MESSINA – Celebrato il rito dell’imposizione del pallio all’Arcivescovo, nella ricorrenza del 30° della canonizzazione di Eustochia Smeralda Calafato

Redazione1
di Redazione1 giugno 18, 2018 19:40

MESSINA – Celebrato il rito dell’imposizione del pallio all’Arcivescovo, nella ricorrenza del 30° della canonizzazione di Eustochia Smeralda Calafato

L’imposizione del pallio all’arcivescovo mons. Giovanni Accolla, da parte di mons. Emil Paul Tscherrig, nunzio apostolico del Papa per l’Italia, avvenuto nel giorno della ricorrenza del 30° anniversario della canonizzazione di Eustochia Smeralda Calafato (1988-11 giugno-2018) segna un momento liturgico solenne che ha visto celebrati insieme due eventi di grande significato religioso e simbolico. Eventi rappresentativi dei due fondamentali cardini di fede su cui poggia il cristianesimo: da una parte l’impegno attivo, apostolico e missionario, affidato alla cura pastorale dei vescovi, dall’altra quello della vita contemplativa, attuato con la costante offerta mediante la preghiera e il sacrificio, nel nascondimento della esperienza monastica.

Simbolo della vita religiosa attiva rivolta alla salvezza delle anime, Il pallio è un antichissimo paramento liturgico in uso nella Chiesa cattolica, costituito da una fascia di lana bianca che simboleggia la pecorella posta sulle spalle del pastore, quale segno dell’impegno pastorale di comunione fattiva dei vescovi con le loro chiese locali.

Il momento liturgico, durante il quale si è svolta la duplice celebrazione, ha visto dunque l’antico rito del pallio, simbolo della vita dedicata all’apostolato (mons. Accolla lo aveva ricevuto dal Papa in Vaticano nel giorno della festività dei Santi Pietro e Paolo insieme ad altri 35 arcivescovi e Patriarchi), intrecciato con lo storico evento della proclamazione di santità dell’umile clarissa di Montevergine, che simboleggia la vita dedicata alla preghiera di adorazione, invocazione e riparazione, avvenuto a Messina 30 anni fa ad opera di Giovanni Paolo II.

La solenne liturgia in cattedrale, presieduta dall’arcivescovo, è stata concelebrata dal cardinale Paolo Romeo arcivescovo emerito di Palermo, dai vescovi emeriti di Reggio Calabria Vittorio Mondello, e di Taranto Luigi Benigno Papa; dai vescovi di Acireale, Noto, Catania, Siracusa e quelli di Patti e Nicosia. Presenti le autorità civili e militari, associazioni ecclesiali e laicali, diverse le corali che hanno animato la celebrazione. Alla celebrazione erano anche presenti un gruppo di clarisse di Montevergine, accompagnate dall’abbadessa, Madre Maria Agnese Pavone, in rappresentanza della Comunità delle “Sorelle povere di S. Chiara”, seguaci della Santa Fondatrice del monastero.

Ma ricordando quel memorabile undici giugno in cui i messinesi accolsero festanti papa Wojtyla, lo storico avvenimento segnato dal fatto eccezionale che ha visto il Papa venire apposta nella nostra città – unica volta avvenuta fuori dalle mura Vaticane – per canonizzare la Beata Eustochia, affiorano vari momenti del suo incontro con la città e diverse frasi del “messaggio” che il santo padre rivolse ai messinesi.

Sono ricordi edificanti che rimangono indelebili nella memoria della città, e di cui ritornano alla mente alcune espressioni indimenticabili, come lo stupore e l’ammirazione di fronte alla bellezza dello Stretto e della città: “Qui, dove la natura è un inno perenne alla grandezza del Creatore, è più facile disporre l’animo a pensieri alti e soavi e soffermarsi in preghiera”; così i richiami al patrimonio storico culturale di Messina: “teatro di eventi che hanno lasciato  tracce profonde nell’anima della gente”; o quelli riferiti alla vita contemplativa di Eustochia Smeralda: “donna del XV° secolo, testimone e maestra di santità”; ai malati: “saluto cordialmente tutti i malati e tutti coloro che li assistono”; così come il messaggio gioioso e intenso rivolto ai giovani: “Gravi e urgenti problemi si addensano all’orizzonte. E’ certo tuttavia che se voi riuscirete a mettere insieme le vostre energie di mente di cuore e di braccia, troverete soluzioni originali, capaci di accelerare il processo di adeguamento della società alle esigenze poste dai suoi antichi e nuovi bisogni…”

 

 

 

A. Majolino

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Redazione1
di Redazione1 giugno 18, 2018 19:40

