Nella prova, insieme ai Gruppi di preghiera delle Madonie e dei Nebrodi, invochiamo l’aiuto di S. Michele Arcangelo

Redazione1
di Redazione1 aprile 19, 2020 18:55

Nella prova, insieme ai Gruppi di preghiera delle Madonie e dei Nebrodi, invochiamo l’aiuto di S. Michele Arcangelo

Ancora un richiamo che si ispira ad una fervida e diffusa spiritualità devozionale siciliana, quello che ci giunge dai colli delle Madonie e dei Nebrodi. Testimonia il saldo legame di religiosità che unisce, nell’impegno di speciale e costante preghiera, i numerosi Gruppi di devoti dell’Arcangelo Michele. Un segnale che ci riporta a momenti importanti di storia, di fede e di invocazione salvifica, riguardanti il potente Spirito celeste, “mano destra di Dio”, seguendo un filo di memorie che passa attraverso le figure di tre grandi papi, nonchè di quella di un insigne cardinale, figlio stimato di questa terra.

 

Il primo è Papa Francesco, convinto sostenitore  della devozione all’Arcangelo Michele, che, in queste feste pasquali, avendo usato un altare siciliano proveniente da Polizzi (PA), regalato, a suo tempo, dal Cardinale Mariano Rampolla del Tindaro (di cui porta lo stemma), ci ricollega a Leone XIII, al tempo in cui il porporato era Segretario di Stato. Ed è proprio questo Pontefice, la cui opera è stata foriera di una forte carica innovativa, che richiama l’attenzione verso il Principe della milizia celeste, per cui Leone XIII formulò la nota e ardente preghiera a difesa delle azioni malefiche che provengono dal maligno.

Fu “Il 13 ottobre 1884, quando Leone XIII, finita di celebrare la Santa Messa nella cappella paolina, rimase immobile per alcuni minuti. Poi, si precipitò verso il suo ufficio senza dare la minima spiegazione a chi era vicino a lui e che l’aveva visto impallidire. Subito dopo compose una preghiera a San Michele Arcangelo, dando istruzioni perché fosse recitata ovunque al termine di ogni Messa.

Successivamente, il Papa darà la sua testimonianza di quanto gli era accaduto, raccontando di aver avuto una visione terrificante. «Ho visto la terra avvolta dalle tenebre e da un abisso, ho visto uscire legioni di demoni che si spargevano per il mondo per distruggere le opere della Chiesa ed attaccare la stessa Chiesa che ho visto ridotta allo stremo. Allora apparve S. Michele che ricacciò gli spiriti malvagi nell’abisso”.

Ecco, in sintesi, la preghiera formulata da Leone XIII:

“San Michele Arcangelo, difendici nella battaglia contro le malvagità e le insidie del diavolo, sii nostro aiuto. Ti preghiamo supplici: che il Signore lo comandi ! E Tu, Principe della milizia celeste con la potenza che ti viene da Dio, ricaccia nell’inferno satana e gli altri spiriti maligni, che si aggirano per il mondo a perdizione delle anime.  Amen

Questa preghiera, che si recitava in ginocchio, solennemente, fu soppressa dopo il Concilio Vaticano II.  Poi, nel 1987, Giovanni Paolo II, in visita al santuario di San Michele Arcangelo sul monte Gargano, ebbe a dire: “Questa lotta contro il demonio, che contraddistingue la figura dell’Arcangelo Michele, è attuale anche oggi, perché il demonio è tuttora vivo e operante nel mondo”. E poi: “Chiedo a tutti di non dimenticarla e di recitarla per ottenere aiuto nella battaglia contro le forze delle tenebre e contro lo spirito di questo mondo ».

Ancor prima, nel 2015 a Petralia, in un messaggio direttamente espresso in una sua apparizione, lo stesso S. Michele aveva chiesto testualmente: “Successore di Pietro rimetti la mia preghiera e io libererò la Chiesa dalle tentazioni di satana!”. Allo stesso modo, questo rapporto speciale del santo Arcangelo col luogo siciliano, si era manifestato quando indicò un punto di fronte a Petralia Sottana, dove desiderava che fosse collocato un suo quadro, quale punto di richiamo e incontro per i fedeli suoi devoti.

Tutti segni, manifestazioni che stanno ad indicare la particolare sensibilità spirituale e devozionale che fa della gente delle Madonie e dei Nebrodi (ME) la parte più attiva tra i Gruppi di preghiera di San Michele Arcangelo in Petralia. Insieme a questi devoti, dunque, nel difficile momento di prova,- date fra l’altro le insicurezze che ci sembra di  riscontrare in coloro che gestiscono dall’alto l’emergenza – poichè c’è da essere molto più fiduciosi nell’aiuto celeste, tutti quanti, uniti su Facebook ogni giorno alle 16, contro la pandemia invochiamo l’intervento dell’invincibile Difensore del popolo di Dio.

