Nigeria, don Bature Fidelis: “Una tragedia davanti alla quale non possiamo che pregare”

Redazione1
di Redazione1 dicembre 27, 2020 19:59

Nigeria, don Bature Fidelis: “Una tragedia davanti alla quale non possiamo che pregare”

In una delle sue denunce dell’indifferenza del mondo davanti al destino tragico di tanti cristiani in diversi paesi, Papa Francesco ha evidenziato che l’orrore per la persecuzione che oggi avviene nel mondo, con terroristi che infieriscono contro i cristiani nel «silenzio complice di tante potenze», è iniziata proprio contro Gesù e ha scandito la storia della Chiesa. Per cui tante comunità nel mondo sono «perseguitate soltanto per il fatto di essere cristiane». Ora, una di queste orribili testimonianze giunge proprio nel giorno di Santo Stefano, protomartire, dalla Nigeria: ce ne parla don Joseph Bature Fidelis della diocesi di Maiduguri, la capitale dello stato federale di Borno (nord-est del Paese). Qui si dice sia ‘nato’ il gruppo jihadista Boko Haram, affiliato allo Stato Islamico che minaccia la vita delle comunità cristiane locali. Le ultime esecuzioni risalgono al 24 dicembre, vigilia di Natale, ha detto don Joseph: i jihadisti di Boko Haram hanno ucciso almeno

Don Joseph Bature Fidelis, Nigeria

sette persone in un assalto a Pemi, villaggio a maggioranza cristiana nello stato del Borno. Incendiate case e saccheggiate scorte di cibo che dovevano essere distribuite ai residenti per celebrare il Natale. Nei giorni scorsi le agenzie di sicurezza avevano avvertito di un aumento del rischio di attacchi durante il Natale (Sir). “Una tragedia che provoca enorme tristezza davanti alla quale non possiamo fare altro che pregare”: da Maiduguri, nel nord del Paese, il sacerdote nigeriano don Joseph Bature Fidelis esprime dolore e preoccupazione per la persecuzione dei cristiani in Nigeria. Esattamente un anno fa (26 dicembre 2019) dieci cristiani furono brutalmente uccisi – e il video dell’esecuzione diffuso on line – dai terroristi della cosiddetta provincia dell’Africa Occidentale dello Stato islamico. Il 26 dicembre è il giorno in cui la Chiesa ricorda Santo Stefano, il suo primo martire, lapidato a Gerusalemme.

Culto in una chiesa parzialmente bruciata dai musulmani in un quartiere di Jos

“Santo Stefano – dichiara don Joseph – è un modello di vita cristiana, un esempio di come rispondere al male con il bene, con la giustizia e la verità, professando la propria fede in Cristo Gesù. Il suo esempio ci incoraggia a fare lo stesso e noi chiediamo la sua intercessione perché nessuno rinneghi la fede in Cristo Gesù”.

La Nigeria, secondo la Fondazione di diritto pontificio, Aiuto alla Chiesa che soffre (Acs), è uno dei luoghi dove i cristiani vengono maggiormente perseguitati. Si stima che nel Paese africano, dal 2015, siano oltre 6.000 i cristiani uccisi, più di 600 solo nei primi mesi del 2020. Il sequestro di cristiani rappresenta, inoltre, un fenomeno diffuso con oltre 220 rapimenti ogni anno.

Al fianco dei fedeli. Don Joseph Bature Fidelis vive a Maiduguri, la capitale dello stato federale di Borno (nord-est del Paese). Qui si dice sia ‘nato’ il gruppo jihadista Boko Haram che nel 2014 lanciò una offensiva terroristica per trasformare il nord della Nigeria in Califfato. In quegli anni la diocesi era circondata al punto che i vescovi nigeriani chiesero ai sacerdoti delle zone più a rischio di lasciare le proprie diocesi. Padre Joseph scelse di restare con i propri fedeli nonostante, racconta, “fossi stato minacciato per ben due volte e avessi visto persone uccise e tagliate a pezzi”. Il sacerdote oggi è sempre più convinto della bontà della sua scelta perché “credo che questi attacchi contro la comunità cristiana non cancelleranno la fede del nostro popolo”. Pur dichiarato “tecnicamente sconfitto” dal presidente nigeriano Muhammadu Buhari, Boko Haram oggi controlla ancora ampie zone intorno a Maiduguri.

