Nella lotta contro Covid-19: quante roboanti parole di guerra, ma anche preghiera e amore

Redazione1
di Redazione1 aprile 4, 2020 20:14

Nella lotta contro Covid-19: quante roboanti parole di guerra, ma anche preghiera e amore

Quando Walter Ricciardi, membro dell’esecutivo dell’Oms e consulente del ministero della Salute, ha  annunciato la seconda pandemia del XXI secolo dopo la SARS del 2002-2003, ha parlato di una lunga guerra che avrebbe richiesto un dispiegamento di forze senza precedenti e una grande compattezza.

Non mancano i continui riferimenti alle guerre mondiali del secolo scorso e non solo in Italia: Angela Merkel si è rivolta alla nazione con un messaggio in cui definisce la situazione odierna come la sfida più grande dopo la seconda guerra mondiale che non dipende solo, ma anche, da quanto ciascuno seguirà con disciplina le regole.

Mercoledì 11 marzo 2020, all’ospedale di Como, dopo avere contratto il coronavirus, è morto Roberto Stella, 67 anni, presidente dell’Ordine dei medici di Varese. È stato definito dai giornalisti “uno dei medici in prima linea”,  “un lottatore”, “un eroe”,  “ il comandante della battaglia”.  Come lui migliaia di altri combattenti, vittime del coronavirus “morti sul fronte”,  che hanno lasciato dietro di sé ammirazione, costernazione e dolore.

Si parla di un altro esercito in trincea per combattere il coronavirus: ‹‹quello discreto, quasi invisibile, delle suore. Che siano infermiere o di clausura, che si occupino di assistere i più poveri o che vadano in soccorso dei familiari delle persone colpite dalla malattia, tutte imbracciano due armi potenti: la preghiera e l’amore››.

Del linguaggio bellico con cui è trattata l’emergenza Covid-19 hanno parlato in tanti :  Siamo in guerra! Il Coronavirus e le sue metafore  è il titolo di un articolo di Daniele Cassandro, in  “Internazionale” del 22 marzo 2020, in cui si guarda all’impatto negativo che il concetto di guerra potrebbe avere sui malati. Salvarsi e non soccombere non è una questione di valore militare,  ma di ben altro, spesso anche di fortuna. Alcuni attribuiscono ai politici l’insistenza sulla metafora bellica: il sociologo Fabrizio Battistelli esorta a non sprecare metafore e concetti poco pertinenti, perché è diversa l’essenza di epidemia da quella della guerra.

Personalmente penso che il confronto con la guerra, al di là dei significati comuni come sofferenza, privazione, abnegazione, lotta, vita o morte nella solitudine e nello sconforto, non sia perfettamente calzante; se non altro perché, a differenza della guerra, in questo flagello manca l’intenzionalità dell’uomo nel fare del male. La realtà è già di per se stessa tragica: non aggiungiamo altri drammatici “significanti”.Corriamo il rischio di passare realmente alle armi, per “analogia”. In America si corre all’acquisto di pistole, mitragliatrici, munizioni: ‹‹Da Los Angeles a Houston, da Filadelfia a Denver in Colorado i negozi di armi hanno fatto più business che  mai››

Sarebbe il caso che ci limitassimo a usare parole che spaventano più di quanto il mondo intero non sia già spaventato. Lascerei al massimo il verbo “debellare”, fra le tante parole del lessico di guerra, che è almeno accettabile per il suo valore propiziatorio, dal latino debellare  “sconfiggere radicalmente”, da de ( “fuori da”, “completamente”) e un derivato di bellum “guerra”.

Si prenda esempio dal Presidente Mattarella che preferisce espressioni più schiette e pertinenti, come “difficile emergenza” “una pagina triste della nostra storia”, che almeno ci comunicano la transitorietà di questo momento. Avrà pensato alla guerra passata, certamente, ma con il pensiero rivolto a chi quella guerra l’ha realmente vissuta, come quando ha chiamato personalmente al telefono un anziano di Samo, comune della provincia di Reggio Calabria, ex partigiano di 98 anni, che gli aveva mandato un video messaggio, per esprimergli la sua ammirazione.

Il Papa, sul sagrato della Basilica di San Pietro, davanti a una piazza vuota, il 28 marzo scorso ha pregato per la fine della pandemia. Ha scelto un passo dal Vangelo secondo Marco, quando Cristo disse ai suoi discepoli di passare sull’altra riva. Ci fu una grande tempesta, durante la quale Gesù aveva dormito sereno; i discepoli lo svegliarono spaventati. Poi il vento e le acque si calmarono.“Perché avete paura? Non avete ancora fede?”. Anche oggi, ha spiegato il Pontefice, siamo stati furiosamente colpiti da un tempesta inaspettata. E siamo tutti sulla stessa barca, fragili e disorientati, importanti e necessari in un reciproco conforto.

La tempesta è una bella metafora, non implica malvagità, non nasce dall’odio fra fratelli, non ha bisogno di armi per essere allontanata: la tempesta come viene se ne va, lasciandoci sereni e più forti, se siamo uniti e fiduciosi.

