Rapporto Censis: “Italia nella paura dell’ignoto e nell’ansia”,“disoccupati, alto il prezzo per giovani e donne”

Redazione1
di Redazione1 dicembre 8, 2020 23:43

Rapporto Censis: “Italia nella paura dell’ignoto e nell’ansia”,“disoccupati, alto il prezzo per giovani e donne”

 

 I fenomeni socio-economici più significativi del Paese, come quello di eccezionale incertezza che stiamo vivendo, vengono interpretati dal Censis e raccolti nel Rapporto annuale, giunto quest’anno alla 54a edizione, con la descrizione delle condizioni critiche in cui il sistema Italia si viene a trovare. Un’attività che Il Centro Studi Investimenti Sociali svolge mediante costante e articolata attività di ricerca, consulenza e assistenza tecnica in campo socio-economico. Vengono così messe in atto analisi per settori: “la formazione, il lavoro e la rappresentanza, il welfare e la sanità, il territorio e le reti, i soggetti e i processi economici, i media e la comunicazione, la sicurezza e la cittadinanza”. vengono affrontati i temi di maggiore interesse emersi nel sistema-Italia ne 2020 e le gravi conseguenze dell’epidemia e quello che resterà dopo lo stato d’emergenza.

Nel 54° Rapporto sulla situazione sociale del Paese, il Censis scommette ancora una volta sulla capacità degli italiani di affrontare le “giravolte della storia”, quelle “curve drammatiche e inaspettate che mutano radicalmente i paesaggi del vivere, individuale e collettivo”, com’è sicuramente la pandemia. il Censis, Guarda al futuro, ma a partire da un’analisi tutt’altro che edulcorata (Sir).

“Nel timore e con cautela, il nostro Paese aspetta e sa di avere risorse, competenze, intuizione ed esperienza per ricostruire i sistemi portanti dello sviluppo. Sa che dal suo geniale fervore traspira rapido il nuovo”. Nel suo 54° Rapporto sulla situazione sociale del Paese il Censis scommette ancora una volta sulla capacità degli italiani di affrontare le “giravolte della storia”, quelle “curve drammatiche e inaspettate che mutano radicalmente i paesaggi del vivere, individuale e collettivo”, com’è sicuramente la pandemia. Guarda al futuro, il Censis, ma a partire da un’analisi tutt’altro che edulcorata. “Il sistema-Italia – questa l’immagine-chiave del Rapporto 2020 – è una ruota quadrata che non gira: avanza a fatica, suddividendo ogni rotazione in quattro unità, con un disumano sforzo ogni quarto di giro compiuto, tra pesanti tonfi e tentennamenti”. I problemi, però, non sono nati né oggi né ieri. “La pandemia – ha sottolineato il direttore generale del Censis, Massimiliano Valeri, nel corso della presentazione del Rapporto – ha squarciato il velo sulle nostre fragilità strutturali”. In altre parole, “il virus ha aggredito una società già stanca provata da anni di resistenza alla divaricazione dei redditi e alla decrescita degli investimenti, incerta sulle prospettive future, con un modello di sviluppo troppo fragile”.

“Una società indebolita nel suo scheletro complessivo” e che tuttavia – ha osservato Giorgio De Rita, segretario generale del Censis, “ha avuto la forza di affidare alla responsabilità politica il disegno di una via d’uscita dall’emergenza” ed è “ancora sufficientemente vitale per resistere e combattere a favore della risalita”. Ma bisogna cambiare marcia rispetto a un anno in cui “siamo stati incapaci di visione”. Certo, gli interventi tampone – dalla “distribuzione indifferenziata di bonus e sussidi” al blocco dei licenziamenti – hanno posto un “argine” alle ricadute sui soggetti più deboli.  Ma “il sentiero di crescita prospettato si prefigura come un modesto calpestio di annunci”, “un sentiero di bassa valle più che un’alta via”. Così “l’attesa si è trasformata in disorientamento” e “il contagio della paura rischia di mutare in rabbia”