“Pochi giorni fa – rivela il sacerdote – un nostro giovane ministrante è stato ucciso dai terroristi islamici. Vivere in queste aree per un cristiano è molto duro. Le strade non sono sicure, specie in questo tempo di Natale. Uscire è molto pericoloso. Sono trappole e noi qui in città siamo intrappolati. Terroristi e banditi prendono di mira i cristiani e le minoranze. I rapimenti sono all’ordine del giorno”. La sorte dei rapiti don Joseph la descrive così:

“Le giovani donne sono costrette a convertirsi all’Islam, diventano schiave sessuali dei terroristi, vengono date in sposa a miliziani, i ragazzi invece arruolati e addestrati a uccidere, razziare e incendiare spesso anche i loro villaggi e a perpetrare violenze contro i loro stessi parenti. Qualche ragazzo viene rilasciato dietro il pagamento di riscatto”.

La forza della preghiera. “La tensione ci accompagna sempre così come la paura di essere uccisi o rapiti in ogni momento. Ma sono più di dieci anni che viviamo sotto questa persecuzione e abbiamo deciso di restare e di vivere con coraggio, rispondendo con le armi del bene al male e alla violenza di Boko Haram. Armati solo della preghiera spesso elevata per la conversione dei nostri persecutori.

La preghiera ci tiene uniti e saldi nella fede. In questo ambito cerchiamo anche di organizzare iniziative pastorali utili a tenere impegnata la comunità ecclesiale. Una testimonianza che non passa inosservata: tanti militari che presidiano le strade e i luoghi pubblici quando vedono i cristiani chiedono di avere una copia della Bibbia, una corona del Rosario. Molti di questi soldati non sono cattolici”. “Abbiamo scelto di restare – aggiunge don Joseph – perché questo è il nostro Paese, la nostra città.

Non cerchiamo il martirio, ma il male va guardato negli occhi e al male bisogna resistere con la fede e il bene e dire: basta. Fuggire non serve – ribadisce il sacerdote -. Coloro che hanno dato la propria vita per la fede erano uomini e donne come noi. Se andiamo via che testimonianza daremo? Restare qui ci ha aiutato a rafforzare la nostra fede. Ed è ciò che vedo nei volti di tanta gente che viene in chiesa. Più siamo perseguitati più la nostra fede si rinvigorisce”.

 

 

Redazione da Ag. di i.

 

 

 

