Walter Tobagi, a 40 anni dall’assassinio. Giornalista libero e coraggioso, cattolico impegnato

Redazione1
di Redazione1 maggio 29, 2020 22:51

Walter Tobagi, a 40 anni dall’assassinio. Giornalista libero e coraggioso, cattolico impegnato

Walter Tobagi era un giornalista di grande valore, libero e indipendente, che in quegli anni indagava soprattutto la realtà dell’eversione e del terrorismo di estrema sinistra, con attenzione rivolta anche alla contestazione politica e culturale. Cattolico praticante, era frequentatore e animatore nella parrocchia di Santa Maria del Rosario di Milano. Perseguiva un giornalismo schietto e coraggioso, inteso all’approfondimento degli avvenimenti per cercare di comprenderne le ragioni con professionalità rispettosa dell’uomo; il suo motto era “Poter capire e voler spiegare”.  Fu ucciso barbaramente dai terroristi della “Brigata XXVIII marzo” il 28 maggio 1980, perché rappresentava una realtà che i brigatisti negavano e volevano totalmente abbattere. Ne fa commemorazione il milanese Pino Nardi, nuovo direttore delle testate diocesane.

 Giornalista di razza (dall’Avvenire al Corriere), convinto socialista, cattolico praticante, frequentatore e animatore nella

Il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, Luciano Fontana, Stella e Benedetta Tobagi, durante la commemorazione per i 40 anni dall’omicidio di Walter Tobagi in via Salaino a Milano, 28 Maggio 2020.
Ansa/Matteo Corner

parrocchiamilanese di Santa Maria del Rosario. Tobagi fu ucciso dai terroristi della “Brigata XXVIII marzo” il 28 maggio 1980, a pochi mesi dagli assassinii di Moro e Bachelet. Il suo motto era: “poter capire, voler spiegare”

Era un mercoledì, freddo e piovoso. Una cupezza quel giorno nella Milano oppressa dalla cappa, non solo di nebbia e smog, ma anche della violenza terroristica, che insanguinava le strade della metropoli. All’improvviso i colpi di pistola, alle spalle. Il corpo a terra di Walter Tobagi, 33 anni, inviato del Corriere della Sera, appena uscito di casa per andare in redazione. In quel 28 maggio 1980, 40 anni fa, veniva stroncata la vita di un uomo, di un padre e marito affettuoso, di un giornalista tutto d’un pezzo, vittima dell’odio cieco e vile del terrorismo rosso.

Tobagi ha rappresentato e rappresenta un modello di giornalismo libero e indipendente, attento a leggere i segni di una società in grande fermento e cambiamento. Una professione che rispetta l’uomo, curiosa di comprendere i fatti. “Poter capire e voler spiegare” era la sua concezione del giornalismo, fatta di rigore morale e onestà, di trasparenza e mitezza nei modi. Questo è stato Tobagi, giornalista fin dagli anni giovanili al liceo Parini di Milano scrivendo per la mitica Zanzara. E poi cominciando a farsi le ossa professionalmente prima a L’Avanti!, poi ad Avvenire, al Corriere d’informazione e dal 1972 al Corriere della Sera.

Un giovane giornalista che per il suo talento aveva bruciato tutte le tappe, diventando una delle firme di punta del primo quotidiano italiano. Si occupava in particolare di analizzare il fenomeno terroristico, senza pregiudizi ideologici, ma scavando nei fatti, nelle biografie di quella generazione di suoi coetanei che aveva deciso di sparare invece di dialogare. E così facendo li aveva messi a nudo: in fondo non erano “samurai invincibili”. Scrivere queste parole non era affatto scontato in quegli anni bui, che avevano visto un crescendo di violenza culminata nel rapimento e nell’uccisione di Aldo Moro. Fino all’assassinio di Vittorio Bachelet, tre mesi prima della sua uccisione. Questi, e purtroppo tanti altri nomi, non sono casuali.

