Varsavia, il Cardinale Wyszyński, eroico primate di Polonia, sarà beatificato il 12 settembre

Redazione1
di Redazione1 aprile 30, 2021 23:11

Varsavia, il Cardinale Wyszyński, eroico primate di Polonia, sarà beatificato il 12 settembre

Il Cardinale Stefan Wyszyński, arcivescovo metropolita di Varsavia e primate di Polonia, coraggioso testimone della fede sotto il nazismo e durante le persecuzioni del regime comunista polacco, sarà beatificato il 12 settembre 2021, e si aggiungerà così alla schiera dei santi polacchi. La celebrazione, inizialmente prevista per il 7 giugno 2020, era stata rinviata a causa della pandemia.

La nuova data della beatificazione è stata annunciata dal Cardinale Kazimierz Nycz. Si terrà a mezzogiorno, a Varsavia, la città di cui Wysynski fu arcivescovo, in piazza Pilsudski. Il cardinale sarà beatificato insieme a Roza Maria Czacka, una suora polacca morta nel 1961 dopo aver servito una vita le persone cieche.

Papa Francesco ha riconosciuto le virtù eroiche del cardinale Wyszynski il 19 dicembre 2017, mentre un miracolo attribuito alla sua intercessione è stato approvato in ottobre 2019. Il miracolo era la guarigione miracolosa di una donna di 19 anni da un cancro alla tiroide. L’intercessione del Cardinale Wyszynski, che era morto per un cancro all’addome, era stata chiesta da un gruppo di suore. (AciSt.)

I fedeli polacchi considerano Il Cardinale Stefan Wyszyński quasi un “padre della Patria”, perché lo riconoscono come la figura che salvò la Chiesa e la nazione nell’ oscuro periodo dell’occupazione sovietica, difendendo i cristiani dalle persecuzioni attuate dal governo comunista in odio alla fede. Da giovane prete, figurava nella lista dei religiosi considerati pericolosi dalla Gestapo e destinati alla deportazione nei campi di concentramento. La stessa lista che recava il nome di Massimiliano Kolbe, ucciso ad Auschwitz nel 1941.

La sua resistenza e forza morale emerse durante le persecuzioni dell’autorità comunista contro la Chiesa polacca e le sue attività nei primi anni ‘50: scuole, ospedali, giornali furono chiusi o assunti dal governo. Sacerdoti e religiosi venivano incarcerati senza un vero processo, il più delle volte finiti assassinati.

Quando il Cardinale Stefan Wyszynski si inginocchiò davanti a San Giovanni Paolo II alla Messa di inizio pontificato, il Papa polacco lo alzò in piedi e lo abbracciò. Era un segno di affetto e di stima per colui che era il suo primate, sotto la cui guida la Chiesa polacca aveva fieramente resistito al comunismo.

Nel 1952 Pio XII nominò Wyszyński cardinale ma gli fu impedito di recarsi a Roma. L’ anno dopo, nel 1953, il governo comunista promulgò una legge che prevedeva il controllo delle nomine ecclesiastiche, imitando un processo applicato nell’ Unione Sovietica dopo la rivoluzione.

Wyszyński morì a Varsavia il 28 maggio 1981 e Wojtyla non potè partecipare al suo funerale che fu un evento nazionale perché ricoverato al Policlinico Gemelli dopo l’attentato del 13 maggio. Inviò comunque una lettera alla nazione polacca con la quale indisse trenta giorni di raccoglimento e di preghiera per meditare sulla «figura dell’indimenticabile Primate» e «il suo insegnamento, il suo ruolo in un così difficile periodo della nostra storia». Il corpo di Wyszyński riposa oggi presso la Basilica arcicattedrale di San Giovanni Battista a Varsavia.

La Chiesa si fece forza soprattutto per bocca del primate Wyszynski. Memorabile il discorso che tenne a Czestochowa, al vertice della Conferenza episcopale, che fece un’enorme impressione sul popolo. Il Cardinale Wyszynski. è stato il volto della resistenza al comunismo in Polonia durante tutto il periodo della guerra fredda.

Posto agli arresti domiciliari per tre anni a partire dal 1953 per aver rifiutato di punire i sacerdoti attivi nella resistenza polacca contro il regime comunista, Wyszynski fu anche colui che sostenne la nomina di Karol Wojtyla ad arcivescovo di Cracovia nel 1964. Morì il 28 maggio 1981, due settimane dopo l’attentato a Giovanni Paolo II. Il 2021 è stato dichiarato dal Parlamento Polacco anno del Cardinale Wysziyski.

 

 

Redazione da Ag. di i.

