MESE MARIANO – Maria: una donna la cui “autorità” deriva da scelte coraggiose e controcorrente

Redazione1
di Redazione1 maggio 9, 2019 19:14

MESE MARIANO – Maria: una donna la cui “autorità” deriva da scelte coraggiose e controcorrente

Un ritratto originale e interessante della figura di Maria, rivista secondo un’ottica che ne mette a fuoco un aspetto attuale e profetico di donna risoluta e anticonformista, attraverso cui viene posto un parallelismo con l’importante ruolo delle donne nella Chiesa di oggi.  

Maria? Una donna “trasgressiva”, che ha il coraggio di scegliere, di lottare e di andare controcorrente, pur di realizzare il sogno di Dio. Tramite “un lavoro di squadra” con sua cugina Elisabetta e le altre donne. A soffermarsi sull'”autorità” della Madre di Gesù, nel mese tradizionalmente a lei dedicato, è la biblista Rosanna Virgili, che esorta ad abbandonare una lettura “dolciastra e melensa” tipica di un certo devozionismo mariano e a riflettere, partendo dalla figura di Maria, sull’importanza del ruolo delle donne nella Chiesa. Questione decisiva per la sua stessa sopravvivenza, in tempi di “clericalismo” e di regressione della questione femminile

“Uno squarcio di luce nel cielo”, una donna la cui “autorità” deriva dalla capacità di fare scelte coraggiose e controcorrente, foriere di “una profezia sempre valida” che ha il suo simbolo più eloquente nel Magnificat: “il testo letterario più bello del mondo, insieme alle Beatitudini”, dove la Madre di Gesù anticipa e ricapitola il sogno di Dio. La biblista

P

Rosanna Virgili descrive così – per il Sir – la figura di Maria, all’inizio del mese tradizionalmente a lei dedicato. E ammonisce: “La

questione della donna è decisiva nella Chiesa, che ha estremamente bisogno dell’apporto

femminile. Il mese mariano può essere l’occasione per una rilettura in chiave più contemporanea, e non dolciastra e melensa, della figura di Maria. Non c’è futuro nella Chiesa se alle donne non si riconoscono, semplicemente, i servizi che svolgono. In un tempo come il nostro, in cui il clericalismo sta risorgendo, la Chiesa è spacciata, se invece di progredire torna indietro sulla questione femminile”.

Fin all’inizio Papa Francesco ci ha rivelato la sua speciale devozione alla Madonna dei nodi. Ognuno ha un aspetto della Madonna, o un Santuario, un “particolare” a cui si affida. Chi è Maria? È quella persona che, dentro il nostro pantheon religioso dove trovano posto Gesù e il Padre, interviene nei momenti dei nodi difficili che a volte ci stringono nella vita. La Madonna che scioglie i nodi, tanto cara a Bergoglio, è una metafora di tutto questo. L’altro aspetto tipico del pontificato del Papa argentino è l’accento così forte che pone sulla maternità della Chiesa: la Chiesa come madre, la cui grandissima icona è la Madre di Gesù. il rapporto con Maria come madre e il desiderio di proporre la maternità come cifra stessa della Chiesa che Francesco ha avuto il merito di riportare alla ribalta.

“La Chiesa è madre, Maria è più importante degli apostoli”, ripete il Papa, che a più riprese ha auspicato una maggiore presenza delle donne nella Chiesa, “là dove si prendono le decisioni”, come si legge nell’Evangelii gaudium.

È un nodo che spero che la Madonna possa sciogliere. Il Papa ha detto chiaramente che l’eventuale disagio delle donne cattoliche è dovuto al fatto che, nella Chiesa, l’autorità è affidata esclusivamente ai vescovi, in quanto successori degli apostoli. La donna non ha accesso a nessun tipo di autorità: si trova a non avere i “munera” che, invece, spettano al clero. Francesco ha ragione, Maria era più importante di tutti gli apostoli: nei Vangeli è così, la Madre di Gesù ha avuto un’autorità che nessun altro ha avuto, umanamente parlando. Tuttavia, a mio avviso la figura di Maria va riletta da questo punto di vista.

