Papa Francesco festeggia il 50° di ordinazione sacerdotale: “Preferisco essere chiamato padre”

Redazione1
di Redazione1 dicembre 14, 2019 19:38

Papa Francesco festeggia il 50° di ordinazione sacerdotale: “Preferisco essere chiamato padre”

Ieri Papa Francesco ha festeggiato 50 anni di sacerdozio presentando gli scritti del suo padre spirituale, Miguel Angel Fiorito. Il 21 settembre 1959 l’origine della sua vocazione, all’insegna della “paternità spirituale”. La diocesi di Roma è in festa dall’8 dicembre.

Sembrava un giorno come tanti, e invece si è rivelato un giorno eccezionale, nella sua apparente normalità, tanto da diventare la chiave di una intera esistenza e il senso di un pontificato. A raccontare, a più riprese e in diverse occasioni pubbliche e private, quella mattina del 21 settembre del 1953 – il momento esatto che fotografa l’origine della sua vocazione – è stato lo stesso Papa Francesco, che ieri ha compiuto il 50° dell’ordinazione sacerdotale, avvenuta il 13 dicembre 1969 con l’imposizione delle mani da parte dell’allora arcivescovo di Cordoba, Ramón José Castellano.

Cinquant’anni dopo, Papa Francesco celebra le sue “nozze d’oro” con il sacerdozio – divenuto poi per 27 anni episcopato a Buenos Aires e da quasi 7 anni papato a Roma – presentando personalmente le opere di quello che lui chiama da sempre “Maestro Fiorito”, suo padre spirituale. Presso l’Aula della Congregazione generale della Compagnia di Gesù, Bergoglio darà infatti la sua testimonianza sulla figura di padre Miguel Angel Fiorito (1916-2005), il gesuita argentino che ha formato generazioni di gesuiti latinoamericani e dei cui scritti, raccolti per la prima volta in cinque volumi, firma la presentazione.

Francesco sarà il quinto Pontefice a raggiungere il traguardo del mezzo secolo di sacerdozio, dopo Pio XI, Pio XII, Paolo VI e Giovanni Paolo II. Per salutare l’anniversario del 13 dicembre, lo Stato della Città del Vaticano ha emesso una speciale serie filatelica che riproduce due quadri dell’artista Raul Berzosa. Nel primo francobollo, all’immagine del giovane Bergoglio sacerdote si affianca quella della Madonna che scioglie i nodi, da lui scoperta durante un viaggio in Germania e divenuta oggetto di grande venerazione a Buenos Aires. Sullo sfondo, la chiesa di San José a Buenos Aires.

Nel secondo francobollo, il Pontefice è ritratto sullo sfondo della basilica di San Pietro. Accanto a lui, l’immagine di Gesù misericordioso, che richiama il motto del pontificato – “Miserando atque eligendo” – e il celeberrimo brano della vocazione di Matteo, anche questo citato molto spesso da Bergoglio insieme alla sua parabola preferita: quella del Buon Samaritano.

“Padre Bergoglio”. Quel 21 settembre del 1953, come molti altri giovani Jorge Bergoglio si apprestava a uscire per festeggiare assieme ai suoi compagni il giorno dello Studente. “Prima di questo, però, da buon cattolico praticante che frequentava la chiesa di San José de Flores, decise di iniziare la giornata passando dalla parrocchia”, raccontano Sergio

Rubin e Francesca Ambrogetti nella biografia “Jorge Bergoglio, Papa Francesco”: “Al suo arrivo trovò un sacerdote che non conosceva, ma che gli fece subito una grande impressione e a cui chiese di potersi confessare. Quel giorno non si trattò di una confessione come un’altra. Tornò a casa con una convinzione ferma: voleva, doveva, diventare sacerdote”. Ci vollero 16 anni, e un percorso non sempre facile, per arrivare all’ordinazione sacerdotale, il 13 dicembre 1959.

“Ciò che mi piace di più è essere prete”, confessò una volta Jorge Mario Bergoglio ad una giornalista e scrittrice argentina, Olga Wormat: “Preferisco essere chiamato padre”, aggiunse. E proprio la “paternità spirituale” è per Bergoglio il requisito fondamentale del presbitero, come da Papa non si stanca mai di ripetere durante i suoi viaggi apostolici, negli incontri con i vescovi e il clero locale. Un tratto, quello della cura “paterna” del vescovo per i suoi preti, che ha esercitato lui stesso prima come Provinciale dei Gesuiti in Argentina e poi da vescovo ausiliare e arcivescovo di Buenos Aires. Ogni Giovedì Santo, per il Papa, è inoltre l’occasione per tracciare l’identikit del sacerdote: fin dalla sua prima Messa crismale, nel marzo del 2013, Francesco ha raccomandato l’”odore delle pecore”, per essere pastori in mezzo al gregge e pescatori di uomini.

 

 

 

Redazione da Ag. di I.