Redazione1
di Redazione1 dicembre 27, 2020 19:59


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Santi che trasmettono allegria e buonumore (FOTOGALLERY)
    Alcuni esempi di santità ci possono aiutare a tenere il sorriso e l'allegria anche nei giorni più difficiliQuando i santi trasmettono allegria e buonumore. Se una qualità non può mancare nel “bagaglio” del cristiano, questa è la gioia, di cui il buonumore è specchio, marchio di riconoscimento. Lo dicono le agiografie, lo confermano i testi di […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Generazione DAD: stima dei danni, prospettive di recupero
    Ai nostri giovani dobbiamo decisioni e investimenti coraggiosi, a loro spetta tutta la nostra più acuta capacità di visione e di assunzione dei rischi.Ora che le regioni ad alto rischio sono solo due, o meglio una regione e una provincia autonoma, Sicilia e Bolzano, anche seconda e terza media e istituti superiori di quasi tutta […]
    Paola Belletti
  • Respirate nell’amore di Dio con questa preghiera mattutina
    Iniziate la vostra giornata riscaldandovi al calore dell'amore divinoUna delle parti più importanti della giornata è la mattina, perché detta il tono del resto della giornata. Una buona giornata inizia con l’atteggiamento che si ha al mattino. Pregare al mattino può essere un’ottima opportunità per marcare il ritmo di una giornata fruttuosa. Ecco una preghiera […]
    Philip Kosloski
  • Perché San Giuseppe è chiamato “Terrore dei Demoni”?
    Missionari, esorcisti e satanisti attestano il potere dell'intercessione di San Giuseppe contro i nemici demoniaciQuando si recita la Litania di San Giuseppe, molti restano sorpresi vedendo un’invocazione che afferma “San Giuseppe, Terrore dei Demoni, prega per noi”. Cosa significa questo titolo? L’intercessione di San Giuseppe contro i demoni non è ben documentata, ma è stata […]
    Philip Kosloski
  • Dizionario di “italiano digitato” per genitori
    Guida alla comprensione del nuovo linguaggio SocialL’uso della tecnologia ha influenzato profondamente la nostra lingua e il lessico dei social media è entrato a gamba tesa nel nostro modo di comunicare: da tempo ormai, accanto alla lingua scritta e parlata, esiste anche una lingua digitata. Utilizzati da miliardi di persone, Facebook, Twitter, Instagram, Whatsapp sono […]
    Umberto Macchi
  • L’inno alla vita di Andrea Tomassini: proprio quando è dura non si molla
    Colpito da paralisi cerebrale quando era ancora nel grembo materno, oggi ha 17 anni e ha scritto "Mai mollare": conosce la fragilità estrema e vuole incoraggiare chi è al buio dentro questa pandemia. Andrea Tomassini è aggrappato alla vita con le unghie e coi denti, lo ha messo in musica con una canzone intitolata Mai […]
    Annalisa Teggi
  • Twitter ha mantenuto pedopornografia infantile dicendo che non violava le sue “politiche”
    Adolescente di 13 anni vittima di pedofili ha dovuto ricorrere alla Giustizia perché Twitter eliminasse video e foto degli abusi sessualiTwitter ha mantenuto materiale pedopornografico infantile dicendo che non violava le sue “politiche”. Il caso che suscita indignazione è riferito in un processo giudiziario aperto la settimana scorsa negli Stati Uniti contro l’impresa. Secondo le […]
    Francisco Vêneto
  • La crisi del Governo Conte e l’opinione del mondo cattolico di fronte al voto
    I "si" e i "no" del mondo cattolico all'ipotesi di un ritorno alle urne oppure di un nuovo Governo senza Giuseppe ConteCon la salita del presidente del Consiglio Conte al Quirinale per rassegnare le proprie dimissioni al Presidente Sergio Mattarella, si apre ufficialmente la crisi di governo partita una settimana fa con le richieste di […]
    Lucandrea Massaro
  • Occhio al chiacchiericcio: uccide… anche te
    Quando si parla della mormorazione ci si concentra soprattutto sulla sua verità e sulla sua utilità, ovvero sulla lesione della fama degli altri. Un aspetto meno considerato delle chiacchiere è che rendono torbido e fragile, inquieto, il cuore di chi le produce e/o le propaga La nona malattia che papa Francesco diagnosticò negli indimenticabili augurî […]
    Giovanni Marcotullio
  • Nostra figlia è amata più di quanto sia malata. Perché non lo capiscono?
    Questa è una delle innumerevoli testimonianze di madri meravigliose che antepongono senza vacillare la vita del figlio alla paura e al dolore che pure sperimentano. E che invece che trovare sostegno e conforto in medici e ostetriche spesso, non sempre, incontrano disapprovazione se non disprezzo. Gravidanza difficile “Donne sotto la Croce”: rubrica periodica di colloqui […]
    La Croce - Quotidiano

