MIGRANTI. Il monito del Papa: “Impegnarsi a svuotare i campi di detenzione in Libia”

Redazione1
di Redazione1 dicembre 21, 2019 09:57

MIGRANTI. Il monito del Papa: “Impegnarsi a svuotare i campi di detenzione in Libia”

E’ ormai una realtà confermata dai fatti. Nel quadro della grave emergenza dei migranti, pensare che questo fenomeno epocale possa essere risolto con rimedi estemporanei e drastici è un grave errore, perché non si tiene conto innanzitutto della natura complessa del fenomeno, e poi del fatto che le cause  determinanti non sono facili da debellare. Per di più c’è l’aggravio per cui la gestione di chi è arrivato risulta caotica, inadeguata, costosa e troppo spesso apportatrice di seri disagi per chi accoglie.

Incontrando un gruppo di migranti e rifugiati arrivati recentemente da Lesbo con i corridoi umanitari, il Papa lancia un ennesimo appello all’accoglienza di coloro che sono costretti a fuggire dalle loro terre nella speranza di un futuro migliore.

“La nostra ignavia è peccato”. Dal Cortile del Belvedere, nel cui ingresso è appesa da oggi una croce di resina “vestita” da un giubbotto salvagente appartenuto ad uno dei tanti migranti ignoti che hanno perso la vita in mare, il Papa lancia un ennesimo appello ad accogliere e prendersi cura delle schiere di coloro che sono costretti a lasciare le loro terre a causa della nostra ingiustizia. “È l’ingiustizia che li obbliga ad attraversare deserti e a subire abusi e torture nei campi di detenzione”, spiega infatti Francesco incontrando in Vaticano un gruppo di rifugiati arrivati di recente da Lesbo con i corridoi umanitari.

 

speranza di un futuro migliore. “La nostra ignavia è peccato”, “non è bloccando le navi che si risolve il problema”. “Svuotare i campi di detenzione in Libia”. Da oggi, al Cortile del Belvedere, è appesa una croce “vestita” di un giubbotto salvagente.

“Non è bloccando le navi che si risolve il problema”, il monito del Papa: “Bisogna impegnarsi seriamente a svuotare i campi di detenzione in Libia, valutando e attuando tutte le soluzioni possibili. Bisogna denunciare e perseguire i trafficanti che sfruttano e maltrattano i migranti, senza timore di rivelare connivenze e complicità con le istituzioni. Bisogna mettere da parte gli interessi economici perché al centro ci sia la persona, ogni persona, la cui vita e dignità sono preziose agli occhi di Dio. Bisogna soccorrere e salvare, perché siamo tutti responsabili della vita del nostro prossimo, e il Signore ce ne chiederà conto al momento del giudizio”.

“È l’ingiustizia che li respinge e li fa morire in mare”, ribadisce Francesco sulla scorta del suo primo viaggio apostolico a Lampedusa. “Il giubbotto ‘veste’ una croce in resina colorata, che vuole esprimere l’esperienza spirituale che ho potute cogliere dalle parole dei soccorritori”, spiega il Papa descrivendolo: “Questo è il secondo giubbotto salvagente che ricevo in dono. Il primo mi è stato regalato qualche anno fa da un gruppo di soccorritori. Apparteneva a una bambina che è annegata nel Mediterraneo. L’ho donato poi ai due Sottosegretari della Sezione Migranti e Rifugiati del Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale.

Ho detto loro: ‘Ecco la vostra missione!’”. “Con ciò ho voluto significare l’imprescindibile impegno della Chiesa a salvare le vite dei migranti, per poi poterli accogliere, proteggere, promuovere ed integrare”, sottolinea Francesco specificando che “questo secondo giubbotto, consegnato da un altro gruppo di soccorritori solo qualche giorno fa, è appartenuto a un migrante scomparso in mare lo scorso luglio. Nessuno sa chi fosse o da dove venisse. Solo si sa che il suo giubbotto è stato recuperato alla deriva nel Mediterraneo Centrale, il 3 luglio 2019, a determinate coordinate geografiche”.

“Ho deciso di esporre qui questo giubbotto salvagente, ‘crocifisso’ su questa croce, per ricordarci che dobbiamo tenere aperti gli occhi, tenere aperto il cuore, per ricordare a tutti l’impegno inderogabile di salvare ogni vita umana, un dovere morale che unisce credenti e non credenti”.

Sono le parole scelte dal Papa per spiegare il motivo della sua scelta di collocare, nel Cortile del Belvedere, una croce in ricordo dei migranti e rifugiati, con appeso un giubbotto salvagente. “Nella tradizione cristiana la croce è simbolo di sofferenza e sacrificio e, al tempo stesso, di redenzione e di salvezza”, ricorda Francesco: “Questa croce è trasparente: essa si pone come sfida a guardare con maggiore attenzione e a cercare sempre la verità. La croce è luminescente: vuole rincuorare la nostra fede nella Risurrezione, il trionfo di Cristo sulla morte”. “Anche il migrante ignoto, morto con la speranza in una nuova vita, è partecipe di questa vittoria”, assicura il Papa: “I soccorritori mi hanno raccontato come stiano imparando l’umanità dalle persone che riescono a salvare. Mi hanno rivelato come in ogni missione riscoprano la bellezza di essere un’unica grande famiglia umana, unita nella fraternità universale”.

“Come possiamo non ascoltare il grido disperato di tanti fratelli e sorelle che preferiscono affrontare un mare in tempesta piuttosto che morire lentamente nei campi di detenzione libici, luoghi di tortura e schiavitù ignobile?”.

