Vuoi conquistare una persona antipatica? Impara da Santa Teresa di Lisieux

Redazione1
di Redazione1 ottobre 17, 2019 14:47

Vuoi conquistare una persona antipatica? Impara da Santa Teresa di Lisieux

Santa Teresa di Lisieux – racconta p. Michael Rennier – è nota per essere stata una donna tranquilla e senza pretese. Eppure una volta anche lei era una persona difficile; ma il “Piccolo Fiore” ha poi imparato al meglio l’arte dell’empatia, sviluppando la capacità di rapportarsi alle persone poco gradevoli in modo così gentile che queste spesso pensavano erroneamente che le prediligesse.

Tutti noi abbiano a che fare con persone tossiche nella nostra vita: persone con cui semplicemente non ci troviamo bene, o che ci ostacolano. C’è sempre quella persona che ci fa venire i brividi quando scopriamo che verrà alla stessa festa a cui andremo noi, o che, quando la incontriamo nel corridoio, ci fa venire voglia di tirare subito fuori il telefono e far finta di scrivere dei messaggi in modo da evitare il contatto visivo. Non c’è modo di fuggire da queste persone – come prova l’esperienza di Teresa – che sono ovunque, perfino nei conventi pieni di suore. Teresa, però, è riuscita rapidamente a padroneggiare l’arte di rapportarsi alle persone difficili e imparare a empatizzare con loro.

Forse è stato dovuto al fatto che nella prima fase della sua vita Teresa stessa è stata una persona tossica. Contrariamente alla sua reputazione, Teresa nacque con un temperamento violento. Sua madre disse: “Si lascia andare all’ira più sfrenata quando le cose non vanno come vuole lei. Si rotola a terra come se avesse perso la speranza che le cose possano andare bene. A volte è talmente sopraffatta che rischia di soffocare”. Teresa stessa ammette nella sua autobiografia Storia di un’Anima che il suo temperamento l’avrebbe potuta facilmente portare a diventare “molto malvagia” se non avesse avuto dei genitori così validi da aiutarla a superarlo.

Quando divenne suora scrisse: “Tutto in convento mi ha affascinata”, ma presto imparò che come lei aveva delle tendenze tossiche e continuava a lavorarci su, così facevano anche le altre donne con cui viveva. In particolare aveva problemi con la priora, che la trattava severamente. “Non c’è mai una volta in cui non mi riprenda per qualcosa”, confessò Teresa, raccontando come un semplice compito domestico fosse diventato l’occasione per un’umiliazione: “Ricordo che una volta in cui avevo trascurato una ragnatela nel chiostro mi ha detto di fronte a tutte le altre suore: ‘Si vede facilmente che il nostro chiostro è spazzato da una ragazzina di quindici anni!’” Questa umiliazione pubblica si collega alla questione di essere accusata di pigrizia, e la priora affermava spesso: “Questa ragazzina non fa assolutamente nulla!”

Teresa dovette comunque imparare a rapportarsi alla priora, perché nel bene e nel male trascorrevano buona parte del loro tempo a stretto contatto. La situazione, tuttavia, peggiorò, e Teresa riferisce che arrivò a preoccuparsi chiedendosi se in lei non ci fosse qualcosa di davvero sbagliato a cui non si potesse porre rimedio. Nel corso del tempo capì che il problema non era in lei e che avrebbe dovuto imparare a rapportarsi con quella persona tossica nella sua vita. Ecco i suoi consigli su come farlo.

Cercate il vostro vero valore.

Le persone tossiche sono irrimediabilmente negative. Trovano qualcosa che non amano, sia esso vero o costruito, e si concentrano su questo aspetto. La priora, ad esempio, aveva deciso che Teresa era pigra e batteva sempre su questo punto. Dopo un po’ non si può fare a meno di chiedersi se le critiche non siano giuste, perché se ci viene detto qualcosa in modo ripetuto, anche se è del tutto sbagliato, dopo un po’ la negatività prende il sopravvento.

