Covid19. Emergenza sociale, Dovis (Caritas Torino): “Attenti a sconforto e rabbia che inducono alla violenza”

Redazione1
di Redazione1 novembre 26, 2020 19:32

Covid19. Emergenza sociale, Dovis (Caritas Torino): “Attenti a sconforto e rabbia che inducono alla violenza”

L’emergenza pandemia, divenuta ormai di livello globale, continua a preoccupare per la sua espansione e il suo protrarsi, non soltanto per l’incremento dei contagi e dei decessi che colpiscono tanti paesi, ma anche per le conseguenze socio-economiche sempre più gravi che sta causando.

La rilevanza dei ‘nuovi poveri’ in Italia è arrivata al 45% rispetto al 31% dello scorso anno e, in particolare, aumenta il carico della crisi su donne, giovani, famiglie con minori, nuclei di italiani e persone in età lavorativa. Il risultato emerso dal rapporto 2020 di Caritas Italiana intitolata “Gli anticorpi della solidarietà”, che ha analizzato l’impatto economico e sociale della pandemia offre un quadro degli effetti del Coronavirus sulla povertà, prendendo come riferimento i monitoraggi nazionali e le informazioni raccolti presso i centri di ascolto Caritas. Non solo: fa riferimento allo scenario socio-economico In Italia e in Europa in tempo di pandemia, all’impatto sociale del Covid-19 nell’esperienza delle Caritas diocesane e a un’analisi di quali politiche adottare per far fronte alle nuove povertà.

I dati dello studio, pubblicato il 17 ottobre scorso, potrebbero verosimilmente peggiorare – e non di poco – con l’emanazione dell’ultimo decreto firmato dal presidente Conte: sono note le limitazioni che alcune categorie di lavoratori avranno e che, in molti casi, stanno portando alla chiusura o alla sospensione delle attività commerciali (come ristoranti o pub).

= Pierluigi Dovis, direttore della Caritas diocesana di Torino, lancia l’allarme a una settimana dalla celebrazione della IV Giornata mondiale del povero (15 novembre): “Il Covid-19 sta creando vaste aree sociali nelle quali la violenza potrebbe prendere il sopravvento” (SIR).

Nuove povertà, vecchie sofferenze. A Torino, nella città delle fabbriche ma anche della cultura e dell’accoglienza, laboratorio da sempre di nuove situazioni sociali ed economiche, il Covid-19 scompiglia la struttura portante della società. Strati sociali prima benestanti o quasi si ritrovano d’improvviso ad aver a che fare con la necessità di aiuto, mentre le “vecchie povertà” non diminuiscono certo di tono.

Spiega Dovis: “La povertà cresce, ingigantisce la sua ombra e si diversifica nelle forme. Accanto a chi era già povero prima della pandemia, adesso ci sono nuovi e inaspettati poveri. Quelli che avevano un lavoro in nero e che l’hanno perduto, quelli in cassa integrazione e che non riescono ad arrivare a fine mese, i titolari di piccoli esercizi commerciali, i piccoli professionisti”. Come un’onda maligna, poi, la povertà travolge senza distinzione di istruzione e attività. “Stanno emergendo – aggiunge – fragilità di alcune professioni, come per esempio quelle legate alla stagionalità, al lavoro nei campi, alla cultura, al turismo”Così si generano situazioni inedite per tutti. “Ci stiamo approcciando a persone che non erano mai venute a chiedere il nostro aiuto”, sottolinea Dovis: “Quello che dobbiamo fare è essere un ponte verso il futuro, non un cammino che inesorabilmente li porta a diventare degli assistiti”.

Prima di uno sguardo in prospettiva verso un futuro migliore, tuttavia, ci sono i numeri che parlano chiaro. La rete ecclesiale della diocesi conta 15 mense, con una media di 3mila pasti al giorno, e una rete di parrocchie che distribuiscono pacchi a circa 19mila famiglie. Proprio in occasione della Giornata mondiale del povero, la diocesi ha fatto sapere che 91 su 114 parrocchie della città, con il sostegno del Banco Alimentare, regolarmente distribuiscono generi alimentari. Se si guarda alla Città metropolitana il numero aumenta di 171 parrocchie per circa 30.000 persone. E non basta, perché la rete del servire i poveri si sviluppa intorno al nucleo della attività di ascolto che in città conta 107 centri, altri 62 sono sparsi nel resto della diocesi.

“Per ora – sostiene Dovis -, ci sono frustrazione, sconforto e paura, ma si sta notando crescere, soprattutto nelle periferie o nei comuni attorno a Torino, un senso di abbandono che può essere interpretato come l’anticamera di un senso di rabbia”. E la rabbia, poi, può condurre alla violenza. “Non dobbiamo snobbare questi segnali”, prosegue il direttore della Caritas. E, d’altra parte, nelle scorse settimane proprio a Torino manifestazioni violente e saccheggi ci sono già stati. “Il problema è che non vedo, in questo momento, istituzioni capaci di gestire questo sentimento per veicolarlo verso una modalità positiva e propositiva – ammette Dovis -. Non è possibile lasciare tutto in mano al volontariato che può fare solo da cuscinetto. Occorre la capacità di pensare e mettere in atto in piano d’azione interistituzionale di medio periodo”. Di qui la preoccupazione: “Temo possa nascere qualche cosa di poco gradevole, ma non sono in grado di dire di che tipo e spero di essere smentito”.

