MESSINA – Cateno De Luca è il nuovo sindaco di Messina, eletto con il doppio dei voti dell’avversario contro ogni previsione

Redazione1
di Redazione1 giugno 27, 2018 14:59

MESSINA – Cateno De Luca è il nuovo sindaco di Messina, eletto con il doppio dei voti dell’avversario contro ogni previsione

Il nuovo sindaco di Messina è Cateno De Luca. Il 40seienne deputato regionale di Sicilia Vera è stato eletto al ballottaggio con una percentuale di consensi quasi doppia (65,28%)  rispetto al suo contendente, il candidato del centrodestra prof. Dino Bramanti, fermatosi al  34,72%. Dunque un responso netto che rende questa elezione un evento di particolare rilievo per l’indicazione perentoria espressa dai messinesi. Non succede spesso che il divario tra i concorrenti sia così netto, specialmente se la previsione è di tipo opposto, e il candidato che finisce sconfitto duramente è preannunciato come vincente al primo turno. Un enigma interessante che meriterebbe di essere analizzato per comprendere le recondite ragioni che l’hanno causato.

Una cosa però è certa. L’elezione del nuovo sindaco, in particolar modo per una città come Messina che ha tanto bisogno di buona amministrazione, è certamente un evento di rilievo, perché non può non rappresentare un fattore culturale importante, speriamo finalmente determinante, da auspicare fortemente per il  risveglio e lo sviluppo dell’identità collettiva di questa città che langue da troppo tempo. Specialmente se il valore identitario di cui parliamo, ha subito, e continua a subire, un declino da tutti riconosciuto e da nessuno cambiato, di origini sia remote che attuali.

Infatti, ci troviamo in una realtà precaria indubbia, evidente e inveterata che, a seguito delle amministrazioni che si sono susseguite negli ultimi anni, ha registrato come conseguenza solo un ulteriore e inesorabile deterioramento del suo stato decadente. E dire che sia nelle precedenti elezioni, così come in quest’ultima, sono state messe in moto tante energie umane, animate da diverse finalità, secondo programmazioni tra loro anche molto contrastanti, spesso di tipo totalmente opposto, ma ritenute, da ogni parte degli schieramenti in competizione, fondamentali, irrinunciabili e risolutive per Messina. Purtroppo, però, tutti questi progetti di promettenti soluzioni, sia che provenissero  dall’”alto” o dal “basso”, sono state utili soprattutto per difendere gli orientamenti precostituiti – a dire il vero poco o nulla rivolti al sostanziale bene della città – e per di più spesso precedute da riprovevoli forme di campagna elettorale di infimo livello.

Ora, questa elezione sembra dare qualche indicazione diversa, curiosa e interessante. In particolar modo per il fatto che il sindaco eletto non appariva tra i candidati favoriti, anzi era quello più avversato da più parti e addirittura ritenuto “certamente inadeguato e perdente”. Per cui non può non apparire strano, ma anche abbastanza interessante, che gli elettori abbiano avuto motivi per preferirlo con un consenso così rilevante rispetto al suo avversario. Viene quindi da chiedersi: quali intuizioni e valide ragioni hanno spinto i messinesi ad operare un capovolgimento delle previsioni di questa portata, nonostante le tante pressioni contrarie?

Con le sue prime dichiarazioni il nuovo sindaco si dichiara sicuro di poter fare bene per Messina.   “Sono molto soddisfatto” – afferma – perché mi attendevo da parte della città una risposta forte e netta ad una azione fortemente denigratoria”; e aggiunge: “è la conferma che gli attacchi che non sono di natura politica non vengono premiati dalla comunità”. E riguardo al suo primo impegno dichiara: “metterò subito mano alla macchina amministrativa, affinchè risponda alla mia visione di governo”; poi assicura con fermezza: “Sarò il sindaco di tutti. Non accetterò intimidazioni, o che altri poteri possano interferire nei confronti di un sindaco democraticamente eletto”. dichiarazioni certo apprezzabili e rassicuranti, la cui verifica, ovviamente, è affidata ai fatti.

A  ringraziamento della sua annunciata elezione, insieme ad una massa enorme di sostenitori, per prima cosa – mai vista prima d’ora –  il neo eletto va a offrire un mazzo di fiori alla Madonna in piazza Immacolata di marmo, e subito dopo depone una corona alla base del monumento dei Caduti in piazza Municipio. Un gesto insolito in simili circostanze, ma certamente apprezzabile.

Della sua storia personale, in breve sintesi, sappiamo che è nato a Fiumedinisi nel marzo 1972, che risiede a Messina dove lavora dal 1994. E’ sposato e padre di due figli; ha conseguito la licenza classica al liceo La Farina e la laurea in Giurisprudenza all’Università degli studi di Messina. E’ specializzato in diritto del lavoro, sindacale e management aziendale; Nel 1992 ha fondato la Federazione Nazionale Autonoma Piccoli Imprenditori (FENAPI), di cui nel 1997 è stato direttore nazionale.

Nel 2003 è stato eletto Sindaco della Comunità di Fiumedinisi; nel 2006 eletto deputato regionale nella Circoscrizione della Provincia di Messina; nel 2006 è stato deputato Regionale nella Circoscrizione della Provincia di Messina, e nel 2007 presidente dell’”Associazione Sicilia Vera”. E’ rieletto all’ARS nel 2008 con 10.171 voti di preferenza nella lista MPA-ALLEATI PER IL SUD; nel 2012 è candidato alla Presidenza della Regione Sicilia e  nello stesso anno eletto Sindaco del Comune di Santa Teresa di Riva.