Sono stati colpiti sempre coloro che tessevano legami, in una realtà dilaniata dall’ideologia, che costruivano ponti nella politica e nella società. In una prospettiva riformista, con lo scopo di consolidare il cammino democratico del Paese. E non è affatto un caso che molti di loro fossero credenti, pur con riferimenti politici differenti. Anche nel caso di Tobagi, cattolico fino in fondo, assiduo frequentatore e animatore nella parrocchia milanese di Santa Maria del Rosario (a lui è dedicato il centro culturale che stava contribuendo a costruire pochi mesi prima dell’assassinio). E socialista.

Scriveva nel 1964 su La Zanzara: “Il lavoro non è solo umiliazione e ricerca di glorie inutili e passeggere. Può esserlo solo per chi è troppo legato a interessi materialistici che non sanno elevarsi ad alcun nobile ideale. Ma per molti altri, per i più, il lavoro è un mezzo di redenzione e di elevamento. L’uomo trae dal lavoro la sua nobiltà. È il concetto cristiano. Il lavoro è castigo, certo, ma è castigo che nobilita”. E poi più avanti: “Per questo l’unica alternativa alla civiltà di massa è un autentico socialismo cristiano. L’uomo riacquista intero il suo: il diritto e il dovere a vivere. Una personalità propria che lo distingue tra le altre ‘pecore matte’”.

Un giornalista acuto e attento, curioso, capace di penetrare e guardare dove altri non guardavano.

Oltre al terrorismo, Tobagi si era occupato molto dei temi del lavoro e del sindacato (a 30 anni era già presidente dell’Associazione lombarda dei giornalisti), difendendo sempre la libertà d’informazione.

Un’eco si ritrova nelle parole che il cardinale Carlo Maria Martini aveva pronunciato 10 anni fa per il trentesimo anniversario: “Penso che ricordare il sacrificio di Walter Tobagi sia doveroso. Perché non bisogna perdere la memoria degli uomini che sono stati esemplari per il loro impegno sociale e civile, che hanno saputo stimolare le coscienze a promuovere sempre il bene comune e per questo hanno pagato con la vita. Tale impegno Walter Tobagi lo esprimeva attraverso il suo lavoro di giornalista, aiutando a capire le complesse tensioni sociali di quel tempo, testimoniando il coraggio della verità, chiedendo con vigore l’impegno di tutti per una società più giusta. Il suo è un insegnamento che vale molto anche per l’oggi, quando appare sempre più necessario vincere le chiusure e le paure, riaffermare con chiarezza e vivere con coerenza i valori fondamentali del convivere civile: il rispetto dell’altro, la responsabilità della solidarietà, l’onestà, la libertà di parola e di espressione”.

 

 