Per uscire da questa situazione, alla società italiana non basta quel “curioso e originale intreccio dei suoi tessuti costituenti” con cui è riuscita a reagire in tutte le epoche di crisi. E qui – come ha rilevato il presidente del Cnel, Tiziano Treu – c’è come uno scatto rispetto alle analisi degli anni precedenti. Il “vitalismo sociale”, tradizionale punto di forza della chiave interpretativa del Censis, resta la risorsa fondamentale e indispensabile, ma da solo non è sufficiente.“ “La realtà odierna – sostiene il Rapporto 2020 – ci impone di prendere atto che il Paese si muove in condizioni troppo rischiose per non mettere in campo un’azione sistemica della mano pubblica”. Sono quattro i filoni strategici: “Un nuovo schema fiscale”; “un ridisegno del sistema industriale e un ripensamento della qualità degli investimenti”; “un ripensamento strutturale dei sistemi e sottosistemi territoriali”; una revisione di “ruolo, identità, funzioni e responsabilità dei soggetti del terzo settore”.

Non si tratta di rilanciare un nuovo statalismo, ma di costruire “un progetto collettivo nel quale ciascuna componente del Paese possa riconoscersi”, ha spiegato De Rita. E questo progetto è necessario anche per ricucire un’Italia che “nell’anno della paura nera”, si è riscoperta “spaventata, dolente, indecisa tra risentimento e speranza”. Il 73,4% degli italiani ha indicato “nella paura dell’ignoto e nell’ansia conseguente il sentimento prevalente” e, “tra antichi risentimenti e nuove inquietudini”, persino una “misura indicibile” come la pena di morte è tornata “nella sfera del praticabile”, raccogliendo il 43,7% dei consensi.

Il disagio ha anche profonde radici economico-sociali. Per l’85,8% degli italiani la crisi da Covid ha confermato che “la vera divisione sociale è tra chi ha la sicurezza del posto di lavoro e del reddito e chi no”. Nel secondo trimestre di quest’anno si sono registrati 841 mila occupati in meno e 1.310 mila persone inattive in più rispetto al 2019. Il 17,1% della popolazione dispone di risorse finanziarie per meno di un mese. A pagare il prezzo più alto in termini occupazionali sono stati come sempre giovani e donne, insieme agli immigrati. Non va tuttavia dimenticato che durante questa crisi oltre 14 milioni di italiani hanno beneficiato di sussidi per un totale superiore a 26 miliardi di euro. “E’ come se a un quarto della popolazione italiana – rileva il Rapporto – fossero stati trasferiti quasi 2 mila euro a testa”. Ma la “bonus economy” non è in grado di costruire il futuro, tanto più che chi può tende a risparmiare in modo improduttivo: è cresciuto di 41,6 miliardi in sei mesi il “lago della liquidità precauzionale”. Paure e incertezze economiche che si riflettono anche sul piano demografico: c’è il rischio di avere “una generazione zero figli”, avverte il Censis.

 

 

 

Redazione da Ag. di i.

 

 

 

 

 

