Madonna del Carmelo, celebrazione di “una spiritualità mariana austera, profonda e intrisa di ascesi”

Redazione1
di Redazione1 Luglio 16, 2022 00:39

Madonna del Carmelo, celebrazione di “una spiritualità mariana austera, profonda e intrisa di ascesi”

E’ un forte richiamo di profonda spiritualità quello che promana dalla solennità liturgica della Madonna del Carmine, detta anche Madonna del Carmelo, che si celebra il 16 luglio. Una ricorrente celebrazione che ha una storia lunga e articolata, le cui origini risalgono attorno al 1100, quando un gruppo di eremiti provenienti dall’Europa si ritirò sul Monte Carmelo (520 mt), situato nell’attuale stato di Israele, dove costruirono una chiesetta dedicata alla Madonna e vennero chiamati Carmelitani, dal nome dal luogo dove vivevano.

Monte del Carmelo legato al profeta Elia prima di essere luogo di devozione mariana, dove il carmelitano inglese Simone Stock (1165-1265) visse una forte esperienza spirituale che lo portò a rinnovare l’affidamento dei religiosi alla Vergine Maria. Una spiritualità, quella del Carmelo, “austera, profonda, intrisa di ascesi, silenzio, meditazione. I carmelitani, come altri religiosi, hanno sempre coltivato moltissimo la preghiera, l’interiorità, l’unione dell’anima con Dio”. Gli scritti di tanti carmelitani rappresentano alcune delle vette più alte dell’esperienza cristiana. Tuttora l’ordine carmelitano gestisce un’importante università a Roma, il Teresianum, specializzata nello studio della mistica e della spiritualità.

Da circa otto secoli, in molte parti del mondo, sono sorti santuari, monasteri, chiese, luoghi sacri consacrati alla devozione particolare della Madonna invocata con il titolo di Vergine Maria del Monte Carmelo. Dove l’esperienza della vita carmelitana si è profondamente radicata, creando focolai di elevato misticismo, da cui tante anime consacrate sono state totalmente attratte a vivere un’unione più intima con Dio. Forme di vita contemplativa carmelitana realizzate attualmente in tre forme principali: quella monastica femminile, quella fraterna maschile, e quella laicale.

Tra le figure più significative che hanno dato particolare risalto a questo modello di vita religiosa, ci sono santi straordinari: i grandi mistici spagnoli Teresa d’Avila (1515- 1582) e Giovanni della Croce (1542-1591), che scrisse un’opera di spiritualità intitolata proprio Salita del Monte Carmelo; la francese Teresa di Lisieux (1873-1897), Elisabetta della Trinità (1880-1906), e la tedesca Teresa Benedetta della Croce (Edith Stein, 1891-1942), uccisa ad Auschwitz perché di origini ebraiche.

Nella tradizione cattolica e carmelitana, in particolare, la Signora del Monte Carmelo rappresenta il “fiore più bello del giardino di Dio. La Vergine purissima che possiede la bellezza di tutte le virtù, il perfetto modello di ogni vita contemplativa e in particolare la premurosa madre, sorella e patrona dei religiosi carmelitani e di tutti i fedeli”. Che si impegnano a “salire il monte del Signore per stare nel suo luogo santo” sotto il segno dello Scapolare, foriero delle speciali promesse di salvezza eterna attribuite dalla tradizione alla stessa Vergine e simbolo di consacrazione a Lei.

Per riconoscere una raffigurazione, o statua, della Madonna del Carmelo è sufficiente individuare la presenza dello scapolare. “Questo segno ha un significato pratico, ma anche spirituale, a indicare una presenza protettiva e vicina di Gesù e di Maria per la persona che lo indossa. Il secondo aspetto è quello della mistica carmelitana”. Di cui parla l’esperienza spirituale di san Simone Stock, che propagò la devozione della Madonna del Carmelo e compose per Lei un bellissimo inno, il Flos Carmeli. la Madonna assicurò che a quanti si fossero spenti indossando lo scapolare sarebbero stati liberati dalle pene del Purgatorio, affermando: «Questo è il privilegio per te e per i tuoi: chiunque morirà rivestendolo, sarà salvo».

 

 

Redazione da s. di inf.

