MESSINA – Celebrato il rito dell’imposizione del pallio all’Arcivescovo, nella ricorrenza del 30° della canonizzazione di Eustochia Smeralda Calafato

Redazione1
di Redazione1 giugno 18, 2018 19:40

MESSINA – Celebrato il rito dell’imposizione del pallio all’Arcivescovo, nella ricorrenza del 30° della canonizzazione di Eustochia Smeralda Calafato

L’imposizione del pallio all’arcivescovo mons. Giovanni Accolla, da parte di mons. Emil Paul Tscherrig, nunzio apostolico del Papa per l’Italia, avvenuto nel giorno della ricorrenza del 30° anniversario della canonizzazione di Eustochia Smeralda Calafato (1988-11 giugno-2018) segna un momento liturgico solenne che ha visto celebrati insieme due eventi di grande significato religioso e simbolico. Eventi rappresentativi dei due fondamentali cardini di fede su cui poggia il cristianesimo: da una parte l’impegno attivo, apostolico e missionario, affidato alla cura pastorale dei vescovi, dall’altra quello della vita contemplativa, attuato con la costante offerta mediante la preghiera e il sacrificio, nel nascondimento della esperienza monastica.

Simbolo della vita religiosa attiva rivolta alla salvezza delle anime, Il pallio è un antichissimo paramento liturgico in uso nella Chiesa cattolica, costituito da una fascia di lana bianca che simboleggia la pecorella posta sulle spalle del pastore, quale segno dell’impegno pastorale di comunione fattiva dei vescovi con le loro chiese locali.

Il momento liturgico, durante il quale si è svolta la duplice celebrazione, ha visto dunque l’antico rito del pallio, simbolo della vita dedicata all’apostolato (mons. Accolla lo aveva ricevuto dal Papa in Vaticano nel giorno della festività dei Santi Pietro e Paolo insieme ad altri 35 arcivescovi e Patriarchi), intrecciato con lo storico evento della proclamazione di santità dell’umile clarissa di Montevergine, che simboleggia la vita dedicata alla preghiera di adorazione, invocazione e riparazione, avvenuto a Messina 30 anni fa ad opera di Giovanni Paolo II.

La solenne liturgia in cattedrale, presieduta dall’arcivescovo, è stata concelebrata dal cardinale Paolo Romeo arcivescovo emerito di Palermo, dai vescovi emeriti di Reggio Calabria Vittorio Mondello, e di Taranto Luigi Benigno Papa; dai vescovi di Acireale, Noto, Catania, Siracusa e quelli di Patti e Nicosia. Presenti le autorità civili e militari, associazioni ecclesiali e laicali, diverse le corali che hanno animato la celebrazione. Alla celebrazione erano anche presenti un gruppo di clarisse di Montevergine, accompagnate dall’abbadessa, Madre Maria Agnese Pavone, in rappresentanza della Comunità delle “Sorelle povere di S. Chiara”, seguaci della Santa Fondatrice del monastero.

Ma ricordando quel memorabile undici giugno in cui i messinesi accolsero festanti papa Wojtyla, lo storico avvenimento segnato dal fatto eccezionale che ha visto il Papa venire apposta nella nostra città – unica volta avvenuta fuori dalle mura Vaticane – per canonizzare la Beata Eustochia, affiorano vari momenti del suo incontro con la città e diverse frasi del “messaggio” che il santo padre rivolse ai messinesi.

Sono ricordi edificanti che rimangono indelebili nella memoria della città, e di cui ritornano alla mente alcune espressioni indimenticabili, come lo stupore e l’ammirazione di fronte alla bellezza dello Stretto e della città: “Qui, dove la natura è un inno perenne alla grandezza del Creatore, è più facile disporre l’animo a pensieri alti e soavi e soffermarsi in preghiera”; così i richiami al patrimonio storico culturale di Messina: “teatro di eventi che hanno lasciato  tracce profonde nell’anima della gente”; o quelli riferiti alla vita contemplativa di Eustochia Smeralda: “donna del XV° secolo, testimone e maestra di santità”; ai malati: “saluto cordialmente tutti i malati e tutti coloro che li assistono”; così come il messaggio gioioso e intenso rivolto ai giovani: “Gravi e urgenti problemi si addensano all’orizzonte. E’ certo tuttavia che se voi riuscirete a mettere insieme le vostre energie di mente di cuore e di braccia, troverete soluzioni originali, capaci di accelerare il processo di adeguamento della società alle esigenze poste dai suoi antichi e nuovi bisogni…”

 

 

 

A. Majolino

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Redazione1
di Redazione1 giugno 18, 2018 19:40


