Messina – Montevergine, consacrazione di due claustrali: “Si fanno strumento di Dio mediante il dono di se stesse”

Redazione1
di Redazione1 novembre 29, 2020 22:52

Messina – Montevergine, consacrazione di due claustrali: “Si fanno strumento di Dio mediante il dono di se stesse”

La vita contemplativa, abbracciata nella totale donazione sacrificale, che le claustrali scelgono per amore di Dio e per la salvezza dell’umanità, è certamente “un’opera di immenso valore spirituale e religioso, che riesce a suscitare tanta edificazione e gratitudine in tutti i credenti”. Spesso, però, a questi sentimenti di lodevole e commovente considerazione di cristiana fraternità, si associano, da parte di molti, incomprensione e disattenzione verso chi, andando controcorrente, si ritira dal mondo per intraprendere un cammino vocazionale austero, rinunciando a tutti i sogni, i progetti, le aspettative, che una giovane vita prospetta.

Per cui non si possono non avere moti di ancor più grande e cristiana ammirazione nei confronti di Chiara Maria Eustochia della Passione, 30 anni, e Maria Chiara Amata dell’Eucarestia, 45 anni, che hanno pronunciato i voti della Professione religiosa temporanea, verso il raggiungimento di quella definitiva, che è piena accettazione di un progetto di vita donativa totalizzante in risposta alla

chiamata di Dio.

“In un tempo in cui la Chiesa è chiamata ad aprirsi verso gli altri per trasmettere il messaggio di salvezza e il suo aiuto agli ultimi, ha detto nell’omelia il celebrante, il significato di questa scelta vocazionale, apparentemente anacronistica, risiede nel desiderio di queste due clarisse di essere strumento di Dio mediante il dono di se stesse”. Anziché dedicarsi alle opere di Dio nella vita attiva, ha specificato fra Catalfamo, hanno scelto il suo stesso cuore, così da essere con Lui in intima unione e vivere con il suo stesso amore per la salvezza delle anime in povertà, obbedienza e carità, in clausura.

“Mi hai chiamato: eccomi, Signore. Il mio cuore è colmo di gratitudine perché il Signore, nella Sua infinita misericordia, ha posato su di me il Suo sguardo e mi ha scelta come sposa”, è la risposta ferma e convinta, come atto di amore nuziale, che le due novizie hanno dato alla chiamata di Dio, entrando così a far parte delle Clarisse Sorelle povere di Santa Chiara. Seguaci di Eustochia Smeralda Calafato, che, nel monastero da lei fondato nel 1464, prezioso caposaldo di spiritualità che arricchisce l’identità religiosa e culturale della nostra città, hanno passato gli anni di formazione e discernimento come postulanti e novizie.

Il commovente Rito liturgico con cui è stato sancito questo loro progetto vocazionale, si è svolto nel corso di una celebrazione eucaristica presieduta dal provinciale dei Frati Minori di Sicilia fra Antonino Catalfamo, con la concelebrazione del provinciale dei Frati Cappuccini fra Luigi Saladdino, del cappellano del monastero di Montevergine mons. Pietro Aliquò e da altri sacerdoti diocesani, alla presenza della comunità delle clarisse con l’abbadessa madre Agnese Mattia Pavone. La funzione liturgica è stata animata dalla Corale di Montevergine, diretta e accompagnata da Carmela De Francesco, madre di suor Chiara Maria Eustochia.

La cerimonia celebrativa, entrando nel vivo del suo svolgimento, ha fatto vivere un’esperienza di fede toccante, ricca di intense emozioni spirituali, in particolar modo quando il rituale si è snodato attraverso i passaggi salienti che hanno rappresentato la centralità dell’azione liturgica.

 

La Pofessione, mediante cui la novizia, in ginocchio mani nelle mani della madre abbadessa, fa voto a Dio, promettendo di “vivere per tre anni in castità, povertà e obbedienza, in clausura, secondo la Regola delle Sorelle povere di santa Chiara”.    

Poi, il momento altrettanto coinvolgente delle Consegne. Cioè quando la neoprofessa riceve i segni fondamentali che danno l’impronta sacra al suo impegno vocazionale.

il velo,

“Ricevi il velo in segno di consacrazione a Cristo Signore e sii fedele fino all’incontro con lui nella vita eterna ”.

 

Il libro della Regola,

 

“Ricevi la Regola della madre santa Chiara, specchio di vita evangelica. Osservala

nella fedeltà quotidiana,

proclamane la bellezza e vivila con gioia”.

 

 

 

Il Crocifisso,

“Ricevi la croce del Signore nostro Gesù

Cristo: se con lui soffrirai, con lui regnerai;

se con lui morirai, possiederai la gioia eterna e il tuo nome sarà scritto nel libro della vita”.

