ROMA – Celebrazioni per La Ricorrenza Del 150° anniversario della nascita dell’Azione Cattolica Italiana

Redazione1
di Redazione1 aprile 29, 2017 22:10

ROMA – Celebrazioni per La Ricorrenza Del 150° anniversario della nascita dell’Azione Cattolica Italiana

Per l’importante commemorazione che si svolgerà in Piazza San 150 A,C.papafrancescoPietro, domenica 30 aprile 2017,  sarà Papa Francesco a dare inizio alle celebrazioni per i 150 anni compiuti dall’Azione cattolica Italiana. L’importante evento ha per titolo #AC150 Futuro Presente: uno slogan con cui l’autore, Francesco Sportelli, ha inteso richiamare l’attenzione su quel che l’Associazione è oggi diventata, al fine di poter riflettere su quanto di importante è stato compiuto, grazie a un così lungo e glorioso passato, e quindi aver modo di proiettare nel futuro prospettive ancora migliori, più grandi e più impegnative per tutti.

Per una così straordinaria occasione, è stato preparato un inno che vuol essere un accattivante modo di rappresentare, in sintesi, emozioni e ricordi degli eventi più  importanti che hanno costellato il proficuo cammino dell‘Associazione.

Le cui origini risalgono al settembre 1867, quando due giovani FaniAcquniversitari, Mario Fani, viterbese, e Giovanni Acquaderni, da Castel San Pietro dell’Emilia, fondano a Bologna la Società della Gioventù Cattolica Italiana. Il motto che sintetizza le caratteristiche cui si ispira il loro impegno apostolico: «Preghiera, Azione, Sacrificio» sta ad indicare la fedeltà a quattro principi fondamentali: la devozione alla Santa Sede, lo studio della religione, la testimonianza di una vita cristiana, l’esercizio della carità.

Nel giro di pochi anni, l’associazione cresce rapidamente e si diffonde nelle parrocchie di tutta Italia. In principio conserva una divisione tra sessione maschile e femminile, modificata negli anni successivi. La costituzione dell’associazione viene approvata il 2 maggio 1868 da papa Pio IX. L’11 giugno 1905 Pio X promuove la nascita di una nuova organizzazione laicale cattolica che prende il nome di Azione Cattolica.

Congresso Eucaristico - Catania 1959

Congresso Eucaristico – Catania 1959

L’organizzazione, nel 1923, viene costituita in 4 sezioni: Federazione Italiana Uomini Cattolici, Società Gioventù Cattolica italiana, Federazione Universitari Cattolici Italiani, Unione Femminile Cattolica Italiana.

Ora, guardando indietro nel tempo, consapevoli che le memorie del passato sono utili a rafforzare identità e convinzioni in ciò che è stato vissuto con fede fattivamente, non si può non fare memoria di momenti significativi della storia dell’Azione Cattolica, vissuti felicemente a Messina. Sono tesori di esperienze che fanno trarre motivi di orgogliosa appartenenza; ricordi che rimangono custoditi nel cuore e nella mente, giovando ad approfondire e rafforzare la fede  nel presente e dare slancio alle prospettive del futuro.

Rifacendoci al tempo degli anni cinquanta-sessanta, c’è da ricordare innanzitutto che la Giac (Gioventù Italiana di Azione Cattolica) messinese, in linea con l’andamento in campo nazionale, attraversò un momento davvero felice. Erano anni di intensa attività – esisteva un gran numero di iscritti, assai operosi, in molte associazioni

cittadine e in tutta la Diocesi: in Campo nazionale erano circa 3,5 milioni – da cui scaturirono molti e fruttuosi risultati

1959 - Consiglio diocesano. In piedi da sx:: Garofalo, Gerardi, Bianco, De Leo, Milone. Accosciati: Cutrupia, Gambadoro, Faraone, Majolino.

