50° Contemplative consacrate, Francesco: “Siate donne della misericordia”. Giovanni Paolo II e S. Teresa di Lisieux

Redazione1
di Redazione1 giugno 5, 2020 18:07

50° Contemplative consacrate, Francesco: “Siate donne della misericordia”. Giovanni Paolo II e S. Teresa di Lisieux

Nella ricorrenza del 50° anniversario della Promulgazione del Rito della Consacrazione delle vergini. Papa Francesco scrive alle contemplative consacrate nell’Ordo Virginum. “A cinquant’anni dal Rito rinnovato, vorrei dirvi: non spegnete la profezia della vostra vocazione! Siete chiamate, non per vostro merito, ma per la misericordia di Dio, a far risplendere nella vostra esistenza il volto della Chiesa, Sposa di Cristo, che è vergine perché, nonostante sia composta da peccatori, custodisce integra la fede, concepisce e fa crescere una umanità nuova”. E’ quanto afferma nel suo messaggio Bergoglio nel ricordare questo importante anniversario.

“La vostra chiamata – scrive inoltre – mette in luce l’inesauribile e multiforme ricchezza dei doni dello Spirito del Risorto che fa nuove tutte le cose. Al tempo stesso essa è un segno di speranza: la fedeltà del Padre ancora oggi pone nel cuore di alcune donne il desiderio di essere consacrate al Signore nella verginità, vissuta nel proprio ordinario ambiente sociale e culturale, radicate in una Chiesa particolare, in una forma di vita antica e al tempo stesso nuova e moderna”. “la vostra consacrazione verginale aiuti la Chiesa ad amare i poveri, a riconoscere le povertà materiali e spirituali, a soccorrere chi è più fragile e indifeso, chi soffre per la malattia fisica e psichica, i piccoli e gli anziani, chi rischia di essere messo da parte come uno scarto – è l’augurio del Papa – Siate donne della misericordia, esperte di umanità. Donne che credono nella forza rivoluzionaria della tenerezza e dell’affetto”.

Dal messaggio che Papa Francesco rivolge alle contemplative consacrate, facendo memoria di questo 50° anniversario, sorge un altro ricordo: quello di Giovanni Paolo II, che il 2 giugno 1980, rivolgendosi alle Suore contemplative del Carmelo di Lisieux, diceva che “Pur amando profondamente la nostra epoca bisogna riconoscere che il pensiero moderno relega facilmente nel soggettivismo tutto ciò che concerne la religione, la fede dei credenti, i sentimenti religiosi. E questa visione non risparmia la vita monastica. A tal punto che l’opinione pubblica e perfino purtroppo certi cristiani più sensibili al solo impegno concreto, sono tentati di considerare la vostra vita contemplativa come un’evasione dal reale, un’attività anacronistica ed anche inutile”.

Wojtyla, in occasione della sua prima volta in Francia, dopo Parigi aveva concluso la sua visita nella città di Santa Teresa del Bambino Gesù. Recatosi nel monastero delle Carmelitane, chiedeva loro: “ricambiate la sfida del mondo contemporaneo e del mondo d’oggi, vivendo più radicalmente che mai il mistero stesso della vostra condizione del tutto originale che è follia agli occhi del mondo e saggezza nello Spirito Santo: l’amore esclusivo del Signore e di tutti i vostri fratelli in lui. E non cercate neppure di giustificarvi! Ogni amore, dal momento che è autentico, puro e disinteressato, porta in se stesso la sua giustificazione. Amare in modo gratuito è un diritto inalienabile della persona, anche – e bisognerebbe dire soprattutto – quando l’amato è Dio stesso. Sulla scia dei contemplativi e dei mistici di ogni tempo, continuate ad attestare con forza e umiltà la dimensione trascendente della persona umana, creata a somiglianza di Dio e chiamata ad una vita d’intimità con lui”.

Ricordando quanto era stato vissuto da Santa Teresa: “Provo ora – così Karol Wojtyla – una grande gioia  a visitare questo Carmelo che è stato il luogo della sua vita e della sua morte, della sua santificazione, in mezzo alle sue suore, e che deve restare un alto luogo di preghiera e di santificazione per le carmelitane e per tutti i pellegrini. È da qui che vorrei confermare voi tutte, qualunque sia la vostra famiglia spirituale, nella vostra vita contemplativa, assolutamente vitale per la Chiesa e per l’umanità”.

Espressioni che richiamano quanto esprime la “Piccola via” proposta da Teresa di Lisieux, secondo cui tutti noi siamo chiamati a giungere sulla “Montagna dell’Amore”, e i santi sono coloro che sono riusciti a salire sulla montagna la cui cima si perde nel cielo. Teresa – secondo quanto spiegano gli interpreti della sua opera –  non si è mai interrogata sul cammino che l’avrebbe condotta alla “Montagna dell’Amore” ma si è lasciata condurre da Gesù in totale abbandono. Ella infatti sostiene che proprio l’Amore Infinito che, chinandosi sulla creatura, colma tutte le distanze e tutte le opere, salvo l’unica opera che solo la creatura può compiere: l’abbandono totale.

La scoperta di Teresa – continuano gli esegeti – consiste proprio nella necessità di abbandonarsi alla Grazia perché è convinta, che sia l’Amore a far ascendere e generare le opere. Per Teresa la “via breve” consiste nell’essere presa tra le braccia di Gesù e portata da Lui fin sulla vetta della Montagna dell’Amore.

