capirlo e, come Saul, […]
    Vatican News
  • La guida di San Francesco di Sales all’uso dei social media
    Ricordate questi semplici principi quando vi collegate alle reti sociali! I social media sono sicuramente un mezzo importante per collegarci alle persone di tutto il mondo, ma possono anche condurci lungo una via oscura di pettegolezzo e calunnia, e alla tendenza a giudicare. Le nostre emozioni possono facilmente essere lasciate a briglia sciolta, e l’anonimato […]
    Philip Kosloski
  • I 5 libri più belli della settimana scelti per le donne
    Santa Caterina era capace di parole infuocate; il perdono ci chiede parole che mettono a bada l’istinto; Andrea Vianello è un giornalista che ha dovuto imparare da capo le parole. Anche il mondo dei libri ci dice che siamo fatti per una relazione. Mentre ordinavo l’elenco dei libri da suggerirvi questa settimana, mi sono accorta […]
    Annalisa Teggi
  • 10 errori comuni nell’educazione dei figli
    È facile caderci vista la nostra condizione umana Vi siete mai chiesti perché si dice che “educare è un’arte”? Il compito educativo dei genitori e delicato e meraviglioso come l’arte, e implica un processo di apprendimento soggetto a errori. Pur volendo il meglio per i figli, non sempre i genitori li favoriscono quando adottano certi […]
    LaFamilia.info
  • Noi ti vediamo ancora: “Hair love” è il potente corto su malattia e famiglia (VIDEO)
    “Hair love” è il corto animato di Matthew A. Cherryv che parla di famiglia e malattia da una prospettiva insolita: anche prendersi cura dei propri capelli è un gesto d’amore, che dice a un malato”va tutto bene”, là fuori la tua vita ti aspetta ancora! Un taglio di capelli non è mai “solo” un taglio […]
    Giovanna Binci
  • Noi cattolici siamo già molto Hygge…e pure molto felici!
    La moda dell’Hygge con la sua ricetta danese per la felicità fatta di coperte, candele e famiglia sta spopolando. Tutto molto bello, ma da cattolica, mi rendo conto di avere molto di più! Hygge (che si pronuncia hugge o come ti pare, tanto nessuno lo sa davvero da queste parti) è l’arte di essere felici […]
    Martha, Mary and Me

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 80:
    • 201:
    gennaio: 2020
    L M M G V S D
    « Dic    
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    2728293031  

    Login