Origini e significato del toponimo Giostra, rione popolare di Messina, spiegati in un interessante articolo tratto da un lavoro di ricerca

Redazione1
di Redazione1 luglio 28, 2017 17:14

Origini e significato del toponimo Giostra, rione popolare di Messina, spiegati in un interessante articolo tratto da un lavoro di ricerca

 

La nozione di identità, strettamente legata all’appartenenza culturale cui si riferisce, deve sempre essere intesa in relazione all’unicità della storia e dell’esperienza dell’individuo, o del gruppo, di cui si parla nel contesto sociale di attinenza, in un ambiente che sia ben delimitato e connotato. E’ infatti dal rapporto di interazione e conoscenza nei confronti dei propri simili e del territorio in cui si vive, che provengono i fattori adatti a sviluppare quel senso di adesione sociale che, diventando riflessivo, dà luogo all’identità collettiva. Conoscendo meglio passato  e caratteristiche delle zone che compongono l’insieme di una città, ponendo particolare attenzione a quelle periferiche, si rende più idealmente compatta, salda e proficua l’immagine simbolica che una comunità costruisce di sé, e in cui i suoi membri si identificano.

Un valido contributo culturale in questo senso ce lo dà l’articolo seguente, con il quale l’autrice – già Professore Associato di Linguistica presso il “Dipartimento di Civiltà antiche e moderne” dell’Università degli Studi di Messina – ci fornisce il  “gustoso” frutto di una sua dotta ricerca, che permette di entrare nelle pieghe nascoste di etimologie, significati e varie connessioni relativi ad un rinomato rione periferico: toponimo importante della composita e allargata identità localistica messinese.

Con questo articolo mi occuperò del toponimo Giostra, rione di giostra R °Messina, nome anche del “Torrente” e “Viale” della città. Il termine italiano giostra (giòsta), documentato dal XIV sec., nel Medioevo e nel Rinascimento indicava vari esercizi di abilità cavallereschi, in particolare un tipo di combattimento in cui due cavalieri cercavano di sbalzarsi di sella colpendosi con la lancia. In seguito ha indicato una struttura girevole attrezzata per bambini, con cavallini, seggiolini e vetture varie che girano a suon di musica;  al plurale, le giostre, indicano più genericamente il complesso dei divertimenti che fanno parte di un Luna Park.

giostra 2 R °Il termine giostra proviene dal francese antico joste – in franc. moderno joute “gara, giostra”-  dal latino iuxtāre “accostare l’un l’altro”  da iuxta “vicino”. Il torrente Giostra nel corso dei secoli ebbe varie denominazioni: Calcidicus, San Rizzo, Badiazza, S. Maria La Valle, S. Maria Scala, Ritiro, S. Michele, della Grazia, S. Maria di Gesù, S. Francesco di Paola,  S. Leone.

Il nominativo attuale del IX quartiere di Messina – che comprende anche la zona di Giostra – è ancora quello di San Leone, denominazione coniata in passato a indicare il borgo medesimo, chiamato S. Leo, in onore di Papa Leone II, nato pare proprio a Messina. pontefice per poco tempo, dal 17 agosto 682 al 3 luglio 683.

Samperi,  nella sua Iconologia, narra: << S. Leone pontefice Secondo, di questo nome fù cittadino Messinese, come affermano molti Autori e ve n’è la tradizione & i vestigi antichissimi, impero che fuori della Città, verso la parte settentrionale discosta un miglio dalla Città, v’è un’antichissima Chiesa di San Leo, ch’a dato il nome ad un popolatoGiostra 4 ° Borgo, detto S. Leo, di più v’era una nobilissima famiglia de’ Papaleoni, descendenti di questo pontefice, le cui case erano, ove si fondò poi il Monasterio di Monte Vergine, anzi v’è fama, che l’antica fontana vicino alla Marina, detta Ponteleone, ò volgarmente Pozzoleone che sia stata delle Case di questo Pontefice>>.

