Giorgio La Pira, in un testo inedito: “I due volti dell’Apocalisse. Eliminare l’atomica o saremo tutti eliminati globalmente”

Redazione1
di Redazione1 dicembre 2, 2017 19:24

Giorgio La Pira, in un testo inedito: “I due volti dell’Apocalisse. Eliminare l’atomica o saremo tutti eliminati globalmente”

In un tempo in cui si diffonde nel mondo la paura per il rischio che gli scambi di ripetute minacce di usare le armi atomiche, tra Kim Jong-un e Trump, possano far scatenare l’”Apocalisse” di un conflitto nucleare globale, le dichiarazioni ammonitrici di Giorgio La Pira colpiscono per l’impressionante attualità con cui ci giungono a distanza di tanti anni. 

Sono numerosi e interessanti gli scritti e le opere del “Sindaco santo di Firenze”: notissimo personaggio di fama internazionale, che si definiva un “libero apostolo del Signore”. Messinese di adozione per aver vissuto da giovanissimo nella nostra città fino agli studi universitari; compagno e fraterno amico di Salvatore Quasimodo e Salvatore Pugliatti. Sono però tanti e di rilievo anche i suoi discorsi, le conferenze e varie dichiarazioni pronunciati in moltissime occasioni della sua vita professionale, politica e religiosa. Uno di questi interventi che qui riportiamo in sintesi, appare profetico e ben appropriato al momento presente.

“Il punto in cui siamo, da dove veniamo, è un punto interessante: è il punto dell’Apocalisse. L’Apocalisse ha due volti: il volto della distruzione totale e il volto della ricostruzione totale”.              “Tutti i problemi, politici, culturali, spirituali, sono tutti legati a questa frontiera dell’Apocalisse. O finisce tutto, o comincia tutto. O eliminare l’atomica o saremo tutti quanti eliminati globalmente, in un contesto atomico”. È quanto afferma Giorgio La Pira in un testo inedito, parte della sbobinatura dell’ultimo incontro di La Pira a “La Vela” (13 agosto 1975), pubblicato recentemente.

Parlando ad oltre 100 giovani dai 17 anni in su partecipanti al campo-scuola al villaggio “La Vela” di Castiglione della Pescaia (Gr) con Pino Arpioni, La Pira evidenzia che “trent’anni dopo la prima atomica, che era di 0,0015 megatoni”, “il primo problema è l’atomica. Perché essa è veramente il problema della vita o della morte del genere umano e dello spazio”. “Che si è fatto in questi trent’anni?”, domanda il professore. “Abbiamo cercato di eliminarlo, di non pensarci, per non aver dubbi di coscienza. È come un debitore che ha molti debiti: cerca di non pensarci”. Secondo La Pira, “il nostro tempo, se voi lo analizzate culturalmente e spiritualmente” è “teso verso la pace universale, verso l’unità di tutti i popoli della terra, il disarmo inevitabile, e la contemplazione dei grandi misteri della Chiesa e della storia”. Se “voi ci riflettete – aggiunge – vedrete come c’è questo cammino sempre crescente, sempre verso un porto, il porto escatologico, che è il porto finale sulla terra, della fioritura del mondo”.

“Bisogna ridurre questo mondo a una unità”, ammonì La Pira: “Come un’unica famiglia che ha Dio per Padre. La Chiesa come orientatrice. E tutti noi per fratelli, senza distinzione di classe. Spinti da un’unica forza motrice”.

Profondità e concretezza di questa visione del mondo così realistica e centrata, mostrano il valore di un uomo di “grande caratura civile, politica e spirituale che contribuisce ad arricchire il patrimonio identitario, culturale e

religioso della nostra città”. Infatti, come molti forse non sanno, La Pira, da Pozzallo, dove era nato, venne giovanissimo a Messina dove visse fino al tempo degli studi universitari; ed è proprio dal contesto socio-culturale della città “post terremoto” che ricevette l’impronta di base che ne caratterizzò l’umanità, la religiosità e l’impegno politico e civile. A Messina avvenne anche la sua conversione, propiziata dalla sua frequentazione del Monastero di Montevergine, dove era entrata come postulante l’amata nipote Maria Angelino, e dove veniva seguito spiritualmente dal cappellano, mons. Luigi Bensaja. E fu sempre a Messina che divenne terziario domenicano, nella chiesa di S. Domenico.

