Pastorale Giovanile. Card. Bassetti (Cei): “Fede e fiducia per non sprofondare nelle acque, nella depressione, nel senso di fallimento”

Redazione1
di Redazione1 maggio 1, 2019 23:16

Pastorale Giovanile. Card. Bassetti (Cei): “Fede e fiducia per non sprofondare nelle acque, nella depressione, nel senso di fallimento”

Nel corso della veglia da lui presieduta ieri sera nel Duomo di Monreale, all’interno del Convegno nazionale di Pastorale giovanile che si sta svolgendo in Sicilia, il card. Gualtiero Bassetti, presidente della Cei, ha invitato quanti si occupano dei giovani a guardare “alla fede e alla fiducia che servono per non sprofondare nelle acque, per non sprofondare nella morte, nella depressione, nel senso di fallimento”. Il brano evangelico proposto al centro di questa esortazione è proprio quello di Gesù che cammina sulle acque. Nell’invitare a guardare a “Pietro, in nome di tutti i discepoli spaventati, terrorizzati dalla morte del maestro”, il presidente dei vescovi italiani ha spiegato che “Pietro affonda perché non crede nella fede che ha dentro di sé e nelle ragioni della fiducia che lavorano sempre dentro il cuore di ogni uomo a dispetto dell’uomo stesso.

Pietro non crede nelle ragioni del vivere che sono più robuste di ogni tempesta. E quante tempeste – ha aggiunto – abbiamo dovuto affrontare e affronteremo nella vita”. Ha ricordato che il Signore spesso “ripete ai poveri come noi” incoraggiamenti: “Vai, la tua fede ti ha salvato”, e ancora “Alzati, cammina”. “Gesù c’è per dare coraggio al nostro coraggio, non per sostituirsi a noi. Gesù – ha detto il card. Gualtiero Bassetti – ha fede nella nostra povera fede e con ostinazione continua sempre a tenere aperta la porta dell’amore e della misericordia nei nostri confronti. Sempre, ragazzi! Sempre! Non crede al nostro posto, però. Non vuole agire al nostro posto. Nessuno – ha aggiunto – può vivere la nostra vita, nessuno può vivere la vita al posto di un altro, nemmeno Dio, nemmeno Gesù. Il maestro ci invita a tirar fuori tutto il coraggio che serve per vivere la nostra vita nonostante anche tante lacrime”.

Ha poi richiamato il “Salvami!” che Pietro ha detto a Gesù: “Più che dalle acque, Gesù salva Pietro dalle sue paure e dai suoi fantasmi. L’obiettivo – ha detto – non è saper camminare sulle acque, sfidare il mondo, semmai è continuare in quella forza interiore che può garantire la nostra navigazione nel mare, anche se è in tempesta. Credere che è sempre possibile camminare, perfino sulle acque mosse. A questo serve il legame con Gesù, a questo serve il gesto di tenerezza di Gesù che prende per mano Pietro strappandolo dalle morse della morte”.

Ripercorrendo la “Christus vivit” con quanti nelle diocesi d’Italia si occupano di giovani, frère John di Taizè ha approfondito il tema della giovinezza, anche della Chiesa: “Chiesa giovane non nel senso che imita le mode di questo mondo, ma perché ritorna continuamente alla sua fonte per ritrovare nuovo slancio. Esempio perfetto di questa Chiesa – ha detto – è Maria”. La Chiesa e della pastorale giovanile hanno allora un compito preciso: “collaborare alla formazione dei giovani perché ritrovino i valori che umanamente appartengono alla loro età, ma che sono spesso affogati dalla società che invecchia: parlo – ha detto frère John – della capacità di sognare, dello spirito di avventura e di rischio, della disponibilità… in una parola la speranza”.

A lui è stata affidata la lettura sistematica dell’esortazione “Christus vivit”: una “passeggiata” attraverso l’esortazione apostolica di Papa Francesco che il relatore ha intitolato “Verso la vera giovinezza”. “Quello che mi ha colpito di più è il fatto che nel documento la giovinezza non è una questione di età cronologica, ma un atteggiamento fondamentale dell’essere umano, che forse è più forte all’inizio della vita ma che resta accessibile in ogni momento dell’esistenza. La giovinezza – ha detto frère John – è uno stato del cuore che “comporta una sana inquietudine e una libertà interiore che non solo la società odierna non favorisce ma che anzi impedisce e ne crea in cambio una falsa, fatta di sonnolenza, di dipendenza e ossessione”.

La soluzione, però, c’è: “E’ Gesù che ci rivela la vera giovinezza, lui che ha percorso le tappe della gioventù e che è il sempre giovane”. Ed ha aggiunto: “Quello di Papa Francesco è un programma per il rinnovamento della pastorale della Chiesa con le nuove generazioni. È chiaro che questo non è un partire da zero perché molti degli elementi che possiamo mettere in rilievo nell’esortazione apostolica che stiamo osservando e che ritroviamo nel suo magistero papale sono già vissuti da tanti animatori di giovani, preti e laici. In ogni modo, davanti alla tentazione del pessimismo così diffusa oggi – ha detto frère John -, quando in tante parti dell’Europa vediamo le nostre chiese svuotarsi, soprattutto di giovani, è importante capire che il cammino in avanti non consiste nell’imitare le strategie del mondo attorno a noi, ancora meno nelle false immagini della gioventù veicolati dai mass media, ma invero ritorno alle fonti. Sta a noi scoprire in Gesù Cristo la vera sorgente della novità, e di seguire l’esempio di Maria. Scoprirlo, viverlo e indicarlo a chi ci guarda per capire ed imparare”.

