Terremoto a Catania. L’arcivescovo Gristina: “Affrontiamo quanto succede come una famiglia”.

Redazione1
di Redazione1 dicembre 27, 2018 22:52

Terremoto a Catania. L’arcivescovo Gristina: “Affrontiamo quanto succede come una famiglia”.

Mons. Salvatore Gristina, arcivescovo di Catania, è stato immediatamente in mezzo alla gente scioccata a portare il suo personale conforto:  “La solidarietà e la vicinanza concreta sono il primo aiuto: affrontiamo quanto succede con spirito di comunità, come una famiglia. In questi giorni di Natale, poi, ci pare di rivivere i disagi di Maria e Giuseppe, fuori di casa, alla ricerca di un alloggio, ed è proprio per questo che sentiamo tutti la vicinanza forte della Santa Famiglia e la preghiamo per avere protezione e forza”. Mons. Gristina, si è recato a Fleri e Pisano, frazioni di Zafferana Etnea, tra le zone colpite con maggiore forza dal sisma che ha coinvolto i paesi alle pendici dell’Etna,  Già al mattino, ha incontrato la gente per le strade e i sacerdoti del luogo, ed ha voluto vedere personalmente le condizioni delle chiese delle frazioni colpite.

I danni maggiori sono alle abitazioni e di certo alcune delle chiese resteranno chiuse fino a che non sarà possibile un intervento strutturale: sono danneggiate e inagibili – racconta al Sir mons. Gristina – e sarebbe pericoloso entrare e questo, nel tempo di Natale che stiamo vivendo, colpisce particolarmente non solo la chiesa, ma la comunità tutta. Le chiese non possono essere utilizzate per l’accoglienza, ma neanche possono rispondere alla loro vocazione di luoghi di culto. E la gente – dice l’arcivescovo – ha bisogno di pregare in questo delicato momento”. La Caritas diocesana, intanto, si è attivata.

“Stiamo cercando di conoscere i reali bisogni per rispondere alle esigenze di chi è stato colpito dal sisma e faremo quanto ci è possibile per assicurare la serenità della nostra gente”.

Anche il vescovo di Acireale, mons. Antonino Raspanti, si è recato di persona nelle zone colpite dal sisma che ricadono nel territorio della diocesi da lui guidata. “La gente ha trascorso in strada anche la giornata, infreddolita e spaventata: non tutti sono riusciti a rientrare in casa e sono evidentemente angosciati”. Mentre l’Etna continua a farsi sentire e in cielo rimane evidente il fumo che fuoriesce dai crateri, c’è preoccupazione per le condizioni delle abitazioni e per la possibilità di nuove scosse. Il terremoto di magnitudo 4.8 ha provocato danni a case, edifici e chiese nelle frazioni di Acireale, ad Aci Bonaccorsi, Aci Sant’Antonio e Santa Venerina. In tutti questi luoghi i parroci hanno trascorso la notte del terremoto in strada, come il resto della popolazione. A tutti hanno portato una parola di conforto.

“Eravamo spaventati quanto loro, infreddoliti, costretti a rimanere fuori da casa, ora per i danni alle strutture e per il rischio di nuove scosse, ora per la paura e lo sconforto”.

Così dice don Mirco Barillari, parroco nella chiesa della Madonna del Carmelo, a Pennisi, frazione di Acireale, che ringrazia Dio dopo essere uscito indenne dal crollo che ha interessato la canonica nella quale vive. “Il campanile è crollato sulla casa – racconta al Sir – arrivando fino al muro al quale era appoggiato il mio letto e lesionandolo: il resto della canonica non c’è più”. Il parroco dormirà nella casa del clero: “Non è detto che sia sicura, ma almeno non sarò lontano dalla mia comunità. Siamo uniti nel disastro: la gente, infatti, ci chiede di restare con loro e, per poter pregare insieme, attrezzeremo un saloncino in oratorio. Occorre combattere lo sconforto in questo momento di particolare emotività”

I danni nella zona acese sono stati “a macchia di leopardo: la scossa è stata come un colpo di frusta, ma il ricordo del terremoto del 2002 è vivo nei ricordi di tutti”. Anche a Santa Venerina si sono registrati danni e paura: le immagini dei crolli della chiesa di Santa Venera e del Sacro Cuore di Gesù sono state quelle con le quali i mezzi di comunicazione hanno dato all’Italia la notizia del terremoto. “Le difficoltà ci sono, ma c’è soprattutto tanta paura”, dice don Giovanni Marino, parroco a Santa Venerina. I dati ufficiali fanno sapere che nelle zone più colpite si sono registrate oltre 600 chiamate per richiedere un sopralluogo dei Vigili del Fuoco e della Protezione Civile prima di rientrare in casa, mentre una prima stima di chi resterà fuori anche questa notte parla di oltre mille perone. Per loro stanno arrivando brande della Croce Rossa e si sta chiedendo ospitalità negli alberghi.

