CULTURA DI VIVIBILITA’ CITTADINA, CERCASI – “Uno strano paradosso culturale”

admin
di admin settembre 26, 2015 16:02

CULTURA DI VIVIBILITA’ CITTADINA, CERCASI –  “Uno strano paradosso culturale”

Prendendo in considerazione uno degli argomenti che più si addicono alle pressanti

difficoltà socio culturali della nostra città, appare subito uno strano paradosso. A fronte della

crisi di identità e scadente qualità della vita che purtroppo si rilevano, si nota, per converso,

una notevole quantità di attive associazioni culturali. Molte delle quali si prodigano nel

promuovere eventi cittadini di rilievo, come mostre, concerti, spettacoli, notti bianche,

incontri di vario tipo, in cui si parla di identità e cultura. Un fenomeno contraddittorio

davvero curioso, che stride rispetto a quanto – da noi condiviso – asseriscono gli studiosi del

settore: i quali sono convinti che alla base della costruzione dell’immagine di successo di un

territorio, è proprio la presenza influente di adeguati stimoli culturali che ha molta

importanza. Per cui la rigenerazione territoriale e sociale di un dato luogo – essi affermano –

è da considerare in larga misura fondata sulla relazione “cultura-creatività-città”. Di

conseguenza, se è assodato che il binomio identità e cultura è un fondamento ineludibile

nella formulazione di un piano strategico, rivolto a promuovere il miglioramento della vita

cittadina, non si capisce come mai, nonostante l’azione di così tante stimolanti associazioni, i

risultati che si hanno rimangono ugualmente carenti.

Ora di fronte a questa strana contraddizione, è d’obbligo riflettere per capire perché

accade un simile fenomeno. E quindi, innanzitutto, chiedersi se il tipo di interventi culturali

che più spesso viene utilizzato è realmente idoneo a creare stimoli adatti a promuovere ciò

che più serve a risollevare le sorti di una città, in crisi identitaria e socio economica come la

nostra. Quale “consumo di cultura” allora sarebbe prioritario praticare al fine di mettere in

atto efficaci strategie di affermazione della vita comunitaria? Rispondente cioè alle esigenze di

miglioramento della vivibilità cittadina e al rafforzamento della relativa identità collettiva. Anche

perché, parlando di cultura, si deve tener conto che con questo termine si indicano cose diverse;

che certi modi di pensare e di agire per essere definiti culturali occorre che siano condivisi da un

gruppo, in armonia con l’insieme di valori, ideali, tradizioni, storia, costumi, territorialità,religiosità,

modi di agire e politiche di governo, che rappresentano il fondamento di una data società. E sarebbe

anche utile distinguere questo tipo di “cultura antropologica” (riguardante identità collettiva e modo

di vivere quotidiano) dal “sapere” (formazione nozionistica personale), in quanto, per “produrre

cultura” veramente in grado di migliorare le condizioni di vita di una città, non basta dare luogo ad

azioni che riguardino soltanto sedi o momenti culturali in senso dotto, intellettualistico, artistico,

occasionale, ma anche, e soprattutto, spazi e dinamiche di interazione sociale e territoriale,

veramente vantaggiosi per la crescita e il divenire armonicamente autoregolato della vita quotidiana.

Una problematica dunque molto importante che certo merita di essere sviluppata e approfondita.

Anastasio Majolino

admin
di admin settembre 26, 2015 16:02
Scriva un commento

Nessun commento

Ancora nessun commento!

Non ci sono commenti ancora, ma Lei potrebbe essere il primo a commentare questo articolo

Scriva un commento

Solo gli utenti registrati possono commentare gli articoli.


