“Ridestiamo l’identità”, nel ricordo del Pascoli a Messina: “i cinque anni migliori, più lieti, più sonanti d’armonie della mia vita”.

Redazione1
di Redazione1 dicembre 1, 2019 14:31

“Ridestiamo l’identità”, nel ricordo del Pascoli a Messina: “i cinque anni migliori, più lieti, più sonanti d’armonie della mia vita”.

Crediamo che conoscere e valorizzare meglio la storia e i meriti  della città in cui si vive, specialmente per noi messinesi, sia molto importante. Privati di tante memorie storiche, causa eventi distruttivi, abbiamo particolare bisogno di sentirci uniti nella consapevolezza di quella orgogliosa appartenenza che giova a ridestare  senso di valida messinesità. 

Ora, sotto questo profilo, pensiamo sia gradevole, oltre che stimolante della nostra matrice identitaria, sentire parlare con ammirazione di questa città da parte di personaggi illustri che, per diverso tempo, qui hanno vissuto. Un significativo motivo di compiacimento, dunque, non può non toccarci intimamente, per l’elogio rivolto a questa città da un insigne poeta di grande sensibilità, come il Pascoli, nel  ricordo del suo soggiorno messinese, di cui ci racconta lo storico Nino Principato. (A.M.)  

QUANDO GIOVANNI PASCOLI ABITO’ A MESSINA A PALAZZO STURIALE

timamente“Lo Stretto è bello e l’aria è buona sebbene molto scirocchevole. Però umidità non ce n’è punta”: queste le prime impressioni della sorella di Pascoli, la cara Mariù, in una lettera che invia alla sorella Ida a Santa Giustina, un paese vicino Ravenna. E il fratello Giovanni, di rimando, è entusiasta di trovarsi di fronte alla “[…] bella falce adunca, che taglia nell’azzurro il più bel porto del mondo […]”, tra “[…] il bel monte Peloro verde di limoni e glauco di fichidindia e l’Aspromonte che, agli occasi, si colora d’inesprimibili tinte”. I due erano giunti a Messina nel gennaio del 1898, quando Giovanni Pascoli fu chiamato ad insegnare Letteratura Latina presso l’Università.

Il primo alloggio messinese che prendono a pigione è un appartamento al secondo piano di via Legnano, al numero civico 66. È un’abitazione con gran numero di stanze, al punto che solo poche di esse vengono occupate, però ci sono solo fornelli e manca il camino, particolare che non sfugge a Mariù che se ne lamenta nella lettera alla sorella Ida. La prima, entusiastica impressione di Messina, muta completamente in negativo: ad aggravarla, anche la malattia di tifo contratta nel marzo dello stesso anno mangiando cozze a Ganzirri. Mariù è furibonda, preoccupatissima della salute del fratello, e in un’altra lettera scrive: “[…] io odio Messina e il suo bel cielo, sempre nuvolo […] e il suo bel mare, che non vedo e il suo popolo […] paghiamo carissima anche l’aria che puzza di concerie e di gas […] bisogna cuocere tutto […]”.

E il Pascoli, costretto a letto per due settimane e poi gravemente ricaduto, scriverà a sua volta all’amico Luigi Pietrobono, il 19 settembre 1899: “Sa che il primo anno di Messina rischiò di essere l’ultimo? Avemmo tutti e due il tifo, e io ebbi una ricaduta, che dava poco a sperare”. Ma dopo la guarigione del poeta, nel mese di giugno, Mariù torna nuovamente di buon umore riconciliandosi con la città. Trascorse le vacanze estive a Castelvecchio di Barga (in provincia di Lucca) nella sua “diletta bicocca”, come amava definirla, Pascoli ritorna a Messina nel novembre del 1898, senza la sorella Mariù, che lo raggiungerà poi in occasione delle festività natalizie. Lasciata la casa di via Legnano, va ad abitare in un appartamento di Palazzo Sturiale in piazza Risorgimento (oggi popolarmente nota come “piazza Don Fano”) al numero civico 162.

