Coronavirus. La scienza è impotente? Don Stanzione: “Perché non invocare San Michele Arcangelo?”

Redazione1
di Redazione1 marzo 17, 2020 21:45

Coronavirus. La scienza è impotente? Don Stanzione: “Perché non invocare San Michele Arcangelo?”

Sin dall’inizio dell’umanità, religione, medicina e salute di una popolazione sono sempre state tra loro intrecciate. Tali interconnessioni con reciproca influenza, nel divenire storico dell’Occidente, hanno rappresentato un aspetto di estrema importanza nell’evoluzione della società civile. Per il cristiano, in particolare,  rivolgersi a Dio nei momenti più difficili e minacciosi per la salute, mediante la preghiera come supplica, invocazione di aiuto, anche attraverso l’intercessione dei santi, rappresenta un’esigenza le cui radici affondano nel profondo della sua religiosità.

Il rapporto interiore che lega il credente alla Divinità, infatti, lo fa sentire in possesso di una risorsa importante, che ha nelle fede il suo fondamento di valore incommensurabile e inesauribile, su cui poter far sempre affidamento, ma soprattutto nei momenti straordinari in cui ha un bisogno impellente di aiuto e salvezza. Specialmente se viene a trovarsi in una congiuntura di grave pericolo, come quella attuale, in cui sperimenta la condizione frustrante di vedere venir meno il sostegno che avrebbe dovuto avere dalle specifiche, necessarie, capacità umane. Per cui ognuno di noi non può fare a meno di riflettere tristemente nel vedere il superbo homo sapiens postmoderno, con tutte le sue vantate potenzialità razionali, scientifiche, tecnologiche e comunicative, costretto a subire un’umiliante sconfitta: trovarsi privo di risorse di fronte all’attacco di un’entità biologica estremamente minuscola, submicroscopica, e per di più parassita privo di vita autonoma, senza poter fare granchè.

Detto ciò, come si fa a non rispondere positivamente all’interrogativo-suggerimento con cui mons. Marcello Stanzione invita a far leva sulle risorse religiose invocando San Michele, in un momento drammatico come quello che stiamo attraversando?

Ancor più, come in questo caso, se il grave rischio di una contaminazione che mette a repentaglio il bene prioritario della salute e della vita, fa sì che l’emergenza Coronavirus, oltre che un grave problema sanitario, sia diventato, anche a causa di amplificata e deformante comunicazione, un fenomeno mediatico artefice di psicosi collettiva.

“la combinazione tra modalità di trasmissione, meccanismo di generazione di malattia, gestione del rischio e paura intrinseca travalicano l’entità dell’impatto sulla salute”, afferma Papa Francesco, “La sofferenza e la morte che, come in altre parti d’Italia, si sta vivendo a causa del virus è per me motivo di preghiera e vicinanza umana”.

“Questa situazione di pericolo, però, è anche un’occasione per vedere di che cosa sono capaci gli uomini e le donne di buona volontà. Penso a chi, in questi giorni, si sta impegnando oltre il dovuto: il personale medico e paramedico innanzitutto”, continua il Pontefice.

A difesa dei momenti difficili, come quello in atto, sono frequenti le occasioni in cui il Pontefice ha raccomandato di affidarsi, dopo l’implorazione alla Santa Madre di Dio, all’intercessione potente di San Michele Arcangelo, protettore della Chiesa e Principe delle milizie celesti, che combatte contro ogni male.  

L’Antico ed il Nuovo Testamento parlano dell’Arcangelo, del suo potere, delle sue apparizioni, della sua intercessione, del “dominio affidatogli su tutti gli uomini dalla Suprema Bontà dell’Onnipotente. I Pontefici, come Poi IX, Leone XIII e Pio XII, non mancarono di raccomandare ai fedeli la devozione a San Michele”. Il culto micaelico, infatti, è molto diffuso sia in Oriente che in Occidente, ne danno ampia testimonianza gli innumerevoli santuari, monasteri, chiese e anche monti intitolati al suo nome.

Ora, l’invito a invocare San Michele, da parte di mons. Stanzione (solerte promotore del suo culto), perché interceda a nostra difesa contro il male del Coronavirus, non può che apparire assai confacente alle esigenze del momento.  A sostegno di questo urgente motivo di invocazione, Marcello Stanzione ricorda che “l’Arcangelo è sempre stato invocato contro le pestilenze, ha ottenuto tanti benefici miracolosi, fra cui il sorgere di fonti di acqua sacra, promuovendo non solo la salute ma anche la fede. L’attribuzione a Michele del titolo di santo ha origine già nell’Antico Testamento: l’Arcangelo è considerato Principe, difensore degli amici di Dio e protettore del Suo popolo da ogni male”.

“L’Arcangelo – rammenta Stanzione – si è mostrato con splendore a Roma, nell’anno 590: la peste fa strage nella Città, decimando la popolazione – ad iniziare dal pontefice regnante – Pelagio II – ed isolando dal resto del mondo il centro della cristianità. Il nuovo papa, Gregorio, ricorre ai mezzi provati: invita il popolo ad un triduum di preghiera concluso con una processione penitenziale di cui lui stesso prende la testa, portando in alto l’icona della Vergine che si conserva nella Basilica Santa Maria Maggiore, e venerata con il titolo di “Salus populi romani”.

Quando la processione giunge sulle rive del Tevere, continua don Marcello, i fedeli, sorpresi, si mettono a guardare il cielo che si è illuminato; e al di sopra del mausoleo di Adriano, vedono apparire il grande Arcangelo, nella sua armatura, che ripone la spada nel fodero. A partire da quel momento, l’epidemia regredisce, e ben presto cessa del tutto. Da allora quel monumento sarà chiamato Castel Sant’Angelo: vi sarà edificata una replica della grotta del monte Gargano, e si erigerà alla sua sommità un’immensa statua dell’Arcangelo.

