Papa Francesco festeggia il 50° di ordinazione sacerdotale: “Preferisco essere chiamato padre”

Redazione1
di Redazione1 dicembre 14, 2019 19:38

Papa Francesco festeggia il 50° di ordinazione sacerdotale: “Preferisco essere chiamato padre”

Ieri Papa Francesco ha festeggiato 50 anni di sacerdozio presentando gli scritti del suo padre spirituale, Miguel Angel Fiorito. Il 21 settembre 1959 l’origine della sua vocazione, all’insegna della “paternità spirituale”. La diocesi di Roma è in festa dall’8 dicembre.

Sembrava un giorno come tanti, e invece si è rivelato un giorno eccezionale, nella sua apparente normalità, tanto da diventare la chiave di una intera esistenza e il senso di un pontificato. A raccontare, a più riprese e in diverse occasioni pubbliche e private, quella mattina del 21 settembre del 1953 – il momento esatto che fotografa l’origine della sua vocazione – è stato lo stesso Papa Francesco, che ieri ha compiuto il 50° dell’ordinazione sacerdotale, avvenuta il 13 dicembre 1969 con l’imposizione delle mani da parte dell’allora arcivescovo di Cordoba, Ramón José Castellano.

Cinquant’anni dopo, Papa Francesco celebra le sue “nozze d’oro” con il sacerdozio – divenuto poi per 27 anni episcopato a Buenos Aires e da quasi 7 anni papato a Roma – presentando personalmente le opere di quello che lui chiama da sempre “Maestro Fiorito”, suo padre spirituale. Presso l’Aula della Congregazione generale della Compagnia di Gesù, Bergoglio darà infatti la sua testimonianza sulla figura di padre Miguel Angel Fiorito (1916-2005), il gesuita argentino che ha formato generazioni di gesuiti latinoamericani e dei cui scritti, raccolti per la prima volta in cinque volumi, firma la presentazione.

Francesco sarà il quinto Pontefice a raggiungere il traguardo del mezzo secolo di sacerdozio, dopo Pio XI, Pio XII, Paolo VI e Giovanni Paolo II. Per salutare l’anniversario del 13 dicembre, lo Stato della Città del Vaticano ha emesso una speciale serie filatelica che riproduce due quadri dell’artista Raul Berzosa. Nel primo francobollo, all’immagine del giovane Bergoglio sacerdote si affianca quella della Madonna che scioglie i nodi, da lui scoperta durante un viaggio in Germania e divenuta oggetto di grande venerazione a Buenos Aires. Sullo sfondo, la chiesa di San José a Buenos Aires.

Nel secondo francobollo, il Pontefice è ritratto sullo sfondo della basilica di San Pietro. Accanto a lui, l’immagine di Gesù misericordioso, che richiama il motto del pontificato – “Miserando atque eligendo” – e il celeberrimo brano della vocazione di Matteo, anche questo citato molto spesso da Bergoglio insieme alla sua parabola preferita: quella del Buon Samaritano.

“Padre Bergoglio”. Quel 21 settembre del 1953, come molti altri giovani Jorge Bergoglio si apprestava a uscire per festeggiare assieme ai suoi compagni il giorno dello Studente. “Prima di questo, però, da buon cattolico praticante che frequentava la chiesa di San José de Flores, decise di iniziare la giornata passando dalla parrocchia”, raccontano Sergio

Rubin e Francesca Ambrogetti nella biografia “Jorge Bergoglio, Papa Francesco”: “Al suo arrivo trovò un sacerdote che non conosceva, ma che gli fece subito una grande impressione e a cui chiese di potersi confessare. Quel giorno non si trattò di una confessione come un’altra. Tornò a casa con una convinzione ferma: voleva, doveva, diventare sacerdote”. Ci vollero 16 anni, e un percorso non sempre facile, per arrivare all’ordinazione sacerdotale, il 13 dicembre 1959.

“Ciò che mi piace di più è essere prete”, confessò una volta Jorge Mario Bergoglio ad una giornalista e scrittrice argentina, Olga Wormat: “Preferisco essere chiamato padre”, aggiunse. E proprio la “paternità spirituale” è per Bergoglio il requisito fondamentale del presbitero, come da Papa non si stanca mai di ripetere durante i suoi viaggi apostolici, negli incontri con i vescovi e il clero locale. Un tratto, quello della cura “paterna” del vescovo per i suoi preti, che ha esercitato lui stesso prima come Provinciale dei Gesuiti in Argentina e poi da vescovo ausiliare e arcivescovo di Buenos Aires. Ogni Giovedì Santo, per il Papa, è inoltre l’occasione per tracciare l’identikit del sacerdote: fin dalla sua prima Messa crismale, nel marzo del 2013, Francesco ha raccomandato l’”odore delle pecore”, per essere pastori in mezzo al gregge e pescatori di uomini.

 

 

 

Redazione da Ag. di I.