La zona è quella di nuova espansione a sud di Messina e l’alloggio è “[…] moderno, abbastanza vasto, e soprattutto sicuro contro il terremoto […]”, scrive Pascoli, dimostrandosi anche buon profeta perché l’edificio, scampato al sisma del 1908, è ancora in piedi, nonostante il sacco edilizio che ha stravolto e annientato questa città. Il poeta ne è talmente entusiasta che nell’invitare la sorella “Mariuccina” a tornare a Messina, le fa sapere che la casa “è pulitissima” e decanta la “[…] bella vista […] dalla cucina si vede il forte Gonzaga sui monti […] dall’altra finestra il mare, su l’Aspromonte […]”. E, ancora, definisce lo studio “stupendo” ed occupandosi personalmente dell’arredamento della nuova casa, promette che essa diventerà “[…] il più bell’alloggio di […] tutta Messina”.

Palazzo Sturiale, con al pianoterra ancora la tipologia della “casa e putìa” e ai piani superiori le abitazioni più evolute, tipiche della classe agiata, ha un portinaio d’eccezione, tale Giovanni Sgroi. Pascoli gli si affeziona, anche se lo definisce “[…] aborto di Polifemo: guercio, zoppo, piccolo […]” e, dopo il terremoto del 1908, si ricorderà di lui e della sua grande bontà d’animo, inviandogli una grossa somma di denaro e una lettera dove esprime l’augurio che “[…] la nostra Messina […]” risorga “[…] più bella di prima […]”.

Nei momenti liberi, il poeta ama passeggiare per la città, in compagnia del collega Manara Valgimigli: sue mete preferite, la Palazzata minutoliana, la Pescheria, la spiaggia di Maregrosso da dove ammira il “Fretum Siculum” e il mare, quel mare che “Se ci tuffi una mano, gocciola azzurro”. E il contatto con i messinesi, come quella volta che gli si avvicinò una bimbetta, povera di stracci e col visino smunto, a chiedergli “Vossia mi dugna un sciuri”: non elemosina, ma uno dei fiori che il poeta teneva in mano. Alla fine di giugno del 1902, Pascoli e Mariù partirono definitivamente da Messina.

La notizia della terribile catastrofe del 1908 li sconvolge, li fa soffrire con autentico dolore di figli, e le parole più belle, il poeta le rivolge a questa sua cara città: scrivendo a Ludovico Fulci il 5 luglio 1910, dirà “Io [a Messina, n.d.a.] ci ho passato i cinque anni migliori, più operosi, più lieti, più raccolti, più raggianti di visioni, più sonanti d’armonie della mia vita”.

Nino Principato

 