Sul Gargano, a Monte Sant’Angelo in Puglia, dove sorge Il Santuario di San Michele, c’è la chiesa sotterranea, ricavata in una immensa grotta carsica a lui dedicata. Un antichissimo luogo di pellegrinaggio che in virtù di tre apparizioni miracolose dell’Arcangelo, venne consacrata definitivamente al culto cristiano nel 490, anno in cui secondo la tradizione avvenne la prima apparizione.

 

Anastasio Majolino

 

 

 

 

Redazione1
di Redazione1 marzo 17, 2020 21:45


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Al via il Festival Biblico: come essere Fratelli in tempo di pandemia?
    L’apertura (virtuale) è in programma per il 24 gennaio, in occasione della Domenica della Parola. Ecco come e dove seguirlo Al via un edizione innovativa (e in parte virtuale) del Festival Biblico. “Siete tutti fratelli” – tratto dal Vangelo di Matteo – è il tema dell’edizione organizzato e promosso da Società San Paolo e diocesi […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Preghiera di aiuto a Dio per il rischioso viaggio del Papa in Iraq
    E’ stata composta dal patriarca caldeo di Baghdad, card. Louis Raphael Sako. Si chiede al “Signore nostro Dio” di concedere a Papa Francesco “salute e condizioni di sicurezza, affinché possa svolgere con successo questa visita attesa” Una preghiera per chiedere l’intercessione della Madonna affinché Papa Francesco possa realizzare il suo viaggio in Iraq, previsto a […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Nel 2021, già realizzati oltre 1,4 milioni di aborti nel mondo
    Nel 2021, già realizzati oltre 1,4 milioni di aborti nel mondo Oltre 1,4 milioni di aborti sono già stati realizzati nel mondo nel 2021. Sì, proprio nel 2021, anno iniziato da appena due settimane. Worldometers.info è un sito di statistiche mondiali che presenta numeri a partire da fonti ufficiali, e mostra, ad esempio, che dal 1° […]
    Francisco Vêneto
  • Dio perdona… e dimentica!
    Perdonare e dimenticare l’offesa è una benedizione, perché ci permette di liberarci di un peso e ci aiuta a recuperare la pace Ricordo il consiglio che un buon sacerdote mi ha dato durante la Confessione sacramentale. Mi è stato di grande aiuto, e ha alleviato molto i miei dubbi e le mie inquietudini spirituali. Giorni […]
    Claudio De Castro
  • Addio a suor Maria Concetta, testimone di Cristo a Tarso
    La pandemia da Covid-19 ha portato via un’altra testimone dell’amore di Gesù e dell’Apostolo Paolo in terra turca Fino a qualche giorno fa nell’avamposto di Tarso in Turchia, la città dell’Apostolo Paolo, erano in tre le uniche religiose che con la loro presenza tenevano accesa la lampada davanti al Tabernacolo. Il servizio a Tarso di […]
    Silvia Lucchetti
  • Briana Santiago: Dio ha sempre avuto in serbo il meglio per me
    «Ora sento la gioia che mi abita dentro e mi sostiene». Briana ci racconta il suo cammino dal Texas alla Consacrazione nelle Apostole della vita interiore. Quando ero solita andare a Roma a incontrare i miei amici chestertoniani si sentiva sempre la frase: «Oh, ecco che arrivano le Apostole!». Frase rigorosamente al plurale, perché queste […]
    Annalisa Teggi
  • Teresa, la figlia di Jovanotti, annuncia di avere sconfitto un tumore
    Teresa Cherubini, figlia di Lorenzo e di Francesca Valiani, ha raccontato ieri di avere sconfitto un linfoma di Hodgkin dopo mesi di battaglia È per te che sono verdi gli alberi E rosa i fiocchi in maternità È per te che il sole brucia a luglio È per te tutta questa città (…) È per […]
    Paola Belletti
  • Il Papa alle ex prostitute: chiedo perdono per i cristiani che hanno abusato di voi
    I retroscena di un incontro speciale tra Francesco e le donne vittime di tratta che si è svolto alla Comunità Papa Giovanni XXIII Papa Francesco chiede perdono alle prostitute. Per tutti gli abusi subiti, sopratutto da chi si professa cristiano ed è loro cliente. Un incontro segreto tra il Papa e le donne di vittime […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Pensieri d’amore di santa Teresina a San Giuseppe
    Diceva Santa Teresa di Lisieux che bisogna “fargli piacere” a San Giuseppe. Ecco cosa voleva intendere Santa Teresina scriveva preghiere e pensieri a San Giuseppe. Diceva che bisognava “fargli piacere” per ottenere la sua potente intercessione. E invitava tutti a comportarsi allo stesso modo. Vediamo perchè la santa di Lisieux si sentiva così legata al […]
    don Marcello Stanzione
  • “La malattia è un privilegio”, diceva il vescovo colombiano morto di coronavirus
    Nel suo messaggio natalizio, monsignor Luis Adriano Piedrahita Sandoval aveva offerto i disagi della malattia per i suoi fedeli, i familiari, i sacerdoti e il personale medico che lo assisteva Monsignor Luis Adriano Piedrahita, vescovo della diocesi di Santa Marta, è il primo membro della gerarchia della Chiesa cattolica a morire in Colombia a causa del […]
    Lucía Chamat

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 200:
    • 414:
    gennaio: 2021
    L M M G V S D
    « Dic    
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    25262728293031

    Login