Redazione1
di Redazione1 dicembre 8, 2020 23:43


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Santi che trasmettono allegria e buonumore (FOTOGALLERY)
    Alcuni esempi di santità ci possono aiutare a tenere il sorriso e l'allegria anche nei giorni più difficiliQuando i santi trasmettono allegria e buonumore. Se una qualità non può mancare nel “bagaglio” del cristiano, questa è la gioia, di cui il buonumore è specchio, marchio di riconoscimento. Lo dicono le agiografie, lo confermano i testi di […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Generazione DAD: stima dei danni, prospettive di recupero
    Ai nostri giovani dobbiamo decisioni e investimenti coraggiosi, a loro spetta tutta la nostra più acuta capacità di visione e di assunzione dei rischi.Ora che le regioni ad alto rischio sono solo due, o meglio una regione e una provincia autonoma, Sicilia e Bolzano, anche seconda e terza media e istituti superiori di quasi tutta […]
    Paola Belletti
  • Respirate nell’amore di Dio con questa preghiera mattutina
    Iniziate la vostra giornata riscaldandovi al calore dell'amore divinoUna delle parti più importanti della giornata è la mattina, perché detta il tono del resto della giornata. Una buona giornata inizia con l’atteggiamento che si ha al mattino. Pregare al mattino può essere un’ottima opportunità per marcare il ritmo di una giornata fruttuosa. Ecco una preghiera […]
    Philip Kosloski
  • Perché San Giuseppe è chiamato “Terrore dei Demoni”?
    Missionari, esorcisti e satanisti attestano il potere dell'intercessione di San Giuseppe contro i nemici demoniaciQuando si recita la Litania di San Giuseppe, molti restano sorpresi vedendo un’invocazione che afferma “San Giuseppe, Terrore dei Demoni, prega per noi”. Cosa significa questo titolo? L’intercessione di San Giuseppe contro i demoni non è ben documentata, ma è stata […]
    Philip Kosloski
  • Dizionario di “italiano digitato” per genitori
    Guida alla comprensione del nuovo linguaggio SocialL’uso della tecnologia ha influenzato profondamente la nostra lingua e il lessico dei social media è entrato a gamba tesa nel nostro modo di comunicare: da tempo ormai, accanto alla lingua scritta e parlata, esiste anche una lingua digitata. Utilizzati da miliardi di persone, Facebook, Twitter, Instagram, Whatsapp sono […]
    Umberto Macchi
  • L’inno alla vita di Andrea Tomassini: proprio quando è dura non si molla
    Colpito da paralisi cerebrale quando era ancora nel grembo materno, oggi ha 17 anni e ha scritto "Mai mollare": conosce la fragilità estrema e vuole incoraggiare chi è al buio dentro questa pandemia. Andrea Tomassini è aggrappato alla vita con le unghie e coi denti, lo ha messo in musica con una canzone intitolata Mai […]
    Annalisa Teggi
  • Twitter ha mantenuto pedopornografia infantile dicendo che non violava le sue “politiche”
    Adolescente di 13 anni vittima di pedofili ha dovuto ricorrere alla Giustizia perché Twitter eliminasse video e foto degli abusi sessualiTwitter ha mantenuto materiale pedopornografico infantile dicendo che non violava le sue “politiche”. Il caso che suscita indignazione è riferito in un processo giudiziario aperto la settimana scorsa negli Stati Uniti contro l’impresa. Secondo le […]
    Francisco Vêneto
  • La crisi del Governo Conte e l’opinione del mondo cattolico di fronte al voto
    I "si" e i "no" del mondo cattolico all'ipotesi di un ritorno alle urne oppure di un nuovo Governo senza Giuseppe ConteCon la salita del presidente del Consiglio Conte al Quirinale per rassegnare le proprie dimissioni al Presidente Sergio Mattarella, si apre ufficialmente la crisi di governo partita una settimana fa con le richieste di […]
    Lucandrea Massaro
  • Occhio al chiacchiericcio: uccide… anche te
    Quando si parla della mormorazione ci si concentra soprattutto sulla sua verità e sulla sua utilità, ovvero sulla lesione della fama degli altri. Un aspetto meno considerato delle chiacchiere è che rendono torbido e fragile, inquieto, il cuore di chi le produce e/o le propaga La nona malattia che papa Francesco diagnosticò negli indimenticabili augurî […]
    Giovanni Marcotullio
  • Nostra figlia è amata più di quanto sia malata. Perché non lo capiscono?
    Questa è una delle innumerevoli testimonianze di madri meravigliose che antepongono senza vacillare la vita del figlio alla paura e al dolore che pure sperimentano. E che invece che trovare sostegno e conforto in medici e ostetriche spesso, non sempre, incontrano disapprovazione se non disprezzo. Gravidanza difficile “Donne sotto la Croce”: rubrica periodica di colloqui […]
    La Croce - Quotidiano

