Messina – Gioia ed emozione per sei nuovi presbiteri. Mons. Accolla:“Vivete il ministero sacerdotale col cuore rivolto ai fratelli”

Redazione1
di Redazione1 luglio 4, 2019 18:54

Messina – Gioia ed emozione per sei nuovi presbiteri. Mons. Accolla:“Vivete il ministero sacerdotale col cuore rivolto ai fratelli”

Il solenne rito di ordinazione durante il quale, nei giorni scorsi, sei diaconi sono stati consacrati presbiteri, arricchendo la Chiesa messinese di nuova e preziosa linfa sacerdotale, è uno di quegli avvenimenti emozionanti che suscitano gioia e incoraggiamento, specialmente in tempi come i nostri in cui l’attuale crisi che sta attraversando la Chiesa porta ovviamente anche ad una crisi del sacerdozio. Un argomento preoccupante quest’ultimo posto al centro del prossimo incontro del Ratzinger Schuelerkreis, il circolo di ex allievi di Benedetto XVI, che si terrà a Roma il 27 e 28 settembre, durante il quale saranno discussi argomenti del tipo: “Le sfide attuali per l’ordine sacro” e “Sacerdozio nella teologia di Joseph Ratzinger alla luce della situazione attuale”.  

Ma ora, tornando al momento gioioso di questa ordinazione, per richiamarne piacevolmente una sintesi, ci gioviamo del gradevole resoconto stilato dall’agile penna di Rachele Gerace, tratto da Gazzetta del Sud. 

Fabio Berbiglia 40 anni, Gianfranco Pistorino 37, Giuseppe Rinaldi 29, Justin Mangombi Kapesa 51, Domenico Greco 44, Lakmal Fernando 28: la chiesa messinese gioisce per l’ordinazione presbiterale di 6 diaconi. Una vocazione cresciuta negli anni e arricchita da tante esperienze non solo spirituali, ma anche d’impegno sociale, umanitario, culturale in seno alle parrocchie d’origine S. Nicola di Bari Ganzirri, S. Nicolò di Bari Gazzi, S. Elena, San Saba, Santi Pietro e Paolo di Rogliano in provincia di Cosenza, santuario Ecce Homo di Calvaruso.

Tanta emozione sui loro volti, diversi per formazione e caratteristiche personali, ma accomunati dall’amore per il Signore che hanno potuto sperimentare supportati dalle loro famiglie, vicine nel lungo cammino di preparazione vocazionale. Una vita apparentemente completa per chi come Fabio, fisiopatologo al centro Neurolesi da 15 anni, tanti amici e un matrimonio alle porte, a 28 anni durante un viaggio “casuale” a Medjugorie aveva avvertito un grande vuoto, Gianfranco, laureato in fisica e “costretto” a frequentare i fine settimana vocazionali di nascosto ai genitori preoccupati di poter “perdere” perso quell’unico figlio e Giuseppe, un cammino ventennale in Azione Cattolica, rivelatosi fondamentale in momenti particolari della propria esistenza durante i quali ha “toccato con mano le piaghe sofferenti di Cristo”.

C’è poi chi come chi come Justin di Lemfu, del Congo, è cresciuto all’ombra della fede cristiana professata dai suoi genitori e, giunto in Italia, è stato accolto da due famiglie “adottive” – quella di Michela e Vittorio a Barcellona e quella di Mariagrazia e Girolamo a San Saba – che hanno continuato a sostenerlo nel cammino vocazionale.

Domenico, cofondatore nel 2001 in seno all’arcidiocesi messinese con padre Maurizio Vaccaro della realtà religiosa di fedeli laici “Fraternità Amici di Gesù Buon Pastore” e appassionato di arte e musica che continua a condividere nel percorso di evangelizzazione con i fratelli e Lakmal, che ha conosciuto la realtà religiosa dei francescani del Terz’ordine regolare dopo essere giunto in Italia con i suoi genitori alla ricerca di una sistemazione.

Circa un migliaio di persone lo scorso 28 giugno in Cattedrale hanno partecipato al rito di ordinazione, avvenuto per l’imposizione delle mani di mons. Giovanni Accolla; i candidati al sacerdozio sono stati presentati dal rettore del Seminario don Alessandro Lo Nardo. “Vivete il ministero sacerdotale con lo sguardo umile del cuore rivolto ai fratelli. Siate sempre fonti autentiche dell’annuncio, dispensatori della misericordia di Dio e testimoni della riconciliazione, confermando nella fede quanti incontrerete lungo il vostro cammino senza distinzione di ceto sociale, età, religione”, ha detto l’arcivescovo agli ordinandi.

E poi, rivolgendosi alle mamme: “Guardate la Vergine Maria come modello di ogni maternità espressa con forza e discrezione. Siate sempre vicine ai vostri figli, non allontanate mai da loro il vostro sguardo nella gioia dell’incontro con il Signore”.

Alla messa, concelebrata dal vescovo ausiliare mons. Cesare Di Pietro e animata dal coro diocesano “S. Maria della Lettera accompagnato e diretto da don Giovanni Lombardo e i maestri Nazzareno De Benedetto e Angelo Cannata, erano presenti oltre ai sacerdoti e i religiosi, familiari, parenti e amici dei neo sacerdoti insieme alle rispettive comunità parrocchiali. I novelli sacerdoti celebreranno oggi e domani la loro prima messa nelle parrocchie di appartenenza.

