Allarme climatico dallo spazio. Fiorani (fisico): “Speriamo giovi a convincere i governi ad agire”

Redazione1
di Redazione1 agosto 11, 2019 10:33

Allarme climatico dallo spazio. Fiorani (fisico): “Speriamo giovi a convincere i governi ad agire”

Si stanno verificando a ritmo crescente i cambiamenti climatici dovuti all’aumento della temperatura terrestre. Il costante aumento, in frequenza e intensità, dei i fenomeni meteorologici estremi, come siccità, nubifragi, inondazioni, ondate di calore, desta serio allarme per le conseguenze negative per il pianeta ma soprattutto per l’uomo. Purtroppo però a questi fenomeni preoccupanti non corrispondono attenzioni e provvedimenti adeguati da parte dei governanti che dovrebbero intervenire.

Un efficace richiamo a far prendere meglio coscienza del grave problema che minaccia la salute del pianeta, viene ora dall’allarme lanciato dall’astronauta Luca Parmitano dalla Stazione Spaziale Internazionale. Un segnale forte che ha colpito l’opinione pubblica e di cui ci riferisce M. Chiara Biagioni.

“Speriamo che questo allarme serva a convincere l’opinione pubblica ma ancora di più e soprattutto i governi ad agire. Coscienza pubblica e leadership politica. Le due cose sono intimamente collegate perché siamo noi che votiamo i governi e se votiamo persone sensibili all’ambiente, abbiamo più speranza che lottino contro il riscaldamento globale”. Risponde così Luca Fiorani, ricercatore Enea, docente di fisica del Clima all’Università Roma Tre e coordinatore dell’iniziativa “Eco One”, all’appello lanciato dall’astronauta Luca Parmitano nel primo collegamento con i giornalisti dalla Stazione Spaziale Internazionale, organizzato dall’Agenzia Spaziale Europea (Esa). “Negli ultimi 6 anni – ha detto l’astronauta -, ho visto deserti avanzare e ghiacci sciogliersi, spero che le nostre parole possano allarmare davvero verso il nemico numero uno di oggi”.

Sono anni che la comunità scientifica sta lanciando allarmi ma spesso si ha l’impressione che cadano nel vuoto. “A  volte – commenta Fiorani – quando parlano gli scienziati non vengono ascoltati perché hanno difficoltà a comunicare mentre invece un Papa o una ragazzina di 16 anni o un astronauta vengono più seguiti perché riescono a dare delle immagini. Una cosa è mostrare un grafico, un’altra è vedere un’immagine viva, un deserto che avanza, un ghiacciaio che si scioglie. Ecco, questo colpisce molto di più la persona e l’immaginario collettivo”. Nonostante le conseguenze del riscaldamento globale siano visibili anche a occhio nudo, con o senza statistiche sullo sfondo, persistono “i negazionisti” che liquidano la preoccupazione come una forma di falso allarmismo. “Lo scienziato – taglia corto Fiorani – deve essere oggettivo e deve sempre dare un dato con un margine di errore. Ma ormai i margini di errori sono estremamente ridotti e la stragrande parte dei climatologi e degli scienziati è convinta che esista un riscaldamento globale e che questo riscaldamento è dovuto alle attività antropiche”.

Le Chiese sono in prima fila nella difesa dell’ambiente e in vista della COP25, vertice delle Nazioni Unite sul clima che si terrà a Santiago dal 2 al 13 dicembre, si stanno già riscaldando i motori. Cristiani, musulmani, buddisti e baha’i, membri di organizzazioni indigene, ecumeniche e interreligiose si sono riuniti in Cile lo scorso 21 luglio per formare una “alleanza spirituale” per il “Climate Compact” ed organizzare iniziative in concomitanza del Summit. Farà parte della delegazione Pranita Biswasi, segretaria giovanile della Federazione luterana mondiale, segno di una “battaglia” che sta particolarmente a cuore ai giovani.

A tre mesi poi dalla Cop25, dal 1 Settembre al 4 Ottobre, i cristiani di tutto il mondo celebrano il “Tempo del Creato”. Un periodo durante il quale si organizzano veglie di preghiera, incontri a tema, azioni di mobilitazione. Pioniere delle mobilitazioni green per la salvaguardia del Creato è stato il Patriarca ecumenico di Costantinopoli Bartolomeo I, seguito da Papa Francesco che nel 2015 ha scritto l’Enciclica “Laudato Si’” che è divenuta punto di riferimento per le battaglie ecologiche. “Il contributo delle Chiese è enorme perché possono muovere le coscienze e le coscienze possono agire su chi prende le decisioni”, commenta Fiorani che è autore di un libro (appena uscito nelle librerie) dal titolo “Il sogno (folle) di Francesco. Piccolo manuale (scientifico) di ecologia integrale”.

“La proposta di Francesco – spiega lo scienziato – è radicale ed è l’unica proposta possibile: un cambiamento totale del nostro modo di vita. Lui lo dice chiaramente: si attende ancora un cambiamento di rotta.

Non è possibile andare avanti con una economia che guarda solo al Pil perché il Prodotto interno lordo è un indicatore falso del nostro benessere reale. Non è più possibile sostenere un sistema che distrugge le risorse naturali per aumentare il valore finanziario dell’economia. Questo non funziona. Occorre un cambiamento di rotta della nostra cultura e del nostro sistema di vivere e produrre”. Perché un sogno folle? “Perché – risponde lo studioso – è difficile ma come tutti i grandi profeti anche Francesco indica obiettivi difficili da raggiungere. Ma il Papa è anche profondamente ottimista. Nella Laudato Sì, dice: camminiamo cantando e facciamo sì che le nostre lotte per il pianeta non ci tolgano la speranza”.