Teresa ha risolto questo problema smettendo di curarsi di ciò che pensava la sua detrattrice e cercando il valore che aveva dentro. Decise di svolgere il suo lavoro con calma, senza attirare l’attenzione su di sé, come modo per onorare Dio. Spesso attribuiva agli altri il lavoro che aveva svolto lei perché sapeva che li avrebbe resi felici. Quando smise di curarsi del fatto che la priora la ritenesse pigra si trovò improvvisamente libera dalla negatività.

Non sprecate energie in una difesa vana.

In questo modo, Teresa non vuol dire che dovremmo lasciarci comandare a bacchetta dagli altri, ma che quando veniamo accusati ingiustamente non dovremmo cadere nella trappola di imbarcarci in una discussione. Quando la priora insisteva a definire Teresa pigra, lei avrebbe potuto lanciarsi in una discussione verbale, ma sapeva che nulla di ciò che poteva dire avrebbe fatto la differenza. Ad esempio, racconta di come venne rotto un vaso in convento e lei fu accusata di averlo lasciato fuori. Teresa capì che non importava chi lo avesse lasciato fuori (e non era stata lei) e che non valeva la pena di difendere la propria reputazione per un vaso rotto, e quindi rimase semplicemente in silenzio e portò via i cocci. Nel corso del tempo, le azioni gridano più forte delle parole, e perfino le persone tossiche possono essere vinte dalla costanza di una persona che impiega le sue en ergie per sfidare le aspettative.

Perfezionate la vostra capacità di amare.

È facile amare familiari e amici, mentre è complicato amare quella persona che non mostra alcuna tendenza alla redenzione. Teresa

parla di una suora nei confronti della quale provava un’avversione naturale e di come avesse capito, visto che l’amore è un’azione e

non un sentimento, che quella era la persona perfetta per insegnarle ad amare meglio. Ricordate che la stessa Teresa una volta era cambiata come risultato dell’amore paziente dei suoi genitori, e quindi conosceva il potere di amare qualcuno che sembra non meritevole di amore.

Disse: “Cerco di fare quante più cose posso per lei, e ogni volta che sono tentata di rivolgermi a lei in modo sgradevole mi costringo a farle un sorriso”. Dopo un po’, riferì che i suoi sentimenti avevano davvero iniziato a cambiare. Alla fin fine, una persona tossica può influire su di noi solo quanto le permettiamo di fare. Come mostra Teresa, c’è sempre un’altra possibilità. Può essere difficile, o sembrare perfino impossibile, ma il suo esempio personale rivela che anche la persona più tossica ha il potenziale per diventare santa.

