Attributi e simbologia religiosa dell’“acqua” – bene prezioso minacciato da siccità – nella toponomastica siciliana

Redazione1
di Redazione1 novembre 5, 2017 19:38

Attributi e simbologia religiosa dell’“acqua” – bene prezioso minacciato da siccità – nella toponomastica siciliana

La siccità sta colpendo duramente il nostro Paese: piogge carenti, sempre più intense e brevi, sono un fenomeno preoccupante diventato ormai uno stato di emergenza. Modificazioni climatiche e comportamentali favoriscono l’impoverimento dei bacini idrici naturali, minacciando un pericoloso calo del necessario di acqua potabile. Nell’affrontare questa crisi, non può mancare l’impegno prioritario dei cattolici, data la loro propensione a difendere il creato, e la sollecitazione di Papa Francesco che, con l’enciclica “Laudato sì”, chiama a tutelare la natura, nostra “casa comune”. Ora, cercando di evidenziare il valore naturale, vitale, simbolico e religioso che l’acqua riveste per l’essere umano, e specialmente per i cristiani, riteniamo che questa interessante esposizione linguistica, seguendo le orme della toponomastica siciliana, sia un modo culturalmente calzante per farlo. 

L’acqua è un elemento prezioso e uno dei riferimenti più importanti nella vita di un uomo. Nell’immaginario collettivo essa è collegata all’idea della vita, della nascita e della rinascita. Nel culto cristiano l’acqua è un simbolo importante, ricco di significatiNel sacramento del battesimo, ad esempio, essa è segno della purificazione, della benedizione che salva e del rinnovamento nello spirito santo. Il termine ‘battesimo’ deriva dalla radice del verbo greco baptízō ‘immergo’, perché nell’antichità avveniva per immersione totale, simboleggiando il concetto del seppellimento e della morte, ma anche di rigenerazione e di rinascita.

Nel dialogo di Gesù con la Samaritana, Gesù stesso si identifica con l’acqua che salva per la vita eterna: «Chiunque beve dell’acqua avrà di nuovo sete; ma chi berrà dell’acqua che io gli darò, non avrà più sete in eterno. Anzi, l’acqua che io gli darò diventerà in lui una sorgente d’acqua che zampilla per la vita eterna» (Vangelo di Giovanni 4,13-15).

In quanto pioggia che cade sui campi e li feconda l’acqua è fonte e simbolo di vita e fertilità. Nelle processioni religiose di molti centri della Sicilia si invoca la Madonna perché mandi la pioggia che feconda le messi e combatte la siccità, ma anche per scongiurare precipitazioni troppo abbondanti e dannose per gli uomini e per i raccolti.

Numerose località siciliane portano il nome di ‘Acquasanta’ (Acquasanta quartiere e piazza, nonché porto turistico dell’Acquasanta, a Palermo; contrada Acquasanta a Gioiosa Marea ME; le sorgenti della Santissima nel territorio di Fiumedinisi (Messina), ricco di sorgenti naturali tra cui quello dal quale parte l’acquedotto detto appunto della Santissima che fornisce Messina). Le località che portano il nome di ‘acqua santa’, si riferiscono in genere ad acque o sorgenti ritenute medicamentose o miracolose, per intercessione di Dio o della Madonna, tanto più che l’acqua è un elemento di per sé vitale e prezioso.

L’acqua collegata alla Madonna ha dato il nome a località siciliane come Madonna dell’Acqua Calda, frazione di Barcellona Pozzo di Gotto Messina, o sotto il nome di vena (da latino vena) ‘vena d’acqua’:Madonna della Vena, via di Santo Stefano di Briga, ME, di cui la Madonna è la  principale patrona. Nella località di Vena, frazione di Piedimonte Etneo, CT si trova il Santuario di Santa Maria della Vena: nell’icona della Madonna, risalente al VI sec. dell’era cristiana, c’è un’iscrizione, probabilmente di epoca posteriore: Sancta Maria, Vena omnium gratiarum, ora pro nobis, dove vena è un’apposizione, riferita alla Madonna, ‘fonte’ di tutte le grazie. La Madonna è considerata Colei che, sorgente di vita, purifica, guarisce e benedice.  

