Coronavirus. La scienza è impotente? Don Stanzione: “Perché non invocare San Michele Arcangelo?”

Redazione1
di Redazione1 marzo 17, 2020 21:45

Coronavirus. La scienza è impotente? Don Stanzione: “Perché non invocare San Michele Arcangelo?”

Sin dall’inizio dell’umanità, religione, medicina e salute di una popolazione sono sempre state tra loro intrecciate. Tali interconnessioni con reciproca influenza, nel divenire storico dell’Occidente, hanno rappresentato un aspetto di estrema importanza nell’evoluzione della società civile. Per il cristiano, in particolare,  rivolgersi a Dio nei momenti più difficili e minacciosi per la salute, mediante la preghiera come supplica, invocazione di aiuto, anche attraverso l’intercessione dei santi, rappresenta un’esigenza le cui radici affondano nel profondo della sua religiosità.

Il rapporto interiore che lega il credente alla Divinità, infatti, lo fa sentire in possesso di una risorsa importante, che ha nelle fede il suo fondamento di valore incommensurabile e inesauribile, su cui poter far sempre affidamento, ma soprattutto nei momenti straordinari in cui ha un bisogno impellente di aiuto e salvezza. Specialmente se viene a trovarsi in una congiuntura di grave pericolo, come quella attuale, in cui sperimenta la condizione frustrante di vedere venir meno il sostegno che avrebbe dovuto avere dalle specifiche, necessarie, capacità umane. Per cui ognuno di noi non può fare a meno di riflettere tristemente nel vedere il superbo homo sapiens postmoderno, con tutte le sue vantate potenzialità razionali, scientifiche, tecnologiche e comunicative, costretto a subire un’umiliante sconfitta: trovarsi privo di risorse di fronte all’attacco di un’entità biologica estremamente minuscola, submicroscopica, e per di più parassita privo di vita autonoma, senza poter fare granchè.

Detto ciò, come si fa a non rispondere positivamente all’interrogativo-suggerimento con cui mons. Marcello Stanzione invita a far leva sulle risorse religiose invocando San Michele, in un momento drammatico come quello che stiamo attraversando?

Ancor più, come in questo caso, se il grave rischio di una contaminazione che mette a repentaglio il bene prioritario della salute e della vita, fa sì che l’emergenza Coronavirus, oltre che un grave problema sanitario, sia diventato, anche a causa di amplificata e deformante comunicazione, un fenomeno mediatico artefice di psicosi collettiva.

“la combinazione tra modalità di trasmissione, meccanismo di generazione di malattia, gestione del rischio e paura intrinseca travalicano l’entità dell’impatto sulla salute”, afferma Papa Francesco, “La sofferenza e la morte che, come in altre parti d’Italia, si sta vivendo a causa del virus è per me motivo di preghiera e vicinanza umana”.

“Questa situazione di pericolo, però, è anche un’occasione per vedere di che cosa sono capaci gli uomini e le donne di buona volontà. Penso a chi, in questi giorni, si sta impegnando oltre il dovuto: il personale medico e paramedico innanzitutto”, continua il Pontefice.

A difesa dei momenti difficili, come quello in atto, sono frequenti le occasioni in cui il Pontefice ha raccomandato di affidarsi, dopo l’implorazione alla Santa Madre di Dio, all’intercessione potente di San Michele Arcangelo, protettore della Chiesa e Principe delle milizie celesti, che combatte contro ogni male.  

L’Antico ed il Nuovo Testamento parlano dell’Arcangelo, del suo potere, delle sue apparizioni, della sua intercessione, del “dominio affidatogli su tutti gli uomini dalla Suprema Bontà dell’Onnipotente. I Pontefici, come Poi IX, Leone XIII e Pio XII, non mancarono di raccomandare ai fedeli la devozione a San Michele”. Il culto micaelico, infatti, è molto diffuso sia in Oriente che in Occidente, ne danno ampia testimonianza gli innumerevoli santuari, monasteri, chiese e anche monti intitolati al suo nome.

Ora, l’invito a invocare San Michele, da parte di mons. Stanzione (solerte promotore del suo culto), perché interceda a nostra difesa contro il male del Coronavirus, non può che apparire assai confacente alle esigenze del momento.  A sostegno di questo urgente motivo di invocazione, Marcello Stanzione ricorda che “l’Arcangelo è sempre stato invocato contro le pestilenze, ha ottenuto tanti benefici miracolosi, fra cui il sorgere di fonti di acqua sacra, promuovendo non solo la salute ma anche la fede. L’attribuzione a Michele del titolo di santo ha origine già nell’Antico Testamento: l’Arcangelo è considerato Principe, difensore degli amici di Dio e protettore del Suo popolo da ogni male”.

“L’Arcangelo – rammenta Stanzione – si è mostrato con splendore a Roma, nell’anno 590: la peste fa strage nella Città, decimando la popolazione – ad iniziare dal pontefice regnante – Pelagio II – ed isolando dal resto del mondo il centro della cristianità. Il nuovo papa, Gregorio, ricorre ai mezzi provati: invita il popolo ad un triduum di preghiera concluso con una processione penitenziale di cui lui stesso prende la testa, portando in alto l’icona della Vergine che si conserva nella Basilica Santa Maria Maggiore, e venerata con il titolo di “Salus populi romani”.

Quando la processione giunge sulle rive del Tevere, continua don Marcello, i fedeli, sorpresi, si mettono a guardare il cielo che si è illuminato; e al di sopra del mausoleo di Adriano, vedono apparire il grande Arcangelo, nella sua armatura, che ripone la spada nel fodero. A partire da quel momento, l’epidemia regredisce, e ben presto cessa del tutto. Da allora quel monumento sarà chiamato Castel Sant’Angelo: vi sarà edificata una replica della grotta del monte Gargano, e si erigerà alla sua sommità un’immensa statua dell’Arcangelo.

