Walter Tobagi, a 40 anni dall’assassinio. Giornalista libero e coraggioso, cattolico impegnato

Redazione1
di Redazione1 maggio 29, 2020 22:51

Walter Tobagi, a 40 anni dall’assassinio. Giornalista libero e coraggioso, cattolico impegnato

Walter Tobagi era un giornalista di grande valore, libero e indipendente, che in quegli anni indagava soprattutto la realtà dell’eversione e del terrorismo di estrema sinistra, con attenzione rivolta anche alla contestazione politica e culturale. Cattolico praticante, era frequentatore e animatore nella parrocchia di Santa Maria del Rosario di Milano. Perseguiva un giornalismo schietto e coraggioso, inteso all’approfondimento degli avvenimenti per cercare di comprenderne le ragioni con professionalità rispettosa dell’uomo; il suo motto era “Poter capire e voler spiegare”.  Fu ucciso barbaramente dai terroristi della “Brigata XXVIII marzo” il 28 maggio 1980, perché rappresentava una realtà che i brigatisti negavano e volevano totalmente abbattere. Ne fa commemorazione il milanese Pino Nardi, nuovo direttore delle testate diocesane.

 Giornalista di razza (dall’Avvenire al Corriere), convinto socialista, cattolico praticante, frequentatore e animatore nella

Il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, Luciano Fontana, Stella e Benedetta Tobagi, durante la commemorazione per i 40 anni dall’omicidio di Walter Tobagi in via Salaino a Milano, 28 Maggio 2020.
Ansa/Matteo Corner

parrocchiamilanese di Santa Maria del Rosario. Tobagi fu ucciso dai terroristi della “Brigata XXVIII marzo” il 28 maggio 1980, a pochi mesi dagli assassinii di Moro e Bachelet. Il suo motto era: “poter capire, voler spiegare”

Era un mercoledì, freddo e piovoso. Una cupezza quel giorno nella Milano oppressa dalla cappa, non solo di nebbia e smog, ma anche della violenza terroristica, che insanguinava le strade della metropoli. All’improvviso i colpi di pistola, alle spalle. Il corpo a terra di Walter Tobagi, 33 anni, inviato del Corriere della Sera, appena uscito di casa per andare in redazione. In quel 28 maggio 1980, 40 anni fa, veniva stroncata la vita di un uomo, di un padre e marito affettuoso, di un giornalista tutto d’un pezzo, vittima dell’odio cieco e vile del terrorismo rosso.

Tobagi ha rappresentato e rappresenta un modello di giornalismo libero e indipendente, attento a leggere i segni di una società in grande fermento e cambiamento. Una professione che rispetta l’uomo, curiosa di comprendere i fatti. “Poter capire e voler spiegare” era la sua concezione del giornalismo, fatta di rigore morale e onestà, di trasparenza e mitezza nei modi. Questo è stato Tobagi, giornalista fin dagli anni giovanili al liceo Parini di Milano scrivendo per la mitica Zanzara. E poi cominciando a farsi le ossa professionalmente prima a L’Avanti!, poi ad Avvenire, al Corriere d’informazione e dal 1972 al Corriere della Sera.

Un giovane giornalista che per il suo talento aveva bruciato tutte le tappe, diventando una delle firme di punta del primo quotidiano italiano. Si occupava in particolare di analizzare il fenomeno terroristico, senza pregiudizi ideologici, ma scavando nei fatti, nelle biografie di quella generazione di suoi coetanei che aveva deciso di sparare invece di dialogare. E così facendo li aveva messi a nudo: in fondo non erano “samurai invincibili”. Scrivere queste parole non era affatto scontato in quegli anni bui, che avevano visto un crescendo di violenza culminata nel rapimento e nell’uccisione di Aldo Moro. Fino all’assassinio di Vittorio Bachelet, tre mesi prima della sua uccisione. Questi, e purtroppo tanti altri nomi, non sono casuali.