1959 – Consiglio diocesano GIAC. In piedi da sx: Garofalo, Gerardi, Bianco, De Leo, Milone. Accosciati: Cutrupia, Gambadoro, Faraone, Majolino.

in quell’opera di “formazione cristiana delle coscienze”, che rimangono indelebili nella memoria di chi ha vissuto quel periodo con diretta partecipazione.  In seguito,  l’AC sceglie di fare proprie le istanze proposte dal Concilio Vaticano II:  il mandato della missionarietà dei laici e, per la prima volta, si parla dell’AC come scuola di formazione per un laicato responsabile che fa proprio il fine apostolico della Chiesa. Nel 1969 l’AC si dà un nuovo statuto  con  il quale la vita associativa è organizzata attorno a due settori, giovani e adulti; viene anche ribadita

la necessità che l’associazione si metta a servizio della Chiesa locale e viene inaugurato un modo nuovo di fare catechesi.

Tra i preziosi ricordi che giovano a riconoscersi nell’identità cristiana, sviluppata e rafforzata mediante l’esperienza messinese, vissuta nelle file dell’AC, c’è anche quello di tanti formidabili compagni di viaggio, che in quel cammino di formazione e maturazione della fede, vissuto sia nelle parrocchie che come dirigenti diocesani, sono stati esempi edificanti di generosità e operosità. Tra coloro che ci è stato dato di conoscere e apprezzare in modo particolare, e che hanno fatto si che la Giac messinese avesse uno slancio di vitalità tanto fecondo di risultati, spiccano le figure di Ugo Bianco, Nino Abate, Emanuele Gerardi, Nino Garofalo Eugenio Arena, Felice

1959 - Dirigenti diocesani in visita alle "Piccole Sorelle dei Poveri" di Gazzi.

1959 – Dirigenti diocesani in visita alle “Piccole Sorelle dei Poveri” di Gazzi.

Faraone, Nino Minissale, Aldo Bottari, Franco De Leo, Cosimo Giacobbe e altri, tanti da non poterli qui menzionare tutti.

Fra le tante opere realizzate in quella felice stagione, tanto fruttuosa di intensa attività apostolica, merita una menzione speciale l’istituzione della sessione speciale di studio della cultura religiosa, denominata “Settimana teologica”. Una realizzazione di grande spicco, originale ed efficace, aperta a tutti, che ebbe subito successo diventando ben presto un appuntamento culturale e religioso di grande notorietà non solo cittadina ma anche nazionale. Attività che ancora oggi rimane viva e seguita.

 

Gerardi agli inizi della Settimana teologica. Anni 60

Anni 60 – Bonardelli, Gerardi e mons. Scarcella, agli inizi della Settimana teologica.

1979 - Il Cardinale Pellegrino, l'Arcivescovo Cannavò e mons. Mondello, vescovo ausilirio, alla XIX settimana teologica.

1979 – Il Cardinale Pellegrino, l’Arcivescovo Cannavò e mons. Mondello, vescovo ausiliario, alla XIX settimana teologica.

 

 

 

 

 

 

 

 

A.Majolino

manifesto-150° °

 

 