È il primo di una serie esigente di interrogativi con cui il Papa ha concluso il suo discorso: “Come possiamo rimanere indifferenti di fronte agli abusi e alle violenze di cui sono vittime innocenti, lasciandoli alle mercé di trafficanti senza scrupoli? Come possiamo ‘passare oltre’, come il sacerdote e il levita della parabola del Buon Samaritano, facendoci così responsabili della loro morte?”. Infine, il ringraziamento a “tutti coloro che hanno deciso di non restare indifferenti e si prodigano a soccorrere il malcapitato, senza farsi troppe domande sul come o sul perché il povero mezzo morto sia finito sulla loro strada”.

 

 

 

Redazione da Ag. di I.

Redazione1
di Redazione1 dicembre 21, 2019 09:57


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Il monte Tabor, dove la gloria di Dio si è manifestata
    Il Tabor è una collina che gode fin dai più remoti tempi biblici di un’aura di mistero e di sacralità celebrata dai salmi. All’epoca dei Giudici (XII secolo a.C.) sarebbe diventato il luogo strategico di raccolta delle forze israelitiche contro i Cananei. Soprattutto, il monte Tabor sarebbe rimasto negli annali per la trasfigurazione di Gesù. […]
    Philippe-Emmanuel Krautter
  • Daba, la piccola miracolata senegalese
    Per salvare Daba Diouf, sei mesi e pochi giorni di vita da vivere, il cardinale Peter Turkson ha fatto appello a una vera e propria catena di solidarietà. Da Dakar fino a Roma, sono decine le persone – volontari e professionisti, laici e religiosi – che si sono messi a servizio della bambina. «Daba non […]
    Camille Dalmas
  • Bisogna essere sessualmente compatibili o è un mito?
    Tra le garanzie che cerchiamo perché il rapporto possa sopravvivere c’è il mito della compatibilità sessuale, un mito crudele e falso che sta provocando molti danni Mi riempiono di tristezza le storie in cui gli anni volano e le persone giovani (e che poi invecchiano) continuano ad avere una relazione dietro l’altra ma non hanno […]
    Małgorzata Rybak
  • Papa Francesco: l’essenziale della vita è il nostro rapporto con Dio
    Le malattie dell’anima vanno guarite e la medicina è chiedere il perdono. Papa Francesco lo dice alla messa mattutina a Casa Santa Marta commentando il racconto evangelico della guarigione del paralitico compiuta da Gesù. E’ giusto, afferma, curare le malattie del corpo, ma “pensiamo alla salute del cuore”? Ce ne dimentichiamo, e non andiamo dal […]
    Vatican News
  • Firenze, muore Niccolò Bizzarri dopo la caduta in carrozzina. “Ma non vi preoccupate, io sono pronto”
    Niccolò Bizzarri, studente universitario di Lettere antiche affetto dalla distrofia di Duchenne, è deceduto all’ospedale di Santa Maria Nuova dove era stato portato per essere medicato in seguito alla caduta nel centro della città. I suoi funerali si svolgeranno sabato 18 gennaio alle 14.30 nella basilica della Santissima Annunziata. A seguito di una brutta caduta […]
    Toscana Oggi
  • Grazie a Shira, 24 anni, i pellegrini a Betania possono «entrare in casa» di Lazzaro
    Il lavoro di questa giovane palestinese, laureata in architettura, farà sì che la devozione per il luogo dove abitarono Marta, Maria e Lazzaro possa essere vissuta come una vera esperienza: le è stato affidato il compito di trasformare le mappe degli archeologi in un edificio virtuale. Capelli castani lunghissimi e sorriso coinvolgente. Shira Shafie, 24 anni, […]
    ATS Pro Terra Sancta
  • Lui a pesca, lei con le amiche: nelle uscite separate deve esserci il “pareggio”?
    Due ore tu, due ore io, oggi la partita, domani però mi lasci il cinema con le amiche: attenzione, l’equilibrio e l'”ora d’aria” servono a ogni coppia, ma fare sempre i conti e mettere tutto sulla bilancia può essere estenuante e creare tensioni. Il dialogo e la consapevolezza degli equilibri che cambiano sono sempre fondamentali. […]
    Semprenews
  • Solo il perdono può guarirci da ciò che ci paralizza
    Se non perdoniamo siamo fermi, come quel paralitico: fermi nel rancore, fermi nella rabbia, fermi nel rimorso. Non riusciamo ad andare avanti a guardare alla vita senza amarezza. Solo perdonare davvero e perdonarci può guarire la nostra paralisi interiore e farci tornare a Cristo. Dopo alcuni giorni, Gesù entrò di nuovo a Cafarnao. Si seppe […]
    Luigi Maria Epicoco
  • I contatti con gli angeli di Renato Baron, il veggente di Schio
    In verità vi dico: l’opera non conoscerà mai tutta la sua grandezza; dovrà arrivare a tutti i confini della terra; essa è affidata alla schiera degli Angeli sacerdotali  Pietro Renato Baron nacque a Schio (Vicenza) il 7 dicembre 1932 ed è deceduto, sempre a Schio, il 2 settembre 2004, dopo lunga e dolorosa malattia. La famiglia […]
    don Marcello Stanzione
  • Nel 2019 l’Europa ha avuto una media di 5 attacchi al giorno contro simboli cristiani
    Uno studio ha registrato 3.000 attacchi a chiese, scuole, cimiteri e altri luoghi e simboli cristiani, senza parlare di quelli alle persone Incendi, profanazioni, sacrilegi, furti e atti di vandalismo fanno parte del triste scenario di 3.000 attacchi contro chiese, scuole, cimiteri e altri luoghi e simboli cristiani nel continente europeo solo nel 2019, in […]
    Aleteia

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 219:
    • 237:
    gennaio: 2020
    L M M G V S D
    « Dic    
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    2728293031  

    Login