Sul Gargano, a Monte Sant’Angelo in Puglia, dove sorge Il Santuario di San Michele, c’è la chiesa sotterranea, ricavata in una immensa grotta carsica a lui dedicata. Un antichissimo luogo di pellegrinaggio che in virtù di tre apparizioni miracolose dell’Arcangelo, venne consacrata definitivamente al culto cristiano nel 490, anno in cui secondo la tradizione avvenne la prima apparizione.

 

Anastasio Majolino

 

 

 

 

Redazione1
di Redazione1 marzo 17, 2020 21:45


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Niente sarà come prima ma le Tue parole, Signore, non passeranno
    Niente sarà come prima. E’ un bombardamento mediatico: ci prospettano scenari e futuro già compromessi, l’economia e il lavoro; e già laceranti lamenti, dopo la perdita di persone a noi care; il vuoto ci sovrasta e dopo un inno o un canto nei balconi, le iniziative di solidarietà non possono e devono crearci il vuoto […]
    Don Fortunato Di Noto
  • Due gesti ribelli di San Francesco d’Assisi che non tutti conoscono
    L’elemosina e i briganti: due racconti ricavati dalle fonti francescane in cui esce fuori un Francesco sfrontato, ma dal cuore grande Gesti rivoluzionari, «ribelli», controcorrente. Il ribelle è infatti colui che dice di «no» a sistemi iniqui, perversi, accomodanti. Che rinuncia ai «sì» sporcati dal tornaconto personale o da compromessi che non rispettano le persone. […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Coronavirus – Vademecum di sopravvivenza per genitori con figli in età prescolare
    Come trasformare in un periodo difficile in un momento di crescita Chi di noi con figli piccoli, trovandosi costretto a lavorare da casa, per un periodo tanto lungo, non sta rimpiangendo la routine dell’ufficio, l’aiuto delle nonne, delle babysitter…gli asili? Ebbene, ogni situazione per quanto drammatica possa sembrare, con lo spirito giusto e alcuni accorgimenti […]
    Silvia Costantini
  • Dichiarare il falso? In quarantena, non è solo un problema di coscienza
    Le indicazioni dell’avvocato, per non commettere reato Uscire di casa in questi giorni di quarantena, potrebbe rappresentare non solo un rischio per la propria e altrui salute, ma un vero e proprio reato, specie quando nell’autocertificazione (documento necessario per poter mettere piede fuori casa) non si dichiarano i veri motivi dell’uscita. D’altra parte è sempre […]
    Silvia Costantini
  • Comunicare la fede ai tempi del coronavirus: 10 lezioni imparate
    Internet diventa un vero aiuto per vivere la vita cristiana La crisi del coronavirus ha stimolato una reazione sociale, informativa e sanitaria senza precedenti. Stiamo scoprendo nuovi modi di relazionarci agli altri, di svolgere i compiti ordinari, di vivere una normalità diversa. Anche la vita cristiana ha dovuto adeguarsi a queste difficili circostanze.  Molte delle […]
    Juan Narbona
  • Nessuno vi tolga la fede o il desiderio di offrire questa crisi come sacrificio!
    di Alvaro Díaz Da alcune settimane stiamo assistendo a una realtà che ha sorpreso molti di questa generazione. Negli ultimi decenni è raro che si sia vista una situazione del genere: un’infezione che in poco tempo è diventata oggetto della preoccupazione di tutti. Ricordo che nei mesi precedenti consideravamo questa malattia lontana, confinata in Cina, […]
    Catholic Link
  • Ha salvato 7 bambini dall’annegamento in mare ed è poi morto stremato
    Pedro Manuel Salado de Alba ha dato la vita in Ecuador, dove assisteva più di 500 bambini nella scuola che aveva fondato a Quinindé Chiclana è una città costiera della provincia di Cadice, in Spagna. Il turismo ha reso la località un noto luogo di villeggiatura. A meno di 100 chilometri da lì si trova […]
    Dolors Massot
  • La preghiera di Papa Francesco per chi piange
    Nella Messa a Santa Marta, il Papa ha pregato per quanti sono nel dolore in questo tempo di afflizione. Nell’omelia ha ricordato che anche Gesù ha pianto: tante persone oggi piangono, chiediamo la grazia di saper piangere con loro Francesco ha presieduto questa mattina la Messa a Casa Santa Marta nella V Domenica di Quaresima. […]
    Vatican News
  • Se vi costa trovare Dio in mezzo a questa crisi, vi dico io dov’è
    di Fernando Merino Se vi siete chiesti dove sia Dio ora, questo post è per voi. Sono giorni molto difficili e strani per tutti. Sembra una serie di Netflix che non possiamo mettere in pausa. Il fatto di essere chiusi tra quattro mura inizia ad essere complicato. Le notizie ci spaventano, la paura di essere […]
    Catholic Link
  • Due giovani violoncellisti si esibiscono per una vicina anziana in autoisolamento…
    … che ha subito trasmesso l’evento ai suoi nipoti, anch’essi chiusi in casa in un altro continente Con milioni di persone chiuse in casa per evitare il contagio da coronavirus, la gente sta dimostrando creatività, decisione e compassione. Dai cantanti d’opera italiani che allietano i loro vicini alla finestra agli istruttori di fitness spagnoli che […]
    Cerith Gardiner

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 162:
    • 356:
    marzo: 2020
    L M M G V S D
    « Feb    
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    3031  

    Login