 

Rachele Gerace

Redazione1
di Redazione1 luglio 4, 2019 18:54


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • 2 giugno, Mattarella chiede unità: ​«Non brandire il dolore gli uni contro gli altri»
    Per il Presidente della Repubblica bisogna ​ripartire dai valori espressi dalla festa del 2 giugno. Anche in un periodo così particolare. Segno importante anche la visita a Codogno, luogo simbolo di questa pandemia Le sofferenze di questi mesi “non vanno brandite gli uni contro gli altri”. Sergio Mattarella celebra la Festa della Repubblica in uno […]
    Agi
  • Progetto per una vita in Cristo
    Su Internet circolano delle immagini con un percorso da seguire per avere una vita di successo, che insegna elementi importanti e punta a temi come etica, pianificazione, superamento, creatività ed efficacia. E se facessimo, allo stesso modo, un progetto di vita per seguire Gesù? Ho immaginato questi aspetti: 1 – Decisione: come tutto quello che […]
    Mário Scandiuzzi
  • Tesori del magistero di Papa Francesco nella “Laudato si’”
    Uno degli aspetti più ammirevoli del testo è il suo invito insistente a un dialogo tra saperi e tra conoscenza scientifica, bellezza, arte e saggezza Nella commemorazione del suo quinto anniversario (24 maggio), l’enciclica Laudato si’ (LS) di Papa Francesco mantiene tutto il suo impatto e la sua attualità, e con la pandemia mondiale e […]
    Francisco Borba Ribeiro Neto
  • Sapevate che ogni cristiano deve saper battezzare qualcuno?
    In pericolo di morte, qualsiasi persona può e perfino deve amministrare il Battesimo d’emergenza Sulla sua pagina Facebook, padre José Eduardo Oliveira ricorda un elemento assai importante circa il sacramento del Battesimo: il fatto che tutti noi, in situazioni d’urgenza, possiamo battezzare qualcuno, e dovremmo essere pronti a un’eventualità del genere. “Ogni cattolico, ogni cristiano, […]
    José Eduardo De Oliveira E Silva
  • “Il mio viaggio in cielo accanto alla Madonna”. Il desiderio della piccola Sara Matteucci
    Da brividi i dialoghi con sua madre. “Mamma, se ti dico che ne voglio un po’ di più alla Madonnina che a te, ti offendi?”. L’ultimo viaggio a Medjugorje Tutta la breve vita di Sara Matteucci (1978-1985) è caratterizzata da un legame privilegiato con la Madonna, verso la quale si sente fortemente attratta. Lo racconta […]
    Gelsomino Del Guercio
  • “Prega, che le cose migliorano”
    La preghiera è un rimedio che cura molti mali, ma si deve basare su almeno tre pilastri Una volta ho letto una frase che mi è rimasta impressa nella memoria: “Prega, che le cose migliorano”. La preghiera è un rimedio che cura molti mali, ma si deve basare su almeno tre pilastri: umiltà, perseveranza e […]
    Mário Scandiuzzi
  • Se gli angeli sono creature perfette, in grazia con Dio, perché si sono fatti la guerra tra loro?
    Immaginiamo la scena della Grande Ribellione: nel silenzio solenne che segue i primi giubili degli angeli, dall’alto di una delle gerarchie superiori parte un grido di rivolta La teologia ci insegna che poco dopo la creazione degli angeli avviene una profonda divisione tra di essi, gli uni che si rivoltano contro Dio, gli altri che […]
    don Marcello Stanzione
  • Cos’è il Cenacolo?
    Il luogo dell’Ultima Cena e della Pentecoste, a Gerusalemme ma anche in ogni cuore… Il Cenacolo è il luogo in cui erano chiusi i discepoli per paura dei giudei dopo l’ascensione di Gesù al cielo. Erano lì riuniti con Maria, perseveranti nella preghiera, 50 giorni dopo la Pasqua. Il Cenacolo dei giorni prima di Pentecoste […]
    Carlos Padilla
  • Papa Francesco benedice un’ambulanza e la regala ai poveri di Roma
    Si tratta di un nuovo dono del Santo Padre, affidato alla Elemosineria Apostolica, in favore dei più poveri, in particolare dei senza fissa dimora che vivono le difficoltà della strada e cercano rifugio nei dintorni del Vaticano Nella mattinata di ieri, domenica di Pentecoste, prima della Celebrazione Eucaristica, Papa Francesco ha benedetto un’ambulanza per i […]
    Gelsomino Del Guercio
  • La vita di preghiera, ben oltre le parole
    Anche i nostri gesti sono una preghiera, come il nostro atteggiamento che aiuta a promuovere il bene e a portare speranza ai bisognosi In vari passi, gli evangelisti mostrano che Gesù pregava spesso. Solo questo sarebbe sufficiente a mostrarci l’importanza della preghiera. Nel Catechismo della Chiesa Cattolica, il paragrafo 2560 ci insegna che “la preghiera […]
    Mário Scandiuzzi

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 149:
    • 183:
    giugno: 2020
    L M M G V S D
    « Mag    
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728
    2930  

    Login