Carabiniere ucciso a Roma. De Andreis (Ordine di Malta): “Era un volontario serio e puntuale”. “Lavorava sulla strada per i poveri”.

Redazione1
di Redazione1 agosto 6, 2019 12:27

Carabiniere ucciso a Roma. De Andreis (Ordine di Malta): “Era un volontario serio e puntuale”. “Lavorava sulla strada per i poveri”.

Continua a riecheggiare, tra dolore e polemiche, il tristissimo evento del carabiniere ucciso a Roma. Un giovane generoso di cui si vengono a conoscere meglio le caratteristiche di grande valore umano, che rendono ancora più densi di commozione i sentimenti della gente per la sua assurda uccisione.

“Era un giovane discreto, serio e puntuale. Portava le coperte ai senza dimora nelle notti d’inverno, scaricava il cibo che veniva donato”, racconta al Sir Il coordinatore del servizio di volontariato riferendosi all’impegno del vicebrigadiere Mario Cerciello Rega.

“Nel freddo delle notti d’inverno Mario si ritrovava con gli altri volontari dell’Ordine di Malta alla stazione Termini per distribuire cibo e coperte ai più poveri. Il suo compito era quello di tenere ordinata la fila e di evitare risse. Metteva a disposizione degli altri forza fisica e tempo il vicebrigadiere ucciso a Roma, nella notte tra il 25 e il 26 luglio. Lo racconta Renato De Andreis, coordinatore delle attività di volontariato su strada dell’Ordine di Malta. Il gruppo che guida si chiama “A.B.C.”, acronimo di “assistenza, beneficenza, carità”. E Mario ne faceva parte. Mentre le indagini cercano di ricostruire gli spostamenti che quella notte avrebbe compiuto il carabiniere con il suo compagno di pattuglia, acquisendo i turni della Stazione Farnese, chi lo ha conosciuto e ha fatto volontariato con lui lo descrive come “un giovane d’azione, serio e puntuale”.

Era un bravo ragazzo di Somma Vesuviana. Arrivato a Roma, è entrato nell’Arma dei Carabinieri. Era un ragazzo discreto, non di tante parole. Faceva questa attività di volontariato da quasi dieci anni, spinto dal suo comandante della stazione Farnese. Cominciò con un altro collega a impegnarsi. E continuarono nel tempo.

“Era abituato a stare sulla strada, perché noi siamo una realtà che lavora sulla strada per i poveri di Roma. Mario andava alla stazione Termini. Il suo incarico assieme ad altri era quello di rendere ordinata la fila che si formava. Aiutiamo circa 280 persone. A volte bisognava ricomporre le liti tra chi voleva ricevere prima degli altri gli aiuti. Mario era tra quelli che con calma riuscivano a farlo.  Questo era il suo servizio essenziale, ma a Roma ci sono anche altre emergenze. Si costituiscono unità, con tre o quattro macchine, con coperte e viveri per andare a cercare d’inverno i senza dimora nelle strade di Roma. Tutto questo non con semplicità. Alcune volte fino alle quattro di mattina.

Compatibilmente con i suoi turni, aderiva volentieri a questi giri per Roma. Era entusiasta. A volte li suggeriva, soprattutto nei periodi di maggiore freddo. L’impegno del vicebrigadiere continuava anche nei pellegrinaggi…Cercava di prenotarsi per tempo per andare a Loreto e Lourdes. Si occupava del servizio trasporti. Portava le carrozzine e i barellati nelle varie celebrazioni.

Avrebbe compiuto dieci anni di servizio a breve. Per Loreto c’è la consuetudine che i volontari che fanno i pellegrinaggi, ogni tre anni, ricevono un riconoscimento. Arrivato al nono anno, avrebbe ricevuto una medaglia dorata che viene donata dalla Basilica. Mario era molto contento di questo. Allora sua mamma, nel giorno della camera ardente, ha chiesto al procuratore del nostro Ordine se può ritirarla la moglie, che Mario aveva entusiasmato e portava con sé. Così sarà.

Ritorna un ricordo personale di un’esperienza condivisa con Mario…Veniva a fare il cameriere per Natale e per Pasqua, quando preparammo un pranzo per circa 360 poveri. Ricordo anche quando andavamo a scaricare e a ordinare le derrate alimentari che vengono acquisite da tutti i gruppi di volontariato di Roma di tutte le realtà, parrocchiali e non parrocchiali. Queste scorte di cibo vengono portate in depositi provvisori. Il più grande è al Gianicolo. Facevo il terzo turno, tra le 20 e mezzanotte, quello che richiede più fatica: c’erano, infatti, i più forti. E tra questi c’era Mario con il suo comandante. Sempre con il sorriso sulle labbra”.

 

 

 

Redazione da A. di I.

