MESSINA – Celebrato il rito dell’imposizione del pallio all’Arcivescovo, nella ricorrenza del 30° della canonizzazione di Eustochia Smeralda Calafato

Redazione1
di Redazione1 giugno 18, 2018 19:40

MESSINA – Celebrato il rito dell’imposizione del pallio all’Arcivescovo, nella ricorrenza del 30° della canonizzazione di Eustochia Smeralda Calafato

L’imposizione del pallio all’arcivescovo mons. Giovanni Accolla, da parte di mons. Emil Paul Tscherrig, nunzio apostolico del Papa per l’Italia, avvenuto nel giorno della ricorrenza del 30° anniversario della canonizzazione di Eustochia Smeralda Calafato (1988-11 giugno-2018) segna un momento liturgico solenne che ha visto celebrati insieme due eventi di grande significato religioso e simbolico. Eventi rappresentativi dei due fondamentali cardini di fede su cui poggia il cristianesimo: da una parte l’impegno attivo, apostolico e missionario, affidato alla cura pastorale dei vescovi, dall’altra quello della vita contemplativa, attuato con la costante offerta mediante la preghiera e il sacrificio, nel nascondimento della esperienza monastica.

Simbolo della vita religiosa attiva rivolta alla salvezza delle anime, Il pallio è un antichissimo paramento liturgico in uso nella Chiesa cattolica, costituito da una fascia di lana bianca che simboleggia la pecorella posta sulle spalle del pastore, quale segno dell’impegno pastorale di comunione fattiva dei vescovi con le loro chiese locali.

Il momento liturgico, durante il quale si è svolta la duplice celebrazione, ha visto dunque l’antico rito del pallio, simbolo della vita dedicata all’apostolato (mons. Accolla lo aveva ricevuto dal Papa in Vaticano nel giorno della festività dei Santi Pietro e Paolo insieme ad altri 35 arcivescovi e Patriarchi), intrecciato con lo storico evento della proclamazione di santità dell’umile clarissa di Montevergine, che simboleggia la vita dedicata alla preghiera di adorazione, invocazione e riparazione, avvenuto a Messina 30 anni fa ad opera di Giovanni Paolo II.

La solenne liturgia in cattedrale, presieduta dall’arcivescovo, è stata concelebrata dal cardinale Paolo Romeo arcivescovo emerito di Palermo, dai vescovi emeriti di Reggio Calabria Vittorio Mondello, e di Taranto Luigi Benigno Papa; dai vescovi di Acireale, Noto, Catania, Siracusa e quelli di Patti e Nicosia. Presenti le autorità civili e militari, associazioni ecclesiali e laicali, diverse le corali che hanno animato la celebrazione. Alla celebrazione erano anche presenti un gruppo di clarisse di Montevergine, accompagnate dall’abbadessa, Madre Maria Agnese Pavone, in rappresentanza della Comunità delle “Sorelle povere di S. Chiara”, seguaci della Santa Fondatrice del monastero.

Ma ricordando quel memorabile undici giugno in cui i messinesi accolsero festanti papa Wojtyla, lo storico avvenimento segnato dal fatto eccezionale che ha visto il Papa venire apposta nella nostra città – unica volta avvenuta fuori dalle mura Vaticane – per canonizzare la Beata Eustochia, affiorano vari momenti del suo incontro con la città e diverse frasi del “messaggio” che il santo padre rivolse ai messinesi.

Sono ricordi edificanti che rimangono indelebili nella memoria della città, e di cui ritornano alla mente alcune espressioni indimenticabili, come lo stupore e l’ammirazione di fronte alla bellezza dello Stretto e della città: “Qui, dove la natura è un inno perenne alla grandezza del Creatore, è più facile disporre l’animo a pensieri alti e soavi e soffermarsi in preghiera”; così i richiami al patrimonio storico culturale di Messina: “teatro di eventi che hanno lasciato  tracce profonde nell’anima della gente”; o quelli riferiti alla vita contemplativa di Eustochia Smeralda: “donna del XV° secolo, testimone e maestra di santità”; ai malati: “saluto cordialmente tutti i malati e tutti coloro che li assistono”; così come il messaggio gioioso e intenso rivolto ai giovani: “Gravi e urgenti problemi si addensano all’orizzonte. E’ certo tuttavia che se voi riuscirete a mettere insieme le vostre energie di mente di cuore e di braccia, troverete soluzioni originali, capaci di accelerare il processo di adeguamento della società alle esigenze poste dai suoi antichi e nuovi bisogni…”

 

 

 

A. Majolino

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Redazione1
di Redazione1 giugno 18, 2018 19:40