La tradizione racconta che le origini del santuario risalgono a un periodo compreso tra il 580 ed il 590 quando Gregorio I, che alla morte poi fu canonizzato come San Gregorio Magno, diede l’ordine ad un gruppo di monaci di fondare un monastero dedicato a Sant’Andrea nelle proprietà etnee della madre Silvia (Santa Silvia). I monaci portarono sulle bestie da soma, oltre ai materiali occorrenti per

costruire il monastero, anche un quadro della ‘Madre di Dio’ (Theotòkos), che Gregorio aveva ricevuto in dono. Si narra che, nel cammino dei monaci verso l’Etna, la mula che trasportava il quadro, a un certo punto si fermò, cominciando a scavare con gli zoccoli nel terreno, da cui venne fuori una ‘vena’ d’acqua. I monaci lo considerarono un segno divino, e  proprio lì, dove sgorgava l’acqua, fondarono il monastero gregoriano di Vena, che poi, dal 1500, venne indicato come Abbazia della Vena, oggi Santuario, meta di continui pellegrinaggi.

Altri nomi di luogo che indicavano la presenza dell’acqua, erano Itria o Idria, dove ‘idria’ significava ‘grande vaso per l’acqua’e, nella toponomastica, anche ‘grande serbatoio di acqua’(Idria, frazione di Modica RG; torrente Idria a Barcellona Pozzo di Gotto, ME; Viale Itria, Nicosia EN). Famosa anche la Madonna dell’Itria. Ricordiamo che, a Messina, nella Chiesa di Santa Caterina, c’è il quadro della Madonna dell’Itria ,di Antonello Riccio, XVI sec., rappresentata tra i Santi Pietro e Paolo, con sullo sfondo una

veduta dello stretto di Messina. In realtà Itria, in questo caso, deriva dal bizantino odigìtria, ‘colei che indica il cammino, patrona dei viandanti’, ma per etimologia popolare è collegato ad ‘acqua’. Infatti la Madonna viene venerata anche come ‘Madonna delle acque’. La Madonna dell’Itria, cosa che non tutti sanno, è la santa protettrice della Sicilia, tanto è vero che, a Roma, una Chiesa ad essa dedicata porta il nome di ‘Santa Maria Odigitria dei Siciliani’.

Fra le località della provincia di Messina, ricordiamo ancoraAcqualadrone (Frazione, ME; in alcune carte topografiche: Acquarone) da ‘acqua’ e, secondo Caracausi (1993), da siciliano lantruni, ‘grande oleandro’. A nostro avviso Acqualadrone potrebbe nascere, per etimologia popolare, da una deformazione di lantruni in ‘ladrone’. Sempre riferiti all’‘acqua’ in Sicilia ci sono anche toponimi con ‘fontana’ dal latino aqua fontana ‘acqua sorgiva’.  Fontane Bianche (frazione nel comune di SR); Fontana Rossa (frazione a circa 3 km da Catania), rossa, perché probabilmente ricca di ferro. Il toponimo ha dato il nome all’Aeroporto Internazionale Fontanarossa di Catania;

Vorrei concludere con una breve riflessione sul rapporto – tanto dibattuto nella linguistica e nella filosofia del linguaggio – fra lingua, pensiero e realtà. L’individuo è portato a percepire e designare la realtà in modo diverso a seconda degli aspetti a cui dà più importanza. Così anche nella scelta dei colori all’acqua, ‘bianca’, ‘rossa’, ‘viola’, riferiti all’acqua, da un lato hanno influito fattori fisici, come la presenza di elementi coloranti, i riflessi della vegetazione o della luce, dall’altro la diversa sensibilità percettiva da parte degli individui. Un ruolo rilevante è svolto dalla volontà dei parlanti di dare al nome una funzione espressiva, talora propiziatoria o, comunque, un significato che rispecchi i valori della cultura e della tradizione popolare, coniando, nel corso dei secoli, in lingue diverse, dei termini di cui non è sempre facile capire il significato.