“Siamo in costante contatto con gli altri parroci – dice don Marino – per far fronte comune dinanzi ai bisogni della nostra gente. Vicinanza e consolazione sono le nostre priorità in questo momento in cui la gente è emotivamente provata”.

 

 

 

 

Redazione da A. di I.

Redazione1
di Redazione1 dicembre 27, 2018 22:52


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Se il sacerdote consacra pane e vino, perché ci comunichiamo solo con il pane?
    Risponde padre Cido Pereira, dell’arcidiocesi di San Paolo Nella sua rubrica sul quotidiano O São Paulo, dell’arcidiocesi brasiliana di San Paolo, padre Cido Pereira ha risposto questa settimana a questo dubbio di una lettrice: “Se vengono consacrati pane e vino, perché in genere la Comunione è data solo in una specie?” Ecco la risposta di […]
    Arcidiocesi di San Paolo
  • Come Dio agisce attraverso i segni sacri
    Dio, conoscendo il cuore umano e la necessità dell’uomo, usa vari segni per salvarci di Fábio Nunes I significati della parola “segno” sono molti. Se cerchiamo in un dizionario cosa vuol dire “segnale”, troviamo come definizione “cosa che ne richiama alla memoria un’altra, che ricorda, che fa ricordare”. Si trova anche “indizio”, “vestigia”, “tratto”, e […]
    Canção Nova
  • Suor Fulvia: la Parola è seme che matura per la forza che gli ha impresso Dio (VIDEO)
    Seconda catechesi del capitolo generale Monastero WiFi del 19 ottobre. Il Padre è certo della bontà del seme e anche di quella del terreno. Suor Fulvia Sieni è una monaca di clausura agostiniana che chi ha partecipato al primo capitolo generale del monastero WiFi già conosce, ed è la voce della seconda catechesi in programma […]
    Paola Belletti
  • Paura: qual è il confine tra normalità e malattia?
    La paura è una delle emozioni primarie che derivano dall’avversione naturale alla minaccia, presente sia negli animali che negli esseri umani La paura è un’emozione caratterizzata da un intenso sentimento, in genere sgradevole, provocato dalla percezione di un pericolo, presente o futuro, reale o supposto. È una delle emozioni primarie che derivano dall’avversione naturale alla […]
    Canção Nova
  • Allarme: sempre più neonati nascono in crisi d’astinenza
    Casi sempre più frequenti negli ospedali di tutta la penisola e a monte di questa tragedia un dato allarmante: da gennaio nei porti italiani sono state sequestrate 5 tonnellate di cocaina, il 168% in più del 2018.   Un episodio preoccupante, ma purtroppo non unico in Italia. Al Policlinico Casilino di Roma sono venuti alla luce […]
    Annalisa Teggi
  • Si può trovare il paradiso già in questo mondo?
    Mi servono, si prendono cura di me, ho tante cose che mi danno soddisfazione, ma… è questo il cielo che mi rende felice? Dei sadducei interrogano Gesù. Non credono alla resurrezione e la mettono in discussione ricorrendo a un caso quasi impossibile: “C’erano dunque sette fratelli: il primo, dopo aver preso moglie, morì senza figli. […]
    Carlos Padilla
  • Sapete quale Papa dobbiamo ringraziare per le udienze del mercoledì?
    Leone Magno era disposto a predicare e a guidare il suo gregge anche di fronte al pericolo Un turista che visita Roma si rende subito conto che anche se amici e familiari a casa gli hanno detto “Saluta il Papa da parte mia” non è certo facile. Il Santo Padre ha un programma giornaliero incredibilmente […]
    Kathleen Hattrup
  • Chiara Lubich, chiusa la prima fase della causa di beatificazione
    A Frascati, nel pomeriggio, la cerimonia di chiusura della fase diocesana della causa di beatificazione e canonizzazione della Serva di Dio Chiara Lubich. Il processo passa ora alla Congregazione per le Cause dei Santi in Vaticano. Della figura e della spiritualità della fondatrice dei Focolari parla, ai nostri microfoni, Jesús Morán, co-presidente del Movimento Una […]
    Vatican News
  • Il santuario che si è salvato per miracolo da un maremoto
    È anche noto come la “Lourdes d’Oriente” Vailankanni, nota anche come la “Lourdes d’Oriente”, situata sulla costa del Golfo del Bengala, nella zona meridionale dell’India, deve gran parte della sua fama a Nostra Signora della Salute. La città di Vailankanni, nello Stato indiano del Tamil Nadu, accoglie ogni anno migliaia di pellegrini che accorrono a […]
    H2O Studio
  • Conoscete le nuove prove scientifiche sull’aldilà?
    Una questione inevitabile è un’ottima opportunità per condividere la fede Il XXI secolo ha offerto inaspettatamente ai cristiani un’ottima opportunità per condividere la propria fede riguardo a un argomento su cui quasi tutti sono curiosi. È un argomento che apre la mente delle persone al soprannaturale e cambia il comportamento di chi lo prende sul […]
    Tom Hoopes

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 23:
    • 147:
    novembre: 2019
    L M M G V S D
    « Ott    
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    252627282930  

    Login