L’usanza rinascimentale di praticare le “giostre” era diffusa in Sicilia e anche a Messina, dove, come si deduce dalle testimonianze scritte, non mancavano i cavalieri esperti in scontri individuali o collettivi che praticavano spettacoli d’armi in recinti circolari delle campagne nei dintorni della citttà. Nel volume “Il quartiere S. Leone di Messina”  di Nino Principato, a proposito del Viale Giostra si riferisce: << dal Viale Regina Elena, salendo per il Viale Giostra, ha inizio l’omonima Contrada così denominata per i tornei cavallereschi, le Giostre, appunto, che qui si tennero sin dal XVI sec. Memorabile, fra tutte, fu la giostra del 10 settembre 1553 che si svolse con “armi di guerra” e per tre domeniche consecutive >>.(…)

Cavalieri stella 2 °Caio Domenico Gallo negli Annali della città di Messina, citando l’opera di Buonfiglio, parla di giostre, tornei e giuochi militari nella Messina del Cinquecento: Ricordiamo a Messina le attività militari dei “Cavalieri della Stella”: un ordine nobiliare, chiamato anche “Accademia”, istituito per ordine di re Filippo II nel 1596. I “Cavalieri”, detti della Stella <<per una stella gemmata che portavano in petto per divisa del loro ordine>>, addestravano cavalli, si esercitavano con le armi, promuovendo giostre e tornei, e partecipavano a imprese militari in difesa del territorio, come quelle contro i turchi, in seguito alla cui minaccia era stato costituito l’ordine, come appare negli stessi Annali: << quest’ordine militare fu dai Messinesi intrapreso e stabilito allora quando le continue minacce dell’Ottomano atterrivano la Sicilia, e l’Italia, facendosi con poderose armate vedere nei mari, e nel Canale di Sicilia>>.

Nel trattato del 1629 Il cavaliere di Antonino Ansalone, nobile messinese esperto nelle arti cavalleresche, la pratica dei tornei viene considerata  un’antichissima tradizione dell’Isola:

<< Il torneo a cavallo, d’onde derivi, lo descrive Virgilio, quando Enea trovandosi in Sicilia, dopo fatti quattro giuochi in onore dell’esequie del padre, impose ad Ascanio, che co’ giovanetti dell’età sua facesse il quinto … E perché il giuoco consiste principalmente in saper spignere e fermare a tempo il cauallo: in andare e venire di repulone, con la spada in mano, & in voltare con destrezza su la destra, per potere togliere il vantaggio della mano con sollecitudine all’auuersario>>. (…)

La denominazione di Giostra  fu  dunque data al Rione e alla Fiumara Cavalieri giostra R °messinese in ricordo delle antiche giostre, ma può essere anche sorta dall’omonimo cognome. Non è da escludere infatti che il toponimo facesse riferimento a una famiglia di cognome Giostra o Giustra – sempre collegato ai tornei – che abitava o possedeva delle case o delle proprietà in quella zona  Ed è proprio questa variante in –u- che può fare luce sulla forma più antica e popolare del nome, Giustra, poi italianizzato in Giostra.   Ggiuxt¥a, nella sua forma popolare, è entrata a far parte integrante del lessico siciliano come appellativo, in senso soprattutto dispregiativo: ggioṣṭ¥otu ( “abitante del rione di Giostra”) (…).

Lo studio dei toponimi deve essere condotto, oltre che sulla base delle testimonianze storiche, anche su quella delle indagini dialettologiche, attraverso il confronto fra la forma ufficiale dei nomi, spesso italianizzati e alterati dai cartografi, e la corrispondente voce dialettale, che  molto spesso si rivela più fedele al significato originario”.

 

Lucia Abbate

 