Redazione1
di Redazione1 agosto 6, 2019 12:27


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Addio al maestro Ennio Morricone
    Il grande compositore che ha accompagnato con la sua musica tanti grandissimi film si è spento a 91 anni in una clinica romana Aveva 91, ha composto quasi fino all’ultimo, Ennio Morricone romano e “romanista”, anzi lui diceva di essere “più romanista che musicista”, che per un maestro del suo calibro che ha passato tutta […]
    Lucandrea Massaro
  • “Il ricordo di quel peccato vi tornerà sempre in mente, ma non perdete la pace”
    Un messaggio di padre Gabriel Vila Verde per chi si sente afflitto al ricordo dei propri peccati Padre Gabriel Vila Verde ha condiviso su Facebook un messaggio per chi si sente afflitto al ricordo dei propri peccati: “Il ricordo di quel peccato vi tornerà sempre in mente. È normale ricordare le cose che ci segnano […]
    Gabriel Vila Verde
  • Cosa possono dirci della coppia i capricci dei figli?
    I disagi del figlio, le accuse, i problemi di coppia. Occorre avere uno sguardo curioso e cercare strade di crescita percorribili. Spesso i bambini sono il termometro della relazione dei genitori. Di Marco Scarmagnani Sebbene non sia lecito creare una relazione causa-effetto lineare tra malessere dei genitori e malessere dei figli (è una forma di […]
    Semprenews
  • Il progetto di un mondo nuovo
    Conversazione con il premio Nobel Muhammad Yunus, ideatore del microcredito Il vaccino contro il covid-19 deve essere dichiarato “bene comune globale” «Una volta che sapremo dove andare, arrivarci sarà molto più semplice». Muhammad Yunus, economista, premio Nobel per la pace 2006, ideatore del microcredito moderno, ha idee piuttosto chiare sul cosa fare in un mondo […]
    Andrea Monda
  • “Portala fuori, la sera”. E questo sarebbe un consiglio da grande seduttore?
    Certo. Perché non avete ancora letto “dove” vi consiglia di portarla, il grande maestro dell’anti-metodo di seduzione. “Yeah”, l’anti-metodo di seduzione written by Giuseppe Signorin Non spaventarti se a volte i consigli che ti do sembrano contraddirsi o sembrano contraddire lo spirito di un anti-metodo come questo, oppure se capita di ripetermi come un nonno […]
    MIENMIUAIF - MIA MOGLIE ED IO
  • Il Dio vero non è fermo, è in cammino!
    Abbiamo spesso un’idea statica di Dio. Nel vangelo di oggi invece lo vediamo in movimento: Gesù cammina dietro questo padre disperato. “«Mia figlia è morta proprio ora; ma vieni, imponi la tua mano sopra di lei ed essa vivrà». Gesù si alzò e lo seguì con i suoi discepoli.” In quel tempo, [mentre Gesù parlava,] […]
    Luigi Maria Epicoco
  • Mentre Padre Pio subiva le tre prove più dolorose, accanto a lui c’era San Michele
    Riportiamo le testimonianze del frate di Pietrelcina sugli aiuti ricevuti dall’arcangelo Michele, suo “angelo custode”, in particolari momenti di sofferenza (e non solo) La presenza dell’Angelo Custode nella vita di Padre Pio da Pietrelcina (1887-1968) viene segnalata già da quando è un giovane sacerdote: il cappuccino non chiude mai la porta di casa ogni volta […]
    don Marcello Stanzione
  • Estasi e conversioni: così San Michele arcangelo parlava a Giuseppina Berettoni
    La mistica romana ha documentato numerose dialoghi con l’arcangelo. Questi le consigliava sopratutto come convertire efficacemente i miscredenti La Serva di Dio Giuseppina Berettoni nacque a Roma il 6 agosto 1875. Trascorse la più tenera età sotto la cura dei genitori: Cesare Berettoni ed Orsola Marini. A soli otto anni, ebbe il desiderio di ricevere […]
    Gelsomino Del Guercio
  • La scintilla del lunedì – Respira
    Il nostro podcast: 3 minuti per cominciare la settimana con un’ipotesi di bene che fa luce. Eccoci alla seconda puntata di questo podcast appena nato. L’idea non è tanto quella di forzare l’entusiasmo per vincere la pigrizia del lunedì mattina. Piuttosto vogliamo fare insieme gli esercizi di allenamento per impegnarci a iniziare davvero. E questo […]
    Annalisa Teggi
  • 12 consigli per dare una dimensione profonda e spirituale alle vostre amicizie
    Il Cardinale John Henry Newman, studiando le relazioni amicali, ha scoperto vari metodi per creare ed intrattenere delle vere amicizie. Scopriteli senza più aspettare e imparate a coltivare le vostre amicizie. Filosofo, teologo, poeta, l’inglese John Henry Newman (1801-1890) ha coltivato l’amicizia durante tutta la sua vita. Quest’uomo, canonizzato da papa Francesco nell’ottobre 2019, aveva […]
    Edifa

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 99:
    • 185:
    luglio: 2020
    L M M G V S D
    « Giu    
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    2728293031  

    Login