 

 

Redazione da Ag. di i.

 

Redazione1
di Redazione1 novembre 26, 2020 19:32

RSS aleteia

  • Perché avere in casa un quadro della Divina Misericordia?
    La devozione alla Divina Misericordia è stata rivelata da Gesù a Santa Faustina. La religiosa polacca ha ricevuto i messaggi di Gesù sulla devozione e li ha registrati nel suo Diario. In uno dei messaggi, il Signore parla dell’immagine della Divina Misericordia: “Attraverso questa immagine concederò molte grazie alle anime, perciò ogni anima deve poter […]
    José Miguel Carrera
  • State pensando di abbandonare tutto?
    “Voi, fratelli, non lasciatevi scoraggiare nel fare il bene”. (2 Tessalonicesi 3, 13) Non fatelo. Dio ha bisogno di voi. Vuole che riflettiate il Suo amore in tutto il mondo. Non cadete nella sottile e terribile tentazione di abbandonare il vostro apostolato. La Chiesa, il mondo e l’umanità hanno bisogno delle vostre buone azioni, delle […]
    Claudio De Castro
  • Soldi in cambio della beatificazione di Aldo Moro? La smentita
    Soldi per facilitare l’iter di beatificazione di Aldo Moro: la trasmissione Report di Rai 3 monta il caso, basandosi sulla ricostruzione del presunto postulatore Nicola Giampaolo.  La Congregazione per le Cause dei Santi replica con un comunicato in cui spiega perchè l’uomo ha mentito. Peraltro, evidenzia il Dicastero vaticano, non è in programma alcuna causa […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Il miracolo della Madonna del Divino Amore che ha salvato una intera città
    L’intercessione della Madonna del Divino Amore ha salvato la città di Roma e la vita di molti romani. E per ringraziarla del miracolo, nel 1996 è stato costruito un nuovo santuario. Il settimanale “Miracoli” racconta questo fatto straordinario.   La supplica dei romani Per intercessione della Madonna del Divino Amore, si verificò un primo miracolo […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Il Papa: Teresa d’Avila, esempio del ruolo delle donne nella Chiesa e nella società
    Fu la prima donna a divenire Dottore della Chiesa, titolo che fu il riconoscimento del “prezioso insegnamento che Dio ci ha trasmesso attraverso i suoi scritti e la testimonianza della sua vita”. Lo scrive Francesco al vescovo di Ávila, monsignor Gil Tamayo, in occasione dei 50 anni dal conferimento del Dottorato a Santa Teresa d’Ávila […]
    Vatican News
  • S. Giuseppe Moscati: un medico a servizio dell’uomo, immagine di Dio
    Una scintilla che accende un fuoco E una volta che l’hai ascoltata non riesci più a ignorarla, cresce e diventa come un fiammifero vicino ad un covone di paglia: fa ardere di luce e calore tutto ciò che incontra. Giuseppe Moscati dentro aveva due fuochi che ardevano, uno era l’amore per Dio e un altro l’amore […]
    Martha, Mary and Me
  • La pandemia vi ha spezzato il cuore? Rivolgetevi a Santa Dwynwen per trovare un po’ di sollievo
    Nell’ultimo anno, molti si sono ritrovati col cuore spezzato. La gente ha subìto la perdita delle persone care, aggravata dal fatto di non aver potuto star loro accanto mentre stavano morendo; tanti matrimoni hanno dovuto essere rimandati; i padri sono stati esclusi dalla nascita dei loro bambini, e molti rapporti sono affondati per lo stress […]
    Cerith Gardiner
  • Genitori, smettiamola di dire ai nostri figli che hanno perso un anno
    Diciamo che non avevo bisogno di una grande spinta, ma solo di un soffio. Mi sono vista, e mi vedo, come madre che è accanto ai propri figli in questo gran putiferio della pandemia. E quel che vedo non mi entusiasma: sono stanca, amareggiata, sfiduciata, impaurita, fragile, instabile, facile all’ira. Tutto questo trabocca dal vaso […]
    Annalisa Teggi
  • 9 armi spirituali da utilizzare in pandemia
    Da più di un anno, ormai, i cittadini di tutto il pianeta vivono la pandemia e affrontano una vera battaglia contro il coronavirus. Si tratta di una battaglia su vari fronti: per evitare l’avanzata della malattia che provoca – il Covid-19 –, per trovare posto negli ospedali, superare il lutto, mantenere l’impiego e le imprese […]
    José Miguel Carrera
  • Don Davide Banzato: la fuga dal seminario, l’amore per un’amica. Poi Dio
    Una storia – insolita, appassionante e commovente – che parla della fatica di crescere e riconoscere la propria vocazione: è la storia che Don Davide Banzato racconta nel suo nuovo libro autobiografico: “Tutto, ma prete mai” (Piemme).  Proprio così. Il sacerdozio per Don Davide Banzato è stato tutt’altro che in discesa. Dopo la Cresima ha […]
    Gelsomino Del Guercio

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 85:
    • 158:
    aprile: 2021
    L M M G V S D
    « Mar    
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    2627282930  

    Login