Il racconto biblico di Giuseppe. Un emblematico precursore della figura di Gesù, nel libro di Pietro Aliquò

Redazione1
di Redazione1 agosto 13, 2019 11:41

Il racconto biblico di Giuseppe. Un emblematico precursore della figura di Gesù, nel libro di Pietro Aliquò

Crediamo non siano molti coloro che si soffermano spesso a leggere i passi della Bibbia per trarne motivi di riflessione e arricchimento spirituale. Fra i brani che meriterebbero speciale attenzione per la ricchezza degli insegnamenti che sono in grado di trasmettere, c’è quello, famoso, di Giuseppe. Un racconto coinvolgente, istruttivo ed edificante che ci viene presentato in modo approfondito nel volume di Aliquò, di cui ci riferisce, in esauriente sintesi, la psicologa Fenia Abate.

Questo ultimo libro di Pietro Aliquò, “Giuseppe – Governatore d’Egitto e figura di Gesù” (Ed. Giotto Stampa sas, pag. 152), che fa seguito alla nutrita serie di sue pubblicazioni, analizza la storia di uno dei personaggi più emblematici della Bibbia: Giuseppe figlio di Giacobbe. Di lui, nella nostra memoria, rimane solo la sua interpretazione del sogno delle sette vacche grasse e delle sette vacche magre fatto dal faraone, con la predizione di sette lunghi anni di carestia. Ma, come emerge da questo lavoro, la storia di Giuseppe è molto di più. E’ rappresentativa delle relazioni umane malate, delle dinamiche familiari disturbate, del perdono, della fratellanza. Fratellanza che può essere una relazione non scelta ma solo imposta da legami di sangue, oppure espressione di una concezione più grande, profonda e nobile del rapporto con l’altro. In altri termini, la storia di Giuseppe è rappresentativa della contrapposizione tra la logica umana e la logica di Dio.

Con questo interessante pubblicazione, dunque, attraverso la sapiente presentazione di simbolismi, sentimenti, emozioni e avvenimenti che animano questo racconto, l’autore stimola a riflettere che dai tempi di Caino e Abele, di generazione in generazione, i legami di sangue sono spesso viziati da sentimenti negativi come l’invidia, la gelosia, la paura, l’odio, il desiderio di vendetta, ecc.; ma anche danneggiati dall’imperfezione umana dei moti affettivi positivi come ad esempio l’amore preferenziale di un genitore per uno dei figli, che scatena divisioni e conflitti, distruggendo l’armonia e l’unità familiare.

Però la storia di Giuseppe, come emerge dalle pagine di questo libro, è anche la storia della ricerca della fratellanza. Giuseppe, infatti, non approfitta della predilezione del padre per dominare i fratelli, non si ribella né si lamenta di ciò che di negativo gli succede a causa delle loro azioni dettate dall’odio, ma cerca di ritrovare i fratelli e di riunire la famiglia divisa.

E’ anche, quindi, la storia del perdono e della ristrutturazione del rapporto con i fratelli, proposto ad essi non più come legato ad una visione soggettiva, quindi ristretta e distorta dalle personali esigenze emotive, ma inserito in un’ottica di più ampio respiro che porta a vedere i vari avvenimenti come facenti parte di un più grande disegno: il disegno di Dio. Giuseppe, infatti, spiega ai fratelli che Dio utilizza il male che loro hanno commesso per dare la possibilità al popolo ebraico di vivere e non essere sterminato dalla carestia. Superando, quindi, anche le barriere della loro paura di ritorsioni o del peso dei sensi di colpa. Come ben sottolinea Aliquò, infatti, (pag, 94): “Dio non salva Giuseppe a scapito dei fratelli, ma salva i fratelli servendosi di Giuseppe”. E, ancora, a pag, 149: “La logica dei fratelli segue il criterio del rimorso, della paura e della vendetta. La logica di Giuseppe si ispira al mistero di Dio che sa ricavare il bene dal male”. Un insegnamento, questo, molto importante ai fini di una corretta relazione interpersonale tra tutti gli esseri umani, anche perché quello che apprendiamo in famiglia, lo riproponiamo nei rapporti con gli altri.

Aliquò si sofferma poi a spiegare, passo dopo passo, il testo biblico inserendo, oltre ai suoi, i commenti di alcuni esegeti e di alcuni padri della Chiesa come Giovanni Crisostomo, S. Ambrogio, Cesario di Arles, Origene, S. Ippolito ed altri. Mettendo soprattutto in relazione la storia di Giuseppe con quella di Gesù, evidenziandone le somiglianze che accomunano entrambe le figure, quali: l’amore del padre, l’odio dei fratelli, le accuse ingiuste, i patimenti immeritati, l’amore per chi fa del male, ecc.

In sintesi, leggendo questo libro, scritto in modo chiaro, scorrevole ed istruttivo, ci si accorge di come Giuseppe, figlio di Giacobbe, credendo ciecamente in Dio, affidandosi a Lui e vivendo la Sua parola, sia stato un precursore della figura di Gesù e dei suoi insegnamenti.