 

 

Redazione, da Agenzia di informazione

 

 

Redazione1
di Redazione1 dicembre 2, 2017 19:24

RSS aleteia

  • I padri più grandi del mondo: uomini santi che hanno allevato santi
    L’amore di un buon padre può essere un’icona dell’amore di Dio Padre, che spiega ai suoi figli la verità per la quale sono amati al di là di ogni immaginazione. Questo tipo di amore rende molto più semplice il fatto di ricevere l’amore di Dio e di donargli il nostro cuore, rendendo santi i figli […]
    Meg Hunter-Kilmer
  • Pensavate che la vostra vita sarebbe stata facile per il fatto di essere cattolici?
    “Del resto, tutti quelli che vogliono vivere piamente in Cristo Gesù saranno perseguitati” (II Timoteo 3, 12) Essere cattolico è la cosa migliore che mi sia capitata. Mi sento felice, accolto nella nostra santa Madre Chiesa. Non è perfetta, ma la amo. So anche che praticare la fede e perseverare nella preghiera non mi libererà dalle […]
    Claudio De Castro
  • Alfredo Infante, un Gesuita che esercita il suo sacerdozio tra guerre e conflitti
    Il fuoco incrociato tra le bande criminali per il “controllo della zona” e tra queste e i corpi di sicurezza dello Stato è “il pane quotidiano” a La Vega, un insieme di quartieri a sud-ovest di Caracas (Venezuela). Negli ultimi mesi, prendere precauzioni serve non solo a evitare la pandemia di coronavirus, ma anche a […]
    Ramón Antonio Pérez
  • La preghiera quotidiana che può trasformare la vostra vita
    Molti di noi stanno vivendo con il pilota automatico inserito, saltando da un compito all’altro, non permettendosi tempo o spazio per la contemplazione, o sprecando il proprio tempo in cose prive di importanza. Sant’Ignazio, sacerdote spagnolo, teologo e fondatore dei Gesuiti, ha scritto gli Esercizi Spirituali, un insieme di meditazioni cristiane, preghiere ed esercizi mentali […]
    José Miguel Carrera
  • Erdoğan vuole trasformare in moschee tutte le chiese cristiane della Turchia?
    La Turchia vuole trasformare in moschee tutte le chiese cristiane? È la domanda posta senza giri di parole dal sito Cristiani Today, che si chiede quale sia la politica del Governo di Recep Tayyip Erdoğan per quanto riguarda i templi cristiani esistenti nel Paese a maggioranza musulmana ma in teoria laico. Il reportage parte dal […]
    Francisco Vêneto
  • 105 anni appena compiuti, pregando ogni giorno San Francesco di Paola
    Il suo legame con San Francesco di Paola si è rinsaldato con la preghiera anche nel giorno del suo 105esimo compleanno.   Anna Mangione, la donna più longeva di Pizzo Calabro (Vibo Valentia), nata il 17 giugno 1916, nel clou del primo conflitto mondiale, era poco più che trentenne quando superò anche la seconda guerra. […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Incorporei, innumerevoli, “soffi” di Dio: così si presentano gli angeli
    Viviamo in un mondo circondato da spiriti la cui trascendenza è constante, ma più in là delle costellazioni e delle stelle, esiste un universo celeste i cui abitanti sono gli spiriti puri, ossia gli angeli, creature fuori dalle dimensioni temporali normali e che non un corpo umano. Non si possono quantificare Questi spiriti puri sono […]
    don Marcello Stanzione
  • Il bimbo più prematuro del mondo compie un anno, auguri Richard!
    Tanto piccolo, ma con un nome lunghissimo: Richard Scott William Hutchison. Altisonante come il nome di un re o di un principe e in effetti si merita squilli di tromba e una festa in grande stile. Ma in realtà gli è bastata una torta di panna da poter pastrocchiare con le mani. Lo scorso 5 […]
    Annalisa Teggi
  • Il matrimonio si celebra in casa. La svolta della diocesi di Livorno
    Nella diocesi di Livorno sarà possibile celebrare il matrimonio religioso anche in casa. La disposizione ha ricevuto il via libera da parte del consiglio presbiteriale, come riporta il settimanale diocesano. Il rifiuto di sposarsi in chiesa «Con questa disposizione – spiega il vescovo di Livorno Simone Giusti – abbiamo pensato di facilitare in parte un […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Roberto Mancini e la sua fede: “La Madonna è la mamma di tutti noi”
    Il sostegno della Madonna e la fede sono la forza del ct della Nazionale Roberto Mancini. «Io sono credente cattolico, praticante. Sono cresciuto all’oratorio sotto casa, è stata una grande fortuna». Queste le parole di Roberto Mancini intervistato da monsignor Dario Edoardò Viganò nella puntata del 19 giugno di “A sua immagine”, il programma religioso […]
    Gelsomino Del Guercio

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 157:
    • 200:
    giugno: 2021
    L M M G V S D
    « Mag    
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    282930  

    Login