Antonello da Messina: in mostra a Milano i capolavori del grande maestro, personaggio-immagine di messinesità

Redazione1
di Redazione1 marzo 5, 2019 21:31

Antonello da Messina: in mostra a Milano i capolavori del grande maestro, personaggio-immagine di messinesità

L’esposizione dei capolavori di Antonello da Messina a Milano, che rende omaggio all’arte sublime del famoso pittore messinese e onora la nostra città che gli ha dato i natali, sarà ospitata al Palazzo Reale di Milano, dal 21 febbraio al 2 giugno. La mostra è allestita dal Comune di Milano Cultura in collaborazione con la Regione Siciliana, prodotta dal Palazzo Reale e Mondo Mostre Skiria e curata da Giovanni Carlo Federico Villa. Dei 35 capolavori rimasti della produzione artistica del pittore siciliano, 19 giungeranno a Milano provenienti da tutta l’Italia e da varie città europee. Fra queste innanzitutto l’”Annunciata”, (1475 circa), autentica icona dell’arte di Antonello, uno dei più alti capolavori del Quattrocento. La mostra in corso di allestimento a Milano rappresenta un’operazione culturale conseguente al progetto espositivo precedentemente realizzato a Palazzo Abatellis di Palermo (14Dicembre-10Febbraio 2018).

Ora, lo straordinario evento culturale dedicato al nostro celebre concittadino, ci dà l’occasione per rievocarne la figura di personaggio-immagine della nostra città, che fornisce spunti di approfondimento non solo per le sue virtù artistiche, ma anche per alcune specifiche doti umane che ne mettono bene in luce la messinesità (fra cui spirito di ricerca, amore per i viaggi, intraprendenza artistica, duttilità intellettuale, versatilità, correlazione interdisciplinare, inclinazione alla spiritualità). Caratteristiche di cui abbiamo scritto in una pubblicazione di qualche tempo fa, che adesso ci piace richiamare.

“ Fra i concittadini più illustri che mostrano di possedere in modo esemplare qualità riferibili alle peculiarità psicologiche della messinesità, Antonello (1430 circa 1479) è certamente uno dei personaggi più apprezzati e conosciuti in tutto il mondo. Può essere definito uno dei più grandi pittori rinascimentali dell’Italia meridionale ed esponente della pittura fiamminga in Italia.

Anche se sulla vita di questo grandissimo maestro della pittura le fonti ci forniscono poche notizie attendibili, tuttavia dalle informazioni frammentarie che ci giungono, e in particolar modo dai suoi dipinti, possiamo ricavare elementi interessanti a conferma di quanto abbiamo esposto sulla psicologia dei messinesi. Intanto c’è da rilevare che la sua messinesità risalta subito dalla immediatezza con cui Antonello, nel firmare i suoi lavori 

(Antonellus messaneus me pinxit), si dichiara orgogliosamente figlio della sua Messina, verso cui mostra di avere un fortissimo legame. Inoltre, dalla sua opera, si evidenzia in modo inequivocabile che la sua attrazione nei confronti della città natale si identifica con quella irresistibile verso lo Stretto. Quello Stretto che Antonello attraversa, in età giovanile, per raggiungere il “continente”, dove spera di poter fare nuove esperienze da cui trarre stimoli e acquisizioni utili per lo sviluppo della sua vocazione artistica. È, dunque, questa spinta a viaggiare e a ricercare contatti interessanti  che lo porta a Napoli dove frequenta la bottega del Colantonio, al tempo di Alfonso I che accoglieva artisti di varia provenienza, soprattutto dalle Fiandre.

A Napoli, a causa delle preferenze della corte, l’interesse artistico era dominato dalla visione fiamminga (nelle collezioni reali erano+ presenti opere di Van Eyck e Van Der Weiden), mediata anche dalla interpretazione che della grande scuola nordica ne dettero i maestri francesi provenzali (pittori e miniatori), che frequentavano assiduamente la città partenopea. Antonello respira l’aria di questo ambiente culturale molto vivace nel quale influenze iberiche e provenzali si intrecciano con quelle fiamminghe; e, da buon messinese che sa accogliere e integrare elementi diversi, mediante la sua capacità di correlatore interdisciplinare realizza una pittura che associa in sé le diverse esperienze artistiche italianizzandole, pur rifacendosi in particolare a quella fiamminga di Van Eyck.

