Il cardinale Robert Salah: “Oggi la paura è la grande debolezza della Chiesa”, “I Pastori ritrovino Dio per non essere timorosi”

Redazione1
di Redazione1 aprile 12, 2019 12:27

Il cardinale Robert Salah: “Oggi la paura è la grande debolezza della Chiesa”, “I Pastori ritrovino Dio per non essere timorosi”

Nel suo nuovo e coraggioso libro-intervista, scritto insieme con il saggista Nicolas Diat.; il cardinal Robert Sarah, prefetto della Congregazione per il Culto Divino, rivolge uno sguardo indagatore alla crisi della fede e della Chiesa, nel contesto delle tante crisi del mondo contemporaneo. Incontrato da Arthur Herlin, per conto di Aleteia, il cardinale ritiene tuttavia che il male non sia inesorabile, posto che i pastori e tutti i battezzati riescano a liberarsi delle loro paure.

All’obiezione di chi potrebbe pensare che il suo libro sia da ritenere pessimistico, o peggio allarmistico, risponde: “Ho fatto queste considerazioni con molta prudenza e con un grande desiderio di precisione. Conseguentemente, mi sembra che il libro si collochi non lontano dalla verità. Certamente, il quadro pare oscuro, ma lo stesso papa Benedetto XVI diceva, poco prima della sua elezione alla Sede Petrina, che l’Occidente attraversa una crisi mai verificatasi in tutta la storia. La realtà sta lì,  non si può dire che non c’è una crisi di fede mentre le chiese si svuotano. Io non penso che nel passato abbiamo assistito ad accuse quali quelle che attualmente vengono dirette contro dei cardinali, dei vescovi, dei preti, talvolta anche condannati a pene carcerarie… Nella società non so quale civiltà abbia legalizzato l’aborto e l’eutanasia, abbia distrutto la famiglia e sbrindellato il matrimonio fino a questo punto”. La crisi è profonda e grave, è la triste ammissione, ma ho pure consacrato l’ultima parte del libro a una lunga riflessione sulla speranza, perché ogni crisi comporta in sé una dimensione nuova, l’inizio di una rinascita”.

“La cosa tragica è la divisione all’interno della Chiesa. Una divisione che si manifesta soprattutto sul piano dottrinale, morale e disciplinare – sottolinea il cardinale – ormai ognuno pensa e dice quel che vuole. Come non esserne inquieti, poiché sembra che la Chiesa non abbia più un insegnamento dottrinale e morale chiaro? Davanti a una simile situazione, cerchiamo di seguire l’esempio degli apostoli. Un giorno in cui attraversavano il lago di Tiberiade, e li sorprese una forte burrasca che minacciava di farli affondare, mentre Gesù era a poppa e dormiva, gli apostoli davanti a questo pericolo hanno tenuto ferma la barra per tenere dritta la barca e hanno gridato con tutte le loro forze aiuto a Gesù. In altri termini, – avverte Salah – ci incombe l’obbligo di aggrapparci fermamente alla Dottrina, all’insegnamento della Chiesa, e di pregare. Non preghiamo a sufficienza. I preti hanno troppe attività. Credendo di cambiare la Chiesa con le nostre proprie forze e mediante semplici riforme strutturali, diventiamo degli attivisti. Abbiamo piuttosto bisogno della grazia, che si ottiene solamente per la preghiera fervente e costante”.

Per coloro che non sono su questa linea, e vogliono cambiare la dottrina, la risposta del cardinale è inequivocabile: “ La Chiesa non appartiene agli pseudo-riformatori. Non posso cambiare quel che non ho edificato io e che, di conseguenza, non mi appartiene. Nessuno può cambiare la Chiesa di Gesù. Quelli che vogliono cambiarla devono essere in possesso di un mandato di Gesù”.