Ma la figura della Madonna va ben oltre e il suo vero “ritratto” è ancora tutto da affrontare. In questo senso, le riforme auspicate dal Papa sono davvero urgenti. La questione della donna è decisiva, nella Chiesa, che ha estremamente bisogno dell’apporto femminile. Il mese mariano può essere l’occasione per una rilettura in chiave più contemporanea, e non dolciastra e melensa, della figura di Maria.

Oltre alla verginità e alla maternità – tratti costitutivi della figura di Maria che andrebbero riletti nel 2019 tenendo conto che per tante donne molte cose sono cambiate intorno a questi due temi – tra i tanti aspetti della Madre di Gesù ce ne sono alcuni estremamente eloquenti. Innanzitutto, la scelta: Maria sceglie da sola, quando l’Angelo va da lei, e dimostra uno straordinario coraggio, in un’epoca in cui le donne non venivano neppure salutate, perché considerato soltanto mogli, madri, figlie o sorelle di un maschio.

Poi l’uscita dal privato: Maria aveva già una sua vita, era già promessa sposa, cioè come se fosse sposata. Per mettersi a servizio di un servizio più grande, ha lasciato tutto per il suo popolo e per il mondo: una lezione importante per le giovani donne di oggi, molto ripiegate su se stesse. Maria, inoltre, ha voluto vedere, “navigare” il futuro: è stata trasgressiva sulle leggi. Se a Giuseppe non fosse apparso in sogno l’Angelo, sarebbe stata rimandata al padre che l’avrebbe fatta lapidare pubblicamente perché era incinta. Ha avuto il coraggio della trasgressione per un bene più grande: una lezione, questa, che potrebbe essere utile all’Europa, che si sta richiudendo, e anche alla Chiesa.

Quand’è, infine, che Maria dice sì all’Angelo? Quando apprende che anche sua cugina Elisabetta sta per partorire. È questa notizia che la sblocca: Maria sa che da sola non può realizzare questo grande sogno, ha bisogno della compagnia di una sorella, di un’amica. Questo dice molto a un Occidente individualista e a tanti giovani spesso soli, incapaci di relazioni. La Visitazione è la realizzazione dell’inizio del Vangelo: insieme, Maria e Elisabetta si rivelano l’una all’altra. Tramite il suo rapporto con lei e con le altre donne, Maria indica che c’è una comunità: insegna alla Chiesa l’importanza di un lavoro di squadra. La Chiesa, invece, fa fatica a lavorare insieme: basti pensare alla frattura tra maschi e femmine, giovani e vecchi, laici e chierici.

 

 

 

 Redazione da Ag. di I.

 