Redazione1
di Redazione1 luglio 28, 2017 17:14

RSS aleteia

  • I padri più grandi del mondo: uomini santi che hanno allevato santi
    L’amore di un buon padre può essere un’icona dell’amore di Dio Padre, che spiega ai suoi figli la verità per la quale sono amati al di là di ogni immaginazione. Questo tipo di amore rende molto più semplice il fatto di ricevere l’amore di Dio e di donargli il nostro cuore, rendendo santi i figli […]
    Meg Hunter-Kilmer
  • Pensavate che la vostra vita sarebbe stata facile per il fatto di essere cattolici?
    “Del resto, tutti quelli che vogliono vivere piamente in Cristo Gesù saranno perseguitati” (II Timoteo 3, 12) Essere cattolico è la cosa migliore che mi sia capitata. Mi sento felice, accolto nella nostra santa Madre Chiesa. Non è perfetta, ma la amo. So anche che praticare la fede e perseverare nella preghiera non mi libererà dalle […]
    Claudio De Castro
  • Alfredo Infante, un Gesuita che esercita il suo sacerdozio tra guerre e conflitti
    Il fuoco incrociato tra le bande criminali per il “controllo della zona” e tra queste e i corpi di sicurezza dello Stato è “il pane quotidiano” a La Vega, un insieme di quartieri a sud-ovest di Caracas (Venezuela). Negli ultimi mesi, prendere precauzioni serve non solo a evitare la pandemia di coronavirus, ma anche a […]
    Ramón Antonio Pérez
  • La preghiera quotidiana che può trasformare la vostra vita
    Molti di noi stanno vivendo con il pilota automatico inserito, saltando da un compito all’altro, non permettendosi tempo o spazio per la contemplazione, o sprecando il proprio tempo in cose prive di importanza. Sant’Ignazio, sacerdote spagnolo, teologo e fondatore dei Gesuiti, ha scritto gli Esercizi Spirituali, un insieme di meditazioni cristiane, preghiere ed esercizi mentali […]
    José Miguel Carrera
  • Erdoğan vuole trasformare in moschee tutte le chiese cristiane della Turchia?
    La Turchia vuole trasformare in moschee tutte le chiese cristiane? È la domanda posta senza giri di parole dal sito Cristiani Today, che si chiede quale sia la politica del Governo di Recep Tayyip Erdoğan per quanto riguarda i templi cristiani esistenti nel Paese a maggioranza musulmana ma in teoria laico. Il reportage parte dal […]
    Francisco Vêneto
  • 105 anni appena compiuti, pregando ogni giorno San Francesco di Paola
    Il suo legame con San Francesco di Paola si è rinsaldato con la preghiera anche nel giorno del suo 105esimo compleanno.   Anna Mangione, la donna più longeva di Pizzo Calabro (Vibo Valentia), nata il 17 giugno 1916, nel clou del primo conflitto mondiale, era poco più che trentenne quando superò anche la seconda guerra. […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Incorporei, innumerevoli, “soffi” di Dio: così si presentano gli angeli
    Viviamo in un mondo circondato da spiriti la cui trascendenza è constante, ma più in là delle costellazioni e delle stelle, esiste un universo celeste i cui abitanti sono gli spiriti puri, ossia gli angeli, creature fuori dalle dimensioni temporali normali e che non un corpo umano. Non si possono quantificare Questi spiriti puri sono […]
    don Marcello Stanzione
  • Il bimbo più prematuro del mondo compie un anno, auguri Richard!
    Tanto piccolo, ma con un nome lunghissimo: Richard Scott William Hutchison. Altisonante come il nome di un re o di un principe e in effetti si merita squilli di tromba e una festa in grande stile. Ma in realtà gli è bastata una torta di panna da poter pastrocchiare con le mani. Lo scorso 5 […]
    Annalisa Teggi
  • Il matrimonio si celebra in casa. La svolta della diocesi di Livorno
    Nella diocesi di Livorno sarà possibile celebrare il matrimonio religioso anche in casa. La disposizione ha ricevuto il via libera da parte del consiglio presbiteriale, come riporta il settimanale diocesano. Il rifiuto di sposarsi in chiesa «Con questa disposizione – spiega il vescovo di Livorno Simone Giusti – abbiamo pensato di facilitare in parte un […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Roberto Mancini e la sua fede: “La Madonna è la mamma di tutti noi”
    Il sostegno della Madonna e la fede sono la forza del ct della Nazionale Roberto Mancini. «Io sono credente cattolico, praticante. Sono cresciuto all’oratorio sotto casa, è stata una grande fortuna». Queste le parole di Roberto Mancini intervistato da monsignor Dario Edoardò Viganò nella puntata del 19 giugno di “A sua immagine”, il programma religioso […]
    Gelsomino Del Guercio

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 152:
    • 200:
    giugno: 2021
    L M M G V S D
    « Mag    
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    282930  

    Login