All’interrogativo su quale messaggio sia da rivolgere ai giovani in relazione all’esortazione, Christus vivit, rivolta loro da Papa Francesco, l’avvertimento di Robert Sarah è: ”Non lasciatevi turbare da quello che scrivono sui cardinali, sui vescovi e sui preti, ma scrutate i Vangeli e fissate il vostro sguardo su Cristo; egli solo è la via, la verità e la vita, e dà la garanzia che non ci si sbaglia. Poi, amate la Chiesa e servitela: poco importa quel che se ne dice. Essa è vostra madre, pura e immacolata, senza ruga né macchia. Le macchie che s’intravedono sulla sua figura sono in realtà le nostre. I suoi figli sono in crisi, ma la Chiesa, da parte sua, non lo è. Infine, convertitevi – anzitutto voi stessi – e poi siate missionari”.

Riguardo al compito fondamentale affidato ai cristiani di essere diffusori del messaggio evangelico senza cadere nel proselitismo, il cardinale Sarah è perentorio: “La Chiesa non fa proselitismo, ma ha un preciso mandato da parte di Gesù. Andate dunque e rendete mie discepole tutte le nazioni, battezzandole nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo, e insegnando loro a osservare quel che vi ho prescritto. Non forziamo i pagani o i musulmani con le armi, La nostra religione fa leva sull’amore e bandisce la forza”.

Per il fatto che in varie parti del mondo, a causa dei numerosi scandali in cui sono implicati, i vescovi appaiono in buona parte in crisi, Robert Sarah ammette l’esistenza di una crisi d’identità, di responsabilità e di fede. “Sostanzialmente, però, noi attraversiamo una crisi grave del sacerdozio, della relazione del prete con Gesù. Tutti voi, però, in quanto battezzati, partecipate di questa crisi se non testimoniate la vostra fede cristiana. La Chiesa è una realtà gerarchica. Essa s’articola come un corpo umano, con le sue differenti membra: gli apostoli, i vescovi loro successori, i preti e i fedeli laici, ma tutti devono far vivere la Chiesa e irradiarne la santità”.

“È vero che attualmente, prosegue Sarah, la crisi si colloca al livello del capo. Se non siamo più capaci di insegnare la dottrina, la morale, o di dare l’esempio e di essere dei modelli, allora la crisi risulta gravissima. Chi difenderà le pecore se, lasciandole alla loro sorte, i pastori si spaventano e fuggono di fronte ai lupi? Oggi la paura è la grande debolezza della Chiesa”.  Certo, tutti sono terrorizzati perché la Chiesa è accusata di tutti i mali; ma quando qualcuno è in preda alla paura non è più padrone di sé. È la ragione per la quale la Chiesa non osa più smarcarsi e andare controcorrente per indicare al mondo la direzione. Alcuni vescovi temono le critiche perché sono centrati su loro stessi e diventano così troppo prudenti, non si esprimono chiaramente su nulla per non andare incontro all’opposizione o al martirio. Ora, bisogna che ritrovino Dio, che si concentrino su di lui e che si affidino alla potenza della sua grazia”.

 

 

Redazione da Ag.di I.

 

 

 

 

