Importanza della contemplazione nella civiltà del rumore. Nel silenzio e nella preghiera le claustrali intercedono per le sorti dell’umanità

Redazione1
di Redazione1 settembre 17, 2018 19:36

Importanza della contemplazione nella civiltà del rumore. Nel silenzio e nella preghiera le claustrali intercedono per le sorti dell’umanità

Il prezioso patrimonio della nostra identità culturale, dato dall’offerta sacrificale delle suore contemplative che dedicano la loro vita alla preghiera e al sacrificio per essere – come le definisce Papa Francesco – “Fari e fiaccole che accompagnano il cammino dell’umanità”, rafforza “i valori fondamentali della vita contemplativa”, le cui caratteristiche – silenzio, ascolto di Dio, stabilità – “possono e devono costituire una sfida per la mentalità di oggi”.  

Nella società del rumore in cui viviamo: rumore assordante non solo esteriore, ma anche interiore, i cui effetti si riflettono

negativamente sulla persona, rendendola spiritualmente vuota e superficiale, in atto si verifica un “fenomeno di ripresa di tante forme di preghiera e di nuove forme di vita contemplativa, nel popolo di Dio e in molte comunità religiose”. Una tendenza conforme all’importanza che la Chiesa attribuisce all’interiorità spirituale di ogni forma di vita consacrata, in particolar modo nel promuovere la vitalità e il rinnovamento degli Istituti specificamente contemplativi.

E’ infatti dedicata alla vita contemplativa femminile La Costituzione apostolica “Vultum Dei Qaerere – La ricerca del volto di Dio”, firmata da Papa Francesco, in cui si afferma che le religiose contemplative “si collocano nel cuore stesso della Chiesa e del mondo”. Una condizione che “Non è facile che questo mondo, per lo meno una larga parte di esso, comprenda la vostra speciale vocazione e la vostra missione nascosta – scrive Francesco alle contemplative – eppure ne ha immensamente bisogno”.

Anche noi messinesi, cui è dato il privilegio di avere un prezioso presidio spirituale rappresentato dal secolare monastero di Montevergine, dove una Comunità di clarisse vive un modello di vita claustrale secondo la Regola clariana, abbiamo motivo per essere sollecitati a conoscere meglio questa realtà carismatica ecclesiale, che è parte integrante della nostra identità culturale, così da poterne trarre maggior beneficio spirituale.

Infatti, sono proprio le suore dedite alla preghiera e alla contemplazione che Papa Francesco vede come “fari e fiaccole” che guidano e accompagnano il cammino dell’umanità. Un “dono inestimabile ed irrinunciabile” per la Chiesa, cui il Pontefice richiama i temi di riflessione e discernimento indicati nella Costituzione apostolica.

Ad esse, in un mondo che cerca Dio anche inconsapevolmente, è affidato il compito di “diventare interlocutori sapienti”, per “riconoscere le domande che Dio e l’umanità pongono”, ispirate alla necessità di intessere un dialogo con la società contemporanea, salvaguardando però “i valori fondamentali” della vita contemplativa, le cui caratteristiche – silenzio, ascolto di Dio, stabilità – “possono e devono costituire una sfida per la mentalità di oggi”.

Uno dei temi principali di riflessione indicati alle suore contemplative dal Papa, è quello della preghiera: “Midollo da vivere come un modo di allargare il cuore per abbracciare l’intera umanità”, in particolare i sofferenti e non come “un ripiegamento” della vita monastica su se stessa. “Pregate ed intercedete” per “le sorti dell’umanità”, scrive il Papa alle oranti, in tal modo, le comunità diverranno “vere scuole di preghiera”, alimentate dalla “bellezza scandalosa della Croce”.  D’altra parte, prosegue il Papa, “che ne sarebbe senza di voi della Chiesa e di quanti vivono nelle periferie dell’umano e operano negli avamposti dell’evangelizzazione?”.

Ora, in quest’ottica che pone l’attenzione sul beneficio proveniente dalle anime oranti, crediamo utile gettare lo sguardo sul patrimonio costituito da questa realtà esistente nella nostra città, ma anche in tante parti della Sicilia, al fine di avere maggior conoscenza di quanti e quali sono queste roccaforti di sostegno spirituale per tutti noi.

Questi i Monasteri in attività esistenti oggi in Sicilia, facenti parte della Federazione delle Clarisse “Santa Eustochia Calafato”, eretta ed istituita nel novembre del 1956 dalla Sacra Congregazione dei Religiosi.

ALCAMO (TP) – “Santa Chiara”; ALCAMO (TP) “Sacro Cuore”; BIANCAVILLA (CT) – “Santa Chiara”; CALTANISSETTA – “Santa Chiara”; CASTELBUONO (PA) – “Santa Maria degli Angeli”; MESSINA MONTEVERGINE – “Santa Eustochia Smeralda”; SAN GREGORIO (CT) – “San Giuseppe”; TERMINI IMERESE (PA) – “Santa Chiara”. Su ciascuno di questi Monasteri ci ripromettiamo di tornare in seguito.