 

 

Redazione1
di Redazione1 Luglio 16, 2022 00:39

Messina Religiosa su FaceBook

RSS Sir

  • Unità dei cristiani: card. Grech, “non possiamo parlare di primato e collegialità senza ricollegarli alla sinodalità” 13 Giugno 2024
    “Se c’è un luogo, un contesto che oggi può manifestare – anzi, sta manifestando – una modalità nuova di esercitare il primato, questo è proprio il processo sinodale”. Ne è convinto il card. Mario Grech, segretario della Segreteria generale del Sinodo, intervenuto alla presentazione – in sala stampa vaticana – del documento “Il vescovo di […]
  • Unità dei cristiani: card. Koch, “continuare il dialogo sull’infallibilità” 13 Giugno 2024
    “Tutti parlano dell’infallibilità del Papa, ma al Concilio Vaticano II si è detto dell’infallibilità della Chiesa”. A precisarlo è stato il card. Kurt Koch, prefetto del Dicastero per la promozione dell’unità dei cristiani, rispondendo alle domande dei giornalisti, durante la presentazione – in sala stampa vaticana – del Documento di studio “Il vescovo di Roma. […]
  • Giornata mondiale dei poveri: Dicastero per l’evangelizzazione, il 17 novembre la messa del Papa e il pranzo con i poveri 13 Giugno 2024
    “I poveri hanno un posto privilegiato nel cuore di Dio, che è attento e vicino a ognuno di loro”. A ribadirlo è il Papa, nel messaggio per la VIII Giornata mondiale dei poveri, in programma il 17 novembre sul tema: “La preghiera del povero sale fino a Dio”.  “Dio ascolta la preghiera dei poveri e, […]
  • Papa Francesco: domani al G7, il programma ufficiale 13 Giugno 2024
    Domani Papa Francesco sarà il primo papa della storia a partecipare ad un G7. Alle 11 – informa la Sala Stampa della Santa Sede, che ne ha diffuso oggi il programma ufficiale – il Santo Padre partirà dall’eliporto del Vaticano per atterrare alle 12.30 nel campo sportivo di Borgo Egnazia, dove è accolto dal presidente […]
  • Pace: da oggi a domenica il card. Zuppi in Terra Santa 13 Giugno 2024
    Da questa mattina e fino al 16 giugno l’arcivescovo di Bologna e presidente della Conferenza episcopale italiana, card. Matteo Zuppi, parteciperà a un Pellegrinaggio di comunione e pace in Terra Santa. “Pace a voi!”, questo il titolo e il tema del pellegrinaggio proposto dalla Chiesa di Bologna in comunione con il Patriarcato di Gerusalemme dei […]
  • Unità dei cristiani: card. Koch, “primato e sinodalità non sono due dimensioni ecclesiali concorrenti” 13 Giugno 2024
    “Tutti i documenti concordano sulla necessità di un servizio di unità a livello universale, anche se i fondamenti e le modalità di questo servizio sono oggetto di diverse interpretazioni”. Lo ha detto il card. Kurt Koch, prefetto del Dicastero per l’unità dei cristiani, presentando – in sala stampa vaticana – il documento di studio “Il […]
  • Unità dei cristiani: serve “esercizio sinodale del primato petrino” 13 Giugno 2024
    Il primato petrino dovrebbe essere inteso come “esercizio di un primato universale basato sul riconoscimento dell’interdipendenza reciproca tra primato e sinodalità a ogni livello della vita della Chiesa: locale, regionale e universale”. È una delle proposte contenute nel Documento di studio “Il vescovo di Roma”, in cui si fa presente la “necessità di un ministero […]
  • Unità dei cristiani: “la questione del primato non è più un problema, ma un’opportunità” 13 Giugno 2024
    “A differenza delle polemiche del passato, la questione del primato non è più vista semplicemente come un problema, ma anche come un’opportunità per una riflessione comune sulla natura della Chiesa e sulla sua missione nel mondo”. È quanto si legge nel Documento di studio “Il vescovo di Roma. Primato e sinodalità nei dialoghi ecumenici e […]
  • Papa Francesco: “i movimenti chiusi vanno cancellati, non sono ecclesiali” 13 Giugno 2024
    “I movimenti chiusi vanno cancellati, non sono ecclesiali”. Lo ha detto, a braccio, il Papa, ricevendo in udienza i partecipanti all’Incontro annuale con i Moderatori delle associazioni di fedeli, dei movimenti ecclesiali e delle nuove comunità, promosso dal Dicastero per i Laici, la Famiglia e la Vita sul tema: “La sfida della sinodalità per la […]
  • Università salesiana: aperte le iscrizioni all’esame di ammissione per la Facoltà di scienze della comunicazione sociale 13 Giugno 2024
    Sono ufficialmente aperte le iscrizioni all’esame di ammissione per i corsi di Laurea e Laurea Magistrale in Comunicazione sociale, Media digitali e Cultura erogati dalla Facoltà di scienze della comunicazione sociale (Fsc) dell’Università pontificia salesiana per l’anno accademico 2024/2025. Per iniziare il percorso di studi in comunicazione in Fsc è necessario, infatti, sostenere un esame […]

Commenti recenti

     

    • 204:
    • 358:
    Giugno 2024
    L M M G V S D
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930

    Login