MESSINA – Cateno De Luca è il nuovo sindaco di Messina, eletto con il doppio dei voti dell’avversario contro ogni previsione

Redazione1
di Redazione1 giugno 27, 2018 14:59

MESSINA – Cateno De Luca è il nuovo sindaco di Messina, eletto con il doppio dei voti dell’avversario contro ogni previsione

Il nuovo sindaco di Messina è Cateno De Luca. Il 40seienne deputato regionale di Sicilia Vera è stato eletto al ballottaggio con una percentuale di consensi quasi doppia (65,28%)  rispetto al suo contendente, il candidato del centrodestra prof. Dino Bramanti, fermatosi al  34,72%. Dunque un responso netto che rende questa elezione un evento di particolare rilievo per l’indicazione perentoria espressa dai messinesi. Non succede spesso che il divario tra i concorrenti sia così netto, specialmente se la previsione è di tipo opposto, e il candidato che finisce sconfitto duramente è preannunciato come vincente al primo turno. Un enigma interessante che meriterebbe di essere analizzato per comprendere le recondite ragioni che l’hanno causato.

Una cosa però è certa. L’elezione del nuovo sindaco, in particolar modo per una città come Messina che ha tanto bisogno di buona amministrazione, è certamente un evento di rilievo, perché non può non rappresentare un fattore culturale importante, speriamo finalmente determinante, da auspicare fortemente per il  risveglio e lo sviluppo dell’identità collettiva di questa città che langue da troppo tempo. Specialmente se il valore identitario di cui parliamo, ha subito, e continua a subire, un declino da tutti riconosciuto e da nessuno cambiato, di origini sia remote che attuali.

Infatti, ci troviamo in una realtà precaria indubbia, evidente e inveterata che, a seguito delle amministrazioni che si sono susseguite negli ultimi anni, ha registrato come conseguenza solo un ulteriore e inesorabile deterioramento del suo stato decadente. E dire che sia nelle precedenti elezioni, così come in quest’ultima, sono state messe in moto tante energie umane, animate da diverse finalità, secondo programmazioni tra loro anche molto contrastanti, spesso di tipo totalmente opposto, ma ritenute, da ogni parte degli schieramenti in competizione, fondamentali, irrinunciabili e risolutive per Messina. Purtroppo, però, tutti questi progetti di promettenti soluzioni, sia che provenissero  dall’”alto” o dal “basso”, sono state utili soprattutto per difendere gli orientamenti precostituiti – a dire il vero poco o nulla rivolti al sostanziale bene della città – e per di più spesso precedute da riprovevoli forme di campagna elettorale di infimo livello.

Ora, questa elezione sembra dare qualche indicazione diversa, curiosa e interessante. In particolar modo per il fatto che il sindaco eletto non appariva tra i candidati favoriti, anzi era quello più avversato da più parti e addirittura ritenuto “certamente inadeguato e perdente”. Per cui non può non apparire strano, ma anche abbastanza interessante, che gli elettori abbiano avuto motivi per preferirlo con un consenso così rilevante rispetto al suo avversario. Viene quindi da chiedersi: quali intuizioni e valide ragioni hanno spinto i messinesi ad operare un capovolgimento delle previsioni di questa portata, nonostante le tante pressioni contrarie?

Con le sue prime dichiarazioni il nuovo sindaco si dichiara sicuro di poter fare bene per Messina.   “Sono molto soddisfatto” – afferma – perché mi attendevo da parte della città una risposta forte e netta ad una azione fortemente denigratoria”; e aggiunge: “è la conferma che gli attacchi che non sono di natura politica non vengono premiati dalla comunità”. E riguardo al suo primo impegno dichiara: “metterò subito mano alla macchina amministrativa, affinchè risponda alla mia visione di governo”; poi assicura con fermezza: “Sarò il sindaco di tutti. Non accetterò intimidazioni, o che altri poteri possano interferire nei confronti di un sindaco democraticamente eletto”. dichiarazioni certo apprezzabili e rassicuranti, la cui verifica, ovviamente, è affidata ai fatti.

A  ringraziamento della sua annunciata elezione, insieme ad una massa enorme di sostenitori, per prima cosa – mai vista prima d’ora –  il neo eletto va a offrire un mazzo di fiori alla Madonna in piazza Immacolata di marmo, e subito dopo depone una corona alla base del monumento dei Caduti in piazza Municipio. Un gesto insolito in simili circostanze, ma certamente apprezzabile.

Della sua storia personale, in breve sintesi, sappiamo che è nato a Fiumedinisi nel marzo 1972, che risiede a Messina dove lavora dal 1994. E’ sposato e padre di due figli; ha conseguito la licenza classica al liceo La Farina e la laurea in Giurisprudenza all’Università degli studi di Messina. E’ specializzato in diritto del lavoro, sindacale e management aziendale; Nel 1992 ha fondato la Federazione Nazionale Autonoma Piccoli Imprenditori (FENAPI), di cui nel 1997 è stato direttore nazionale.

Nel 2003 è stato eletto Sindaco della Comunità di Fiumedinisi; nel 2006 eletto deputato regionale nella Circoscrizione della Provincia di Messina; nel 2006 è stato deputato Regionale nella Circoscrizione della Provincia di Messina, e nel 2007 presidente dell’”Associazione Sicilia Vera”. E’ rieletto all’ARS nel 2008 con 10.171 voti di preferenza nella lista MPA-ALLEATI PER IL SUD; nel 2012 è candidato alla Presidenza della Regione Sicilia e  nello stesso anno eletto Sindaco del Comune di Santa Teresa di Riva.