 

 

 

Redazione da A. di I.

 

 

Redazione1
di Redazione1 agosto 11, 2019 10:33


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • La figlia spirituale di Padre Pio che ha diffuso il culto di San Michele arcangelo
    La storia di Lina Fiorellini e della sua corrispondenza inedita con il santo di Pietrelcina Lina Fiorellini, originaria di Parma, nacque il 1892 e morì nel 1974. Lina aveva conosciuto Padre Pio da Pietrelcina fin dal 1919, ed era stata subito attratta dalla santità del frate del Gargano, tanto da trasferirsi appena possibile a San […]
    don Marcello Stanzione
  • Il sacerdote cappuccino che lottò contro il razzismo sulla via della canonizzazione
    Padre Stephen Eckert lavorò instancabilmente per l’uguaglianza razziale a Milwaukee Nato in Canada, padre Stephen Eckert si unì all’ordine cappuccino, venne ordinato nel 1896 e come primo incarico venne inviato a New York. Mentre era lì si innamorò degli afroamericani, e sentì il desiderio di servire le loro necessità spirituali, cosa rara nell’America dell’epoca. Questa […]
    Philip Kosloski
  • Sanremo, Festival delle donne: arrabbiarsi, ma per le cose sbagliate
    Dal “passo indietro” alla Novello, alla richiesta di esclusione del rapper Junior Cally, fino a Elettra Lamborghini e il twerking: le polemiche sul Festival di San Remo 2020 mettono al centro la donna … Sì, ma quale? Poi gli uomini ci dicono che siamo complicate. Dolcemente però, che altrimenti chi ci sente? Ma certe volte, […]
    Giovanna Binci
  • Genitori scoraggiati? Queste citazioni bibliche vi ricaricheranno
    Talvolta essere genitori è usurante. E allora, se siete scoraggiati, sfiniti, di tanto in tanto anche perduti, meditate queste parole della Bibbia. Esse contengono consigli che possono farvi dare veri e propri colpi di reni nella vostra vita quotidiana. Conoscete bene la scena: chiedete qualcosa a vostro figlio, lui vi ignora completamente. Sapete bene che […]
    Cerith Gardiner
  • Perché San Sebastiano è il santo patrono degli atleti?
    Non ha mai praticato uno sport, ma la sua straordinaria resistenza fisica lo ha reso un santo popolare tra gli atleti San Sebastiano è noto in tutto il mondo come il “santo patrono degli atleti”, ma perché? Ha mai partecipato a qualche evento sportivo? Si sa relativamente poco di questo santo, martire cristiano del III […]
    Philip Kosloski
  • Una inedita Chiara Lubich raccontata in un documentario tv (FOTO e VIDEO)
    A 100 anni dalla nascita, la fondatrice del Movimento dei Focolari viene ricordata per il dialogo ecumenico e l’economia di comunione da chi l’ha conosciuta di persona Tv2000, in occasione dell’anniversario della nascita di Chiara Lubich la fondatrice del Movimento dei Focolari, trasmette il documentario ‘Essere fuoco’ in onda mercoledì 22 gennaio ore 23 e […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Boom dei sandali realizzati dai monaci benedettini francesi
    Sono così richiesti che i religiosi non riescono a far fronte alla domanda Il nuovo anno è iniziato da pochissimo, ma i monaci benedettini del monastero di La Gard (Francia) sono già stati inondati di ordini per i loro sandali realizzati a mano. Dalla fondazione nel 2003, i religiosi del monastero di Sainte-Marie de La […]
    J.P. Mauro
  • I primi tre nomi di Gesù (secondo Matteo)
    La lettura del Vangelo secondo Matteo, nel tempo di Natale, ci fa scoprire tre nomi attribuiti a Gesù che rappresentano come uno scorcio inaugurale della sua esistenza, della sua missione e della sua identità. “Figlio di Davide”, “Emmanuele” e “Nazareno”: questi sono i tre nomi che il Vangelo secondo san Matteo dà a Gesù nei […]
    Jean-Michel Castaing
  • La Cappella Sistina di Madrid
    In un angolo del centro di Madrid si nasconde uno dei tesori custoditi meglio della capitale spagnola Nel pieno centro di Madrid, vicino a calle Fuencarral, circondata da negozi, bar e ristoranti alla moda, si nasconde una delle grandi meraviglie della capitale spagnola. Pochi conoscono questa piccola chiesa che fa angolo tra calle de la […]
    Alvaro Real
  • Come avere un figlio con la sindrome di Down ha cambiato la musica di questa rock star
    La nascita prematura del figlio Down di Cormac Neeson ha avuto un effetto profondamente positivo sul musicista Nel 2014 Cormac Neeson, del gruppo dell’Irlanda del Nord The Answer, è diventato padre per la prima volta. L’arrivo del figlio Dabhog ha cambiato non solo la sua prospettiva nella vita, ma anche la sua creatività. In un’intervista […]
    Cerith Gardiner

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 85:
    • 263:
    gennaio: 2020
    L M M G V S D
    « Dic    
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    2728293031  

    Login