MESSINA – Dai reperti marmorei provenienti da un passato prestigioso, un richiamo a ridestare memoria e identità

Redazione1
di Redazione1 febbraio 23, 2018 19:11

MESSINA – Dai reperti marmorei provenienti da un passato prestigioso, un richiamo a ridestare memoria e identità

Antiche testimonianze fornite da pregiati stemmi decorativi residui di palazzi, chiese e monumenti andati distrutti, permette di ricollegarci con i fondamenti storici in cui è radicata la nostra identità culturale

 Il vigore socialmente propulsivo di una città non può non essere commisurato alla solidità della sua identità, che a

Marmo scolpito -XVI – XVIII sec. probabile collocaz. antico centro storico

sua volta ricava energia dalle radici del passato. L’identità, infatti, essendo una realtà composita ed evolutiva concernente la memoria e il ricordo, lo è per l’individuo cosi come per il gruppo.  Solo che la memoria collettiva non si fonda sul substrato neuronico del singolo cervello, bensì sulla base, ben più ampia, di natura culturale. Cioè su quel complesso di simboli conoscenze e modi di vivere che si collocano entro una tradizione, dipendente dall’appartenenza ad una storia condivisa e a un ben definito ambito di riferimenti.

Ora, questo tipo di costrutto socio-storico-relazionale, per potersi correlare positivamente al presente e al futuro, ha bisogno di trarre forza dalla consapevolezza del proprio passato. E di questo i messinesi sentono particolare esigenza per via dei diversi eventi traumatizzanti, soprattutto il terremoto del 1908, che li hanno privati di tante testimonianze identitarie. Nel tentativo di contribuire a dare qualche risposta utile a tale richiesta, ci gioviamo della documentazione fornita dalla pubblicazione “Stemmi Araldici – dalle collezioni del Museo Regionale di Messina”, di Marco Grassi, che permette di risalire a parti della

Marmo scolpito, XVI – XVIII sec.  Collocazione sconosciuta

nostra storia partendo da alcuni stemmi marmorei che sono rimasti di quanto, palazzi, chiese, monumenti, è andato perduto.

Seguendo queste tracce indicative, non si può non prendere in considerazione un gruppetto di eleganti stemmi marmorei che “riportano il classico scudo araldico della città dello Stretto: la croce d’oro in campo rosso, risalente, secondo tradizione, alla concessione fatta dall’Imperatore d’Oriente Arcadio” alla città di Messina. Si tratta di uno di quegli episodi esaltanti, descritto in un antico libro bizantino, riguardante un avvenimento accaduto nell’anno 407, che mette in risalto valori e capacità dei nostri avi. da noi ritenuti prerogative della messinesità, fra cui predisposizione all’accoglienza, fedeltà nell’amicizia, solidarietà e generosità fattiva.

Nell’impero d’Oriente, a Costantinopoli (allora Bisanzio), regnante Arcadio figlio di Teodosio, questi era accorso in aiuto di Tessalonica (oggi Salonicco) che era stata assediata da milizie ribelli; ma, per una serie di sfavorevoli evenienze, accadde che, anziché liberare la città, egli stesso finì per rimanere rinchiuso sotto assedio in

Marmo scolpito, XVI – XVIII sec. Collocaz. Piazza Palazzo Reale, angolo Via I Settembre e Viale S. Martino

Tessalonica. Arcadio, allora, chiese il soccorso delle altre città dell’impero, che però non si mossero in suo aiuto. Solo Messina fu pronta a rispondere all’invocazione dell’Imperatore, inviando subito una flotta di numerose navi cariche di armati, al comando dello stratigò Metrodoro, che riuscirono non solo a liberare Arcadio dall’assedio, ma anche a riconquistare Costantinopoli, riconsegnandola all’Imperatore.

Questi, in segno di gratitudine verso i messinesi così prontamente accorsi a salvarlo, nominò Messina ”Città imperiale e Principale” di tutto l’impero, con il titolo di “Protometropoli della Sicilia e della Magna Grecia”, conferendole il Comando e Governo perpetuo della Sicilia. L’imperatore la dotò pure del vessillo imperiale recante lo stemma della Croce d’oro in campo rosso che sostituì quello precedente, e stabilì che per i suoi trasferimenti si sarebbe giovato esclusivamente di una galea di Messina.

Per dare più risalto alla generosa e fattiva fedeltà dei messinesi, volle lasciare anche un segno perenne della sua riconoscenza, disponendo che la frase greca “GRAN MERCÈ A MESSINA” fosse incisa nel campanile di Santa Sofia in Costantinopoli, proprio sotto lo stemma imperiale. I messinesi poi, nel 1528, modificarono questa frase in “Gran mirci a Messina” e la scolpirono, a loro volta, sotto lo

 

stemma imperiale inciso sull’architrave della porta del campanile del Duomo. Da ultimo, la scritta è stata apposta anche sui cancelli di Palazzo Zanca, a testimonianza di un avvenimento che, rendendo onore 
al nobile passato di questa città, non può non rappresentare un perenne stimolo di orgogliosa e fattiva appartenenza per i suoi abitanti.