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

  • Polonia: nuova eparchia di Olsztyn-Gdańsk di rito bizantino-ucraino, mons. Shevchuk ha ordinato il primo vescovo 26 gennaio 2021
    Il 23 gennaio scorso a Olsztyn, in Polonia, Sua Beatitudine Sviatoslav Shevchuk ha presieduto l’ordinazione di Arkadiusz Trochanowski, primo vescovo della nuova eparchia di Olsztyn-Gdańsk di rito bizantino-ucraino, eretta dal Papa il 25 novembre scorso. La celebrazione si è tenuta nella giornata di commemorazione dei 13 martiri di Pratulyn, uccisi dalle truppe zariste perché si rifiutarono […]
  • Card. Bassetti: “The Church does not take political sides” 26 gennaio 2021
    “A response marked by communion and co-responsibility” is needed to heal “the many isolated rifts in society that the pandemic has expanded to include all the threads that hold our territories together”, declared Cardinal Gualtiero Bassetti, archbishop of Perugia-Città della Pieve, President of the Italian Bishops’ Conference, in the inaugural address of the Permanent Episcopal […]
  • Card. Bassetti: “La Chiesa non è di questa o di quell’altra parte” 26 gennaio 2021
    Serve “una risposta di comunione e corresponsabilità” per sanare “le varie fratture che la pandemia sta trasformando da isolate in associate, coinvolgendo tutti i legamenti che tengono uniti i nostri territori”. Ne è convinto il card. Gualtiero Bassetti, arcivescovo di Perugia-Città della Pieve e presidente della Cei, che ha aperto i lavori del Consiglio episcopale […]
  • Card. Bassetti: superare la “frattura educativa” 26 gennaio 2021
    “La frattura sanitaria ha generato infine una frattura educativa, tema peraltro al centro della nostra riflessione nello scorso decennio e ancora di grande attualità”. Ad osservarlo è stato il card. Gualtiero Bassetti, arcivescovo di Perugia-Città della Pieve e presidente della Cei, nell’introduzione con cui ha aperto i lavori del Consiglio episcopale permanente, in corso oggi […]
  • Card. Bassetti: “elaborare una strategia di sistema” per le nuove povertà 26 gennaio 2021
    Caritas italiana e le Caritas diocesane in questi mesi “hanno visto crescere il numero di persone che a loro si sono rivolte per usufruire dei servizi erogati: materiali e non”.  A citare il dato è stato il card. Gualtiero Bassetti, arcivescovo di Perugia-Città della Pieve e presidente della Cei, nell’introduzione con cui ha aperto i […]
  • Card. Bassetti: “intervenire sul sovraindebitamento di famiglie e imprese” 26 gennaio 2021
    Accanto alla frattura sanitaria e a quella sociale, in questo tempo di pandemia “si fa purtroppo sempre più pressante la frattura delle nuove povertà rispetto alle quali i dati sono deflagranti”. A lanciare il grido d’allarme è il card. Gualtiero Bassetti, arcivescovo di Perugia-Città della Pieve e presidente della Cei, nell’introduzione con cui ha aperto […]
  • Card. Bassetti: “frattura sanitaria è anche frattura sociale”. “Non trascurare i drammatici danni collaterali” 26 gennaio 2021
    “Accanto alla fiducia nell’efficacia del vaccino contro il virus, non possiamo trascurare i drammatici danni collaterali portati da questa pandemia”. Ne è convinto il  card. Gualtiero Bassetti, arcivescovo di Perugia-Città della Pieve e presidente della Cei, secondo il quale in questo tempo di pandemia “vi è una frattura sanitaria che è anche una frattura sociale”. […]
  • Card. Bassetti: vaccino “è opzione etica”, deve essere “a disposizione di tutti” 26 gennaio 2021
    “Oggi, grazie alla vaccinazione, vi sono i presupposti per far sì che un atto di protezione individuale possa divenire strumento di protezione collettiva”. Lo ha detto il card. Gualtiero Bassetti, arcivescovo di Perugia-Città della Pieve e presidente della Cei, nell’introduzione con cui ha aperto i lavori del Consiglio episcopale permanente, in corso oggi in videoconferenza. […]
  • Card. Bassetti: “la Chiesa non è di questa o di quell’altra parte”. “Guardiamo con attenzione e preoccupazione alla verifica politica in corso” 26 gennaio 2021
    “La Chiesa non è di questa o di quell’altra parte. Quello che ci sta a cuore è il bene di ogni persona e di ognuno insieme agli altri, quello di cui c’importa è la vita delle persone, quello che sosteniamo è il nostro Paese”. A ribadirlo è stato il card. Gualtiero Bassetti, arcivescovo di Perugia-Città […]
  • Card. Bassetti: “il nostro compito di pastori si configura come opera di riconciliazione” 26 gennaio 2021
    “Il nostro compito di pastori oggi si configura anzitutto come opera di riconciliazione”. Così il card. Gualtiero Bassetti, arcivescovo di Perugia-Città della Pieve e presidente della Cei, ha aperto i lavori del Consiglio episcopale permanente, in corso oggi in videoconferenza: “Anzitutto fraterna, assumendo i panni della collaborazione e della solidarietà. Poi politica, ricucendo il tessuto […]

Commenti recenti

     

    • 38:
    • 177:
    gennaio: 2021
    L M M G V S D
    « Dic    
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    25262728293031

    Login