RSS aleteia

  • Preghiera mattutina per chiedere a Dio di benedire la nostra giornata
    Il modo in cui iniziamo la giornata detta spesso il corso del resto del giorno. È per questo che la Chiesa incoraggia fortemente i fedeli a iniziare la loro giornata con una preghiera mattutina. Eccone una offerta dal Breviario Romano che chiede a Dio di benedire la nostra giornata e di renderla santa:Signore Dio, Re […]
    Philip Kosloski
  • Il Burkina Faso sconvolto dopo un massacro costato la vita a più di cento persone
    Chi è sopravvissuto all’attacco terroristico più sanguinoso da quando si è scatenata la violenza islamista in Burkina Faso, nell’Africa Occidentale, vive nel terrore di altri attacchi. Lo ha riferito Laurent Dabiré, vescovo cattolico di Dori, alla fondazione pontificia Aiuto alla Chiesa che Soffre (ACS), osservando che “la gente è senza parole. Soprattutto chi vive nel […]
    Aiuto alla Chiesa che Soffre
  • A cosa vi aggrappate, a Cristo o alle ideologie?
    Cristo o ideologie: a cosa vi aggrappate? È la domanda che p. Gabriel Vila Verde ha lanciato a chi accompagna le sue reti sociali. Il sacerdote ha scritto: “Nella tempesta della vita, ciascuno si aggrappa al tronco che considera più sicuro. Per alcuni è il tronco delle ideologie politiche, per altri il tronco della menzogna, […]
    José Miguel Carrera
  • 12 nomi papali che potreste dare ai vostri figli
    Se Pietro, con riferimento al Pescatore di Galilea, resta un evergreen, la lunga lista dei pontefici romani offre una larga scelta di nomi belli, talvolta originali e sempre ricchi di storia cristiana. The post 12 nomi papali che potreste dare ai vostri figli appeared first on Aleteia.org - Italiano.
    Giovanni Marcotullio
  • India: orfana a 7 anni accudisce il fratello di 2 mesi
    La seconda ondata del Covid ha colpito l’India tra aprile e maggio con una furia devastante, si sono raggiunti picchi giornalieri che sfioravano i 300 mila contagi. Il sistema sanitario non ha retto l’urto, il numero esponenziale di vittime è dipeso anche dalla carenza di ossigeno e di strutture ospedaliere adeguate. E come coda velenosissima […]
    Annalisa Teggi
  • Patrizia Pellegrino: mia figlia è sopravvissuta per miracolo e di questo ringrazio Maria
    Nell’ultimo numero in edicola del settimanale Maria con te viene riportata la testimonianza dell’attrice napoletana Patrizia Pellegrino, 58 anni, reduce da un delicato intervento chirurgico per l’asportazione di un rene a causa di un tumore.  L’attrice confida l’angoscia provata al pensiero di poter lasciare soli i tre figli, “i quali hanno bisogno di me quanto […]
    Silvia Lucchetti
  • Accesso ai vaccini, i gesuiti: ora brevetti liberi, c’è una catastrofe in corso
    Liberalizzare i brevetti dei vaccini anti Covid. Fare in modo che siano accessibili a tutta la popolazione mondiale e non solo a Stati Uniti, Europa, e pochi “eletti”. I gesuiti alzano la voce contro le difficoltà a reperire vaccini degli Stati più poveri. Un problema di cui si ne parla troppo poco. L’autorevole rivista La […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Tokyo, le Olimpiadi per “uomini che si sentono donne”
    I diritti di una categoria contro quelli di tutte le altre Non poteva che essere questa la naturale, mostruosa conseguenza. Se leggi di stato stanno affermando che è giusto che una persona venga trattata a seconda di come dice di sentirsi in merito al genere, se queste leggi si diffondono come un super batterio farmacoresistente […]
    Paola Belletti
  • Maciej voleva diventare rocker: oggi scrive magnifiche icone
    Venerate da alcuni, collezionate da altri, le icone – espressioni di arte plurimillenaria – affascinano. Che cosa rivelano, al di là della bellezza artistica? Come trasformano la vita di quanti le scrivono? Abbiamo incontrato Maciej Leszczynski, iconografo, cantore e teologo. The post Maciej voleva diventare rocker: oggi scrive magnifiche icone appeared first on Aleteia.org - […]
    Marzena Wilkanowicz-Devoud
  • Sant’Angela da Foligno, che trascorse i suoi primi trent’anni conducendo una “vita mortalmente peccaminosa”
    “L’umiltà esiste solo in coloro che sono abbastanza poveri da vedere che non possiedono nulla”. Sant’Angela da Foligno A 18 chilometri da Assisi si trova Foligno, città che affonda le sue radici in epoca romana. Anche se ampiamente trascurata nella maggior parte delle vie di pellegrinaggio e offuscata dalla vicina Assisi per via della santità […]
    Bret Thoman, OFS

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 432:
    • 1805:
    giugno: 2021
    L M M G V S D
    « Mag    
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    282930  

    Login