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Perché il pesce non è considerato “carne” in Quaresima?
    Mentre il pollo, che è sempre carne bianca, sìProbabilmente avrete sentito la leggenda (perché finora non ci sono prove né nomi precisi) per cui un Papa in epoca medievale disse che in Quaresima si doveva mangiare solo pesce per via dei suoi legami con l’industria ittica, per incrementare le vendite. Gesù ha digiunato per 40 […]
    Adriana Bello
  • Trasformare le proprie fragilità in punti di forza? Ecco i consigli di Chiara Amirante
    Riconoscere i propri difetti per far spiccare i propri talenti. Non abbiate paura ad uscire dal vostro recinto!Riconoscere le proprie fragilità per trasformarle in punti di forza, acquisire sicurezza, autostima e guardare con maggiore serenità il proprio futuro. Un percorso complicato? Tutt’altro, spiega Chiara Amirante nel suo nuovo libro “La guarigione del cuore –Spiritherapy: l’arte […]
    Gelsomino Del Guercio
  • La venerabile Lucia Mangano: spasmi e dolori, così liberavo le anime dal Purgatorio
    La mistica siciliana soffriva molto durante i suffragi per le anime purganti. Le sue testimonianze sono spesso drammaticheLucia Mangano nacque a Trecastahgni (CT) l’8 aprile del 1896 quarta di nove figli. Il padre Nunzio e la mamma Giuseppina Sapienza erano poveri contadini, ma di una profonda bontà e timorati di Dio. Fin dall’infanzia ebbe da […]
    don Marcello Stanzione
  • Questa ragazza americana è stata sospesa a scuola per aver diffuso versetti della Bibbia
    Gabby Helsinger, cristiana dell'Ohio, ha risposto alla propaganda LGBT nella sua scuola. Ma il suo gesto non è piaciuto al dirigente scolasticoPunita per aver diffuso versetti biblici a scuola. Succede a Lebanon, in Ohio, Stati Uniti. Una giovane cristiana di nome Gabby Helsinger ha pensato di scrivere dei versetti della Bibbia su dei biglietti da […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Violoncellista ipovedente dalla nascita: ringrazio Dio per la vita!
    Gemma Pedrini ha 24 anni, è una donna piena di gratitudine e una talentuosa musicista. Il suo sogno? suonare per Papa Francesco!Gemma Pedrini è una violoncellista di 24 anni che ama la musica, lo sport, la vita! È ipovedente dalla nascita ma questo non le ha impedito di realizzare i suoi sogni e di diventare un’eccellente […]
    Silvia Lucchetti
  • Le fake news sul Congresso delle Famiglie
    Hanno inquinato il dibattito, alcune notizie, rivelatesi non corrette, circa alcuni dei partecipanti all'iniziativa pro famiglia che si terrà a fine mese a VeronaL’ecosistema dell’informazione è delicato si sa, riuscire a stare dietro e a verificare l’enorme mole di input che arrivano dal mondo rendono da un lato più difficile, dall’altro più prezioso, il lavoro […]
    Aleteia
  • L’ultima lezione che mi ha insegnato mia nonna di 101 anni morente
    La morte ha qualcosa da insegnarci sul fatto di dare la vitaMia nonna mi ha dato molte lezioni nell’arco della sua vita, l’ultima delle quali proprio al momento della sua morte. Ma fatemi cominciare con una storia… Prima che nascesse mio figlio John, due medici hanno sottolineato che dopo aver trovato la giusta posizione per […]
    Annabelle Moseley
  • Ogni venerdì di Quaresima c’è l’esame di coscienza digitale: te lo fa il vescovo
    Un hashtag e un canale YouTube per partecipare a questo percorso. Lo promuove la diocesi di Oppido Mamertina-PalmiUn esame di coscienza digitale per vivere insieme “connessi” questo Tempo di Quaresima e riflettere sull’uso dei social, ormai parte della quotidianità che può riceverne beneficio o danno. È la proposta che Monsignor Francesco Milito, Vescovo di Oppido […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Evelyn è unica, come la sedia a rotelle che mamma e papà hanno inventato per lei
    "Era un neuroblastoma allo stadio 4, sono parole piuttosto terribili da sentirsi dire. Ora possiamo pronunciarle, ma all’inizio no" così mamma Kimberly comincia a raccontare questa storia di dolore e speranza.Vivere la disabilità e la malattia come quotidiane compagne di vita mette alla prova una famiglia. Sappiamo che nei momenti più difficili l’umano è capace […]
    Annalisa Teggi
  • Elisir di eterna giovinezza? No, non l’abbiamo trovato. Ma fare sport aiuta
    Non siamo una macchina che si ripete sempre uguale a sé stessa, siamo nati cresciamo, invecchiamo. Perché stiamo andando in una direzione, qualcosa ci attende oltre la morte. Però. nel frattempo, prendiamoci cura della nostra persona in modo integrale. Cominciando a fare ginnastica, per esempio. Anche se abbiamo più di 80 anni!Sulla rivista BenEssere nel […]
    Paola Belletti

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

Almanacco

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 61:
    • 154:
    marzo: 2019
    L M M G V S D
    « Feb    
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    25262728293031

    Login