PATTI – Il Santuario mariano di Tindari elevato a Basilica Minore

Redazione1
di Redazione1 settembre 9, 2018 22:03

PATTI – Il Santuario mariano di Tindari elevato a Basilica Minore

Per mandato di Papa Francesco, a seguito della richiesta del Vescovo di Patti mons. Guglielmo Giombanco, la Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti ha attribuito al Santuario di Tindari il titolo di Basilica Minore. La notizia di questa importante concessione è stata comunicata, ieri, al termine del Pontificale nella ricorrenza della Solennità della Natività di Maria, dallo stesso mons. Giombanco.

Il prestigioso titolo viene concesso a quelle chiese – attualmente in Italia le Basiliche Minori sono circa 500 – che possiedono determinati requisiti: tra i quali grandezza del tempio, valore artistico, intensa spiritualità e che siano meta di pellegrinaggio cristiano.

L’attuale santuario di Tindari ingloba all’interno, dietro l’abside, l’antico tempio cinquecentesco. I lavori di costruzione iniziarono l’8 dicembre 1957 con la posa della prima pietra benedetta da Papa Pio XII. Il 6 settembre del 1975 l’allora vescovo di Patti, mons. Giuseppe Pullano, benedisse l’interno del nuovo santuario, che venne poi consacrato dall’arcivescovo di Palermo, cardinale Salvatore Pappalardo.

L’origine del culto alla Madonna del Tindari, risalendo a tempi molto remoti, non ha notizie storiche ben definite e accertate. Esiste però una accettabile pia tradizione secondo cui l’origine della devozione alla Madonna Bruna sembra risalire al periodo della persecuzione iconoclasta, probabilmente verso la fine del secolo VIII o nei primi decenni del secolo IX. Secondo tale tradizione, il culto  nacque a seguito della scoperta del simulacro della Vergine Maria – avvenuta in modo sorprendente che sa di miracoloso –  rimasto nascosto, per sottrarlo alla persecuzione iconoclasta, in una cassa nella stiva di una nave di ritorno dall’Oriente, costretta a rifugiarsi nella baia di Tindari a causa di una tempesta.

Il Santuario è da secoli meta di migliaia e migliaia di fedeli che si sono avvicendati, provenienti da ogni dove per visitare questo santo luogo dedicato alla Vergine Maria; e tutt’oggi sono sempre più numerosi  i pellegrinaggi che affluiscono al Santuario, dove tanta gente accorre, molti giungendo anche a piedi, in segno di grande venerazione, per affidare con fiducia alla Madre celeste voti e preghiere.

Concessioni ottenute con il titolo di Basilica

A norma del decreto “Domus Ecclesiae” (9 novembre 1989) promulgato dalla Congregazione del Culto Divino, sono tre le concessioni connesse con il titolo di basilica. La prima è senza dubbio la più importante.

A) Possibilità di ottenere l’Indulgenza plenaria .

“I fedeli che visitano con animo pio la Basilica e in essa partecipano a qualche sacro rito, o almeno recitano il Padre nostro e il Credo, possono conseguire l’indulgenza plenaria alle consuete condizioni (confessione, Comunione, preghiera secondo le intenzioni del Papa)”.

– nel giorno anniversario della Dedicazione della Basilica (1 Maggio)
– nel giorno della celebrazione liturgica titolare (8 Settembre)
– nella solennità dei SS. Apostoli Pietro e Paolo ( 29 Giugno)
– nel giorno anniversario dell’elezione del Papa (13 Marzo)
– nell’anniversario della concessione del titolo di Basilica (30 Luglio)
– una volta all’anno in giorno stabilito dall’Ordinario
– un giorno all’anno a libera scelta di ciascun fedele”

B) Emblema pontificio

La possibilità di utilizzare l’emblema pontificio manifesta anche visivamente il legame tra la basilica minore e il Successore di S.Pietro.
“l’emblema pontificio, cioè le chiavi incrociate, può essere usato nei vessilli, nella suppellettile, nel sigillo della Basilica”

C) Abito di chi presiede la Basilica     

Un piccolo segno di onore, di uso facoltativo, a motivo della particolare dignità della basilica tra le altre chiese.
“Il rettore della Basilica o chi presiede in essa, può usare nello svolgimento del suo mandato la mozzetta nera con bordi, asole e bottoni rossi, sulla veste talare e sulla cotta.”