 

Lucia Abbate

 

Redazione1
di Redazione1 aprile 4, 2020 20:14

RSS aleteia

  • I padri più grandi del mondo: uomini santi che hanno allevato santi
    L’amore di un buon padre può essere un’icona dell’amore di Dio Padre, che spiega ai suoi figli la verità per la quale sono amati al di là di ogni immaginazione. Questo tipo di amore rende molto più semplice il fatto di ricevere l’amore di Dio e di donargli il nostro cuore, rendendo santi i figli […]
    Meg Hunter-Kilmer
  • Pensavate che la vostra vita sarebbe stata facile per il fatto di essere cattolici?
    “Del resto, tutti quelli che vogliono vivere piamente in Cristo Gesù saranno perseguitati” (II Timoteo 3, 12) Essere cattolico è la cosa migliore che mi sia capitata. Mi sento felice, accolto nella nostra santa Madre Chiesa. Non è perfetta, ma la amo. So anche che praticare la fede e perseverare nella preghiera non mi libererà dalle […]
    Claudio De Castro
  • Alfredo Infante, un Gesuita che esercita il suo sacerdozio tra guerre e conflitti
    Il fuoco incrociato tra le bande criminali per il “controllo della zona” e tra queste e i corpi di sicurezza dello Stato è “il pane quotidiano” a La Vega, un insieme di quartieri a sud-ovest di Caracas (Venezuela). Negli ultimi mesi, prendere precauzioni serve non solo a evitare la pandemia di coronavirus, ma anche a […]
    Ramón Antonio Pérez
  • La preghiera quotidiana che può trasformare la vostra vita
    Molti di noi stanno vivendo con il pilota automatico inserito, saltando da un compito all’altro, non permettendosi tempo o spazio per la contemplazione, o sprecando il proprio tempo in cose prive di importanza. Sant’Ignazio, sacerdote spagnolo, teologo e fondatore dei Gesuiti, ha scritto gli Esercizi Spirituali, un insieme di meditazioni cristiane, preghiere ed esercizi mentali […]
    José Miguel Carrera
  • Erdoğan vuole trasformare in moschee tutte le chiese cristiane della Turchia?
    La Turchia vuole trasformare in moschee tutte le chiese cristiane? È la domanda posta senza giri di parole dal sito Cristiani Today, che si chiede quale sia la politica del Governo di Recep Tayyip Erdoğan per quanto riguarda i templi cristiani esistenti nel Paese a maggioranza musulmana ma in teoria laico. Il reportage parte dal […]
    Francisco Vêneto
  • 105 anni appena compiuti, pregando ogni giorno San Francesco di Paola
    Il suo legame con San Francesco di Paola si è rinsaldato con la preghiera anche nel giorno del suo 105esimo compleanno.   Anna Mangione, la donna più longeva di Pizzo Calabro (Vibo Valentia), nata il 17 giugno 1916, nel clou del primo conflitto mondiale, era poco più che trentenne quando superò anche la seconda guerra. […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Incorporei, innumerevoli, “soffi” di Dio: così si presentano gli angeli
    Viviamo in un mondo circondato da spiriti la cui trascendenza è constante, ma più in là delle costellazioni e delle stelle, esiste un universo celeste i cui abitanti sono gli spiriti puri, ossia gli angeli, creature fuori dalle dimensioni temporali normali e che non un corpo umano. Non si possono quantificare Questi spiriti puri sono […]
    don Marcello Stanzione
  • Il bimbo più prematuro del mondo compie un anno, auguri Richard!
    Tanto piccolo, ma con un nome lunghissimo: Richard Scott William Hutchison. Altisonante come il nome di un re o di un principe e in effetti si merita squilli di tromba e una festa in grande stile. Ma in realtà gli è bastata una torta di panna da poter pastrocchiare con le mani. Lo scorso 5 […]
    Annalisa Teggi
  • Il matrimonio si celebra in casa. La svolta della diocesi di Livorno
    Nella diocesi di Livorno sarà possibile celebrare il matrimonio religioso anche in casa. La disposizione ha ricevuto il via libera da parte del consiglio presbiteriale, come riporta il settimanale diocesano. Il rifiuto di sposarsi in chiesa «Con questa disposizione – spiega il vescovo di Livorno Simone Giusti – abbiamo pensato di facilitare in parte un […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Roberto Mancini e la sua fede: “La Madonna è la mamma di tutti noi”
    Il sostegno della Madonna e la fede sono la forza del ct della Nazionale Roberto Mancini. «Io sono credente cattolico, praticante. Sono cresciuto all’oratorio sotto casa, è stata una grande fortuna». Queste le parole di Roberto Mancini intervistato da monsignor Dario Edoardò Viganò nella puntata del 19 giugno di “A sua immagine”, il programma religioso […]
    Gelsomino Del Guercio

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 141:
    • 200:
    giugno: 2021
    L M M G V S D
    « Mag    
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    282930  

    Login