Terremoto a Catania. L’arcivescovo Gristina: “Affrontiamo quanto succede come una famiglia”.

Redazione1
di Redazione1 dicembre 27, 2018 22:52

Terremoto a Catania. L’arcivescovo Gristina: “Affrontiamo quanto succede come una famiglia”.

Mons. Salvatore Gristina, arcivescovo di Catania, è stato immediatamente in mezzo alla gente scioccata a portare il suo personale conforto:  “La solidarietà e la vicinanza concreta sono il primo aiuto: affrontiamo quanto succede con spirito di comunità, come una famiglia. In questi giorni di Natale, poi, ci pare di rivivere i disagi di Maria e Giuseppe, fuori di casa, alla ricerca di un alloggio, ed è proprio per questo che sentiamo tutti la vicinanza forte della Santa Famiglia e la preghiamo per avere protezione e forza”. Mons. Gristina, si è recato a Fleri e Pisano, frazioni di Zafferana Etnea, tra le zone colpite con maggiore forza dal sisma che ha coinvolto i paesi alle pendici dell’Etna,  Già al mattino, ha incontrato la gente per le strade e i sacerdoti del luogo, ed ha voluto vedere personalmente le condizioni delle chiese delle frazioni colpite.

I danni maggiori sono alle abitazioni e di certo alcune delle chiese resteranno chiuse fino a che non sarà possibile un intervento strutturale: sono danneggiate e inagibili – racconta al Sir mons. Gristina – e sarebbe pericoloso entrare e questo, nel tempo di Natale che stiamo vivendo, colpisce particolarmente non solo la chiesa, ma la comunità tutta. Le chiese non possono essere utilizzate per l’accoglienza, ma neanche possono rispondere alla loro vocazione di luoghi di culto. E la gente – dice l’arcivescovo – ha bisogno di pregare in questo delicato momento”. La Caritas diocesana, intanto, si è attivata.

“Stiamo cercando di conoscere i reali bisogni per rispondere alle esigenze di chi è stato colpito dal sisma e faremo quanto ci è possibile per assicurare la serenità della nostra gente”.

Anche il vescovo di Acireale, mons. Antonino Raspanti, si è recato di persona nelle zone colpite dal sisma che ricadono nel territorio della diocesi da lui guidata. “La gente ha trascorso in strada anche la giornata, infreddolita e spaventata: non tutti sono riusciti a rientrare in casa e sono evidentemente angosciati”. Mentre l’Etna continua a farsi sentire e in cielo rimane evidente il fumo che fuoriesce dai crateri, c’è preoccupazione per le condizioni delle abitazioni e per la possibilità di nuove scosse. Il terremoto di magnitudo 4.8 ha provocato danni a case, edifici e chiese nelle frazioni di Acireale, ad Aci Bonaccorsi, Aci Sant’Antonio e Santa Venerina. In tutti questi luoghi i parroci hanno trascorso la notte del terremoto in strada, come il resto della popolazione. A tutti hanno portato una parola di conforto.

“Eravamo spaventati quanto loro, infreddoliti, costretti a rimanere fuori da casa, ora per i danni alle strutture e per il rischio di nuove scosse, ora per la paura e lo sconforto”.

Così dice don Mirco Barillari, parroco nella chiesa della Madonna del Carmelo, a Pennisi, frazione di Acireale, che ringrazia Dio dopo essere uscito indenne dal crollo che ha interessato la canonica nella quale vive. “Il campanile è crollato sulla casa – racconta al Sir – arrivando fino al muro al quale era appoggiato il mio letto e lesionandolo: il resto della canonica non c’è più”. Il parroco dormirà nella casa del clero: “Non è detto che sia sicura, ma almeno non sarò lontano dalla mia comunità. Siamo uniti nel disastro: la gente, infatti, ci chiede di restare con loro e, per poter pregare insieme, attrezzeremo un saloncino in oratorio. Occorre combattere lo sconforto in questo momento di particolare emotività”

I danni nella zona acese sono stati “a macchia di leopardo: la scossa è stata come un colpo di frusta, ma il ricordo del terremoto del 2002 è vivo nei ricordi di tutti”. Anche a Santa Venerina si sono registrati danni e paura: le immagini dei crolli della chiesa di Santa Venera e del Sacro Cuore di Gesù sono state quelle con le quali i mezzi di comunicazione hanno dato all’Italia la notizia del terremoto. “Le difficoltà ci sono, ma c’è soprattutto tanta paura”, dice don Giovanni Marino, parroco a Santa Venerina. I dati ufficiali fanno sapere che nelle zone più colpite si sono registrate oltre 600 chiamate per richiedere un sopralluogo dei Vigili del Fuoco e della Protezione Civile prima di rientrare in casa, mentre una prima stima di chi resterà fuori anche questa notte parla di oltre mille perone. Per loro stanno arrivando brande della Croce Rossa e si sta chiedendo ospitalità negli alberghi.

“Siamo in costante contatto con gli altri parroci – dice don Marino – per far fronte comune dinanzi ai bisogni della nostra gente. Vicinanza e consolazione sono le nostre priorità in questo momento in cui la gente è emotivamente provata”.