Redazione1
di Redazione1 maggio 9, 2019 19:14


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • 2 giugno, Mattarella chiede unità: ​«Non brandire il dolore gli uni contro gli altri»
    Per il Presidente della Repubblica bisogna ​ripartire dai valori espressi dalla festa del 2 giugno. Anche in un periodo così particolare. Segno importante anche la visita a Codogno, luogo simbolo di questa pandemia Le sofferenze di questi mesi “non vanno brandite gli uni contro gli altri”. Sergio Mattarella celebra la Festa della Repubblica in uno […]
    Agi
  • Progetto per una vita in Cristo
    Su Internet circolano delle immagini con un percorso da seguire per avere una vita di successo, che insegna elementi importanti e punta a temi come etica, pianificazione, superamento, creatività ed efficacia. E se facessimo, allo stesso modo, un progetto di vita per seguire Gesù? Ho immaginato questi aspetti: 1 – Decisione: come tutto quello che […]
    Mário Scandiuzzi
  • Tesori del magistero di Papa Francesco nella “Laudato si’”
    Uno degli aspetti più ammirevoli del testo è il suo invito insistente a un dialogo tra saperi e tra conoscenza scientifica, bellezza, arte e saggezza Nella commemorazione del suo quinto anniversario (24 maggio), l’enciclica Laudato si’ (LS) di Papa Francesco mantiene tutto il suo impatto e la sua attualità, e con la pandemia mondiale e […]
    Francisco Borba Ribeiro Neto
  • Sapevate che ogni cristiano deve saper battezzare qualcuno?
    In pericolo di morte, qualsiasi persona può e perfino deve amministrare il Battesimo d’emergenza Sulla sua pagina Facebook, padre José Eduardo Oliveira ricorda un elemento assai importante circa il sacramento del Battesimo: il fatto che tutti noi, in situazioni d’urgenza, possiamo battezzare qualcuno, e dovremmo essere pronti a un’eventualità del genere. “Ogni cattolico, ogni cristiano, […]
    José Eduardo De Oliveira E Silva
  • “Il mio viaggio in cielo accanto alla Madonna”. Il desiderio della piccola Sara Matteucci
    Da brividi i dialoghi con sua madre. “Mamma, se ti dico che ne voglio un po’ di più alla Madonnina che a te, ti offendi?”. L’ultimo viaggio a Medjugorje Tutta la breve vita di Sara Matteucci (1978-1985) è caratterizzata da un legame privilegiato con la Madonna, verso la quale si sente fortemente attratta. Lo racconta […]
    Gelsomino Del Guercio
  • “Prega, che le cose migliorano”
    La preghiera è un rimedio che cura molti mali, ma si deve basare su almeno tre pilastri Una volta ho letto una frase che mi è rimasta impressa nella memoria: “Prega, che le cose migliorano”. La preghiera è un rimedio che cura molti mali, ma si deve basare su almeno tre pilastri: umiltà, perseveranza e […]
    Mário Scandiuzzi
  • Se gli angeli sono creature perfette, in grazia con Dio, perché si sono fatti la guerra tra loro?
    Immaginiamo la scena della Grande Ribellione: nel silenzio solenne che segue i primi giubili degli angeli, dall’alto di una delle gerarchie superiori parte un grido di rivolta La teologia ci insegna che poco dopo la creazione degli angeli avviene una profonda divisione tra di essi, gli uni che si rivoltano contro Dio, gli altri che […]
    don Marcello Stanzione
  • Cos’è il Cenacolo?
    Il luogo dell’Ultima Cena e della Pentecoste, a Gerusalemme ma anche in ogni cuore… Il Cenacolo è il luogo in cui erano chiusi i discepoli per paura dei giudei dopo l’ascensione di Gesù al cielo. Erano lì riuniti con Maria, perseveranti nella preghiera, 50 giorni dopo la Pasqua. Il Cenacolo dei giorni prima di Pentecoste […]
    Carlos Padilla
  • Papa Francesco benedice un’ambulanza e la regala ai poveri di Roma
    Si tratta di un nuovo dono del Santo Padre, affidato alla Elemosineria Apostolica, in favore dei più poveri, in particolare dei senza fissa dimora che vivono le difficoltà della strada e cercano rifugio nei dintorni del Vaticano Nella mattinata di ieri, domenica di Pentecoste, prima della Celebrazione Eucaristica, Papa Francesco ha benedetto un’ambulanza per i […]
    Gelsomino Del Guercio
  • La vita di preghiera, ben oltre le parole
    Anche i nostri gesti sono una preghiera, come il nostro atteggiamento che aiuta a promuovere il bene e a portare speranza ai bisognosi In vari passi, gli evangelisti mostrano che Gesù pregava spesso. Solo questo sarebbe sufficiente a mostrarci l’importanza della preghiera. Nel Catechismo della Chiesa Cattolica, il paragrafo 2560 ci insegna che “la preghiera […]
    Mário Scandiuzzi

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 165:
    • 183:
    giugno: 2020
    L M M G V S D
    « Mag    
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728
    2930  

    Login