Redazione1
di Redazione1 dicembre 1, 2019 14:31

RSS aleteia

  • Ignazio di Loyola, il santo che rivela ai giovani i sentimenti di Dio
    Sant’Ignazio di Loyola è una figura potente che colpisce i giovani di oggi. Ad affermarlo è Jesús Zaglul Criado, gesuita della Repubblica Dominicana, assistente per il Nord America Latina e consigliere generale del generale della Compagnia di Gesù, che presenta la figura del santo fondatore nel giorno in cui la Chiesa ne celebra la memoria. […]
    Vatican News
  • Oltre 53mila detenuti in Italia, per Antigone l’affollamento supera il 113%
    Il numero di persone detenute, al 30 giugno scorso, si attesta a 53.637, di cui 2.228 donne (4,2%) e 17.019 stranieri (32,4%), per 50.779 posti ufficialmente disponibili e un tasso di affollamento ufficiale del 105,6%. Lo rileva l’associazione Antigone nel suo rapporto di metà anno sulle carceri italiane, sottolineando tuttavia che “il reale tasso di affollamento […]
    Agi
  • Medaglia d’oro nel surf a Tokyo, Ítalo Ferreira prega tutti i giorni alle 3 del mattino
    Il brasiliano Ítalo Ferreira ha fatto la storia nelle Olimpiadi: è il primo atleta a conquistare la medaglia d’oro nel surf, modalità inaugurata nei Giochi Olimpici di Tokyo. Ítalo è stato anche il primo sportivo a conquistare un oro per il Brasile in queste Olimpiadi. Dopo la batteria vincente, l’atleta ha rivelato uno dei “segreti” […]
    Pablo Cesio
  • 3 “segreti” vaticani che non sono affatto segreti
    È piuttosto difficile dire da dove derivi la parola “Vaticano”. È sicuramente il nome di uno dei sette colli di Roma, tutti situati sulla riva orientale del fiume Tevere, all’interno delle mura cittadine, ma ci sono diverse opinioni relative a come il Colle Vaticano ha ottenuto il suo nome. Nel primo secolo, il noto retore […]
    Daniel R. Esparza
  • In canoa con il vescovo sul fiume Po: è partito il Cammino di San Marco
    Un’avventura che, di certo, non passa inosservata quella del Vescovo Guido Gallese e di 15 ragazzi della Diocesi di Alessandria, partiti lunedì 18 luglio da Rivarone per arrivare a Venezia in canoa, seguendo il corso del Po. E’ il Cammino di San Marco, iniziativa nata nel 2019 e ripresa in questa fase di ripresa meno […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Attenti alla “truffa del vescovo”: la diocesi di Ragusa avverte i fedeli
    “Truffa del vescovo”: la Diocesi di Ragusa lancia l’allarme ai cittadini in merito a delle segnalazioni pervenute negli ultimi giorni. Pare che ultimamente qualcuno stia “bussando” alla porta delle persone con la scusa di vendere crocifissi e altri oggetti sacri porta a porta (News Sicilia, 30 luglio). “Nessuna autorizzazione” «Sono pervenute segnalazioni di tentativi di […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Lottatrice di arti marziali miste devota al Santo Rosario
    Le arti marziali miste sono uno sport estremo con molti colpi anche forti, al punto che vari di quelli che lo praticano restano incoscienti o finiscono in ospedale. È quello che accade nell’Ultimate Fighting Championship (UFC), e non si può negare. Joanna, però, ha trovato in questo sport un modo onesto per vivere, e nella […]
    Jesús V. Picón
  • Perché Papa Francesco continua a nominare vescovi in Cina?
    Mercoledì 28 luglio, nella cattedrale di Pingliang, nella provincia cinese di Gansu, ha avuto luogo la cerimonia di ordinazione episcopale del sacerdote Anthony Li Hui, nominato da Papa Francesco coadiutore di Pingliang l’11 gennaio scorso. Monsignor Li è il quinto vescovo cinese nominato e ordinato in virtù dell’Accordo Provvisorio sulla Nomina dei Vescovi in Cina, […]
    Ary Waldir Ramos Díaz
  • Cosa accade all’anima di una persona che ha l’Alzheimer?
    Nell’articolo Nos limiares do além (Alle soglie dell’aldilà), padre Eduardo Hayen Cuarón ha riposto alla domanda relativa a cosa accade all’anima di una persona che soffre di Alzheimer, la forma più comune di demenza tra le persone che hanno superato i 60 anni. Direttore del settimanale Presencia, della diocesi messicana di Ciudad Juárez, padre Hayen […]
    ACI Digital
  • Quando Pio XII esortò i ginnasti a prendersi cura della loro salute mentale
    L’8 novembre 1952, Papa Pio XII si rivolse a vari atleti e leader sportivi sottolineando la necessità di non trascurare la salute della mente, del corpo e dell’anima. “Riponete dunque la vostra gioia nella pratica corretta della ginnastica e dello sport”, affermò in un discorso ai partecipanti al Congresso Scientifico Nazionale Italiano dedicato alle attività […]
    Philip Kosloski

