Allarme climatico dallo spazio. Fiorani (fisico): “Speriamo giovi a convincere i governi ad agire”

Redazione1
di Redazione1 agosto 11, 2019 10:33

Allarme climatico dallo spazio. Fiorani (fisico): “Speriamo giovi a convincere i governi ad agire”

Si stanno verificando a ritmo crescente i cambiamenti climatici dovuti all’aumento della temperatura terrestre. Il costante aumento, in frequenza e intensità, dei i fenomeni meteorologici estremi, come siccità, nubifragi, inondazioni, ondate di calore, desta serio allarme per le conseguenze negative per il pianeta ma soprattutto per l’uomo. Purtroppo però a questi fenomeni preoccupanti non corrispondono attenzioni e provvedimenti adeguati da parte dei governanti che dovrebbero intervenire.

Un efficace richiamo a far prendere meglio coscienza del grave problema che minaccia la salute del pianeta, viene ora dall’allarme lanciato dall’astronauta Luca Parmitano dalla Stazione Spaziale Internazionale. Un segnale forte che ha colpito l’opinione pubblica e di cui ci riferisce M. Chiara Biagioni.

“Speriamo che questo allarme serva a convincere l’opinione pubblica ma ancora di più e soprattutto i governi ad agire. Coscienza pubblica e leadership politica. Le due cose sono intimamente collegate perché siamo noi che votiamo i governi e se votiamo persone sensibili all’ambiente, abbiamo più speranza che lottino contro il riscaldamento globale”. Risponde così Luca Fiorani, ricercatore Enea, docente di fisica del Clima all’Università Roma Tre e coordinatore dell’iniziativa “Eco One”, all’appello lanciato dall’astronauta Luca Parmitano nel primo collegamento con i giornalisti dalla Stazione Spaziale Internazionale, organizzato dall’Agenzia Spaziale Europea (Esa). “Negli ultimi 6 anni – ha detto l’astronauta -, ho visto deserti avanzare e ghiacci sciogliersi, spero che le nostre parole possano allarmare davvero verso il nemico numero uno di oggi”.

Sono anni che la comunità scientifica sta lanciando allarmi ma spesso si ha l’impressione che cadano nel vuoto. “A  volte – commenta Fiorani – quando parlano gli scienziati non vengono ascoltati perché hanno difficoltà a comunicare mentre invece un Papa o una ragazzina di 16 anni o un astronauta vengono più seguiti perché riescono a dare delle immagini. Una cosa è mostrare un grafico, un’altra è vedere un’immagine viva, un deserto che avanza, un ghiacciaio che si scioglie. Ecco, questo colpisce molto di più la persona e l’immaginario collettivo”. Nonostante le conseguenze del riscaldamento globale siano visibili anche a occhio nudo, con o senza statistiche sullo sfondo, persistono “i negazionisti” che liquidano la preoccupazione come una forma di falso allarmismo. “Lo scienziato – taglia corto Fiorani – deve essere oggettivo e deve sempre dare un dato con un margine di errore. Ma ormai i margini di errori sono estremamente ridotti e la stragrande parte dei climatologi e degli scienziati è convinta che esista un riscaldamento globale e che questo riscaldamento è dovuto alle attività antropiche”.

Le Chiese sono in prima fila nella difesa dell’ambiente e in vista della COP25, vertice delle Nazioni Unite sul clima che si terrà a Santiago dal 2 al 13 dicembre, si stanno già riscaldando i motori. Cristiani, musulmani, buddisti e baha’i, membri di organizzazioni indigene, ecumeniche e interreligiose si sono riuniti in Cile lo scorso 21 luglio per formare una “alleanza spirituale” per il “Climate Compact” ed organizzare iniziative in concomitanza del Summit. Farà parte della delegazione Pranita Biswasi, segretaria giovanile della Federazione luterana mondiale, segno di una “battaglia” che sta particolarmente a cuore ai giovani.

A tre mesi poi dalla Cop25, dal 1 Settembre al 4 Ottobre, i cristiani di tutto il mondo celebrano il “Tempo del Creato”. Un periodo durante il quale si organizzano veglie di preghiera, incontri a tema, azioni di mobilitazione. Pioniere delle mobilitazioni green per la salvaguardia del Creato è stato il Patriarca ecumenico di Costantinopoli Bartolomeo I, seguito da Papa Francesco che nel 2015 ha scritto l’Enciclica “Laudato Si’” che è divenuta punto di riferimento per le battaglie ecologiche. “Il contributo delle Chiese è enorme perché possono muovere le coscienze e le coscienze possono agire su chi prende le decisioni”, commenta Fiorani che è autore di un libro (appena uscito nelle librerie) dal titolo “Il sogno (folle) di Francesco. Piccolo manuale (scientifico) di ecologia integrale”.

“La proposta di Francesco – spiega lo scienziato – è radicale ed è l’unica proposta possibile: un cambiamento totale del nostro modo di vita. Lui lo dice chiaramente: si attende ancora un cambiamento di rotta.

Non è possibile andare avanti con una economia che guarda solo al Pil perché il Prodotto interno lordo è un indicatore falso del nostro benessere reale. Non è più possibile sostenere un sistema che distrugge le risorse naturali per aumentare il valore finanziario dell’economia. Questo non funziona. Occorre un cambiamento di rotta della nostra cultura e del nostro sistema di vivere e produrre”. Perché un sogno folle? “Perché – risponde lo studioso – è difficile ma come tutti i grandi profeti anche Francesco indica obiettivi difficili da raggiungere. Ma il Papa è anche profondamente ottimista. Nella Laudato Sì, dice: camminiamo cantando e facciamo sì che le nostre lotte per il pianeta non ci tolgano la speranza”.