Congratulazioni al nuovo sindaco per il successo conseguito, e auguri di buon lavoro.

 

 

Anastasio Majolino

 

 

Redazione1
di Redazione1 giugno 27, 2018 14:59


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Al via il Festival Biblico: come essere Fratelli in tempo di pandemia?
    L’apertura (virtuale) è in programma per il 24 gennaio, in occasione della Domenica della Parola. Ecco come e dove seguirlo Al via un edizione innovativa (e in parte virtuale) del Festival Biblico. “Siete tutti fratelli” – tratto dal Vangelo di Matteo – è il tema dell’edizione organizzato e promosso da Società San Paolo e diocesi […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Preghiera di aiuto a Dio per il rischioso viaggio del Papa in Iraq
    E’ stata composta dal patriarca caldeo di Baghdad, card. Louis Raphael Sako. Si chiede al “Signore nostro Dio” di concedere a Papa Francesco “salute e condizioni di sicurezza, affinché possa svolgere con successo questa visita attesa” Una preghiera per chiedere l’intercessione della Madonna affinché Papa Francesco possa realizzare il suo viaggio in Iraq, previsto a […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Nel 2021, già realizzati oltre 1,4 milioni di aborti nel mondo
    Nel 2021, già realizzati oltre 1,4 milioni di aborti nel mondo Oltre 1,4 milioni di aborti sono già stati realizzati nel mondo nel 2021. Sì, proprio nel 2021, anno iniziato da appena due settimane. Worldometers.info è un sito di statistiche mondiali che presenta numeri a partire da fonti ufficiali, e mostra, ad esempio, che dal 1° […]
    Francisco Vêneto
  • Dio perdona… e dimentica!
    Perdonare e dimenticare l’offesa è una benedizione, perché ci permette di liberarci di un peso e ci aiuta a recuperare la pace Ricordo il consiglio che un buon sacerdote mi ha dato durante la Confessione sacramentale. Mi è stato di grande aiuto, e ha alleviato molto i miei dubbi e le mie inquietudini spirituali. Giorni […]
    Claudio De Castro
  • Addio a suor Maria Concetta, testimone di Cristo a Tarso
    La pandemia da Covid-19 ha portato via un’altra testimone dell’amore di Gesù e dell’Apostolo Paolo in terra turca Fino a qualche giorno fa nell’avamposto di Tarso in Turchia, la città dell’Apostolo Paolo, erano in tre le uniche religiose che con la loro presenza tenevano accesa la lampada davanti al Tabernacolo. Il servizio a Tarso di […]
    Silvia Lucchetti
  • Briana Santiago: Dio ha sempre avuto in serbo il meglio per me
    «Ora sento la gioia che mi abita dentro e mi sostiene». Briana ci racconta il suo cammino dal Texas alla Consacrazione nelle Apostole della vita interiore. Quando ero solita andare a Roma a incontrare i miei amici chestertoniani si sentiva sempre la frase: «Oh, ecco che arrivano le Apostole!». Frase rigorosamente al plurale, perché queste […]
    Annalisa Teggi
  • Teresa, la figlia di Jovanotti, annuncia di avere sconfitto un tumore
    Teresa Cherubini, figlia di Lorenzo e di Francesca Valiani, ha raccontato ieri di avere sconfitto un linfoma di Hodgkin dopo mesi di battaglia È per te che sono verdi gli alberi E rosa i fiocchi in maternità È per te che il sole brucia a luglio È per te tutta questa città (…) È per […]
    Paola Belletti
  • Il Papa alle ex prostitute: chiedo perdono per i cristiani che hanno abusato di voi
    I retroscena di un incontro speciale tra Francesco e le donne vittime di tratta che si è svolto alla Comunità Papa Giovanni XXIII Papa Francesco chiede perdono alle prostitute. Per tutti gli abusi subiti, sopratutto da chi si professa cristiano ed è loro cliente. Un incontro segreto tra il Papa e le donne di vittime […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Pensieri d’amore di santa Teresina a San Giuseppe
    Diceva Santa Teresa di Lisieux che bisogna “fargli piacere” a San Giuseppe. Ecco cosa voleva intendere Santa Teresina scriveva preghiere e pensieri a San Giuseppe. Diceva che bisognava “fargli piacere” per ottenere la sua potente intercessione. E invitava tutti a comportarsi allo stesso modo. Vediamo perchè la santa di Lisieux si sentiva così legata al […]
    don Marcello Stanzione
  • “La malattia è un privilegio”, diceva il vescovo colombiano morto di coronavirus
    Nel suo messaggio natalizio, monsignor Luis Adriano Piedrahita Sandoval aveva offerto i disagi della malattia per i suoi fedeli, i familiari, i sacerdoti e il personale medico che lo assisteva Monsignor Luis Adriano Piedrahita, vescovo della diocesi di Santa Marta, è il primo membro della gerarchia della Chiesa cattolica a morire in Colombia a causa del […]
    Lucía Chamat

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 189:
    • 414:
    gennaio: 2021
    L M M G V S D
    « Dic    
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    25262728293031

    Login