 

Fenia Abate

 

 

 

 

 

Redazione1
di Redazione1 agosto 13, 2019 11:41


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • “Padre Pio ha scritto delle profezie sulla fine del mondo. Eccole”. State attenti ai messaggi falsi!
    In tempo di Coronavirus, i frati di San Giovanni Rotondo smentiscono con decisione gli annunci catastrofici attribuiti al santo di Pietrelcina «In questo periodo di ansia e di preoccupazione dilaganti, sono state diffuse nuovamente alcune profezie apocalittiche attribuite a san Pio da Pietrelcina, che sarebbero state rivelate ad alcuni sedicenti figli spirituali quando il santo […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Ecco come celebrare in casa la quinta domenica di Quaresima
    Nei giorni e nelle settimane a venire, in parecchi fra noi saremo legittimamente impediti a partecipare alla messa domenicale. Ecco perché Aleteia si è mobilitata per proporvi, col concorso della rivista internazionale Magnificat, di santificare la V domenica di Quaresima con una celebrazione della Parola di Dio. Indicazioni per l’uso: Se si è soli, è […]
    Aleteia
  • Il vescovo di Pinerolo prima di essere intubato: “Pregate per me”
    L’ultimo messaggio di monsignor Derio Olivero è un accorato saluto alla sua diocesi. Sono oltre cinquanta i religiosi morti dall’inizio della pandemia «Purtroppo mi intubano per almeno 10 giorni. Fai pregare per me». Questo il messaggio che il vescovo di Pinerolo Derio Olivero ha inviato al vicario generale della diocesi, don Gustavo Bertea. Positivo al […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Niente lavanda dei piedi e messa crismale, Via Crucis a San Pietro: come cambia la Pasqua
    Ecco come si svolgeranno quest’anno i riti guidati da Papa Francesco: dalla Domenica delle Palme alla notte di Pasqua, tutte le novità L’emergenza coronavirus stravolge i riti pasquali officiati da Papa Francesco. Le indicazioni ufficiali di come come potranno o dovranno essere celebrati, sono state diffuse mercoledì scorso tramite un apposito decreto dalla Congregazione del […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Le vittime del coronavirus a cui nessuno pensa
    A tu per tu con don Pietro Sigurani, il prete dei poveri Il coronavirus sta mietendo vittime in tutto il mondo, non solo rubando vite, ma anche facendo danni enormi a livello economico, colpendo le fasce di popolazione più deboli. La conseguenza pratica? La crescita esponenziale dei poveri, di persone che non hanno di che […]
    Silvia Costantini
  • Il memento mori nell’arte: teschi, scheletri e frutta putrefatta per ricordarci la vanità della vita
    Nei secoli scorsi la mortalità era un pensiero costante, ma questi utili promemoria dell’inevitabilità della morte restano un tema artistico popolare anche oggi Con l’avvicinarsi della Quaresima, i pensieri cattolici si volgeranno alla morte – e alla resurrezione. In passato erano pensieri costanti, e la loro espressione più comune era il memento mori, ovvero “ricorda […]
    Lucien de Guise
  • Il Vaticano trasforma una vasta collezione di manoscritti in libri da colorare
    Nell’ultimo decennio, i Musei Vaticani hanno lavorato diligentemente per digitalizzare la loro vasta collezione di oltre 82.000 manoscritti, perché il mondo potesse condividere la storia universale dell’umanità. Questi manoscritti digitali, circa 20.000 dei quali già disponibili, sono una risorsa dal valore inestimabile sia per gli storici che per i semplici amatori, perché possono essere esaminati […]
    J.P. Mauro
  • Coronavirus: accorato appello di Pupi Avati contro la TV spazzatura
    “Far crescere culturalmente il paese”, chiede il regista In questo periodo di isolamento forzato, il regista bolognese Pupi Avati, uno dei personaggi più significativi del panorama cinematografico italiano e internazionale, ha scritto una commovente lettera appello indirizzata alla Rai e ai media in generale, perché approfittino di questo momento di grande incertezza per riscoprire la […]
    Silvia Costantini
  • Mattarella: “L’Europa comprenda la minaccia, prima che sia troppo tardi”
    Il discorso del Presidente della Repubblica: “Nostro senso di responsabilità ammirato in tutto il mondo” “Unita’ e coesione sociale sono indispensabili in questa condizione”. Lo dice il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, in un messaggio alla nazione. “Vorrei ringraziare tutti voi. I sacrifici di comportamento che le misure indicate dal Governo richiedono a tutti sono accettati con grande senso […]
    Dire - Agenzia di Stampa Nazionale
  • Ruth, la missionaria colombiana in Africa che lotta contro il Coronavirus
    La minaccia del coronavirus è una delle situazioni più difficili che ha dovuto vivere suor Ruth, salesiana di Don Bosco dal 2006 in missione nel continente africano “Preghiamo che il virus non arrivi qui. Questa pandemia è davvero minacciosa, soprattutto per i Paesi africani”. Così diceva qualche tempo fa riferendosi alla pandemia mondiale di coronavirus […]
    Lucía Chamat

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 159:
    • 218:
    marzo: 2020
    L M M G V S D
    « Feb    
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    3031  

    Login