 

 

 

Redazione da A. di I.

 

 

Redazione1
di Redazione1 agosto 11, 2019 10:33


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Sterilità: quali sono le altre fecondità della coppia?
    Quando i coniugi non riescono ad avere un figlio, spesso si domandano perché il Signore li abbia uniti. E se la fecondità non si riducesse solo al generare figli?  di padre Alain Bandelier I coniugi che non riescono a concepire un figlio si chiedono spesso: per che scopo? Per quale frutto? Alla fine qual è […]
    Edifa
  • Come fare più spazio allo stupore nella propria vita?
    Qualunque età abbiamo, dobbiamo rendere lode per il Creato e crescere nella capacità di vedere il mondo come un dono di Dio di Christine Ponsard Ogni giorno, quotidiani, radio e televisione effondono ondate di lamentele su varie catastrofi, al punto che rischiamo di dimenticare di saperci stupire. Si dice che le belle storie “non vendono”, […]
    Edifa
  • Padre Maurizio Botta: “Io sono stanco della parola Vangelo!” (VIDEO)
    Ecco la prima catechesi del mattino di sabato 19 ottobre scorso, a San Paolo Fuori le Mura. E’ di Padre Maurizio, Vice parroco a Santa Maria in Vallicella, Prefetto dell’Oratorio secolare San Filippo Neri, da alcuni anni collabora anche con l’Ufficio catechistico della Diocesi di Roma. E’ un sacerdote e la prima cosa che colpisce […]
    Paola Belletti
  • Statuine e riti indigeni al Sinodo? Ecco cosa non avete ancora letto
    Preparavamo quest’intervista da quasi una settimana: il vile attentato alla sensibilità religiosa delle delegazioni amazzoniche pellegrine a Roma (delitto contro il Diritto Canonico e contro la legge non scritta dell’ospitalità) ha reso piú complessi i contatti e gli scambi, ma ora possiamo offrirvi il resoconto di una conversazione intensa e utile a capire molte cose. […]
    Giovanni Marcotullio
  • Sister Gerard Fernandez, 35 anni a pregare coi condannati a morte a Singapore
    Riconosciuta dalla BBC tra le 100 donne fonte d’ispirazione del 2019, questa suora cattolica ha visto un barlume di speranza nei cuori macchiati dei crimini più atroci. Sono gli ultimi mesi di questo 2019 e qualcuno comincia a fare bilanci e scattare foto ricordo. La BBC, ad esempio, ha stilato un elenco di 100 donne […]
    Annalisa Teggi
  • Vale la pena andare al cinema per vedere “Grazie a Dio”? Un alto prelato lo raccomanda
    La pellicola nei cinema dal 17 ottobre racconta gli abusi di un prete della diocesi di Lione e il processo che vede implicato anche il cardinale Barbarin, suo superiore Una voce in controtendenza nella Chiesa sul film “Grazie a Dio“. La pellicola del regista François Ozon, dal 17 ottobre nei cinema di tutta Italia, è […]
    Gelsomino Del Guercio
  • 4 miti sulla castità che ci hanno perseguitato tutta la vita
    di Daniel Torres Cox Se oggi si celebrasse una festa della sessualità, sicuramente nessuno inviterebbe a ballare la castità. Sarebbe una di quelle che appena arrivano a una festa vengono guardate con la coda dell’occhio mentre la gente continua a farsi i fatti propri. Viene ignorata, fingendo che non ci sia. Non è decisamente popolare. […]
    Catholic Link
  • Un sacerdote autistico offre consigli ai penitenti autistici e ai loro confessori
    Oltre al nervosismo abituale, ci sono le nostre difficoltà sensoriali o sociali, ma questi suggerimenti possono aiutare Le persone affette da autismo rappresentano tra l’1,5% e il 2% della popolazione. Io faccio parte di quel gruppo. Con l’aumento della consapevolezza dell’autismo, si sta sviluppando, seppur lentamente, anche una maggiore sensibilità pastorale nei confronti delle nostre […]
    Padre Matthew Schneider, LC
  • Il metodo di un francescano per vincere alla lotteria
    Aveva un dono molto particolare ed ha voluto condividerlo Nella chiesa dei Cappuccini a Roma, Santa Maria della Concezione, tra il 1831 e il 1846 viveva un frate di nome Pacifico molto popolare e cercato dalla gente, non tanto per il suo carisma da bravo francescano, ma perché aveva un dono molto particolare: era capace […]
    Maria Paola Daud
  • Il consiglio di San Giovanni Paolo II per i momenti in cui la vita è stressante
    di Brenton Cordeiro Se la vostra vita è piena di ansia e tensione, una soluzione ovvia è offrire quello che state passando a Cristo nella preghiera. In un bellissimo podcast, il dottor Edward Sri ci mostra come possiamo farlo riprendendo la famosa frase di Papa San Giovanni Paolo: “Non abbiate paura… Spalancate le porte a […]
    Catholic Link

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 1043:
    • 1015:
    ottobre: 2019
    L M M G V S D
    « Set    
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    28293031  

    Login