Coronavirus. La scienza è impotente? Don Stanzione: “Perché non invocare San Michele Arcangelo?”

Redazione1
di Redazione1 marzo 17, 2020 21:45

Coronavirus. La scienza è impotente? Don Stanzione: “Perché non invocare San Michele Arcangelo?”

Sin dall’inizio dell’umanità, religione, medicina e salute di una popolazione sono sempre state tra loro intrecciate. Tali interconnessioni con reciproca influenza, nel divenire storico dell’Occidente, hanno rappresentato un aspetto di estrema importanza nell’evoluzione della società civile. Per il cristiano, in particolare,  rivolgersi a Dio nei momenti più difficili e minacciosi per la salute, mediante la preghiera come supplica, invocazione di aiuto, anche attraverso l’intercessione dei santi, rappresenta un’esigenza le cui radici affondano nel profondo della sua religiosità.

Il rapporto interiore che lega il credente alla Divinità, infatti, lo fa sentire in possesso di una risorsa importante, che ha nelle fede il suo fondamento di valore incommensurabile e inesauribile, su cui poter far sempre affidamento, ma soprattutto nei momenti straordinari in cui ha un bisogno impellente di aiuto e salvezza. Specialmente se viene a trovarsi in una congiuntura di grave pericolo, come quella attuale, in cui sperimenta la condizione frustrante di vedere venir meno il sostegno che avrebbe dovuto avere dalle specifiche, necessarie, capacità umane. Per cui ognuno di noi non può fare a meno di riflettere tristemente nel vedere il superbo homo sapiens postmoderno, con tutte le sue vantate potenzialità razionali, scientifiche, tecnologiche e comunicative, costretto a subire un’umiliante sconfitta: trovarsi privo di risorse di fronte all’attacco di un’entità biologica estremamente minuscola, submicroscopica, e per di più parassita privo di vita autonoma, senza poter fare granchè.

Detto ciò, come si fa a non rispondere positivamente all’interrogativo-suggerimento con cui mons. Marcello Stanzione invita a far leva sulle risorse religiose invocando San Michele, in un momento drammatico come quello che stiamo attraversando?

Ancor più, come in questo caso, se il grave rischio di una contaminazione che mette a repentaglio il bene prioritario della salute e della vita, fa sì che l’emergenza Coronavirus, oltre che un grave problema sanitario, sia diventato, anche a causa di amplificata e deformante comunicazione, un fenomeno mediatico artefice di psicosi collettiva.

“la combinazione tra modalità di trasmissione, meccanismo di generazione di malattia, gestione del rischio e paura intrinseca travalicano l’entità dell’impatto sulla salute”, afferma Papa Francesco, “La sofferenza e la morte che, come in altre parti d’Italia, si sta vivendo a causa del virus è per me motivo di preghiera e vicinanza umana”.

“Questa situazione di pericolo, però, è anche un’occasione per vedere di che cosa sono capaci gli uomini e le donne di buona volontà. Penso a chi, in questi giorni, si sta impegnando oltre il dovuto: il personale medico e paramedico innanzitutto”, continua il Pontefice.

A difesa dei momenti difficili, come quello in atto, sono frequenti le occasioni in cui il Pontefice ha raccomandato di affidarsi, dopo l’implorazione alla Santa Madre di Dio, all’intercessione potente di San Michele Arcangelo, protettore della Chiesa e Principe delle milizie celesti, che combatte contro ogni male.  

L’Antico ed il Nuovo Testamento parlano dell’Arcangelo, del suo potere, delle sue apparizioni, della sua intercessione, del “dominio affidatogli su tutti gli uomini dalla Suprema Bontà dell’Onnipotente. I Pontefici, come Poi IX, Leone XIII e Pio XII, non mancarono di raccomandare ai fedeli la devozione a San Michele”. Il culto micaelico, infatti, è molto diffuso sia in Oriente che in Occidente, ne danno ampia testimonianza gli innumerevoli santuari, monasteri, chiese e anche monti intitolati al suo nome.

Ora, l’invito a invocare San Michele, da parte di mons. Stanzione (solerte promotore del suo culto), perché interceda a nostra difesa contro il male del Coronavirus, non può che apparire assai confacente alle esigenze del momento.  A sostegno di questo urgente motivo di invocazione, Marcello Stanzione ricorda che “l’Arcangelo è sempre stato invocato contro le pestilenze, ha ottenuto tanti benefici miracolosi, fra cui il sorgere di fonti di acqua sacra, promuovendo non solo la salute ma anche la fede. L’attribuzione a Michele del titolo di santo ha origine già nell’Antico Testamento: l’Arcangelo è considerato Principe, difensore degli amici di Dio e protettore del Suo popolo da ogni male”.

“L’Arcangelo – rammenta Stanzione – si è mostrato con splendore a Roma, nell’anno 590: la peste fa strage nella Città, decimando la popolazione – ad iniziare dal pontefice regnante – Pelagio II – ed isolando dal resto del mondo il centro della cristianità. Il nuovo papa, Gregorio, ricorre ai mezzi provati: invita il popolo ad un triduum di preghiera concluso con una processione penitenziale di cui lui stesso prende la testa, portando in alto l’icona della Vergine che si conserva nella Basilica Santa Maria Maggiore, e venerata con il titolo di “Salus populi romani”.