Redazione1
di Redazione1 dicembre 14, 2019 19:38


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Il monte Tabor, dove la gloria di Dio si è manifestata
    Il Tabor è una collina che gode fin dai più remoti tempi biblici di un’aura di mistero e di sacralità celebrata dai salmi. All’epoca dei Giudici (XII secolo a.C.) sarebbe diventato il luogo strategico di raccolta delle forze israelitiche contro i Cananei. Soprattutto, il monte Tabor sarebbe rimasto negli annali per la trasfigurazione di Gesù. […]
    Philippe-Emmanuel Krautter
  • Daba, la piccola miracolata senegalese
    Per salvare Daba Diouf, sei mesi e pochi giorni di vita da vivere, il cardinale Peter Turkson ha fatto appello a una vera e propria catena di solidarietà. Da Dakar fino a Roma, sono decine le persone – volontari e professionisti, laici e religiosi – che si sono messi a servizio della bambina. «Daba non […]
    Camille Dalmas
  • Bisogna essere sessualmente compatibili o è un mito?
    Tra le garanzie che cerchiamo perché il rapporto possa sopravvivere c’è il mito della compatibilità sessuale, un mito crudele e falso che sta provocando molti danni Mi riempiono di tristezza le storie in cui gli anni volano e le persone giovani (e che poi invecchiano) continuano ad avere una relazione dietro l’altra ma non hanno […]
    Małgorzata Rybak
  • Papa Francesco: l’essenziale della vita è il nostro rapporto con Dio
    Le malattie dell’anima vanno guarite e la medicina è chiedere il perdono. Papa Francesco lo dice alla messa mattutina a Casa Santa Marta commentando il racconto evangelico della guarigione del paralitico compiuta da Gesù. E’ giusto, afferma, curare le malattie del corpo, ma “pensiamo alla salute del cuore”? Ce ne dimentichiamo, e non andiamo dal […]
    Vatican News
  • Firenze, muore Niccolò Bizzarri dopo la caduta in carrozzina. “Ma non vi preoccupate, io sono pronto”
    Niccolò Bizzarri, studente universitario di Lettere antiche affetto dalla distrofia di Duchenne, è deceduto all’ospedale di Santa Maria Nuova dove era stato portato per essere medicato in seguito alla caduta nel centro della città. I suoi funerali si svolgeranno sabato 18 gennaio alle 14.30 nella basilica della Santissima Annunziata. A seguito di una brutta caduta […]
    Toscana Oggi
  • Grazie a Shira, 24 anni, i pellegrini a Betania possono «entrare in casa» di Lazzaro
    Il lavoro di questa giovane palestinese, laureata in architettura, farà sì che la devozione per il luogo dove abitarono Marta, Maria e Lazzaro possa essere vissuta come una vera esperienza: le è stato affidato il compito di trasformare le mappe degli archeologi in un edificio virtuale. Capelli castani lunghissimi e sorriso coinvolgente. Shira Shafie, 24 anni, […]
    ATS Pro Terra Sancta
  • Lui a pesca, lei con le amiche: nelle uscite separate deve esserci il “pareggio”?
    Due ore tu, due ore io, oggi la partita, domani però mi lasci il cinema con le amiche: attenzione, l’equilibrio e l'”ora d’aria” servono a ogni coppia, ma fare sempre i conti e mettere tutto sulla bilancia può essere estenuante e creare tensioni. Il dialogo e la consapevolezza degli equilibri che cambiano sono sempre fondamentali. […]
    Semprenews
  • Solo il perdono può guarirci da ciò che ci paralizza
    Se non perdoniamo siamo fermi, come quel paralitico: fermi nel rancore, fermi nella rabbia, fermi nel rimorso. Non riusciamo ad andare avanti a guardare alla vita senza amarezza. Solo perdonare davvero e perdonarci può guarire la nostra paralisi interiore e farci tornare a Cristo. Dopo alcuni giorni, Gesù entrò di nuovo a Cafarnao. Si seppe […]
    Luigi Maria Epicoco
  • I contatti con gli angeli di Renato Baron, il veggente di Schio
    In verità vi dico: l’opera non conoscerà mai tutta la sua grandezza; dovrà arrivare a tutti i confini della terra; essa è affidata alla schiera degli Angeli sacerdotali  Pietro Renato Baron nacque a Schio (Vicenza) il 7 dicembre 1932 ed è deceduto, sempre a Schio, il 2 settembre 2004, dopo lunga e dolorosa malattia. La famiglia […]
    don Marcello Stanzione
  • Nel 2019 l’Europa ha avuto una media di 5 attacchi al giorno contro simboli cristiani
    Uno studio ha registrato 3.000 attacchi a chiese, scuole, cimiteri e altri luoghi e simboli cristiani, senza parlare di quelli alle persone Incendi, profanazioni, sacrilegi, furti e atti di vandalismo fanno parte del triste scenario di 3.000 attacchi contro chiese, scuole, cimiteri e altri luoghi e simboli cristiani nel continente europeo solo nel 2019, in […]
    Aleteia

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 216:
    • 237:
    gennaio: 2020
    L M M G V S D
    « Dic    
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    2728293031  

    Login