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

  • Polonia: nuova eparchia di Olsztyn-Gdańsk di rito bizantino-ucraino, mons. Shevchuk ha ordinato il primo vescovo 26 gennaio 2021
    Il 23 gennaio scorso a Olsztyn, in Polonia, Sua Beatitudine Sviatoslav Shevchuk ha presieduto l’ordinazione di Arkadiusz Trochanowski, primo vescovo della nuova eparchia di Olsztyn-Gdańsk di rito bizantino-ucraino, eretta dal Papa il 25 novembre scorso. La celebrazione si è tenuta nella giornata di commemorazione dei 13 martiri di Pratulyn, uccisi dalle truppe zariste perché si rifiutarono […]
  • Card. Bassetti: “The Church does not take political sides” 26 gennaio 2021
    “A response marked by communion and co-responsibility” is needed to heal “the many isolated rifts in society that the pandemic has expanded to include all the threads that hold our territories together”, declared Cardinal Gualtiero Bassetti, archbishop of Perugia-Città della Pieve, President of the Italian Bishops’ Conference, in the inaugural address of the Permanent Episcopal […]
  • Card. Bassetti: “La Chiesa non è di questa o di quell’altra parte” 26 gennaio 2021
    Serve “una risposta di comunione e corresponsabilità” per sanare “le varie fratture che la pandemia sta trasformando da isolate in associate, coinvolgendo tutti i legamenti che tengono uniti i nostri territori”. Ne è convinto il card. Gualtiero Bassetti, arcivescovo di Perugia-Città della Pieve e presidente della Cei, che ha aperto i lavori del Consiglio episcopale […]
  • Card. Bassetti: superare la “frattura educativa” 26 gennaio 2021
    “La frattura sanitaria ha generato infine una frattura educativa, tema peraltro al centro della nostra riflessione nello scorso decennio e ancora di grande attualità”. Ad osservarlo è stato il card. Gualtiero Bassetti, arcivescovo di Perugia-Città della Pieve e presidente della Cei, nell’introduzione con cui ha aperto i lavori del Consiglio episcopale permanente, in corso oggi […]
  • Card. Bassetti: “elaborare una strategia di sistema” per le nuove povertà 26 gennaio 2021
    Caritas italiana e le Caritas diocesane in questi mesi “hanno visto crescere il numero di persone che a loro si sono rivolte per usufruire dei servizi erogati: materiali e non”.  A citare il dato è stato il card. Gualtiero Bassetti, arcivescovo di Perugia-Città della Pieve e presidente della Cei, nell’introduzione con cui ha aperto i […]
  • Card. Bassetti: “intervenire sul sovraindebitamento di famiglie e imprese” 26 gennaio 2021
    Accanto alla frattura sanitaria e a quella sociale, in questo tempo di pandemia “si fa purtroppo sempre più pressante la frattura delle nuove povertà rispetto alle quali i dati sono deflagranti”. A lanciare il grido d’allarme è il card. Gualtiero Bassetti, arcivescovo di Perugia-Città della Pieve e presidente della Cei, nell’introduzione con cui ha aperto […]
  • Card. Bassetti: “frattura sanitaria è anche frattura sociale”. “Non trascurare i drammatici danni collaterali” 26 gennaio 2021
    “Accanto alla fiducia nell’efficacia del vaccino contro il virus, non possiamo trascurare i drammatici danni collaterali portati da questa pandemia”. Ne è convinto il  card. Gualtiero Bassetti, arcivescovo di Perugia-Città della Pieve e presidente della Cei, secondo il quale in questo tempo di pandemia “vi è una frattura sanitaria che è anche una frattura sociale”. […]
  • Card. Bassetti: vaccino “è opzione etica”, deve essere “a disposizione di tutti” 26 gennaio 2021
    “Oggi, grazie alla vaccinazione, vi sono i presupposti per far sì che un atto di protezione individuale possa divenire strumento di protezione collettiva”. Lo ha detto il card. Gualtiero Bassetti, arcivescovo di Perugia-Città della Pieve e presidente della Cei, nell’introduzione con cui ha aperto i lavori del Consiglio episcopale permanente, in corso oggi in videoconferenza. […]
  • Card. Bassetti: “la Chiesa non è di questa o di quell’altra parte”. “Guardiamo con attenzione e preoccupazione alla verifica politica in corso” 26 gennaio 2021
    “La Chiesa non è di questa o di quell’altra parte. Quello che ci sta a cuore è il bene di ogni persona e di ognuno insieme agli altri, quello di cui c’importa è la vita delle persone, quello che sosteniamo è il nostro Paese”. A ribadirlo è stato il card. Gualtiero Bassetti, arcivescovo di Perugia-Città […]
  • Card. Bassetti: “il nostro compito di pastori si configura come opera di riconciliazione” 26 gennaio 2021
    “Il nostro compito di pastori oggi si configura anzitutto come opera di riconciliazione”. Così il card. Gualtiero Bassetti, arcivescovo di Perugia-Città della Pieve e presidente della Cei, ha aperto i lavori del Consiglio episcopale permanente, in corso oggi in videoconferenza: “Anzitutto fraterna, assumendo i panni della collaborazione e della solidarietà. Poi politica, ricucendo il tessuto […]

Commenti recenti

     

    • 38:
    • 177:
    gennaio: 2021
    L M M G V S D
    « Dic    
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    25262728293031

    Login