(link da w.sanmichelearcangelopetralia.it).

 

A. Majolino.

 

Redazione1
di Redazione1 aprile 19, 2020 18:55


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Conoscete la cappella “verde” dedicata a San Francesco?
    È un giardino verticale completamente coperto di piante e da 3.000 alberi provenienti dai boschi dell’Europa centrale Nel Giardino Botanico di Roma, dal 5 giugno 2020 si può ammirare The living Chapel. La cappella vivente è stata realizzata da un’équipe internazionale di architetti, musicisti e artisti usando materiale riciclato, ed è un giardino verticale completamente […]
    Maria Paola Daud
  • I monasteri italiani portano avanti l’antica tradizione di realizzare candele a mano
    La maggior parte delle candele usate nelle chiese oggi è prodotta a livello industriale, ma qualche monastero italiano le realizza ancora a mano Il profumo della cera che brucia e la luce scintillante delle candele sono spesso associati alla pratica della fede cattolica. Le candele assumono un significato simbolico, con la luce che indica la […]
    V. M. Traverso
  • Il demonio che Gaudí ha nascosto nella Sagrada Familia
    Antoni Gaudí ha collocato l’immagine del diavolo come appare nella Genesi in un luogo che passa quasi inosservato ma pieno di simbolismo L’architetto Antoni Gaudí voleva che la Sagrada Familia di Barcellona fosse una catechesi sulla pietra. Per questo, è in ogni punto piena di immagini e di forme che rimandano alla Bibbia, alla liturgia […]
    Dolors Massot
  • In ogni stagione c’è almeno una pianta che fiorisce
    Vivere la comunione non è essere tutti uguali dentro uno schema che si ripete: è sapere che c’è un tempo diverso per ciascuno in cui sbocciare e della cui fioritura godono tutti. Di suor Patrizia Ameli La nostra casa a Grenoble è circondata da una chiesa, da una scuola e da un palazzo. Si trova […]
    Missionarie di San Carlo
  • La famiglia è un treno in corsa da cui vorresti scendere? Ritorna all’origine
    Esiste un vaccino per questa “malattia” e siamo noi stessi, la coppia, il nostro amore che va nutrito, custodito, rimesso al centro. Prendetevi dosi consistenti di voi… Se mi guardo indietro e analizzo la mia relazione c’è “un ingrediente” che ha fatto la differenza. Qualcosa che spesso si tende a sottovalutare. Soprattutto nelle nostra vita […]
    Matrimonio cristiano
  • Il primo gesto di carità? stare di buon umore!
    Perché, anche senza accorgersene, si illumina la vita agli altri Mi sono sempre chiesto come mai alcuni sentono il bisogno di interrogarsi su Dio e di mettersi in rapporto con Lui, mentre altri sembrano refrattari e indifferenti. Con gli anni mi sono reso conto che per tutti l’appuntamento con Dio arriva in un modo o […]
    Giuseppe Corigliano
  • Se non si diventa piccoli non si intuisce la grandezza del Vangelo
    Ecco perché il più umile contadino può avere del vangelo l’interpretazione più giusta rispetto al più preparato e superbo dei teologi. In quel tempo, nacque una discussione tra i discepoli, chi di loro fosse più grande. Allora Gesù, conoscendo il pensiero del loro cuore, prese un bambino, se lo mise vicino e disse loro: «Chi […]
    Luigi Maria Epicoco
  • Cosa è stato della Santa Croce su cui è morto Gesù?
    E come ha fatto Sant’Elena a riconoscerla? Buona parte della croce su cui è stato inchiodato Gesù si trova nella basilica di Santa Croce in Gerusalemme, a Roma, chiamata così proprio perché venne costruita per conservare questa venerata reliquia della Passione di Cristo. Sant’Elena, madre dell’imperatore Costantino, la fece portare a Roma in occasione di […]
    Maria Paola Daud
  • La scintilla del lunedì – Non siamo fatti per la morte
    Il rosso dell’autunno è una sentinella: se l’anima è matura e trabocca dal desiderio di bene potrà mai spegnersi nell’inverno? Il calendario ci informa che da qualche giorno siamo entrati nell’autunno e la prima immagine che ci viene in mente sono le foglie che cadono. La consideriamo la stagione del tramonto, quasi la stanza d’ingresso […]
    Annalisa Teggi
  • Da Scalia a Barrett, sprint di Trump per la Corte Suprema
    Trump sceglie l’allieva del celebre giurista italoamericano per sostituire l’icona liberal Ruth Bader Ginsburg. Ma i Democratici vogliono che sia il nuovo Congresso a ratificare la nomina, che porterebbe a 6 su 9 la maggioranza conservatrice alla Corte Suprema degli Stati Uniti La sabbia che scorre nella clessidra. Il cambio delle generazioni. Il simbolismo della […]
    Agi

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 136:
    • 203:
    settembre: 2020
    L M M G V S D
    « Ago    
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    282930  

    Login