Quando la processione giunge sulle rive del Tevere, continua don Marcello, i fedeli, sorpresi, si mettono a guardare il cielo che si è illuminato; e al di sopra del mausoleo di Adriano, vedono apparire il grande Arcangelo, nella sua armatura, che ripone la spada nel fodero. A partire da quel momento, l’epidemia regredisce, e ben presto cessa del tutto. Da allora quel monumento sarà chiamato Castel Sant’Angelo: vi sarà edificata una replica della grotta del monte Gargano, e si erigerà alla sua sommità un’immensa statua dell’Arcangelo.

Sul Gargano, a Monte Sant’Angelo in Puglia, dove sorge Il Santuario di San Michele, c’è la chiesa sotterranea, ricavata in una immensa grotta carsica a lui dedicata. Un antichissimo luogo di pellegrinaggio che in virtù di tre apparizioni miracolose dell’Arcangelo, venne consacrata definitivamente al culto cristiano nel 490, anno in cui secondo la tradizione avvenne la prima apparizione.

 

Anastasio Majolino

 

 

 

 

Redazione1
di Redazione1 marzo 17, 2020 21:45

RSS aleteia

  • Credere dopo la crisi: riscoprire la Chiesa domestica
    Nel nostro cammino di riflessione su pandemia, crisi e ritorno alla fede abbiamo individuato “tre cose da fare” e abbiamo già sottolineato l’importanza e l’urgenza di liberarci da tutte le false immagini di Dio, specialmente dinanzi per rinnovare il nostro modo di pensare e di annunciare Dio dinanzi al mistero della sofferenza, del male e […]
    Don Francesco Cosentino
  • Jane Goodall: nella Bibbia si condanna il maltrattamento degli animali
    Nella Bibbia si condanna il maltrattamento degli animali. “Ogni animale è un individuo, Dio nota anche quando muore un ragno, e quindi bisogna pensare ai tanti esseri che soffrono in questo mondo, non solo umani”, ha affermato l’etologa britannica Jane Goodall, 87 anni, pioniera nello studio degli scimpanzè selvaggi e nota messaggera di pace dell’ONU. […]
    Ary Waldir Ramos Díaz
  • Francesco: la preghiera vocale ci porta per mano a Dio
    “Non cadiamo nella superbia di disprezzare la preghiera vocale”, perché “le parole che pronunciamo ci prendono per mano”, “destano anche il più assonnato dei cuori” e sono le sole che, in maniera sicura “indirizzano a Dio le domande che Lui vuol ascoltare”. Così Papa Francesco nella catechesi dell’udienza generale di questa mattina, tenuta ancora nella […]
    Vatican News
  • L’incredibile storia di un bambino inghiottito dal mare e restituito un anno dopo
    Questa storia incredibile ha a che vedere con uno dei santi più venerati nell’antichità e terzo successore di Pietro, San Clemente Romano. Prima di raccontare questa leggenda straordinaria dobbiamo sapere com’è morto San Clemente, perché la storia ha uno stretto rapporto con il suo martirio. San Clemente Romano Documenti del IV secolo narrano che Papa […]
    Maria Paola Daud
  • La perfezione dell’imperfezione nella vita cristiana
    “Quanti giovani hanno abbandonato del tutto la Chiesa?” Questa domanda colpisce al cuore innumerevoli ministri giovanili, educatori, sacerdoti e genitori, ma capire perché tanti giovani lasciano è fondamentale per il futuro della Chiesa. Ad aver posto questa domanda è stato Doug Tooke, che ha più di 25 anni di esperienza a livello di ministero giovanile […]
    Theresa Civantos Barber
  • Quali rischi si corrono con i vaccini AstraZeneca e Johnson & Johnson?
    Vaccino anti Covid: tra il 14 e 20 aprile 2021, l’Agenzia Europea del Farmaco (Ema) ha aggiornato le linee guide sulla sicurezza di AstraZeneca e Johnson & Johnson, evidenziando quali rischi si possono generare per la salute di chi si vaccina. Facciamo chiarezza: si tratta di eventi molto rari, che però vanno spiegati in modo […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Che cosa vuole donarci Dio?
    In quel tempo, disse Gesù alla folla: «Io sono il pane della vita; chi viene a me non avrà fame e chi crede in me non avrà sete, mai! Vi ho detto però che voi mi avete visto, eppure non credete.Tutto ciò che il Padre mi dà, verrà a me: colui che viene a me, […]
    Luigi Maria Epicoco
  • Hadjadj: «Andiamo verso una società senza odore»
    La chiamano «sindrome di Proust». È la capacità della nostra memoria olfattiva di ricordare una esperienza del passato, anche caduta nel dimenticatoio. Basta un odore, un profumo familiare ed ecco riaffiorare le emozioni collegate a quell’antica esperienza. Proprio come la celebre madeleine di Proust, il dolcetto imbevuto di tè che col suo sapore, all’inizio di […]
    Emiliano Fumaneri
  • Via il bastone: Mary e Gordon si riabbracciano dopo il Covid
    Una coppia di pensionati britannici separati da mesi a causa del Coronavirus si ritrova, e il loro video – condiviso sui social – commuove l’Inghilterra. The post Via il bastone: Mary e Gordon si riabbracciano dopo il Covid appeared first on Aleteia.org - Italiano.
    Aleteia
  • Come aiutare i figli adolescenti a distinguere tra flirt e vero amore?
    di Christine Ponsard A cinque o sei anni, si gioca a “m’ama, non m’ama”, staccando ad uno ad uno i petali bianchi delle margherite, come se si recitasse una filastrocca. Dieci anni dopo, le cose cambiano e, margherita o no, dire “ti amo” non dovrebbe più essere così banale. Il flirt è un male o […]
    Edifa

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 109:
    • 187:
    aprile: 2021
    L M M G V S D
    « Mar    
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    2627282930  

    Login