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • “Padre Pio ha scritto delle profezie sulla fine del mondo. Eccole”. State attenti ai messaggi falsi!
    In tempo di Coronavirus, i frati di San Giovanni Rotondo smentiscono con decisione gli annunci catastrofici attribuiti al santo di Pietrelcina «In questo periodo di ansia e di preoccupazione dilaganti, sono state diffuse nuovamente alcune profezie apocalittiche attribuite a san Pio da Pietrelcina, che sarebbero state rivelate ad alcuni sedicenti figli spirituali quando il santo […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Ecco come celebrare in casa la quinta domenica di Quaresima
    Nei giorni e nelle settimane a venire, in parecchi fra noi saremo legittimamente impediti a partecipare alla messa domenicale. Ecco perché Aleteia si è mobilitata per proporvi, col concorso della rivista internazionale Magnificat, di santificare la V domenica di Quaresima con una celebrazione della Parola di Dio. Indicazioni per l’uso: Se si è soli, è […]
    Aleteia
  • Il vescovo di Pinerolo prima di essere intubato: “Pregate per me”
    L’ultimo messaggio di monsignor Derio Olivero è un accorato saluto alla sua diocesi. Sono oltre cinquanta i religiosi morti dall’inizio della pandemia «Purtroppo mi intubano per almeno 10 giorni. Fai pregare per me». Questo il messaggio che il vescovo di Pinerolo Derio Olivero ha inviato al vicario generale della diocesi, don Gustavo Bertea. Positivo al […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Niente lavanda dei piedi e messa crismale, Via Crucis a San Pietro: come cambia la Pasqua
    Ecco come si svolgeranno quest’anno i riti guidati da Papa Francesco: dalla Domenica delle Palme alla notte di Pasqua, tutte le novità L’emergenza coronavirus stravolge i riti pasquali officiati da Papa Francesco. Le indicazioni ufficiali di come come potranno o dovranno essere celebrati, sono state diffuse mercoledì scorso tramite un apposito decreto dalla Congregazione del […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Le vittime del coronavirus a cui nessuno pensa
    A tu per tu con don Pietro Sigurani, il prete dei poveri Il coronavirus sta mietendo vittime in tutto il mondo, non solo rubando vite, ma anche facendo danni enormi a livello economico, colpendo le fasce di popolazione più deboli. La conseguenza pratica? La crescita esponenziale dei poveri, di persone che non hanno di che […]
    Silvia Costantini
  • Il memento mori nell’arte: teschi, scheletri e frutta putrefatta per ricordarci la vanità della vita
    Nei secoli scorsi la mortalità era un pensiero costante, ma questi utili promemoria dell’inevitabilità della morte restano un tema artistico popolare anche oggi Con l’avvicinarsi della Quaresima, i pensieri cattolici si volgeranno alla morte – e alla resurrezione. In passato erano pensieri costanti, e la loro espressione più comune era il memento mori, ovvero “ricorda […]
    Lucien de Guise
  • Il Vaticano trasforma una vasta collezione di manoscritti in libri da colorare
    Nell’ultimo decennio, i Musei Vaticani hanno lavorato diligentemente per digitalizzare la loro vasta collezione di oltre 82.000 manoscritti, perché il mondo potesse condividere la storia universale dell’umanità. Questi manoscritti digitali, circa 20.000 dei quali già disponibili, sono una risorsa dal valore inestimabile sia per gli storici che per i semplici amatori, perché possono essere esaminati […]
    J.P. Mauro
  • Coronavirus: accorato appello di Pupi Avati contro la TV spazzatura
    “Far crescere culturalmente il paese”, chiede il regista In questo periodo di isolamento forzato, il regista bolognese Pupi Avati, uno dei personaggi più significativi del panorama cinematografico italiano e internazionale, ha scritto una commovente lettera appello indirizzata alla Rai e ai media in generale, perché approfittino di questo momento di grande incertezza per riscoprire la […]
    Silvia Costantini
  • Mattarella: “L’Europa comprenda la minaccia, prima che sia troppo tardi”
    Il discorso del Presidente della Repubblica: “Nostro senso di responsabilità ammirato in tutto il mondo” “Unita’ e coesione sociale sono indispensabili in questa condizione”. Lo dice il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, in un messaggio alla nazione. “Vorrei ringraziare tutti voi. I sacrifici di comportamento che le misure indicate dal Governo richiedono a tutti sono accettati con grande senso […]
    Dire - Agenzia di Stampa Nazionale
  • Ruth, la missionaria colombiana in Africa che lotta contro il Coronavirus
    La minaccia del coronavirus è una delle situazioni più difficili che ha dovuto vivere suor Ruth, salesiana di Don Bosco dal 2006 in missione nel continente africano “Preghiamo che il virus non arrivi qui. Questa pandemia è davvero minacciosa, soprattutto per i Paesi africani”. Così diceva qualche tempo fa riferendosi alla pandemia mondiale di coronavirus […]
    Lucía Chamat

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 162:
    • 218:
    marzo: 2020
    L M M G V S D
    « Feb    
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    3031  

    Login