 

 

Lucia Abbate

 

 

 

 

Redazione1
di Redazione1 novembre 5, 2017 19:38


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • La mirabile moltiplicazione delle monache di Boulaur
    Alla fine degli anni 1970, le suore cistercensi dell’abbazia di Boulaur (Gers) si contavano sulle dita di una mano. Sono vicine di casa della famiglia di Claire de Castelbajac, e vi intrattengono da sempre vincoli di amicizia. Gli incontri e le preghiere sarebbero sbocciati in un’incredibile primavera. È una pioggia di occhiolini che da quarant’anni […]
    Bérengère Dommaigné
  • Esther, guarita da un cancro e vivificata dalla preghiera
    Proprio un anno fa Esther, colpita da un cancro al seno, riceveva l’Unzione degli infermi. Oggi rende grazie per la guarigione, per la preghiera della sua comunità parrocchiale e per la sua rinascita in Cristo. «Venite a me, voi tutti che siete affaticati e oppressi, e io vi ristorerò» (Mt 11,28), twittava all’inizio di gennaio […]
    Mathilde De Robien
  • 10 cose che ho imparato grazie ai miei cinque figli
    Al giorno d’oggi le famiglie numerose non sono di moda. Dire che ho cinque figli mi ha trasformata nella destinataria di espressioni di stupore e a volte di disapprovazione. Non manca mai qualcuno che dica “Siete pazzi”, al che rispondiamo sempre di sì, perché bisogna davvero essere un po’ folli per avventurarsi nel mondo delle […]
    María Verónica Degwitz
  • Crollo delle adozioni in Italia: tra nazionalismi e politiche da “ultima spiaggia”
    Crollano le adozioni nel nostro paese che si attestano sotto quota 1000 per la prima volta: pesano nazionalismi, instabilità di governo, ma anche politiche da “ultima spiaggia” che non tengono conto dei diritti dei bambini in primis. Nel mondo che mercifica i bambini, che li rende prodotti pre-confezionati con gli ingredienti e le avvertenze sempre […]
    Giovanna Binci
  • Non “fare” la preziosa, perché tu sei preziosa!
    Nella castità, prima patita e poi ammirata e sempre più compresa, ho scoperto l’amore. di Antonio e Luisa San Valentino è passato da pochi giorni. Per me e Luisa non è solo la ricorrenza della festa degli innamorati. Per noi è una data importante anche per la nostra personale storia d’amore. Ne approfitto per condividere […]
    Matrimonio cristiano
  • Nelle Filippine niente strette di mano allo scambio del segno della pace, mentre la paura per il coronavirus aumenta
    La Chiesa cattolica ha diffuso linee guida per ostacolare la diffusione della malattia In risposta alla minaccia del coronavirus, la Chiesa cattolica delle Filippine ha diffuso delle linee guida consigliando ai fedeli che vanno a Messa di evitare di stringersi la mano durante lo scambio della pace e di tenersi per mano quando si recita […]
    Padre Atilano Fajardo
  • Ambasciatori di una Chiesa missionaria
    La decisione del Papa di inserire un anno di missione nel curriculum formativo del personale diplomatico della Santa Sede La decisione papale di inserire nel curriculum formativo del personale diplomatico al servizio delle nunziature un anno da trascorrere in terra di missione arriva a pochi mesi dall’annuncio che lo stesso Francesco aveva fatto nel discorso […]
    Andrea Tornielli
  • Bambino di 5 anni lancia la sorellina dalla finestra e salva la sua famiglia dalle fiamme
    Noah si è svegliato e ha visto che la sua stanza era piena di fuoco e fumo. Aveva a disposizione solo una finestra, e non ha esitato “Avevamo saputo di bambini che avvertono la famiglia del fatto che è scoppiato un incendio, ma mai di un bambino di 5 anni che abbia agito in questo […]
    Dolors Massot
  • Puoi vedere negli altri… solo ciò che hai nel cuore!
    C’era una volta un vecchio saggio seduto ai bordi di un’oasi all’entrata di una città del Medio Oriente.​ Un giovane si avvicinò e gli domandò: “Non sono mai venuto da queste parti. Come sono gli abitanti di questa città?”​ L’uomo rispose a sua volta con una domanda: “Come erano gli abitanti della città da cui […]
    Don Giovanni Benvenuto
  • San Valentino per ritardatari: potete recuperare il 2 maggio!
    San Valentino, sì, ma quale? Se non avete festeggiato il 14 febbraio, se vi siete dimenticati, se dovete rimediare, ecco la storia che potrebbe salvarvi e l’occasione per recuperare è il 2 maggio! C’era una volta San Valentino. Era un pio cristiano di cui si sa poco o nulla, a parte il fatto che era […]
    Una penna spuntata

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 168:
    • 283:
    febbraio: 2020
    L M M G V S D
    « Gen    
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    242526272829  

    Login