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Perché non fai ciò che è possibile e chiedi a Dio di compiere l’impossibile?
    Mi viene alla mente un sagace racconto di mio nonno: “un uomo si lamentava perché dopo essere finalmente riuscito a togliere al suo asino il vizio di mangiare gli era morto”.In quel tempo, mentre le folle si accalcavano, Gesù cominciò a dire: “Questa generazione è una generazione malvagia; essa cerca un segno, ma non le […]
    Luigi Maria Epicoco
  • L’età di Gesù: è morto a 33 anni o si tratta di un numero simbolico?
    E' una data convenzionale oppure è vero?Si dice sempre che Gesù fu crocifisso a 33 anni: questa età risulta dai Vangeli, oppure è una convenzione, magari nata da elementi simbolici? (indirizzo email) Risponde don Stefano Tarocchi, docente di Sacra Scrittura alla facoltà teologica dell’Italia centrale. La crocifissione di Gesù fissata al trentatreesimo anno della sua […]
    Toscana Oggi
  • Cosa affermò il Concilio Vaticano II sugli angeli?
    Il Pontefice Paolo VI (G.B. Montini, 1963-1978) verrà canonizzato a Roma in piazza San Pietro il 14 ottobre prossimo. Egli è stato il Papa che ha portato avanti e concluso le fasi del Concilio Vaticano II. Quanto al fatto che il Vaticano II abbia parlato poco degli Angeli e dei demoni, ciò è avvenuto perché […]
    don Marcello Stanzione
  • La carità di Papa Francesco sfreccia come una Vespa
    Ad un mese dalla donazione al Papa di una Vespa 50R dell'anno ‘71, personalizzata e con una targa ad hoc, il ciclomotore è stato venduto e il ricavato è stato destinato all’Elemosineria Apostolica. Riviviamo il momento della consegnadi Benedetta Capelli – Città del Vaticano Giovanni Paolo II, nella Lettera apostolica Novo Millennio Ineunte al termine del Giubileo […]
    Vatican News
  • Le ultime parole di mons. Romero prima di essere assassinato (AUDIO)
    L'audio con il momento esatto in cui venne ucciso mentre celebrava la MessaLa messa che mons. Romero stava celebrando il 24 marzo 1980, giorno del suo assassinio, era in ricordo del primo anniversario della morte di Sara Meardi de Pinto, madre di Jorge de Pinto, redattore ed editore del settimanale salvadoregno «El Independiente». Il vangelo […]
    Aleteia
  • Costruire la pace sotto il sorriso di Romero e Paolo VI
    La Comunità di Sant'Egidio a Bologna inaugura la sua tre giorni con la benedizione di tre santi: Wojtyla, Montini, RomeroProprio oggi mentre a Piazza San Pietro verranno canonizzati papa Paolo VI e monsignor Oscar Romero, a Bologna la Comunità di Sant’Egidio sull’onda di quelle esperienze profetiche prova a continuare la strada della costruzione di “ponti […]
    Lucandrea Massaro
  • “Mio fratello Oscar…”. Parla Gaspar Romero, fratello del futuro santo
    Il giorno del suo compleanno, il 15 agosto Assunzione di Maria, ricordo perfettamente che mia madre mi disse che sarebbe arrivato in alto”Il calore, alle dieci del mattino ha già raggiunto i 30 gradi. Natale a 40° non è una rarità a queste latitudini dove gli alberi natalizi non conoscono i fiocchi di neve. Non […]
    Alver Metalli
  • 4 virtù per il bene del fidanzamento
    di Giselle Ferreira* L’essenza dell’amore è splendida in tutti i suoi aspetti, ma questa esperienza perfetta diventa delicata e negativa quando viene privata della sua regalità. Amare è un dono di Dio, ed è per questo che è un’esperienza tanto perfetta. Amare è un esercizio complesso e affascinante, in cui smettiamo di vivere esclusivamente il […]
    Destrave
  • Soppresso volontariamente neonato con patologia neurologica. Poteva vivere fino a 10 anni
    Con l'accordo dell'equipe medica e dei genitori il piccolo è stato ucciso. Si scrive eutanasia ma è infanticidio. E' il secondo caso ufficiale dal 2005 in Olanda di iniezione letale su neonato. Dobbiamo continuare a trovare la forza di scandalizzarci e di attaccare le ragioni alla base di queste e altre aberrazioni in aperta ostilità […]
    Paola Belletti
  • Quante difficoltà ha avuto Papa Montini per diventare sacerdote!
    Il futuro Paolo VI era tormentato da gravi problemi di salute sin da ragazzino, ma ebbe la forza e l'ostinazione di finire gli studiDa sacerdote a Papa, poi beato e infine santo. Ne ha fatto di strada Papa Paolo VI, al secolo Giovanni Battista Montini, che domenica 14 ottobre, sarà canonizzato in piazza San Pietro. […]
    Gelsomino Del Guercio

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

Almanacco

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 86:
    • 401:
    ottobre: 2018
    L M M G V S D
    « Set    
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728
    293031  

    Login