Redazione1
di Redazione1 aprile 29, 2017 22:10


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Papa Francesco su Tv2000: con i morti si può parlare, ma loro sono già davanti a Dio
    Il pontefice alla trasmissione “Io Credo”: “Se non crediamo alla resurrezione dei morti, la nostra fede è una stupidaggine” Si può «parlare con i defunti, con i nostri antenati: ‘Ma, dimmi, tu dove stai? Dove sei?’, perché c’è la prima resurrezione e poi sarà universale per tutti, ma loro già sono davanti a Dio». Lo […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Il Battesimo di tuo figlio è stato rinviato? Ecco cosa puoi fare nell’attesa
    In queste circostanze difficili la Chiesa non lascia solo nessuno, contempla ogni eccezione proprio in virtù dell’amore premuroso con cui Gesù vuole arrivare a tutti. La riduzione e sospensione dei Sacramenti in tempo di epidemia addolora, eppure è proprio nei tempi più duri e difficili che anche gli aspetti più tecnici e dottrinali della Chiesa […]
    Annalisa Teggi
  • Un miracolo nel caos del coronavirus
    Carla ha postato sulle reti sociali un messaggio perché i suoi amici pregassero per suo nonno, che avrebbe dovuto sottoporsi a un delicatissimo intervento Carla ha 23 anni e sta vivendo come tutti la pandemia mondiale del coronavirus, che colpisce migliaia di spagnoli. Ma ha anche un altro motivo di preoccupazione: suo nonno dev’essere operato, […]
    Javier González García
  • Famiglie e disabili intellettivi: per noi la passeggiata non è un capriccio
    Quanto più si protrae questa condizione di isolamento, tanto maggiore diventa la fatica per chi patisce situazioni di disabilità psichica e intellettiva. Per tantissime persone, allora, una breve passeggiata, con tutte le misure anti contagio previste, è una questione di vera sopravvivenza. Io resto a casa per tanti ha smesso da un pezzo di essere […]
    Paola Belletti
  • Fate la comunione spirituale a casa come ci insegnano Sant’Alfonso e Papa Francesco
    Predisponete il vostro cuore e recitate queste preghiere: riceverete così, spiritualmente, il Corpo di Cristo I cristiani, in questi giorni di forzata permanenza a casa, a causa della diffusione del coronavirus, con difficoltà riescono ad attingere sacramentalmente al Corpo e al Sangue di Cristo, ma possono ricevere spiritualmente l’Eucaristia secondo una consolidata tradizione cattolica. Predisponendosi […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Durante una peste mortale, Papa Gregorio ebbe una visione consolatrice di San Michele Arcangelo
    L’apparizione fu una risposta diretta alle preghiere incessanti del Papa per il suo popolo Alla fine del VI secolo una grave peste devastò la città di Roma, reclamando anche la vita di Papa Pelagio II. Fu un’epoca difficile per i cittadini romani, e quando Papa Gregorio I venne eletto a guidare la Chiesa decise di […]
    Philip Kosloski
  • 27 anni d’amore per la moglie che non vede e non parla
    Avguštin Maučec ha lasciato il lavoro per assistere Irena, che ha subìto lesioni irreversibili a causa di un incidente poco dopo il matrimonio Quando Avguštin ha pronunciato la formula matrimoniale in cui prometteva a Irena di esserle fedele sempre, nella gioia e nel dolore, nella salute e nella malattia, e di amarla e onorarla tutti […]
    Dolors Massot
  • Come sarà la vita dopo il Coronavirus?
    Mentre il mondo si ritrova in stato d’emergenza, un prete della diocesi di Bordeaux s’interroga su quel che succederà “dopo”, quando il mondo riprenderà la sua vita normale. A che cosa somiglierà allora la nostra vita? E tutto s’è fermato… Questo mondo lanciato come un bolide nella sua corsa folle, questo mondo di cui sapevamo […]
    Pierre Alain Lejeune
  • Camici bianchi: adesso eroi, ma dopo?
    Il prezzo a breve e lungo termine che il personale sanitario in trincea per tutti noi rischia di pagare. In questi giorni così difficili assistiamo ad uno straordinario afflato popolare verso il personale sanitario che è in prima linea ad affrontare il terribile nemico invisibile con cui il Paese sta combattendo da circa un mese. Già […]
    Silvia Lucchetti
  • L’Anima Christi, preghiera perfetta per la Comunione spirituale
    “Non permettere che io mi separi da te” Usata in genere come preghiera dopo che ci si è comunicati, l’Anima Christi può anche essere utilizzata come preghiera di Comunione spirituale quando non si può ricevere l’Eucaristia nella Santa Comunione. Si crede che questa preghiera sia stata scritta nel XIV secolo da Papa Giovanni XXIII, ma […]
    Philip Kosloski

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 35:
    • 367:
    marzo: 2020
    L M M G V S D
    « Feb    
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    3031  

    Login