Sono stati colpiti sempre coloro che tessevano legami, in una realtà dilaniata dall’ideologia, che costruivano ponti nella politica e nella società. In una prospettiva riformista, con lo scopo di consolidare il cammino democratico del Paese. E non è affatto un caso che molti di loro fossero credenti, pur con riferimenti politici differenti. Anche nel caso di Tobagi, cattolico fino in fondo, assiduo frequentatore e animatore nella parrocchia milanese di Santa Maria del Rosario (a lui è dedicato il centro culturale che stava contribuendo a costruire pochi mesi prima dell’assassinio). E socialista.

Scriveva nel 1964 su La Zanzara: “Il lavoro non è solo umiliazione e ricerca di glorie inutili e passeggere. Può esserlo solo per chi è troppo legato a interessi materialistici che non sanno elevarsi ad alcun nobile ideale. Ma per molti altri, per i più, il lavoro è un mezzo di redenzione e di elevamento. L’uomo trae dal lavoro la sua nobiltà. È il concetto cristiano. Il lavoro è castigo, certo, ma è castigo che nobilita”. E poi più avanti: “Per questo l’unica alternativa alla civiltà di massa è un autentico socialismo cristiano. L’uomo riacquista intero il suo: il diritto e il dovere a vivere. Una personalità propria che lo distingue tra le altre ‘pecore matte’”.

Un giornalista acuto e attento, curioso, capace di penetrare e guardare dove altri non guardavano.

Oltre al terrorismo, Tobagi si era occupato molto dei temi del lavoro e del sindacato (a 30 anni era già presidente dell’Associazione lombarda dei giornalisti), difendendo sempre la libertà d’informazione.

Un’eco si ritrova nelle parole che il cardinale Carlo Maria Martini aveva pronunciato 10 anni fa per il trentesimo anniversario: “Penso che ricordare il sacrificio di Walter Tobagi sia doveroso. Perché non bisogna perdere la memoria degli uomini che sono stati esemplari per il loro impegno sociale e civile, che hanno saputo stimolare le coscienze a promuovere sempre il bene comune e per questo hanno pagato con la vita. Tale impegno Walter Tobagi lo esprimeva attraverso il suo lavoro di giornalista, aiutando a capire le complesse tensioni sociali di quel tempo, testimoniando il coraggio della verità, chiedendo con vigore l’impegno di tutti per una società più giusta. Il suo è un insegnamento che vale molto anche per l’oggi, quando appare sempre più necessario vincere le chiusure e le paure, riaffermare con chiarezza e vivere con coerenza i valori fondamentali del convivere civile: il rispetto dell’altro, la responsabilità della solidarietà, l’onestà, la libertà di parola e di espressione”.

 

 

