MESE MARIANO – Maria: una donna la cui “autorità” deriva da scelte coraggiose e controcorrente

Redazione1
di Redazione1 maggio 9, 2019 19:14

MESE MARIANO – Maria: una donna la cui “autorità” deriva da scelte coraggiose e controcorrente

Un ritratto originale e interessante della figura di Maria, rivista secondo un’ottica che ne mette a fuoco un aspetto attuale e profetico di donna risoluta e anticonformista, attraverso cui viene posto un parallelismo con l’importante ruolo delle donne nella Chiesa di oggi.  

Maria? Una donna “trasgressiva”, che ha il coraggio di scegliere, di lottare e di andare controcorrente, pur di realizzare il sogno di Dio. Tramite “un lavoro di squadra” con sua cugina Elisabetta e le altre donne. A soffermarsi sull'”autorità” della Madre di Gesù, nel mese tradizionalmente a lei dedicato, è la biblista Rosanna Virgili, che esorta ad abbandonare una lettura “dolciastra e melensa” tipica di un certo devozionismo mariano e a riflettere, partendo dalla figura di Maria, sull’importanza del ruolo delle donne nella Chiesa. Questione decisiva per la sua stessa sopravvivenza, in tempi di “clericalismo” e di regressione della questione femminile

“Uno squarcio di luce nel cielo”, una donna la cui “autorità” deriva dalla capacità di fare scelte coraggiose e controcorrente, foriere di “una profezia sempre valida” che ha il suo simbolo più eloquente nel Magnificat: “il testo letterario più bello del mondo, insieme alle Beatitudini”, dove la Madre di Gesù anticipa e ricapitola il sogno di Dio. La biblista

P

Rosanna Virgili descrive così – per il Sir – la figura di Maria, all’inizio del mese tradizionalmente a lei dedicato. E ammonisce: “La

questione della donna è decisiva nella Chiesa, che ha estremamente bisogno dell’apporto

femminile. Il mese mariano può essere l’occasione per una rilettura in chiave più contemporanea, e non dolciastra e melensa, della figura di Maria. Non c’è futuro nella Chiesa se alle donne non si riconoscono, semplicemente, i servizi che svolgono. In un tempo come il nostro, in cui il clericalismo sta risorgendo, la Chiesa è spacciata, se invece di progredire torna indietro sulla questione femminile”.

Fin all’inizio Papa Francesco ci ha rivelato la sua speciale devozione alla Madonna dei nodi. Ognuno ha un aspetto della Madonna, o un Santuario, un “particolare” a cui si affida. Chi è Maria? È quella persona che, dentro il nostro pantheon religioso dove trovano posto Gesù e il Padre, interviene nei momenti dei nodi difficili che a volte ci stringono nella vita. La Madonna che scioglie i nodi, tanto cara a Bergoglio, è una metafora di tutto questo. L’altro aspetto tipico del pontificato del Papa argentino è l’accento così forte che pone sulla maternità della Chiesa: la Chiesa come madre, la cui grandissima icona è la Madre di Gesù. il rapporto con Maria come madre e il desiderio di proporre la maternità come cifra stessa della Chiesa che Francesco ha avuto il merito di riportare alla ribalta.

“La Chiesa è madre, Maria è più importante degli apostoli”, ripete il Papa, che a più riprese ha auspicato una maggiore presenza delle donne nella Chiesa, “là dove si prendono le decisioni”, come si legge nell’Evangelii gaudium.

È un nodo che spero che la Madonna possa sciogliere. Il Papa ha detto chiaramente che l’eventuale disagio delle donne cattoliche è dovuto al fatto che, nella Chiesa, l’autorità è affidata esclusivamente ai vescovi, in quanto successori degli apostoli. La donna non ha accesso a nessun tipo di autorità: si trova a non avere i “munera” che, invece, spettano al clero. Francesco ha ragione, Maria era più importante di tutti gli apostoli: nei Vangeli è così, la Madre di Gesù ha avuto un’autorità che nessun altro ha avuto, umanamente parlando. Tuttavia, a mio avviso la figura di Maria va riletta da questo punto di vista.

Ma la figura della Madonna va ben oltre e il suo vero “ritratto” è ancora tutto da affrontare. In questo senso, le riforme auspicate dal Papa sono davvero urgenti. La questione della donna è decisiva, nella Chiesa, che ha estremamente bisogno dell’apporto femminile. Il mese mariano può essere l’occasione per una rilettura in chiave più contemporanea, e non dolciastra e melensa, della figura di Maria.

Oltre alla verginità e alla maternità – tratti costitutivi della figura di Maria che andrebbero riletti nel 2019 tenendo conto che per tante donne molte cose sono cambiate intorno a questi due temi – tra i tanti aspetti della Madre di Gesù ce ne sono alcuni estremamente eloquenti. Innanzitutto, la scelta: Maria sceglie da sola, quando l’Angelo va da lei, e dimostra uno straordinario coraggio, in un’epoca in cui le donne non venivano neppure salutate, perché considerato soltanto mogli, madri, figlie o sorelle di un maschio.

Poi l’uscita dal privato: Maria aveva già una sua vita, era già promessa sposa, cioè come se fosse sposata. Per mettersi a servizio di un servizio più grande, ha lasciato tutto per il suo popolo e per il mondo: una lezione importante per le giovani donne di oggi, molto ripiegate su se stesse. Maria, inoltre, ha voluto vedere, “navigare” il futuro: è stata trasgressiva sulle leggi. Se a Giuseppe non fosse apparso in sogno l’Angelo, sarebbe stata rimandata al padre che l’avrebbe fatta lapidare pubblicamente perché era incinta. Ha avuto il coraggio della trasgressione per un bene più grande: una lezione, questa, che potrebbe essere utile all’Europa, che si sta richiudendo, e anche alla Chiesa.