È proprio per conoscere direttamente questo grande artista straniero – così come si tramanda ed era anche convinzione diffusa nell’ambiente veneziano – che lo spirito di ricerca spinge Antonello ad andare in Fiandra; là dove, fra l’altro, si dice riuscisse a carpire a Van Eyck il segreto della pittura a olio, consolidando così la sua formazione artistica costruita principalmente sulla cultura fiamminga. Un approfondimento, questo, che Antonello sembra abbia realizzato anche attraverso il contatto diretto con i discepoli del grande pittore nordico. Nel suo soggiorno a Roma e a Venezia, invece, il maestro messinese approfondisce le conoscenze adatte a fargli acquisire una cultura rinascimentale italiana, soprattutto mediante i contatti con le opere di Piero Della Francesca, di Mantegna e dei maestri del colore veneziani.

Un altro segno caratteristico della messinesità di Antonello si riscontra nella sua particolare capacità comunicativa e di mediazione – artisticamente manifestata – che egli mette in atto attraverso la grande espressività che riesce a dare alle figure rappresentate nelle sue opere. Specialmente nei ritratti (è stato certamente il ritrattista che per qualche tempo non ha avuto uguali in Italia) con cui stabilisce un proficuo collegamento tra i contenuti culturali della sua arte pittorica e la sensibilità popolare: in particolar modo per la maestria con la quale è in grado di cogliere i volti significativi della quotidianità più caratterizzata della sua terra, e quindi trasfigurarli nell’astrattezza esemplare della dimensione estetica.

Vediamo così la sua particolare capacità di artista eclettico e interdisciplinare che integra le diverse culture acquisite con la sua siciliana tendenza a ricercare il carattere individuale delle persone e delle cose; così come fa nel dare ai volti femminili “un caldo tipo di bellezza ancora oggi riconoscibile fra le donne di Sicilia”.

Un’altra peculiarità si manifesta in modo rilevante:  la sua opera che appare pervasa da una luce spirituale assai caratteristica. In alcuni dipinti, diventati icone universalmente celebrate (soprattutto l’”Annunciata, ma anche in molte altre sue produzioni,

emerge il riflesso autentico di una profonda spiritualità, soprattutto rivolta alla Crocifissione e alla passione di Cristo, che mette in gran risalto gli aspetti religiosi più importanti del Cristianesimo. Significative in tal senso le sue numerose opere dedicate a figure di Madonne, Ecce Homo, Pietà, Crocifissioni. È proprio in due sue Crocifissioni, quelle dette di “Sibiu” e di “Anversa”, che Antonello manifesta un segno molto indicativo di quanto sia forte l’impressione che lo Stretto produce nella psiche del messinese. Egli, infatti, esterna il forte legame che ha con Messina e il suo mare, inserendo in questi due dipinti uno scorcio del panorama dello Stretto; un elemento che appare del tutto arbitrario e non attinente all’ambientazione del soggetto rappresentato, ma solo frutto di un moto affettivo dell’artista verso la sua città”.

 

