SAN PIERO PATTI – Identità: patrimonio culturale da valorizzare

Redazione1
di Redazione1 agosto 7, 2016 21:27

SAN PIERO PATTI – Identità: patrimonio culturale da valorizzare

Valorizzare l’identità collettiva per dare forza propulsiva alla propia comunità e migliorarne la vivibilità.

E’ una singolarità culturale viziata da evidente incongruenza, quellaSampieropatti ° che da qualche tempo ci è dato osservare nel cyberspazio di Internet. Si tratta di certi discorsi saccenti sull’identità, che non sono sostenuti da spiegazioni sui significati sottesi all’entità simbolica e complessa che questa parola sta ad indicare. Per di più, sulla base di concetti poco chiari, si prospettano programmi di sviluppo socio-economico-territoriali ambiziosi, che appaiono pertanto inappropriati e alquanto confusi. Per cui viene da chiedersi: ma quanti sanno veramente di che parlano, trattando di identità (collettivo-territoriale)? Da quel che appare, veramente non debbono essere tanti; anche perché, trattandosi di una realtà psico-sociale sfuggente, che ha carattere relazionale, dinamico, evolutivo, quindi storico (risultante di un processo sociale complesso), non è facile da penetrare e da tradurre in fatti concreti.

D’altra parte, essendo di fronte ad una entità da cui dipende la qualità del modo di vivere comunitario – l’identità collettiva, sotto l’aspetto antropologico, coincide con l’identità culturale – si capisce bene quanto da essa dipenda il buon funzionamento del contesto socio-politico-economico-territoriale.
Santa Maria 2 °Ora, al fine di entrare più addentro nelle pieghe del discorso, in modo da comprenderlo meglio, giova considerare alcuni punti basilari della questione. A questo scopo, è utile richiamare quel luogo incantevole, stupendamente adagiato sulle pendici dei Nebrodi, che è San Piero Patti – di cui ho già detto – che rappresenta un modello valido cui riferirmi per la compattezza della sua conformazione, per i confini ben definiti e la ricchezza del suo patrimonio identitario (compresa la sua meravigliosa posizione paesaggistica). Un patrimonio, però, che mostra qualche ingiustificata zona d’ombra: alcuni suoi stupendi e antichi “pezzi” architettonici, tra i più rappresentativi della sua storia, infatti, appaiono alquanto “oscurati”, in quanto inspiegabilmente lasciati sommersi nella trascuratezza dell’abbandono.

Sotto questo profilo, va subito messo in rilievo che riferendoci ad un luogo ben caratterizzato, in cui il prezioso retaggio di antichità è così forte da avere peso preponderante nella sua vita attuale, non ci si può esimere dal considerare l’importanza che riveste il passato, ricco di tante testimonianze, su cui l’identità si fonda. Perché è sui valori sia spaziali (confini territoriali, luoghi-simbolo e aggregativi), Convento Carmelitani 2 °sia temporali (memoria storica legata a significati ed eventi fondamentali comuni) di cui l’immaginario collettivo è costituito, che l’identità collettiva ha le sue radici inalienabili.

Tutti fattori caratterizzanti, dunque, che sono investiti di senso evocativo, in cui si condensano le immagini di un passato ricco di ricordi significanti, e da cui una collettività trae memoria storica, tradizioni, vissuti e peculiarità che la contraddistinguono. In sintesi, tutto quanto rappresenta la sua identità culturale: modalità del vivere comune, conoscenze, costumi, abitudini, religiosità, arti, miti, riti, produzioni locali, politiche di governo, ed altro; identità costituita anche da tutti quegli spazi fisici, varie architetture, luoghi simbolo dell’anima, fra cui chiese, conventi, monumenti, ecc., che danno l’impronta distintiva di un dato luogo e della spiritualità della sua gente.

Un patrimonio di beni materiali e immateriali da cui viene tratto il senso di appartenenza condivisa, definita come “Noi”, che contraddistingue una collettività, e di cui ci si sente orgogliosi.
Chiostro 3Ma essere fieri della propria appartenenza comunitaria, come lo sono, eccome, i “sampietrini”, comporta soprattutto prendere atto che è necessario preservare e mantenere saldo il proprio patrimonio identitario; che bisogna farlo riemergere dalle zone di “oscurità”, tutelarlo, valorizzarlo a beneficio culturale di tutti, perché è da questo atteggiamento che dipende la forza propulsiva di una comunità: quella da cui i suoi abitanti possono trarre motivo per essere veramente orgogliosi.

Per di più, c’è da valutare che un paese così significativo per l’insieme dei valori identitari universali che rappresenta, non può non essere considerato un patrimonio comune, verso cui tutti, insieme ai suoi abitanti, non ci si può non sentire compartecipi e anche corresponsabili; specialmente se lo si inquadra – quale valido modello nodale – in un contesto territoriale allargato di grande valenza turistica, nell’ambito di una importante progettualità condivisa, quindi unificante e promettente.