 

 

 

 

 

Anastasio Majolino

 

 

 

Redazione1
di Redazione1 febbraio 23, 2018 19:11


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • “Mi raccomando, fai il bravo e sii prudente!”
    Lo ripetiamo sempre ai nostri figli e loro sbuffano, ma anche Dio nella Bibbia ci educa con parole simili e tanta pazienza.Quante volte faccio questa raccomandazione ai miei figli: “Stai attento! Sii prudente, tieni gli occhi aperti!” … e la risposta unanime è sempre un sì strascicato che ti fa sentire tutta la pesantezza delle […]
    Mogli e mamme per vocazione
  • Astro del ciel compie 200 anni ed è patrimonio dell’umanità (lo sapevate?)
    La leggenda dell'origine di questo canto comincia con alcuni topolini che rompono un organo poco prima della Messa di Natale e poi grazie a una chitarra nasce una melodia di pace.Buon pomeriggio, il nostro avvento quest’anno sarà tutto a suon di musica, come già scritto nel gruppo e nella pagina facebook, ogni settimana vi proponiamo […]
    Stile di vita di una folle donna cattolica
  • Una famiglia normale alle prese col S.Natale: non siamo perfetti, ma ci siamo “quasi”!
    Il resto lo compie il Signore, piccolo e onnipotente. L'imperfezione è il pretesto giusto per ricordarci che è Gesù Cristo che compie. Erica Bassi, moglie di Davide, mamma di Marco, Chiara e Pietro, autrice del libro “La porta gialla”, amica del Movimento Pro Sanctitate, ci racconta il suo Natale in famiglia. Natale, santità, famiglia: tre […]
    Erica Bassi
  • Io nel presepe voglio stare tra i pastori
    I pastori sono i primi che accorrono alla Grotta su invito degli angeli. Erano ignoranti, ma sono i primi chiamati. Nella loro semplicità, capiscono. Io mi metto fra loro.Un mio amico napoletano è un attivo organizzatore di pellegrinaggi in Terra Santa. Dopo l’ultimo viaggio mi ha raccontato che alcuni partecipanti, all’inizio, si erano dichiarati atei: […]
    Pippo Corigliano
  • Sacerdote belga arrestato per non aver rivelato i pensieri suicidi di un uomo
    Il tribunale ha stabilito che il segreto della Confessione non poteva essere usato come difesaUn tribunale belga ha arrestato un sacerdote cattolico per non aver cercato aiuto per un uomo che gli aveva confessato i suoi pensieri suicidi, ha riferito la Reuters. Padre Alexander Stroobandt ha ricevuto una condanna a un mese di carcere, poi […]
    Zelda Caldwell
  • Si può ottenere un’indulgenza pregando l’angelo custode: ecco come si fa
    San Giovanni Bosco ha riportato il numero e i giorni di preghiera per avere la plenaria o quella di 100 giorniSi può ottenere un’indulgenza plenaria pregando l’angelo custode? La risposta è affermativa. Ce lo insegna San Giovanni Bosco. Come riporta Don Marcello Stanzione in “Gli angeli di San Giovanni Bosco” (La Fontana di Siloe), il […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Per essere santi non basta essere giusti bisogna avere fiducia in Dio, come San Giuseppe
    Come ci si può fidare di un sogno? Eppure Giuseppe si fida. Ecco come avvenne la nascita di Gesù Cristo: sua madre Maria, essendo promessa sposa di Giuseppe, prima che andassero a vivere insieme si trovò incinta per opera dello Spirito Santo. Giuseppe suo sposo, che era giusto e non voleva ripudiarla, decise di licenziarla […]
    Luigi Maria Epicoco
  • Il fondatore dell’Opus Dei aveva un angelo custode “orologiaio”
    Lo risvegliava sempre con estrema puntualità. San Josémaria Escrivà riusciva ad entrare in contatto anche con gli angeli custodi delle altre personeSan Josémaria Escrivà (1902-1975), il fondatore dell’Opus Dei, aveva una fede enorme nel suo Angelo Custode, che gli ha reso immensi servizi, tra cui quello di salvargli la vita. Notiamo che la fondazione dell’Opus […]
    don Marcello Stanzione
  • 6 prodigi inspiegabili compiuti da San Giovanni Battista de La Salle
    Il santo, fondatore dei Fratelli delle Scuole Cristiane, è stato protagonista di miracoli e guarigioni straordinarieAlmeno sei guarigioni prodigiose, quando era ancora in vita, vengono attribuire al santo francese Giovanni Battista de La Salle (1651-1719), De La Salle è stato l’educatore per eccellenza tra i santi, ha fondato le scuole cristiane in Francia, e avvicinato […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Mara Santangelo: ho vinto tanto ma ero infelice. A Medjugorje è cambiata la mia vita
    L'ex campionessa di tennis è fiorita veramente quando ha incontrato l'amore di Cristo. "Mettere in pratica ciò che Gesù ci chiede non è semplice, ma il tragitto verso la santità non è una competizione e tutti possiamo aspirare al traguardo"Mara Santangelo ha due occhi azzurri accesi di gioia, basta scorrere alcune delle foto che pubblica […]
    Silvia Lucchetti

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

Almanacco

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 31:
    • 62:
    dicembre: 2018
    L M M G V S D
    « Nov    
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
    31  

    Login