Redazione1
di Redazione1 aprile 12, 2019 12:27


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Non vedo un povero ma un uomo dal valore infinito
    Dalla tratta dei piccoli campioni di calcio nei villaggi africani alle scuole negli slum del Kenya: dal Meeting di Rimini le ipotesi di speranza di Rose Busingye, infermiera in Uganda, e di Damiano Tommasi, Presidente dell'Associazione Italiana Calciatori.Le molte ferite che ancora piagano il continente africano rischiano di ridursi, agli occhi dell’opinione pubblica, alle immagini […]
    Annalisa Teggi
  • Chiacchiericcio & Maldicenza: peccati gravi e troppo frequentemente trascurati
    I peccati della lingua, come i giudizi temerari o le critiche infondate, sono spesso eretti a virtù, col pretesto di denunciare un male (reale o supposto). Essi commettono in realtà la più terribile delle ingiustizie: l’attentato all’onore altrui. Meditare l’Epistola di san Giacomo sarebbe un buon modo per occupare intelligentemente qualche ora della nostra estate, […]
    Jean-François Thomas s.J.
  • Donazione organi, legge del 1999: dopo 20 anni la firma del Ministro sul decreto attuativo
    Nel giorno delle dimissioni del Premier Conte, la firma di Giulia Grillo, Ministro della Salute. Tutti donatori fino a prova contraria o meglio se non dichiariamo apertamente il nostro dissenso, previa chiara e completa informazione. Proprio il passaggio che è rimasto incompiuto fino ad ora. Ciò nonostante l'Italia è uno dei Paesi dove si dona […]
    Paola Belletti
  • Cos’è il selficidio? morire di selfie inseguendo lo scatto che più “figo” non si può!
    Una interessante chiave di lettura dell’epidemia di morti per selficidio: sacrificio estremo di sé sull'altare dell'Io.Un articolo molto interessante apparso su Il Foglio a firma di Mattia Ferraresi ci informa di una recente ricerca apparsa sul Journal of Family Medicine and Primary Care che ha posto le basi per un nuovo capitolo dell’epidemiologia: la morte […]
    Silvia Lucchetti
  • Papa Francesco: basta cristiani ipocriti, la vera conversione arriva alle tasche
    All’udienza generale, nell’aula Paolo VI, il Pontefice prosegue le catechesi dedicate agli Atti degli Apostoli, soffermandosi sul tema: “La comunione integrale nella comunità dei credenti”La “vera conversione” arriva “alle tasche”: un cuore davvero toccato dal Signore “è generoso con gli altri” e “aiuta i più deboli”. E’ una delle riflessioni offerte da Papa Francesco nel […]
    Vatican News
  • Il bello di complicarsi la vita. Zanetti tra fede, sport e solidarietà
    Nel salone Intesa Sanpaolo B3, Zanetti è stato accolto con entusiasmo per l’incontro “Vincere ma non solo. Crescere nella vita per raggiungere i propri obiettivi”, presentato da Andrea Simoncini, dell’Università degli studi di Firenze e membro del Cda del Meeting. Il titolo ha ripreso quello dell’ultimo libro del calciatore che prima di intervenire si è impegnato in un […]
    Meeting di Rimini
  • Cos’è e cosa dice la “legge del mare”. 10 cose da sapere
    Un corpus giuridico complesso e variegato completato dalle linee guida dell'Onu. Dal "luogo sicuro" all'obbligo di prestare soccorso, dal coordinamento delle operazioni di salvataggio alle responsabilità del capitano della nave che lo compie “Uomo a mare!”, ovvero salvare la vita dei naufraghi, costituisce un preciso obbligo degli Stati? E c’è e cos’è una “legge del mare”, […]
    Agi
  • Respinto anche l’appello: il cardinale Pell resta in carcere per pedofilia
    Il Vaticano: restano le misure già emesse dal Papa nei suoi confronti Il cardinale George Pell è colpevole. La Corte Suprema di Victoria, in Australia, ha confermato la sentenza di condanna resa nota a febbraio nel processo in primo grado per abusi sessuali su minori. I legali del porporato dispongono di 28 giorni per presentare […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Conte si è dimesso. Iniziano le consultazioni al Quirinale
    Mattarella sentirà per primi il presidente emerito Napolitano e i presidenti di Camera e Senato. Poi toccherà ai partiti. Che si presentano all'appuntamento divisi, anche al loro interno Giuseppe Conte si è dimesso. Al termine di una lunga giornata al Senato, il presidente del Consiglio, come preannunciato, è salito al Colle per rimettere il mandato nelle mani del Capo […]
    Agi
  • Gennaio 1994: con i primi ragazzi accolti vivemmo un’esperienza indescrivibile!
    Facemmo un ritiro insieme a persone "speciali". Nel giorno della festa del battesimo di Gesù scese una grazia dall’alto per cui anche i cuori più duri si scioglievano. Ci ritrovammo tutti in lacrime di commozione, di gioia e di pentimento che solo Dio può suscitare. di Chiara Amirante Nel gennaio 1994 con i primi ragazzi […]
    Credere

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 17:
    • 205:
    agosto: 2019
    L M M G V S D
    « Lug    
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    262728293031  

    Login