 

 

Redazione da sito di informazione

Redazione1
di Redazione1 settembre 9, 2018 22:03


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Perché l’amore materno è fondamentale per lo sviluppo dei bambini?
    È il tesoro più grande che possiamo offrire loroRicevere molto affetto dalla madre durante la prima infanzia aumenta la capacità di affrontare la vita adulta. La sana psicologia dello sviluppo ci insegna che le madri che inondano i figli di affetto nei loro primi anni di vita li preparano a far fronte allo stress che […]
    Javier Fiz Pérez
  • Perché la Chiesa cattolica è contraria ai metodi anticoncezionali?
    A partire dal 1930, praticamente tutte le denominazioni protestanti hanno iniziato ad accettare la contraccezione. La Chiesa cattolica, invece, insegna ancora quello che i cristiani hanno sempre insegnatoLa contraccezione non è una novità. La storia ci parla di vari metodi contraccettivi impiegati migliaia di anni fa. Popoli antichi ingerivano certe sostanze per provocare la sterilità […]
    Paulo Ricardo
  • Nathalie Guetta: sono un’attrice ma volevo solo essere una mamma e una moglie
    Natalina, la perpetua più famosa d'Italia, ha confidato commossa a Caterina Balivo il grande dolore di non avere una famigliaNathalie Guetta per noi fan della fiction Don Matteo è semplicemente Natalina, la perpetua più amata d’Italia. Lo sguardo buffo con un velo di malinconia, l’accento bizzarro e inconfondibile franco-napoletano, le movenze irrequiete da grillo parlante […]
    Silvia Lucchetti
  • Il volto di Gesù nel quadro della Divina Misericordia è sovrapponibile all’uomo della Sindone
    Ecco la testimonianza del vescovo di Vilnius, dove è custodito il dipinto fatto commissionare da Santa Faustina KowalskaIl Gesù del famoso quadro della Divina Misericordia e l’uomo della Sindone sono sovrapponibili. In “Suor Faustina e il volto di Gesù Misericordioso” (edizioni Ares), David Murgia ripercorre la storia dell’unico vero dipinto fatto realizzare a Vilnius, capitale […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Non potete ricevere l’Eucaristia? Ecco come realizzare la Comunione spirituale
    I santi hanno spesso fatto un atto di Comunione spirituale quando non potevano ricevere l'Eucaristia a MessaPer varie ragioni, potremmo non poter ricevere l’Eucaristia a Messa. Potremmo aver infranto il digiuno di un’ora richiesto, essere in stato di peccato mortale o essere costretti a casa, impossibilitati a uscire per assistere alla Messa. In questi casi […]
    Philip Kosloski
  • Cosa manca nella lotta alla pornografia? Un autore pensa di avere la risposta
    Difendersi per un certo periodo non basta...“Signore, che io riabbia la vista!” Questa semplice dichiarazione del Vangelo di Luca (18, 41) potrebbe far vergognare più di qualcuno. Perché? Perché tanti dicono invece: “Do solo una sbirciatina!”, “Solo stavolta!”, “Un’altra volta e basta!”, o “Guarderò quando non guarda nessun altro”. Queste povere anime sono intrappolate nella […]
    Robert McTeigue, SJ
  • Caro Papa, ecco come pur nella sterilità sono fioriti per noi sposi l’amore e i figli
    La storia di una coppia di sposi cristiani che si è consegnata al Signore nella fede e in Lui ha riposto ogni speranza. E così ha attraversato dolori e gioie, morte e resurrezione. Soprattutto nella gioia misteriosa di accogliere figli non partoriti che li hanno aiutati a spogliarsi via via dell'uomo vecchio per rivestirsi di […]
    Aleteia
  • Coca Cola pensa di lanciare una bibita a base di marijuana
    Loro sono un colosso mondiale con le vendite in calo, tu sei un consumatore (... e se diventi dipendente dal prodotto è meglio)La piccola goccia scava la pietra, si dice. E a piccoli sorsi ci si può bere il cervello. E’ questo il trucco, farlo a piccole dosi. Quanti veleni umani e pericoli mortali ci […]
    Annalisa Teggi
  • Ondata di commozione a Rouen dopo il suicidio di un giovane parroco
    È stato con grande tristezza che mons. Dominique Lebrun, arcivescovo di Rouen, ha annunciato lo scorso 18 settembre la scoperta del corpo esanime di padre Jean-Baptiste Sèbe nei locali della chiesa di Saint-Romain a Rouen. Aveva 38 anni, il giovane parroco, e si sarebbe dato la morte.A Rouen la comunità cristiana è divisa tra lo […]
    Agnès Pinard Legry
  • Foto esclusive: Padre Pio porta la misericordia di Cristo a New York City
    Little Italy guadagna un nuovo residente!Il mese di settembre a Little Italy è uno dei più festosi e attesi dai newyorkesi, perché ha luogo la festa di San Gennaro. Quella che è iniziata un secolo fa nella comunità di immigrati italiani come una semplice Messa e una processione per festeggiare il giorno del loro amato […]
    Jeffrey Bruno

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

Almanacco

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 78:
    • 63:
    settembre: 2018
    L M M G V S D
    « Ago    
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930

    Login