Redazione

Redazione1
di Redazione1 maggio 29, 2020 22:51


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Santa Sofia torna una Moschea
    Alla fine l’ha spuntata il premier Erdogan che aveva deciso di rompere con la “neutralità” dell’antica Basilica La decisione, fatta passare non da un atto parlamentare o dell’esecutivo ma da quello della giustizia, con una sentenza della 10/ma sezione della massima Corte turca, segna la fine formale della Turchia laica (o meglio laicista, sotto il […]
    Lucandrea Massaro
  • 4 santi molto famosi a cui è cambiata la vita grazie agli angeli
    Da San Francesco a San Tommaso, da Santa Cristiana a Santa Francesca Romana: le visioni degli spiriti celesti hanno trasmesso sofferenza e capacità di convertire i cuori più duri Il mondo dei Santi e quello angelico si intrecciano in continuazione. Nei primi secoli del cristianesimo, i primi Santi riconosciuti sono i martiri che versano il […]
    don Marcello Stanzione
  • Alla fine Notre-Dame de Paris sarà restaurata così com’era
    Niente aggiornamento architettonico: quindici mesi dopo l’incendio che ha devastato Notre-Dame de Paris Emmanuel Macron ha «raggiunto la convinzione» che si debba restaurare la cattedrale esattamente com’era al momento dell’incendio – così le dichiarazioni dell’Eliseo ieri sera. Poco prima, nella giornata, una riunione della Commissione Nazionale del Patrimonio e dell’Architettura (CNPA) contenente politici, esperti e […]
    Timothée Dhellemmes
  • Eutanasia, obbligò a morire una donna olandese: il racconto choc della “dottoressa A.”
    “Prima la drogai, poi le siringhe. Lei si dimenava, ma lo rifarei”. Marinou Arends, medico, assolto dalla Corte Suprema olandese, chiese per tre volte ad una donna ricoverata in una casa di cura se voleva l’eutanasia Si chiama Marinou Arends, è questo il nome della “dottoressa A.” o “Catharina A.”, pseudonimo usato in questi anni […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Il segreto dei Gesuiti arrivato fino all’universo Marvel
    Il rilancio della proposta turistica della Rotta Gesuitica e di quella dell’Erba Mate nella provincia argentina di Misiones Nella Mesopotamia Argentina si sta lavorando per potenziare due rotte turistiche che procedono mano nella mano, la Rotta del Mate e quella delle Missioni Gesuitiche, una proposta di turismo all’aria aperta ideale per rispettare il distanziamento sociale […]
    Esteban Pittaro
  • La ricerca: fare sport in gravidanza migliora la qualità del latte materno
    Una recente ricerca sottolinea gli effetti benefici di lungo periodo per i piccoli allattati al seno di madri che hanno svolto esercizio fisico durante la gestazione Uno studio condotto dal Wexner Medical Center e dal College of Medicine dell’Ohio State University, pubblicato su Nature Metabolism, aggiunge un ulteriore motivo per incoraggiare le donne in gravidanza […]
    Silvia Lucchetti
  • Al Covid-19 una mamma texana risponde con la vita. Anzi tre!
    Era incinta già di 28 settimane quando le hanno diagnosticato l’infezione da coronavirus. La notizia è che stanno tutti bene: mamma Maggie, i tre gemellini, il marito e l’altro figlio di 5 anni. Viva la Vita! La storia di un’incredibile mamma di Houston di nome Maggie è diventata virale oggi dopo che i medici dell’ospedale […]
    Paola Belletti
  • Cos’è l’odore di santità?
    La Chiesa si chiede sempre se certi fatti possono essere stati provocati da cause naturali: il luogo di residenza o il tumulo del defunto contenevano odori notevoli? Composti aromatici (come quelli della tradizione ebraica), una discreta imbalsamazione o l’aspersione a distanza di profumi non possono spiegare la cosa? L’odore di santità è un odore gradevole […]
    Aleteia
  • I 5 libri più belli della settimana scelti per le donne
    I libri sono passabellezza, passalibertà, passavita, più che passatempo. Dove imperversano guerra, distruzione e miseria bisogna ricominciare dalle cose essenziali: i libri e i bambini. Così deve aver ragionato Freshta Karim, sofisticata e brillante attivista afghana (che) … ha già le idee chiare su cosa possa essere utile al suo Paese, dopo quasi due decenni […]
    Paola Belletti
  • Virus, catastrofi naturali: Dio punisce gli uomini per i peccati commessi?
    Tre esperti teologi ci spiegano che Dio abbandona chi commette il male, ma non lo castiga volontariamente. Ecco perchè non c’entra con il coronavirus Il coronavirus, che continua ad infestare il mondo, ha rilanciato un interrogativo: è valida l’equazione calamità-castigo divino? In sostanza Dio punisce gli uomini per i peccati commessi? Tre autorevoli studiosi spiegano […]
    Gelsomino Del Guercio

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 107:
    • 125:
    luglio: 2020
    L M M G V S D
    « Giu    
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    2728293031  

    Login