 

Anastasio Majolino

Redazione1
di Redazione1 agosto 7, 2016 21:27


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • La mirabile moltiplicazione delle monache di Boulaur
    Alla fine degli anni 1970, le suore cistercensi dell’abbazia di Boulaur (Gers) si contavano sulle dita di una mano. Sono vicine di casa della famiglia di Claire de Castelbajac, e vi intrattengono da sempre vincoli di amicizia. Gli incontri e le preghiere sarebbero sbocciati in un’incredibile primavera. È una pioggia di occhiolini che da quarant’anni […]
    Bérengère Dommaigné
  • Esther, guarita da un cancro e vivificata dalla preghiera
    Proprio un anno fa Esther, colpita da un cancro al seno, riceveva l’Unzione degli infermi. Oggi rende grazie per la guarigione, per la preghiera della sua comunità parrocchiale e per la sua rinascita in Cristo. «Venite a me, voi tutti che siete affaticati e oppressi, e io vi ristorerò» (Mt 11,28), twittava all’inizio di gennaio […]
    Mathilde De Robien
  • 10 cose che ho imparato grazie ai miei cinque figli
    Al giorno d’oggi le famiglie numerose non sono di moda. Dire che ho cinque figli mi ha trasformata nella destinataria di espressioni di stupore e a volte di disapprovazione. Non manca mai qualcuno che dica “Siete pazzi”, al che rispondiamo sempre di sì, perché bisogna davvero essere un po’ folli per avventurarsi nel mondo delle […]
    María Verónica Degwitz
  • Crollo delle adozioni in Italia: tra nazionalismi e politiche da “ultima spiaggia”
    Crollano le adozioni nel nostro paese che si attestano sotto quota 1000 per la prima volta: pesano nazionalismi, instabilità di governo, ma anche politiche da “ultima spiaggia” che non tengono conto dei diritti dei bambini in primis. Nel mondo che mercifica i bambini, che li rende prodotti pre-confezionati con gli ingredienti e le avvertenze sempre […]
    Giovanna Binci
  • Non “fare” la preziosa, perché tu sei preziosa!
    Nella castità, prima patita e poi ammirata e sempre più compresa, ho scoperto l’amore. di Antonio e Luisa San Valentino è passato da pochi giorni. Per me e Luisa non è solo la ricorrenza della festa degli innamorati. Per noi è una data importante anche per la nostra personale storia d’amore. Ne approfitto per condividere […]
    Matrimonio cristiano
  • Nelle Filippine niente strette di mano allo scambio del segno della pace, mentre la paura per il coronavirus aumenta
    La Chiesa cattolica ha diffuso linee guida per ostacolare la diffusione della malattia In risposta alla minaccia del coronavirus, la Chiesa cattolica delle Filippine ha diffuso delle linee guida consigliando ai fedeli che vanno a Messa di evitare di stringersi la mano durante lo scambio della pace e di tenersi per mano quando si recita […]
    Padre Atilano Fajardo
  • Ambasciatori di una Chiesa missionaria
    La decisione del Papa di inserire un anno di missione nel curriculum formativo del personale diplomatico della Santa Sede La decisione papale di inserire nel curriculum formativo del personale diplomatico al servizio delle nunziature un anno da trascorrere in terra di missione arriva a pochi mesi dall’annuncio che lo stesso Francesco aveva fatto nel discorso […]
    Andrea Tornielli
  • Bambino di 5 anni lancia la sorellina dalla finestra e salva la sua famiglia dalle fiamme
    Noah si è svegliato e ha visto che la sua stanza era piena di fuoco e fumo. Aveva a disposizione solo una finestra, e non ha esitato “Avevamo saputo di bambini che avvertono la famiglia del fatto che è scoppiato un incendio, ma mai di un bambino di 5 anni che abbia agito in questo […]
    Dolors Massot
  • Puoi vedere negli altri… solo ciò che hai nel cuore!
    C’era una volta un vecchio saggio seduto ai bordi di un’oasi all’entrata di una città del Medio Oriente.​ Un giovane si avvicinò e gli domandò: “Non sono mai venuto da queste parti. Come sono gli abitanti di questa città?”​ L’uomo rispose a sua volta con una domanda: “Come erano gli abitanti della città da cui […]
    Don Giovanni Benvenuto
  • San Valentino per ritardatari: potete recuperare il 2 maggio!
    San Valentino, sì, ma quale? Se non avete festeggiato il 14 febbraio, se vi siete dimenticati, se dovete rimediare, ecco la storia che potrebbe salvarvi e l’occasione per recuperare è il 2 maggio! C’era una volta San Valentino. Era un pio cristiano di cui si sa poco o nulla, a parte il fatto che era […]
    Una penna spuntata

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 220:
    • 283:
    febbraio: 2020
    L M M G V S D
    « Gen    
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    242526272829  

    Login