Pandemia fase 2: fedeli con nostalgia di comunità “attorno alla mensa eucaristica”

Redazione1
di Redazione1 maggio 9, 2020 00:33

Pandemia fase 2: fedeli con nostalgia di comunità “attorno alla mensa eucaristica”

L’emergenza Coronavirus, con l’obbligatorietà restrittiva che ha imposto sotto vari aspetti su ciascuno di noi, ha inciso non poco sulla vita quotidiana di molte persone, anche a causa della sospensione delle celebrazioni liturgiche con concorso di fedeli. Per effetto di questa esclusione che si estesa anche alla vita spirituale, molti hanno accusato una specifica sofferenza nel vivere questo periodo di pandemia.   

Molti, nel sentirsi privati dei sacramenti, hanno avvertito fortemente la mancanza di questo fondamentale “nutrimento” spirituale, provando sentimenti di opposizione verso decisioni che sono apparse contrarie alle esigenze della loro fede e ai loro diritti di cristiani praticanti. In modo particolare hanno sofferto per essere stati sottoposti a isolamento forzato e quindi privati del vitalizzante rapporto interpersonale, che si alimenta nel mutuo sostegno con gli altri nel fraterno spirito della comunità.

Riguardo a questa nostalgia che ancora permane, per gli inevitabili tempi di attesa nonostante l’avvenuta firma del Protocollo tra Cei e Governo che apre alle messe con il popolo, i contenuti di un’omelia di Papa Francesco, di cui ci riferisce Andrea Tornielli, ci forniscono elementi di appropriata riflessione.

“Una familiarità senza comunità, senza il pane, senza la Chiesa, senza il popolo, senza i sacramenti, è pericolosa”. Francesco, nell’omelia della Messa mattutina di Santa Marta: un appuntamento che accompagna e conforta milioni di persone in questo tempo di isolamento forzato e aiuta a tenere unite le comunità, ha parlato del rischio di una fede vissuta in modo intimistico. La riflessione del Papa parte dal racconto del Vangelo di Giovanni: Gesù che attende i discepoli sulla riva del lago di Tiberiade, si intrattiene con loro e mangia insieme a loro il pesce arrostito sulla brace. È una familiarità che passa attraverso lo stare a tavola discutendo insieme.

Quella del cristiano, ha spiegato Francesco, è “una familiarità quotidiana con il Signore”, come quella di chi si siede a tavola per far colazione e parlare con naturalezza di ciò che gli sta a cuore. Una familiarità che è sempre comunitaria, pur essendo personale e intima. Perché una familiarità senza comunità, senza rapporti umani, senza la condivisione del pane, senza i sacramenti, può correre il rischio di diventare “gnostica”, evanescente. Cioè di ridursi a “una familiarità per me soltanto, staccata dal popolo di Dio”. Mentre quella

sperimentata dagli apostoli con Gesù è sempre stata una familiarità comunitaria, vissuta a tavola, segno della comunità, “con il Sacramento, con il pane”.L’isolamento a cui siamo costretti in questo momento a causa della pandemia, l’impossibilità di partecipare alla celebrazione eucaristica in questa situazione di emergenza, non deve portare con sé anche il rischio di assuefarci a vivere una fede intimistica. Milioni di persone oggi si collegano attraverso i mass media per cercare di vivere la loro appartenenza alla comunità, sono insieme attraverso uno schermo, senza esserlo fisicamente. Una modalità necessaria in questo momento, l’unica possibile nell’emergenza che tutti speriamo possa finire al più presto.

Ma questa non può farci dimenticare che la Chiesa, i Sacramenti, il popolo di Dio sono concreti. La familiarità vissuta attraverso i mezzi di comunicazione è un aiuto e rappresenta oggi – spiega il Papa – un modo per “uscire dal tunnel, non per rimanerci”. Francesco ci invita pertanto a non considerare normale questa modalità, che pure sta portando conforto a tante persone nelle ultime settimane sostenendole nella solitudine e nella prova. I cristiani infatti sono inseriti nella comunità, nel popolo di Dio. Un popolo in carne e ossa che spezza il pane, ascolta la Parola, condivide nella carità e annuncia da persona a persona, attraverso testimonianza di vita e concreta prossimità, la gioia del Vangelo.

Un popolo che sa sfruttare con creatività tutte le opportunità offerte dalle nuove tecnologie per mantenersi in contatto e raggiungere chi è solo, sempre in attesa, quando sarà possibile, di potersi ritrovare fisicamente attorno alla mensa eucaristica. Un popolo che si sente quotidianamente accompagnato dal Papa, e che guarda con gratitudine ai tanti sacerdoti, religiose, volontari che in questi giorni hanno trovato il modo di essere concretamente vicini ai morenti, agli ammalati, agli scartati, mettendo a repentaglio la loro vita e, in non pochi casi, anche sacrificandola.