 

Anastasio Majolino

Redazione1
di Redazione1 novembre 29, 2020 22:52

RSS aleteia

  • 6 modi per concentrarsi sulla misericordia quest’anno
    La Domenica della Divina Misericordia, domenica successiva a quella di Pasqua, ci invita a pensare a come poter essere più misericordiosi con noi stessi e con chi ci circonda, e a come accettare l’infinita misericordia divina. Per aiutarvi a capire come condurre una vita piena di misericordia e tutte le benedizioni che questo porterà a […]
    Cerith Gardiner
  • Sesso, suore e martiri: perché la libertà religiosa è tanto importante
    Cosa succede quando il diritto alla libertà religiosa viene lentamente eroso? Qual è il punto in cui le persone di fede segnano un confine quando il Governo vuole regolamentare come vivere e praticare una religione? Queste domande sono al cuore di un’interessante conferenza, intitolata Sex, Nuns and Martyrs: The Relevance of Religious Freedom, di Montserrat […]
    Theresa Civantos Barber
  • Risolto il mistero delle croci sui muri della chiesa del Santo Sepolcro?
    Tra gli elementi più toccanti per chi visita la chiesa del Santo Sepolcro a Gerusalemme ci sono migliaia di croci incise nelle mura del tempio, che fungono da promemoria del fatto che i pellegrini di oggi seguono le orme di cristiani che secoli fa hanno attraversato i continenti per vedere il luogo della crocifissione e […]
    Zelda Caldwell
  • Francesco: la preghiera fa la Chiesa, non siamo imprenditori della fede
    Di generazione in generazione la Chiesa è chiamata a trasmettere “la lampada della fede con l’olio della preghiera” che la alimenta. Suo compito essenziale è dunque quello di “pregare e insegnare a pregare”. Lo rimarca il Papa all’udienza generale che si tiene nella Biblioteca del Palazzo Apostolico, dipanando, nella sua forte catechesi, il legame essenziale […]
    Vatican News
  • Volete una sessualità felice? Fate l’amore dopo il matrimonio
    La castità proposta “medievale”? Mi è cascato l’occhio su un articolo che ho scovato durante una semplice ricerca attraverso Google. Un articolo tratto dal magazine on line + Sani + Belli, che si rivolge prevalentemente ad un pubblico femminile. Un magazine che tratta tutto ciò che riguarda il benessere psicofisico della persona. Questo articolo mi ha […]
    Matrimonio cristiano
  • Credere dopo la crisi: in quale Dio crediamo?
    Quando qualcosa va a pezzi nella nostra vita, abbiamo anche l’occasione di guardare con occhi nuovi la realtà e di scendere più in profondità. Il più delle volte, anche se non è facile accorgersene subito, ogni crisi è anche un’opportunità. La pandemia da coronavirus ha certamente sconvolto la nostra vita e la vita del nostro […]
    Don Francesco Cosentino
  • Accompagnare un Uomo tra le braccia di Dio, un dono inatteso
    Di Don Nicola Robotti La settimana scorsa, nel giorno del mio compleanno, stavo leggendo i testi per preparare la predica di domenica. Quella mattina, tra una telefonata e l’altra di auguri, mi ha chiamato anche la nostra amica Ulli, infermiera in un ospedale dall’altra parte di Colonia. Solo che lei non mi chiamava per farmi […]
    Fraternità San Carlo Borromeo
  • 5 mosse di karate per aumentare la fede
    di Giuseppe Signorin Gli elenchi non li sopporto (I tried to improve my english in 5 steps but I only know how to use Google translate). Quindi immaginate la vergogna nel proporvene uno. Però l’ultimo articolo su questo blog, Ho la fede a meno di zero (e siamo un esercito), ha innescato una serie di reazioni […]
    MIENMIUAIF - MIA MOGLIE ED IO
  • Credi di più alla tua tenebra che alla luce con cui ti guarda Dio
    In quel tempo, Gesù disse a Nicodèmo: «Dio ha tanto amato il mondo da dare il Figlio unigenito, perché chiunque crede in lui non vada perduto, ma abbia la vita eterna. Dio, infatti, non ha mandato il Figlio nel mondo per condannare il mondo, ma perché il mondo sia salvato per mezzo di lui. Chi […]
    Luigi Maria Epicoco
  • Il bambino perduto nel deserto ci invita a riflettere
    La storia del bambino perduto nel deserto è diventata virale su Internet. Il fatto si è verificato in un luogo chiamato “La Grulla Texas”, alla frontiera tra Messico e Stati Uniti. Il video toccante in cui il bambino, singhiozzando, chiede aiuto a un agente statunitense delle migrazioni ha commosso il mondo. Trafigge l’anima questo video […]
    Jesús V. Picón

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 98:
    • 158:
    aprile: 2021
    L M M G V S D
    « Mar    
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    2627282930  

    Login