Teresa ci ha insegnato che Gesù non solo è pronto a sollevarci, a sorreggerci per ogni caduta, ma è disposto ad eliminare ogni nostra debolezza e peccato purché chiediamo il Suo aiuto. Una via semplice ed efficace che nel 1997 ha portato alla decisione di Giovanni Paolo II di dichiarare la piccola Teresa Dottore della Chiesa, e a dirne il motivo. Quando “la dottrina professata e proclamata da una certa persona – ha spiegato – può essere un punto di riferimento, non solo perché conforme alla verità rivelata, ma anche perché porta nuova luce sui misteri della fede, e una più profonda comprensione del mistero di Cristo”.

Redazione1
di Redazione1 giugno 5, 2020 18:07


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Santa Sofia torna una Moschea
    Alla fine l’ha spuntata il premier Erdogan che aveva deciso di rompere con la “neutralità” dell’antica Basilica La decisione, fatta passare non da un atto parlamentare o dell’esecutivo ma da quello della giustizia, con una sentenza della 10/ma sezione della massima Corte turca, segna la fine formale della Turchia laica (o meglio laicista, sotto il […]
    Lucandrea Massaro
  • 4 santi molto famosi a cui è cambiata la vita grazie agli angeli
    Da San Francesco a San Tommaso, da Santa Cristiana a Santa Francesca Romana: le visioni degli spiriti celesti hanno trasmesso sofferenza e capacità di convertire i cuori più duri Il mondo dei Santi e quello angelico si intrecciano in continuazione. Nei primi secoli del cristianesimo, i primi Santi riconosciuti sono i martiri che versano il […]
    don Marcello Stanzione
  • Alla fine Notre-Dame de Paris sarà restaurata così com’era
    Niente aggiornamento architettonico: quindici mesi dopo l’incendio che ha devastato Notre-Dame de Paris Emmanuel Macron ha «raggiunto la convinzione» che si debba restaurare la cattedrale esattamente com’era al momento dell’incendio – così le dichiarazioni dell’Eliseo ieri sera. Poco prima, nella giornata, una riunione della Commissione Nazionale del Patrimonio e dell’Architettura (CNPA) contenente politici, esperti e […]
    Timothée Dhellemmes
  • Eutanasia, obbligò a morire una donna olandese: il racconto choc della “dottoressa A.”
    “Prima la drogai, poi le siringhe. Lei si dimenava, ma lo rifarei”. Marinou Arends, medico, assolto dalla Corte Suprema olandese, chiese per tre volte ad una donna ricoverata in una casa di cura se voleva l’eutanasia Si chiama Marinou Arends, è questo il nome della “dottoressa A.” o “Catharina A.”, pseudonimo usato in questi anni […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Il segreto dei Gesuiti arrivato fino all’universo Marvel
    Il rilancio della proposta turistica della Rotta Gesuitica e di quella dell’Erba Mate nella provincia argentina di Misiones Nella Mesopotamia Argentina si sta lavorando per potenziare due rotte turistiche che procedono mano nella mano, la Rotta del Mate e quella delle Missioni Gesuitiche, una proposta di turismo all’aria aperta ideale per rispettare il distanziamento sociale […]
    Esteban Pittaro
  • La ricerca: fare sport in gravidanza migliora la qualità del latte materno
    Una recente ricerca sottolinea gli effetti benefici di lungo periodo per i piccoli allattati al seno di madri che hanno svolto esercizio fisico durante la gestazione Uno studio condotto dal Wexner Medical Center e dal College of Medicine dell’Ohio State University, pubblicato su Nature Metabolism, aggiunge un ulteriore motivo per incoraggiare le donne in gravidanza […]
    Silvia Lucchetti
  • Al Covid-19 una mamma texana risponde con la vita. Anzi tre!
    Era incinta già di 28 settimane quando le hanno diagnosticato l’infezione da coronavirus. La notizia è che stanno tutti bene: mamma Maggie, i tre gemellini, il marito e l’altro figlio di 5 anni. Viva la Vita! La storia di un’incredibile mamma di Houston di nome Maggie è diventata virale oggi dopo che i medici dell’ospedale […]
    Paola Belletti
  • Cos’è l’odore di santità?
    La Chiesa si chiede sempre se certi fatti possono essere stati provocati da cause naturali: il luogo di residenza o il tumulo del defunto contenevano odori notevoli? Composti aromatici (come quelli della tradizione ebraica), una discreta imbalsamazione o l’aspersione a distanza di profumi non possono spiegare la cosa? L’odore di santità è un odore gradevole […]
    Aleteia
  • I 5 libri più belli della settimana scelti per le donne
    I libri sono passabellezza, passalibertà, passavita, più che passatempo. Dove imperversano guerra, distruzione e miseria bisogna ricominciare dalle cose essenziali: i libri e i bambini. Così deve aver ragionato Freshta Karim, sofisticata e brillante attivista afghana (che) … ha già le idee chiare su cosa possa essere utile al suo Paese, dopo quasi due decenni […]
    Paola Belletti
  • Virus, catastrofi naturali: Dio punisce gli uomini per i peccati commessi?
    Tre esperti teologi ci spiegano che Dio abbandona chi commette il male, ma non lo castiga volontariamente. Ecco perchè non c’entra con il coronavirus Il coronavirus, che continua ad infestare il mondo, ha rilanciato un interrogativo: è valida l’equazione calamità-castigo divino? In sostanza Dio punisce gli uomini per i peccati commessi? Tre autorevoli studiosi spiegano […]
    Gelsomino Del Guercio

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 110:
    • 125:
    luglio: 2020
    L M M G V S D
    « Giu    
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    2728293031  

    Login