 

 

 

Redazione da ag. di i.

 

 

 

 

 

 

Redazione1
di Redazione1 maggio 9, 2020 00:33

RSS aleteia

  • Credere dopo la crisi: riscoprire la Chiesa domestica
    Nel nostro cammino di riflessione su pandemia, crisi e ritorno alla fede abbiamo individuato “tre cose da fare” e abbiamo già sottolineato l’importanza e l’urgenza di liberarci da tutte le false immagini di Dio, specialmente dinanzi per rinnovare il nostro modo di pensare e di annunciare Dio dinanzi al mistero della sofferenza, del male e […]
    Don Francesco Cosentino
  • Jane Goodall: nella Bibbia si condanna il maltrattamento degli animali
    Nella Bibbia si condanna il maltrattamento degli animali. “Ogni animale è un individuo, Dio nota anche quando muore un ragno, e quindi bisogna pensare ai tanti esseri che soffrono in questo mondo, non solo umani”, ha affermato l’etologa britannica Jane Goodall, 87 anni, pioniera nello studio degli scimpanzè selvaggi e nota messaggera di pace dell’ONU. […]
    Ary Waldir Ramos Díaz
  • Francesco: la preghiera vocale ci porta per mano a Dio
    “Non cadiamo nella superbia di disprezzare la preghiera vocale”, perché “le parole che pronunciamo ci prendono per mano”, “destano anche il più assonnato dei cuori” e sono le sole che, in maniera sicura “indirizzano a Dio le domande che Lui vuol ascoltare”. Così Papa Francesco nella catechesi dell’udienza generale di questa mattina, tenuta ancora nella […]
    Vatican News
  • L’incredibile storia di un bambino inghiottito dal mare e restituito un anno dopo
    Questa storia incredibile ha a che vedere con uno dei santi più venerati nell’antichità e terzo successore di Pietro, San Clemente Romano. Prima di raccontare questa leggenda straordinaria dobbiamo sapere com’è morto San Clemente, perché la storia ha uno stretto rapporto con il suo martirio. San Clemente Romano Documenti del IV secolo narrano che Papa […]
    Maria Paola Daud
  • La perfezione dell’imperfezione nella vita cristiana
    “Quanti giovani hanno abbandonato del tutto la Chiesa?” Questa domanda colpisce al cuore innumerevoli ministri giovanili, educatori, sacerdoti e genitori, ma capire perché tanti giovani lasciano è fondamentale per il futuro della Chiesa. Ad aver posto questa domanda è stato Doug Tooke, che ha più di 25 anni di esperienza a livello di ministero giovanile […]
    Theresa Civantos Barber
  • Quali rischi si corrono con i vaccini AstraZeneca e Johnson & Johnson?
    Vaccino anti Covid: tra il 14 e 20 aprile 2021, l’Agenzia Europea del Farmaco (Ema) ha aggiornato le linee guide sulla sicurezza di AstraZeneca e Johnson & Johnson, evidenziando quali rischi si possono generare per la salute di chi si vaccina. Facciamo chiarezza: si tratta di eventi molto rari, che però vanno spiegati in modo […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Che cosa vuole donarci Dio?
    In quel tempo, disse Gesù alla folla: «Io sono il pane della vita; chi viene a me non avrà fame e chi crede in me non avrà sete, mai! Vi ho detto però che voi mi avete visto, eppure non credete.Tutto ciò che il Padre mi dà, verrà a me: colui che viene a me, […]
    Luigi Maria Epicoco
  • Hadjadj: «Andiamo verso una società senza odore»
    La chiamano «sindrome di Proust». È la capacità della nostra memoria olfattiva di ricordare una esperienza del passato, anche caduta nel dimenticatoio. Basta un odore, un profumo familiare ed ecco riaffiorare le emozioni collegate a quell’antica esperienza. Proprio come la celebre madeleine di Proust, il dolcetto imbevuto di tè che col suo sapore, all’inizio di […]
    Emiliano Fumaneri
  • Via il bastone: Mary e Gordon si riabbracciano dopo il Covid
    Una coppia di pensionati britannici separati da mesi a causa del Coronavirus si ritrova, e il loro video – condiviso sui social – commuove l’Inghilterra. The post Via il bastone: Mary e Gordon si riabbracciano dopo il Covid appeared first on Aleteia.org - Italiano.
    Aleteia
  • Come aiutare i figli adolescenti a distinguere tra flirt e vero amore?
    di Christine Ponsard A cinque o sei anni, si gioca a “m’ama, non m’ama”, staccando ad uno ad uno i petali bianchi delle margherite, come se si recitasse una filastrocca. Dieci anni dopo, le cose cambiano e, margherita o no, dire “ti amo” non dovrebbe più essere così banale. Il flirt è un male o […]
    Edifa

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 96:
    • 187:
    aprile: 2021
    L M M G V S D
    « Mar    
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    2627282930  

    Login