 

 

 

 

Redazione da A. di I.

Redazione1
di Redazione1 dicembre 27, 2018 22:52


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • 7 citazioni di Edith Stein che ogni donna dovrebbe leggere
    Con il suo stile particolare, la Stein è una voce dei tempi moderni Edith Stein è sempre stata una donna notevole. Nata in Germania nel 1891, col tempo è diventata nota per il suo nome religioso, Santa Teresa Benedetta della Croce. La Stein avrebbe potuto condurre una vita tranquilla al margine degli sguardi altrui, visto […]
    Michael Rennier
  • Quando la vita diventa difficile, rivolgetevi a Maria Condottiera
    Un’antica icona, amata da Sant’Ignazio di Loyola, indica ancora la strada da seguire Sii con noi, Maria, lungo la strada Guida ogni nostro passo, Conducici a Gesù, il tuo Figlio amorevole, Vieni a noi, Maria, vieni. Inno a Maria Condottiera Mi sono imbattuta per la prima volta in lei ad Assisi dieci anni fa. Non […]
    Joanne McPortland
  • La serie televisiva Dark, la pandemia e Dio che ci parla
    Cosa spiega il successo di una serie che obbliga gli spettatori a studiare la fisica? Attualmente, il più grande successo della televisione mondiale è la serie Dark, geniale quanto difficile, una produzione tedesca di Netflix, valutata dai critici la migliore piattaforma di streaming. Si avvale dei concetti della fisica quantistica, che renderebbero possibili i viaggi […]
    Francisco Borba Ribeiro Neto
  • Tania Cagnotto rinuncia a Tokyo: sono incinta, scelgo la vita e la famiglia
    La grande campionessa sceglie di diventare per la seconda volta mamma rinunciando alla sesta Olimpiade giapponese La 35enne tuffatrice Tania Cagnotto – figlia d’arte del mitico Giorgio – oro mondiale nel 2015 dal trampolino, argento e bronzo olimpici a Rio, già madre di Maya nata nel 2018, ha scoperto di essere nuovamente incinta. Aveva in […]
    Silvia Lucchetti
  • Preghiera per la sicurezza della propria famiglia
    Chiede a Dio e a tutti i suoi angeli celesti di proteggere la propria famiglia da piaghe, carestia, guerra e ogni tipo di male I genitori hanno un desiderio naturale di tenere al sicuro la propria famiglia. È un santo desiderio, condiviso da San Giuseppe e dalla Vergine Maria, che durante l’infanzia di Gesù hanno […]
    Philip Kosloski
  • Newman c’insegna a rivolgerci all’angelo custode come all’amico più fidato
    Alcuni santi hanno una relazione particolare con il loro angelo custode. Per san Henry Newman, canonizzato il 13 ottobre 2019, l’angelo custode era un vero amico. Il più caro e vecchio amico… Teologo, filosofo, romanziere e poeta, il cardinale John Henry Newman (1801-1890), figura maggiore della Chiesa d’Inghilterra convertito al Cattolicesimo, ha lasciato dietro di […]
    Marzena Wilkanowicz-Devoud
  • RU486: l’ultimo no (di una lunga serie) alla vita che nasce.
    Annunciate dal Ministro della Salute Speranza le nuove linee guida sull’aborto farmacologico: possibile fino alla nona settimana e senza ricovero. In un paese con un agghiacciante calo demografico, questo impegno a rendere l’aborto sempre più “facile” è un segnale amarissimo. In alcuni giornali compare nella sezione News, in altri in quella Diritti, in altri ancora […]
    Annalisa Teggi
  • La preghiera sponsale cambia tutto
    Parlando con Dio ad alta voce, siamo tornati ad essere persone reali Quasi trent’anni fa questa settimana, padre Arthur Swain ha detto a mia moglie e a me, mentre eravano inginocchiati davanti all’altare della chiesa di Sant’Ireneo di Cypress, in California, di pregare insieme ogni giorno. A quasi trent’anni di distanza, sento come se stessi […]
    Tom Hoopes
  • Non possiamo sopprimere le tentazioni, perché senza di esse non ci conosciamo
    Monsignor Henrique Soares: “Senza essere tentato conosco solo un’illusione di me stesso” Circa le tentazioni e la loro sorprendente “utilità” per il nostro progresso spirituale se impariamo a resistervi, monsignor Henrique Soares da Costa ci ha lasciato questa riflessione: “Non possiamo sopprimere le tentazioni, perché senza di esse non ci conosciamo. Senza essere tentato conosco […]
    Aleteia
  • Avete inibizioni a confessarvi? Chiedete “una spintarella” all’angelo custode!
    L’idea di andare a chiedere il sacramento della Riconciliazione vi paralizza? Domandate al vostro angelo custode di donarvene la forza. Quella di alzarsi per andare a confessare i propri peccati, onde riceverne l’assoluzione, è una decisione per la quale spesso manca la forza decisiva, specialmente se non ci si accosta al Sacramento da qualche anno. […]
    Philip Kosloski

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 20:
    • 232:
    agosto: 2020
    L M M G V S D
    « Lug    
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
    31  

    Login