Redazione1
di Redazione1 dicembre 14, 2019 19:38


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Domenica delle Palme: tutorial per realizzare in casa i rami con i vostri bambini
    Prendete carta, forbici, colori, spillatrice… chiamate i bambini e mettetevi all’opera! Proprio ieri raccontavo a mia figlia Linda Maria che la prima messa a cui ha partecipato nella sua vita è stata quella della domenica delle palme di due anni fa. Glielo dicevo con un pizzico di nostalgia perché ora, con la pandemia in corso, non […]
    Silvia Lucchetti
  • Una quarentena per parlare con mia moglie
    La vita serena di una coppia che vive l’isolamento in casa per evitare il contagio del coronavirus Ricordo quando mi hai detto “Andiamo a salutare il sole” e ti ho accompagnata in giardino, dove hai chiuso gli occhi inspirando la brezza mattutina mentre io iniziavo a pensare alla fitta agenda che mi aspettava quel giorno. […]
    Orfa Astorga
  • Non tornano a casa per prendersi cura degli anziani
    Eroi che danno il meglio di sé. Uomini e donne mostrano in questi giorni tristi la loro umanità più luminosa Navighiamo in un mare di dubbi che ci tolgono la tranquillità. Stiamo soffrendo disorientati di fronte a una pandemia di dimensioni planetarie e non sappiamo dove stiamo andando. Incertezza, paura, la macchina produttiva che decelera […]
    Ignasi de Bofarull
  • “Veglierò su di te per quello che hai fatto”: le ultime parole all’infermiera che l’ha assistita
    Una signora ricoverata all’Ospedale San Luigi di Orbassano di Torino sta per morire a causa del Covid. L’infermiera le permette di salutare la sua famiglia tramite videochiamata dal suo cellulare. “Grazie, veglierò su di te per quello che hai fatto” le dice e poco dopo chiude gli occhi. Il sindaco di Volvera, un piccolo comune […]
    Silvia Lucchetti
  • Don Paolo, sull’auto del Comune, gira per i paesi a recitare il Rosario
    “E’ un modo per essere presente, per farmi sentire”. Un’iniziativa, molto utile al tempo del coronavirus, che è stata gradita dai fedeli “Passerò io, da solo, a portare la preghiera del Rosario! Voi, se volete, aprite le finestre e uscite sui balconi…” – ha scritto Don Paolo Padrini in un post sulla sua pagina Facebook. […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Don Alberto Ravagnani: digiuna dal cellulare, torna libero! (VIDEO)
    Basta un’ora. Questo è l’esercizio che ci propone. Eh, dai, ma cosa vuoi che cambi? Prova. Tirarsi la zappa sui piedi: parlare di digiuno dallo smartphone e vivere di visualizzazioni? Certo, non siamo sprovveduti, dai. Aleteia “vive” sui social, con collegamenti più da mobile che da desktop, per giunta. Raggiungiamo milioni di persone con i […]
    Paola Belletti
  • 12 santi che vi faranno innamorare dell’Eucaristia
    La Messa ri-presenta l’unico sacrificio di Cristo, e celebrarla significa tornare misticamente nel Cenacolo e sul Golgota. L’effetto di questo mistero tuttavia non è un intimistico solipsismo, bensì il rafforzamento dell’unione ecclesiale (detta appunto “comunione”). In un momento gravemente critico anche sul piano spirituale è bene saper scegliere guide sicure. È degno di nota come […]
    Giovanni Marcotullio
  • “Cristo” di oggi: 4 storie di dedizione fino alla morte
    Álvaro Iglesias, Anas al Basha, Maximiliano Kolbe, Ignacio Echeverría: esistono ancora persone “normali” che danno tutto L’amore è sempre una scelta. Una scelta che coinvolge tutta la nostra vita. Nell’enciclica Deus Caritas Est, Papa Benedetto XVI segnala: “Siccome Dio ci ha amati per primo (cfr 1 Gv 4, 10), l’amore adesso non è più solo […]
    Luisa Restrepo
  • Breve preghiera per la guarigione spirituale
    Non dimenticate di chiedere a Dio di guarire la vostra anima e di riportare la pace nella vostra vita Se la salute del corpo è estremamente importante, quello che è ancora più vitale è la salute dell’anima. Il nostro destino eterno dipende dallo stato della nostra anima quando moriremo, e dal fatto di essere aperti […]
    Philip Kosloski
  • Un sacerdote ti ha bloccato su Facebook. Ha peccato di poca carità?
    Padre Gabriel Vila Verde: “Ogni profilo è privato. Appartiene a quel qualcuno che non può diventare un bersaglio” Sul suo profilo personale di Facebook, rete sociale in cui è piuttosto popolare tra i cattolici, padre Gabriel Vila Verde ha spiegato che è giusto bloccare le persone che non sanno comportarsi con rispetto e civiltà: “Lo […]
    Gabriel Vila Verde

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 8:
    • 278:
    aprile: 2020
    L M M G V S D
    « Mar    
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    27282930  

    Login