 

 

Redazione da Ag.di I.

 

Redazione1
di Redazione1 maggio 1, 2019 23:16


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Conoscete la cappella “verde” dedicata a San Francesco?
    È un giardino verticale completamente coperto di piante e da 3.000 alberi provenienti dai boschi dell’Europa centrale Nel Giardino Botanico di Roma, dal 5 giugno 2020 si può ammirare The living Chapel. La cappella vivente è stata realizzata da un’équipe internazionale di architetti, musicisti e artisti usando materiale riciclato, ed è un giardino verticale completamente […]
    Maria Paola Daud
  • I monasteri italiani portano avanti l’antica tradizione di realizzare candele a mano
    La maggior parte delle candele usate nelle chiese oggi è prodotta a livello industriale, ma qualche monastero italiano le realizza ancora a mano Il profumo della cera che brucia e la luce scintillante delle candele sono spesso associati alla pratica della fede cattolica. Le candele assumono un significato simbolico, con la luce che indica la […]
    V. M. Traverso
  • Il demonio che Gaudí ha nascosto nella Sagrada Familia
    Antoni Gaudí ha collocato l’immagine del diavolo come appare nella Genesi in un luogo che passa quasi inosservato ma pieno di simbolismo L’architetto Antoni Gaudí voleva che la Sagrada Familia di Barcellona fosse una catechesi sulla pietra. Per questo, è in ogni punto piena di immagini e di forme che rimandano alla Bibbia, alla liturgia […]
    Dolors Massot
  • In ogni stagione c’è almeno una pianta che fiorisce
    Vivere la comunione non è essere tutti uguali dentro uno schema che si ripete: è sapere che c’è un tempo diverso per ciascuno in cui sbocciare e della cui fioritura godono tutti. Di suor Patrizia Ameli La nostra casa a Grenoble è circondata da una chiesa, da una scuola e da un palazzo. Si trova […]
    Missionarie di San Carlo
  • La famiglia è un treno in corsa da cui vorresti scendere? Ritorna all’origine
    Esiste un vaccino per questa “malattia” e siamo noi stessi, la coppia, il nostro amore che va nutrito, custodito, rimesso al centro. Prendetevi dosi consistenti di voi… Se mi guardo indietro e analizzo la mia relazione c’è “un ingrediente” che ha fatto la differenza. Qualcosa che spesso si tende a sottovalutare. Soprattutto nelle nostra vita […]
    Matrimonio cristiano
  • Il primo gesto di carità? stare di buon umore!
    Perché, anche senza accorgersene, si illumina la vita agli altri Mi sono sempre chiesto come mai alcuni sentono il bisogno di interrogarsi su Dio e di mettersi in rapporto con Lui, mentre altri sembrano refrattari e indifferenti. Con gli anni mi sono reso conto che per tutti l’appuntamento con Dio arriva in un modo o […]
    Giuseppe Corigliano
  • Se non si diventa piccoli non si intuisce la grandezza del Vangelo
    Ecco perché il più umile contadino può avere del vangelo l’interpretazione più giusta rispetto al più preparato e superbo dei teologi. In quel tempo, nacque una discussione tra i discepoli, chi di loro fosse più grande. Allora Gesù, conoscendo il pensiero del loro cuore, prese un bambino, se lo mise vicino e disse loro: «Chi […]
    Luigi Maria Epicoco
  • Cosa è stato della Santa Croce su cui è morto Gesù?
    E come ha fatto Sant’Elena a riconoscerla? Buona parte della croce su cui è stato inchiodato Gesù si trova nella basilica di Santa Croce in Gerusalemme, a Roma, chiamata così proprio perché venne costruita per conservare questa venerata reliquia della Passione di Cristo. Sant’Elena, madre dell’imperatore Costantino, la fece portare a Roma in occasione di […]
    Maria Paola Daud
  • La scintilla del lunedì – Non siamo fatti per la morte
    Il rosso dell’autunno è una sentinella: se l’anima è matura e trabocca dal desiderio di bene potrà mai spegnersi nell’inverno? Il calendario ci informa che da qualche giorno siamo entrati nell’autunno e la prima immagine che ci viene in mente sono le foglie che cadono. La consideriamo la stagione del tramonto, quasi la stanza d’ingresso […]
    Annalisa Teggi
  • Da Scalia a Barrett, sprint di Trump per la Corte Suprema
    Trump sceglie l’allieva del celebre giurista italoamericano per sostituire l’icona liberal Ruth Bader Ginsburg. Ma i Democratici vogliono che sia il nuovo Congresso a ratificare la nomina, che porterebbe a 6 su 9 la maggioranza conservatrice alla Corte Suprema degli Stati Uniti La sabbia che scorre nella clessidra. Il cambio delle generazioni. Il simbolismo della […]
    Agi

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 87:
    • 203:
    settembre: 2020
    L M M G V S D
    « Ago    
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    282930  

    Login