 

Redazione1
di Redazione1 aprile 30, 2021 23:11

RSS aleteia

  • Don Patriciello richiama Fedez che incita all’aborto: i preti scelgono la vita
    Don Maurizio Patriciello striglia Fedez sull’aborto. E lo fa con un editoriale sul quotidiano Avvenire (29 luglio) in cui smonta con parole d’amore, la “scomunica” ai sacerdoti via twitter intimata dal rapper milanese.  Tutto era nato da un tweet di un altro prete, don Mirco Bianchi, che inneggiava al supporto degli influencer nella battaglia contro […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Paolo Palumbo: la Sla non lo piega. Ora è un “eroe” su Facebook (FOTO)
    Nell’ultimo post su Facebook, Paolo Palumbo ha scagliato un altro schiaffo alla SLA, che lo ha colpito cinque anni fa: ha ricevuto quasi 15mila interazioni e centinaia di ovazione per il suo approccio da lottatore contro una malattia degenerativa che lo sta mettendo a dura prova ogni giorno. SONO ESAUSTO. Questa è la faccia di […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Benedetta dopo 66 anni la salma di “Luciedda”, ora la verità
    Si disse che i funerali non si fecero “per via del diritto canonico”, ma nella piccola Lucia Mantione la sua Montedoro riconobbe sempre e da subito una sorella di Maria Goretti. The post Benedetta dopo 66 anni la salma di “Luciedda”, ora la verità appeared first on Aleteia.org - Italiano.
    Giovanni Marcotullio
  • Neha, 17 anni, uccisa a bastonate da nonni e zii perché indossava i jeans
    Adolescente indiana, amava lo stile all’occidentale Uccisa a bastonate perché amava indossare jeans e t-shirt. E’ successo in India, nello stato settentrionale dell’ Uttar Pradesh. Si chiamava Neha Paswan, aveva 17 anni, studiava e sognava di diventare poliziotto. La madre riferisce a BBC Hindi che a casa era scoppiata l’ennesima discussione tra il nonno, gli […]
    Paola Belletti
  • Genova: neonata lasciata nella culla per la vita. Affidata, non abbandonata
    Come il proverbiale albero che cresce nella foresta, una vita salvata non fa rumore quanto le battaglie mediatiche pro-aborto. E va benissimo così, perché il campo da gioco è la realtà e non i post acchiappa-like. La vita ha un peso, c’è. E ha fatto scattare i sensori di una culla, lo scorso martedì sera. […]
    Annalisa Teggi
  • Non dominare la concupiscenza può rovinare la vita
    Quell’uomo, professionista di successo sui quaranta, aveva bisogno di un’assistente personale. Aveva intervistato alcune candidate con la solita professionalità quando si è presentata una ragazza attraente e affascinante, che ha deciso di assumere senza neanche chiederle il requisito di una lettera di presentazione. Fino a quel momento era stato in grado di vivere un amore […]
    Orfa Astorga
  • Il centro vaccinazioni di Sant’Egidio non lascia indietro nessuno
    “L’apertura di questo hub vaccinale è per aiutare gli ultimi”, ha dichiarato Marco Impagliazzo, presidente della Comunità di Sant’Egidio. “Ci sono ancora migliaia di persone che vivono per strada, che non hanno un domicilio fisso. Tante che non sono state raggiunte dalla campagna vaccinale, ma possono essere raggiunte da quella rete di contatti che Sant’Egidio […]
    Catholic-factchecking.com
  • A Federica Pellegrini e a tutte le nostre ultime volte
    Le ultime volte.  Potremo scrivere un trattato su come dovrebbero essere le ultime volte della nostra vita. Se sapessi quale sarà l’ultima volta che terrò in braccio mia figlia, l’ultima volta che ho salutato mia nonna. Ci sono le ultime volte che conosciamo. Il mio ultimo giorno di liceo era il 12 giugno 2008. L’ultima […]
    Giovanna Binci
  • Lo stress ci opprime? Possiamo imparare a gestirlo
    Il colibrì dalle racchette è un piccolo volatile variopinto che abita le foreste dell’America meridionale. La sua vita è semplice e frenetica allo stesso tempo: trascorre intere giornate alla ricerca di cibo con il fine ultimo di avere energie per la ricerca stessa. Le sue ali vibrano a una velocità molto elevata ed è così […]
    BenEssere
  • Madonna in lacrime, sangue, stigmate: dal 1989 accade a Giampilieri
    E’ morta per un male incurabile, la veggente di Giampilieri Marina, in provincia di Messina, Pina Micali. Di lei per un trentennio si sono occupate anche le cronache nazionali dei giornali, perchè Pina Micali diceva di entrare in contato con la Madonna nei giorni di martedì e venerdì. Così a Giamplieri, dove la Madonna avrebbe […]
    Gelsomino Del Guercio

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 62:
    • 110:
    luglio: 2021
    L M M G V S D
    « Giu    
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    262728293031  

    Login