Le clarisse che fanno parte di queste Comunità appartengono al secondo Ordine francescano: sono le seguaci di Chiara di Favarone, la giovane di Assisi che a 18 anni, attratta dalla testimonianza di Francesco e guidata dal medesimo Spirito, la notte del 18 marzo 1212, Domenica delle Palme, scappa di casa per raggiungere Santa Maria degli Angeli”. In quel sacro luogo, col sostegno e la benedizione del Frate di Assisi, Chiara prende la decisione irrevocabile di intraprendere “una nuova vita nelle mani del Signore. E da Francesco ottiene una prima Regola fondata sulla povertà”.

 

Redazione

Redazione1
di Redazione1 settembre 17, 2018 19:36


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Domenica delle Palme: tutorial per realizzare in casa i rami con i vostri bambini
    Prendete carta, forbici, colori, spillatrice… chiamate i bambini e mettetevi all’opera! Proprio ieri raccontavo a mia figlia Linda Maria che la prima messa a cui ha partecipato nella sua vita è stata quella della domenica delle palme di due anni fa. Glielo dicevo con un pizzico di nostalgia perché ora, con la pandemia in corso, non […]
    Silvia Lucchetti
  • Una quarentena per parlare con mia moglie
    La vita serena di una coppia che vive l’isolamento in casa per evitare il contagio del coronavirus Ricordo quando mi hai detto “Andiamo a salutare il sole” e ti ho accompagnata in giardino, dove hai chiuso gli occhi inspirando la brezza mattutina mentre io iniziavo a pensare alla fitta agenda che mi aspettava quel giorno. […]
    Orfa Astorga
  • Non tornano a casa per prendersi cura degli anziani
    Eroi che danno il meglio di sé. Uomini e donne mostrano in questi giorni tristi la loro umanità più luminosa Navighiamo in un mare di dubbi che ci tolgono la tranquillità. Stiamo soffrendo disorientati di fronte a una pandemia di dimensioni planetarie e non sappiamo dove stiamo andando. Incertezza, paura, la macchina produttiva che decelera […]
    Ignasi de Bofarull
  • “Veglierò su di te per quello che hai fatto”: le ultime parole all’infermiera che l’ha assistita
    Una signora ricoverata all’Ospedale San Luigi di Orbassano di Torino sta per morire a causa del Covid. L’infermiera le permette di salutare la sua famiglia tramite videochiamata dal suo cellulare. “Grazie, veglierò su di te per quello che hai fatto” le dice e poco dopo chiude gli occhi. Il sindaco di Volvera, un piccolo comune […]
    Silvia Lucchetti
  • Don Paolo, sull’auto del Comune, gira per i paesi a recitare il Rosario
    “E’ un modo per essere presente, per farmi sentire”. Un’iniziativa, molto utile al tempo del coronavirus, che è stata gradita dai fedeli “Passerò io, da solo, a portare la preghiera del Rosario! Voi, se volete, aprite le finestre e uscite sui balconi…” – ha scritto Don Paolo Padrini in un post sulla sua pagina Facebook. […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Don Alberto Ravagnani: digiuna dal cellulare, torna libero! (VIDEO)
    Basta un’ora. Questo è l’esercizio che ci propone. Eh, dai, ma cosa vuoi che cambi? Prova. Tirarsi la zappa sui piedi: parlare di digiuno dallo smartphone e vivere di visualizzazioni? Certo, non siamo sprovveduti, dai. Aleteia “vive” sui social, con collegamenti più da mobile che da desktop, per giunta. Raggiungiamo milioni di persone con i […]
    Paola Belletti
  • 12 santi che vi faranno innamorare dell’Eucaristia
    La Messa ri-presenta l’unico sacrificio di Cristo, e celebrarla significa tornare misticamente nel Cenacolo e sul Golgota. L’effetto di questo mistero tuttavia non è un intimistico solipsismo, bensì il rafforzamento dell’unione ecclesiale (detta appunto “comunione”). In un momento gravemente critico anche sul piano spirituale è bene saper scegliere guide sicure. È degno di nota come […]
    Giovanni Marcotullio
  • “Cristo” di oggi: 4 storie di dedizione fino alla morte
    Álvaro Iglesias, Anas al Basha, Maximiliano Kolbe, Ignacio Echeverría: esistono ancora persone “normali” che danno tutto L’amore è sempre una scelta. Una scelta che coinvolge tutta la nostra vita. Nell’enciclica Deus Caritas Est, Papa Benedetto XVI segnala: “Siccome Dio ci ha amati per primo (cfr 1 Gv 4, 10), l’amore adesso non è più solo […]
    Luisa Restrepo
  • Breve preghiera per la guarigione spirituale
    Non dimenticate di chiedere a Dio di guarire la vostra anima e di riportare la pace nella vostra vita Se la salute del corpo è estremamente importante, quello che è ancora più vitale è la salute dell’anima. Il nostro destino eterno dipende dallo stato della nostra anima quando moriremo, e dal fatto di essere aperti […]
    Philip Kosloski
  • Un sacerdote ti ha bloccato su Facebook. Ha peccato di poca carità?
    Padre Gabriel Vila Verde: “Ogni profilo è privato. Appartiene a quel qualcuno che non può diventare un bersaglio” Sul suo profilo personale di Facebook, rete sociale in cui è piuttosto popolare tra i cattolici, padre Gabriel Vila Verde ha spiegato che è giusto bloccare le persone che non sanno comportarsi con rispetto e civiltà: “Lo […]
    Gabriel Vila Verde

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 8:
    • 278:
    aprile: 2020
    L M M G V S D
    « Mar    
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    27282930  

    Login