Quand’è, infine, che Maria dice sì all’Angelo? Quando apprende che anche sua cugina Elisabetta sta per partorire. È questa notizia che la sblocca: Maria sa che da sola non può realizzare questo grande sogno, ha bisogno della compagnia di una sorella, di un’amica. Questo dice molto a un Occidente individualista e a tanti giovani spesso soli, incapaci di relazioni. La Visitazione è la realizzazione dell’inizio del Vangelo: insieme, Maria e Elisabetta si rivelano l’una all’altra. Tramite il suo rapporto con lei e con le altre donne, Maria indica che c’è una comunità: insegna alla Chiesa l’importanza di un lavoro di squadra. La Chiesa, invece, fa fatica a lavorare insieme: basti pensare alla frattura tra maschi e femmine, giovani e vecchi, laici e chierici.

 

 

 

 Redazione da Ag. di I.

 

Redazione1
di Redazione1 maggio 9, 2019 19:14


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Talitha Kum, da dieci anni in prima linea contro la tratta umana
    L’Unione Internazionale delle Superiore Generali dedica sette giorni a celebrare il decimo anniversario di Talitha Kum. Suor Gabriella Bottani, coordinatrice internazionale della Rete anti-tratta : “Noi donne dobbiamo trovare la forza di rinnovare costantemente questa denuncia”. Il 26 settembre, le 86 delegate presenti a Roma, incontreranno in udienza privata Papa Francesco Menu MENU PAPA VATICANO […]
    Vatican News
  • Quando e come è indicato dare il cellulare ai bambini: 8 regole
    Panda Security ha condotto una ricerca negli Stati Uniti in base a questo quesito. Incrociando, poi, i dati Panda con quelli resi pubblici in Italia da Auditel-Censis sugli stili di vita delle famiglie italiane è possibile fare un confronto tra le due nazioni La Generazione Z non conosce un mondo senza Internet. I più piccoli […]
    Agi
  • 4 punti chiave che vi permetteranno di raggiungere la vera felicità
    di Pablo Perazzo Chi non vuole essere felice? Chi non sperimenta nel cuore un anelito infinito di felicità? Una felicità che non finisca mai, che duri per tutta la vita. Una felicità che vada perfino al di là della morte. Per essere onesti, però, riconosciamo che non è frequente trovare persone che conoscono bene il […]
    Catholic Link
  • Il fibroma all’utero può ostacolare fertilità e sessualità?
    Questo tumore benigno così frequente nelle donne non deve essere sottovalutato per le conseguenze che è in grado di determinare.Un articolo interessante a cura della professoressa Alessandra Graziottin (direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia medica San Raffaele Resnati), sul nuovo numero di “BenEssere, la salute con l’anima” si occupa di una patologia molto diffusa […]
    Silvia Lucchetti
  • La Croce che si erge in mezzo alla foresta
    Nel cuore dell'Iguazú, il Parco Tematico della CroceLa provincia di Misiones ospita una delle principali attrattive turistiche dell’Argentina: le cascate dell’Iguazú. Il Parco Nazionale Iguazú, Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO, è il più importante parco nazionale del Paese. Nel 2018 ha accolto più di un milione e mezzo di turisti. Ma Misiones non vuol dire solo cascate. […]
    Esteban Pittaro
  • Vivere, non sopravvivere: la speranza dopo la strage
    Dawn è una maestra della scuola Sandy Hook di Newtown (USA). La mattina del 14dicembre 2012 era a scuola, quando il killer è entrato in azione, uccidendo 26 persone: 6adulti e 20 bambini. “Come ha potuto Dio permettere una cosa simile?” Dawn ripercorre gli avvenimenti: era in sala riunioni, con altre 8 persone. Ai primi […]
    Aleteia
  • India, tolto l’utero a migliaia di donne: senza mestruazioni lavorano di più
    Il sub continente indiano mostra ancora una volta le sue contraddizioni più atroci sul corpo e il destino delle donne: alle stesse latitudini si trovano donne ridotte a uteri in outsourcing per produrre bambini altrui e donne poverissime cui strappare il grembo perché le mestruazioni rallentano il lavoro.E’ la BBC a denunciare il fenomeno in […]
    Paola Belletti
  • Cristo è un povero, un familiare…? Sono io?
    Cristo “è tutto in tutti”, dice la lettera ai Colossesi...Quando mi chiedono cosa sia l’amore, penso a Gesù e a quello che fa ogni giorno per me… ma so che non tutti pensano a questo come prima cosa. In genere si collega l’amore umano al sentimento di amore per l’altro, all’emozione di stare con lui, […]
    Luisa Restrepo
  • Ariana Grande meritava parole ben più severe (e meno volgari) di quelle di Fabio Volo
    Una polemica di cui sembra colpevole solo Fabio Volo. Eppure non c'è difesa possibile per l'ennesima pop-star usata come merce sessuale per spostare sempre un po' più in là il limite dell'indecenza. Fabio Volo è un maschilista, Ariana Grande una coraggiosa ragazza libera. È più o meno così che l’intero coro del mondo social e […]
    Annalisa Teggi
  • I 5 libri più belli della settimana scelti per le donne
    "La questione non è di sapere se ho o non ho tempo per leggere, ma se mi concedo o no la gioia di essere lettore". (Daniel Pennac)Siete in cerca di nuovi libri per “la bella stagione che sta per finire”, come cantava Rino Gaetano? Anche questa settimana abbiamo fatto un po’ di ricerca per voi […]
    Silvia Lucchetti

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 14:
    • 211:
    settembre: 2019
    L M M G V S D
    « Ago    
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    30  

    Login