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

  • Sanificare la comunicazione 31 luglio 2021
    Un fiume di parole esondano continuamente dalla bocca di ciascuno, per dimostrare di avere ragione. Spesso l’istintività prende il sopravvento e, senza fondare le proprie ragioni anche con il confronto, ognuno lotta per vincere e affossare l’altro. Ogni occasione può diventare un campo di Marte, soprattutto quando siamo convinti che l’altro sbagli sempre. Siamo così […]
  • Meeting Rimini: gli eventi promossi dall’Università Cattolica 30 luglio 2021
    Dal ruolo della ricerca scientifica alle sfide future dell’università nell’epoca del cambiamento e dell’incertezza. Sono i temi con cui l’Università Cattolica partecipa alla 42ª edizione del Meeting per l’amicizia fra i popoli, dedicata a “Il coraggio di dire ‘io’”, titolo tratto da un testo del filosofo danese Kierkegaard, che quest’anno si terrà in presenza alla […]
  • Istituti religiosi: Roma, morta madre Trinidad de la Santa Madre Iglesia, fondatrice de L’Opera della Chiesa 30 luglio 2021
    È morta a Roma, dove soggiornava dal 1993, per una lunga e dolorosa malattia, madre Trinidad de la Santa Madre Iglesia, fondatrice de L’Opera della Chiesa, istituzione ecclesiale di diritto pontificio presente oggi in Spagna, in Italia e in vari Paesi dell’Africa e dell’America Latina. Trinidad Sánchez Moreno – si ricorda in una nota – nasce […]
  • Papa Francesco: telegramma di cordoglio per la morte del card. Vanhoye, domani i funerali 30 luglio 2021
    Un “fratello” che “ha servito il Signore e la Chiesa con grande dedizione”. Così il Papa definisce il card. Albert Vanhoye, rettore emerito del Pontificio Istituto biblico e già segretario della Pontificia Commissione biblica, in un telegramma di cordoglio –  inviato oggi a padre Manuel Morujao, superiore della Residenza San Pietro Canisio a Roma – […]
  • Papa Francesco: nomina Chien-Jen Chen membro ordinario della Pontificia Accademia delle Scienze 30 luglio 2021
    Il Papa ha nominato membro ordinario della Pontificia Accademia delle Scienze Chien-Jen Chen, docente di Epidemiologia presso l’Academia Sinica a Taipei (Taiwan). Ne dà notizia oggi la Sala Stampa della Santa Sede. Chien-Jen Chen è nato il 6 giugno 1951 a Cishan (Taiwan). Dopo aver studiato alla National Taiwan University a Taipei, ha conseguito il dottorato in genetica […]
  • Green Pass: no certificazione per andare a messa. Tutte le indicazioni per le celebrazioni liturgiche 30 luglio 2021
    “La certificazione non è richiesta per partecipare alle celebrazioni”. Lo si apprenda da una scheda informativa che accompagna la lettera ai vescovi diffusa oggi dalla Presidenza della Cei e che fa il punto sul Decreto Legge del 23 luglio 2021 che introduce l’obbligo di munirsi di certificazione verde (“Green Pass”) per usufruire di alcuni servizi […]
  • Cei: Presidenza, “non far mancare al popolo gesti di preghiera, partecipazione e speranza” in “condizioni di sicurezza” 30 luglio 2021
    “Ove ricorrano condizioni di sicurezza, non far mancare al nostro popolo questi gesti di preghiera, partecipazione e speranza perché la Chiesa sia presente in questo tempo così particolare”. Così la Presidenza della Conferenza episcopale italiana in una lettera indirizzata ai vescovi: “Sin dal giugno 2020, molte diocesi e parrocchie italiane hanno organizzato le processioni, adottando […]
  • Cei: Presidenza, “gratitudine” ai vescovi e alle comunità cristiane impegnate nella progettazione del prossimo anno pastorale 30 luglio 2021
    “In queste settimane le nostre Chiese sono impegnate nella progettazione del prossimo anno pastorale. Per questo, sentiamo di rivolgere una parola di gratitudine a tutti voi e alle vostre comunità che, nonostante le fatiche, riescono a far vedere il volto di una Chiesa madre che vive e testimonia la sua fecondità”. Lo scrive in una […]
  • Lettera a Federica Cesarini e Valentina Rodini 30 luglio 2021
    “Carissime Federica e Valentina, innanzitutto, grazie! Grazie perché avete permesso di risentire, dopo la vittoria di Vito Dell’Aquila, l’Inno di Mameli risuonare nei cieli di Tokyo! Grazie, perché ci avete creduto sino alla fine nell’arrivare al fotofinish con una medaglia destinata a voi! Grazie, perché avete inserito l’Italia nella cronotassi di vittorie in cui non […]
  • Perdono di Assisi: da oggi le meditazioni di mons. Baturi, arcivescovo di Cagliari e vicepresidente Cei 29 luglio 2021
    Prende il via oggi, con il Triduo di preparazione, il percorso di avvicinamento alla festa del Perdono di Assisi, in programma lunedì 2 agosto nel ricordo dell’indulgenza plenaria della Porziuncola voluta da san Francesco e concessa da Papa Onorio III nel 1216. Stasera alle 21.15 la prima delle meditazioni che saranno proposte da mons. Giuseppe […]

Commenti recenti

     

    • 40:
    • 146:
    agosto: 2021
    L M M G V S D
    « Lug    
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    3031  

    Login