Anastasio Majolino

Redazione1
di Redazione1 marzo 5, 2019 21:31


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Studentesse e non più spose bambine, grazie al maestro Ranjitsinh
    Il suo nome significa «vittorioso sul campo di battaglia», perfetta sintesi della sua storia. Il 32enne indiano Ranjitsinh Disale è stato premiato pochi giorni fa come miglior insegnante al mondo. Il Global Teacher Prize è un’iniziativa organizzata dalla Varkey Foundation di Londra con l’Unesco. Gli spetta un premio da 1 milione di dollari, metà di […]
    Annalisa Teggi
  • San Giuseppe, vero padre di famiglia (5/9) 
    Gesù, vero Dio e vero uomo, doveva avere una vera famiglia. Per potersi realizzare umanamente, il Figlio di Dio incarnato ha dovuto beneficiare, come ogni uomo, del ministero della maternità e della paternità. Bisogna qui ricordare la dottrina delle due coscienze di Gesù: quando il Verbo si fece carne, Egli non perse in nulla la […]
    Joseph-Marie Verlinde
  • La “litania della pace” di Giovanni Paolo II esorta tutti a scegliere la pace
    San Giovanni Paolo II ha vissuto sotto una serie di Governi oppressivi, e ha visto in prima persona le conseguenze dell’odio e della violenza. È stata un’esperienza che ha formato il suo pontificato, e lui non ha mai smesso di promuovere la pace ovunque andasse. In particolare, in occasione della Giornata Mondiale della Pace 1986, ha […]
    Philip Kosloski
  • Sapevate che Martin Luther King apprezzava molto il Rosario?
    Per gentile concessione di padre Joseph Mary Wolfe, MFVA, missionario francescano della Parola Eterna (www.franciscanmissionaries.com), e con il suo permesso, condivido con i lettori di Aleteia una lettera scritta il 23 settembre 1964 da Martin Luther King Jr. (1928-1968), all’epoca Presidente della Southern Christian Leadership Conference. Nel documento si rivelano lo spirito e il cuore di […]
    Jorge Graña
  • Anne, la bambina ribelle che s’impegnò a fondo per “diventare buona” 
    Annecy-le-Vieux, luglio 1915. Che bella giornata si annunciava al castello della Corte! Troppo bella per restare al chiuso. Dopo la colazione Anne, quattro anni, si trastullava coi fiori del giardino, tutta fiera delle corone che intrecciava: ne aveva fatte per tutta la famiglia. Papà ne sarebbe stato certamente molto fiero, al suo ritorno. In quel […]
    Aliénor Goudet
  • Sei un padre o una madre forte?
    Perché i nostri figli hanno bisogno che siamo forti? In cosa risiede la nostra forza come genitori? Dove possiamo vacillare? Come perdiamo le forze? Vi considerano un padre o una madre forte? Cosa succede se non venite visti in questo modo? C’è dice che quando una donna ha un problema la sua migliore amica sarà […]
    Mar Dorrio
  • Scoperto un toccante Cristo di El Greco
    È possibile che gli occhi del Cristo di questa tela siano usciti dal pennello di uno degli artisti più grandi di tutti i tempi, Doménikos Theotokópoulos, El Greco? È la richiesta che hanno ricevuto i ricercatori del Centre d’Art d’Època Moderna (CAEM) di Lleida (Spagna), istituzione di noto prestigio per l’autentificazione e certificazione delle opere d’arte. […]
    Jesús Colina
  • Quali sono le controindicazioni alle vaccinazioni?
    Controindicazioni I vaccini sono controindicati se il bambino presenta “una condizione che aumenta la probabilità di una grave reazione”, ovvero una pregressa anafilassi a quel vaccino (o a suoi componenti), oppure – solo per i vaccini vivi – è affetto da un’importante immunodeficienza (congenita o causata da farmaci). Controindicazioni temporanee possono essere determinate da un […]
    Ospedale Bambino Gesù
  • Jovanotti e il suo “quasi” Cantico dei Cantici inconsapevole
    Jova Beach Party e il suo Chiaro di luna Quest’estate sono stata al JOVA BEACH PARTY, tappa di Rimini, e proprio lì, come ultima canzone che Jova ci ha regalato, ho ascoltato per la prima volta Chiaro di luna (dai, non sarò l’unica che va i concerti senza aver ascoltato l’ultimo album?!). Il testo mi ha colpito […]
    Teologia del corpo and more
  • Ogni giorno ha la sua pena … e una speranza rinnovata
    Di Giorgia Farina I giorni passano velocemente… Guardavo oggi il calendario e mi rendevo conto che è quasi un anno che siamo in balia di virus, decreti, lockdown, dad, regioni aperte, regioni chiuse, giallo, arancione, rosso… che neanche un racconto distopico si può avvicinare. Il cristiano non conosce la disperazione Intorno a me tante famiglie […]
    Mogli e mamme per vocazione

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 105:
    • 145:
    gennaio: 2021
    L M M G V S D
    « Dic    
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    25262728293031

    Login