Redazione

Redazione1
di Redazione1 maggio 29, 2020 22:51

RSS aleteia

  • San Giovanni Paolo II, notissimo sconosciuto
    Il 18 maggio 2020 abbiamo commemorato il centenario della nascita di San Giovanni Paolo II. Leggendo gli innumerevoli articoli scritti su di lui, constatiamo un paradosso: pochi uomini del suo tempo sono stati tanto conosciuti e ammirati come lui, ma il suo messaggio è stato ancora poco approfondito. Un punto di svolta La facilità di […]
    Francisco Borba Ribeiro Neto
  • 3000 cristiani massacrati in sei mesi: la verità sulle stragi in Nigeria
    Cristiani in Nigeria nel mirino della “pulizia religiosa” di Boko Haram, Iswap e bande criminali affiliate. I numeri di omicidi, rapimenti, assalti sono spaventosamente al rialzo, se confrontati con quelli registrati appena dodici mesi fa (Il Sussidiario, 26 luglio).  3000 sequestri Il 18 luglio la ong nigeriana Intersociety Rule of Law ha pubblicato un aggiornamento […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Nadia Nespoli, mani e cuore per ravvivare i colori della devozione popolare
    Da venerdì 27 a domenica 29 Agosto 2021 ad Ardesio, in provincia di Bergamo, si svolgerà la seconda edizione del Festival Sacrae Scenae. È un evento speciale, nuovo perché antichissimo – si potrebbe dire. Si tratta di un festival cinematografico dedicato al culto della Madonna e alla devozione popolare. Così lo raccontano i promotori: L’obiettivo è […]
    Annalisa Teggi
  • Hidilyn Diaz vince l’oro e ringrazia la Madonna della Medaglia Miracolosa
    L’attesa di 97 anni delle Filippine per una medaglia d’oro alle Olimpiadi è finita dopo che Hidilyn Diaz ha trionfato nel sollevamento pesi femminile da 55 chilogrammi ai Giochi di Tokyo. Diaz è scoppiata in lacrime mentre registrava il suo sforzo per vincere la medaglia d’oro con un sollevamento complessivo di 224 chilogrammi. Il totale ha stabilito un […]
    Paola Belletti
  • Una chiesa di Londra invita i passanti a entrare di notte per incontrare Gesù (FOTO)
    Vicino al cuore della zona dei teatri di Londra, in un quartiere che una volta era la base operativa dell’industria del sesso della città, Soho Square ospita anche la chiesa cattolica di St. Patrick. Se la zona è stata riqualificata e ristoranti e wine bars hanno sostituito gli strip club, la gente che cammina vicino […]
    Zelda Caldwell
  • Come le Olimpiadi possono ispirarci a diventare santi
    Ogni quattro anni, il mondo si lascia affascinare dalle Olimpiadi, ammirando la perfezione fisica che ogni atleta ha raggiunto. San Giovanni Paolo II era un grande fan delle Olimpiadi, che riteneva offrissero grandi lezioni spirituali. Nel suo messaggio agli sportivi per il Giubileo del 2000, indicava le Olimpiadi come incoraggiamento per tutti noi nella nostra […]
    Philip Kosloski
  • Nancy e Patrick: «Il Rosario e Medjugorje hanno salvato il nostro matrimonio e le nostre vite»
    A Medjugorje, vicino alla collina delle apparizioni, una costruzione si distingue fra le altre. Tutti la chiamano “il Castello” – perché ricorda una dimora medievale in pietra – ed è stata costruita da una coppia canadese, Nancy e Patrick, quando hanno deciso di trasferirsi a tempo pieno a Medjugorje, lasciando rispettivamente una brillante carriera d’avvocato […]
    Anna Raisa Favale
  • Il giovane angelo che insegnò alle religiose la preghiera del breviario
    A volte è capitato che un angelo abbia insegnato una preghiera ad alcune persone. Sono documentate diverse apparizioni angeliche in cui i messaggeri celesti imparano come pregare: una di queste è accaduta in Francia nel corso del XVI secolo. San Pietro Fourier riunì alcune “buone ragazze” per fondare le Canonichesse di San’Agostino della Congregazione di […]
    don Marcello Stanzione
  • Mia moglie è rimasta incinta del suo stupratore – e io ho accolto il bambino nato da quella violenza
    Nel 2014, Jennifer Christie ha pubblicato una testimonianza lacerante: stuprata durante un viaggio di lavoro, è rimasta incinta dello stupratore, ha vissuto una tempesta emotiva brutale e in ogni momento ha contato su un sostegno deciso e magnanimo: quello del marito Jeff, che l’ha incoraggiata a dare alla luce il bambino innocente generato da quell’atto […]
    Jeff Christie
  • “L’idea di limite è molto educativa: non possiamo autodeterminarci in tutto”
    Jorge Bustos è opinionista del quotidiano El Mundo e uno degli autori di riferimento della stampa spagnola. Dotato di uno sguardo poetico che spesso si vede costretto a sacrificare, o subordinare, alla cronaca politica, quest’anno si è preso il piacere di lasciar andare a briglia sciolta la sua vocazione più puramente letteraria con Asombro y […]
    Vidal Arranz

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 139:
    • 152:
    luglio: 2021
    L M M G V S D
    « Giu    
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    262728293031  

    Login