Redazione1
di Redazione1 ottobre 17, 2019 14:47


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Il monte Tabor, dove la gloria di Dio si è manifestata
    Il Tabor è una collina che gode fin dai più remoti tempi biblici di un’aura di mistero e di sacralità celebrata dai salmi. All’epoca dei Giudici (XII secolo a.C.) sarebbe diventato il luogo strategico di raccolta delle forze israelitiche contro i Cananei. Soprattutto, il monte Tabor sarebbe rimasto negli annali per la trasfigurazione di Gesù. […]
    Philippe-Emmanuel Krautter
  • Daba, la piccola miracolata senegalese
    Per salvare Daba Diouf, sei mesi e pochi giorni di vita da vivere, il cardinale Peter Turkson ha fatto appello a una vera e propria catena di solidarietà. Da Dakar fino a Roma, sono decine le persone – volontari e professionisti, laici e religiosi – che si sono messi a servizio della bambina. «Daba non […]
    Camille Dalmas
  • Bisogna essere sessualmente compatibili o è un mito?
    Tra le garanzie che cerchiamo perché il rapporto possa sopravvivere c’è il mito della compatibilità sessuale, un mito crudele e falso che sta provocando molti danni Mi riempiono di tristezza le storie in cui gli anni volano e le persone giovani (e che poi invecchiano) continuano ad avere una relazione dietro l’altra ma non hanno […]
    Małgorzata Rybak
  • Papa Francesco: l’essenziale della vita è il nostro rapporto con Dio
    Le malattie dell’anima vanno guarite e la medicina è chiedere il perdono. Papa Francesco lo dice alla messa mattutina a Casa Santa Marta commentando il racconto evangelico della guarigione del paralitico compiuta da Gesù. E’ giusto, afferma, curare le malattie del corpo, ma “pensiamo alla salute del cuore”? Ce ne dimentichiamo, e non andiamo dal […]
    Vatican News
  • Firenze, muore Niccolò Bizzarri dopo la caduta in carrozzina. “Ma non vi preoccupate, io sono pronto”
    Niccolò Bizzarri, studente universitario di Lettere antiche affetto dalla distrofia di Duchenne, è deceduto all’ospedale di Santa Maria Nuova dove era stato portato per essere medicato in seguito alla caduta nel centro della città. I suoi funerali si svolgeranno sabato 18 gennaio alle 14.30 nella basilica della Santissima Annunziata. A seguito di una brutta caduta […]
    Toscana Oggi
  • Grazie a Shira, 24 anni, i pellegrini a Betania possono «entrare in casa» di Lazzaro
    Il lavoro di questa giovane palestinese, laureata in architettura, farà sì che la devozione per il luogo dove abitarono Marta, Maria e Lazzaro possa essere vissuta come una vera esperienza: le è stato affidato il compito di trasformare le mappe degli archeologi in un edificio virtuale. Capelli castani lunghissimi e sorriso coinvolgente. Shira Shafie, 24 anni, […]
    ATS Pro Terra Sancta
  • Lui a pesca, lei con le amiche: nelle uscite separate deve esserci il “pareggio”?
    Due ore tu, due ore io, oggi la partita, domani però mi lasci il cinema con le amiche: attenzione, l’equilibrio e l'”ora d’aria” servono a ogni coppia, ma fare sempre i conti e mettere tutto sulla bilancia può essere estenuante e creare tensioni. Il dialogo e la consapevolezza degli equilibri che cambiano sono sempre fondamentali. […]
    Semprenews
  • Solo il perdono può guarirci da ciò che ci paralizza
    Se non perdoniamo siamo fermi, come quel paralitico: fermi nel rancore, fermi nella rabbia, fermi nel rimorso. Non riusciamo ad andare avanti a guardare alla vita senza amarezza. Solo perdonare davvero e perdonarci può guarire la nostra paralisi interiore e farci tornare a Cristo. Dopo alcuni giorni, Gesù entrò di nuovo a Cafarnao. Si seppe […]
    Luigi Maria Epicoco
  • I contatti con gli angeli di Renato Baron, il veggente di Schio
    In verità vi dico: l’opera non conoscerà mai tutta la sua grandezza; dovrà arrivare a tutti i confini della terra; essa è affidata alla schiera degli Angeli sacerdotali  Pietro Renato Baron nacque a Schio (Vicenza) il 7 dicembre 1932 ed è deceduto, sempre a Schio, il 2 settembre 2004, dopo lunga e dolorosa malattia. La famiglia […]
    don Marcello Stanzione
  • Nel 2019 l’Europa ha avuto una media di 5 attacchi al giorno contro simboli cristiani
    Uno studio ha registrato 3.000 attacchi a chiese, scuole, cimiteri e altri luoghi e simboli cristiani, senza parlare di quelli alle persone Incendi, profanazioni, sacrilegi, furti e atti di vandalismo fanno parte del triste scenario di 3.000 attacchi contro chiese, scuole, cimiteri e altri luoghi e simboli cristiani nel continente europeo solo nel 2019, in […]
    Aleteia

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 219:
    • 237:
    gennaio: 2020
    L M M G V S D
    « Dic    
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    2728293031  

    Login