Congratulazioni al nuovo sindaco per il successo conseguito, e auguri di buon lavoro.

 

 

Anastasio Majolino

 

 

Redazione1
di Redazione1 giugno 27, 2018 14:59


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Papa Francesco su Tv2000: con i morti si può parlare, ma loro sono già davanti a Dio
    Il pontefice alla trasmissione “Io Credo”: “Se non crediamo alla resurrezione dei morti, la nostra fede è una stupidaggine” Si può «parlare con i defunti, con i nostri antenati: ‘Ma, dimmi, tu dove stai? Dove sei?’, perché c’è la prima resurrezione e poi sarà universale per tutti, ma loro già sono davanti a Dio». Lo […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Il Battesimo di tuo figlio è stato rinviato? Ecco cosa puoi fare nell’attesa
    In queste circostanze difficili la Chiesa non lascia solo nessuno, contempla ogni eccezione proprio in virtù dell’amore premuroso con cui Gesù vuole arrivare a tutti. La riduzione e sospensione dei Sacramenti in tempo di epidemia addolora, eppure è proprio nei tempi più duri e difficili che anche gli aspetti più tecnici e dottrinali della Chiesa […]
    Annalisa Teggi
  • Un miracolo nel caos del coronavirus
    Carla ha postato sulle reti sociali un messaggio perché i suoi amici pregassero per suo nonno, che avrebbe dovuto sottoporsi a un delicatissimo intervento Carla ha 23 anni e sta vivendo come tutti la pandemia mondiale del coronavirus, che colpisce migliaia di spagnoli. Ma ha anche un altro motivo di preoccupazione: suo nonno dev’essere operato, […]
    Javier González García
  • Famiglie e disabili intellettivi: per noi la passeggiata non è un capriccio
    Quanto più si protrae questa condizione di isolamento, tanto maggiore diventa la fatica per chi patisce situazioni di disabilità psichica e intellettiva. Per tantissime persone, allora, una breve passeggiata, con tutte le misure anti contagio previste, è una questione di vera sopravvivenza. Io resto a casa per tanti ha smesso da un pezzo di essere […]
    Paola Belletti
  • Fate la comunione spirituale a casa come ci insegnano Sant’Alfonso e Papa Francesco
    Predisponete il vostro cuore e recitate queste preghiere: riceverete così, spiritualmente, il Corpo di Cristo I cristiani, in questi giorni di forzata permanenza a casa, a causa della diffusione del coronavirus, con difficoltà riescono ad attingere sacramentalmente al Corpo e al Sangue di Cristo, ma possono ricevere spiritualmente l’Eucaristia secondo una consolidata tradizione cattolica. Predisponendosi […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Durante una peste mortale, Papa Gregorio ebbe una visione consolatrice di San Michele Arcangelo
    L’apparizione fu una risposta diretta alle preghiere incessanti del Papa per il suo popolo Alla fine del VI secolo una grave peste devastò la città di Roma, reclamando anche la vita di Papa Pelagio II. Fu un’epoca difficile per i cittadini romani, e quando Papa Gregorio I venne eletto a guidare la Chiesa decise di […]
    Philip Kosloski
  • 27 anni d’amore per la moglie che non vede e non parla
    Avguštin Maučec ha lasciato il lavoro per assistere Irena, che ha subìto lesioni irreversibili a causa di un incidente poco dopo il matrimonio Quando Avguštin ha pronunciato la formula matrimoniale in cui prometteva a Irena di esserle fedele sempre, nella gioia e nel dolore, nella salute e nella malattia, e di amarla e onorarla tutti […]
    Dolors Massot
  • Come sarà la vita dopo il Coronavirus?
    Mentre il mondo si ritrova in stato d’emergenza, un prete della diocesi di Bordeaux s’interroga su quel che succederà “dopo”, quando il mondo riprenderà la sua vita normale. A che cosa somiglierà allora la nostra vita? E tutto s’è fermato… Questo mondo lanciato come un bolide nella sua corsa folle, questo mondo di cui sapevamo […]
    Pierre Alain Lejeune
  • Camici bianchi: adesso eroi, ma dopo?
    Il prezzo a breve e lungo termine che il personale sanitario in trincea per tutti noi rischia di pagare. In questi giorni così difficili assistiamo ad uno straordinario afflato popolare verso il personale sanitario che è in prima linea ad affrontare il terribile nemico invisibile con cui il Paese sta combattendo da circa un mese. Già […]
    Silvia Lucchetti
  • L’Anima Christi, preghiera perfetta per la Comunione spirituale
    “Non permettere che io mi separi da te” Usata in genere come preghiera dopo che ci si è comunicati, l’Anima Christi può anche essere utilizzata come preghiera di Comunione spirituale quando non si può ricevere l’Eucaristia nella Santa Comunione. Si crede che questa preghiera sia stata scritta nel XIV secolo da Papa Giovanni XXIII, ma […]
    Philip Kosloski

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 34:
    • 367:
    marzo: 2020
    L M M G V S D
    « Feb    
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    3031  

    Login