Messe con i fedeli: riapertura gioiosa ma con norme rigide ed eccessive.

Redazione1
di Redazione1 maggio 24, 2020 18:38

Messe con i fedeli: riapertura gioiosa ma con norme rigide ed eccessive.

All’oscuramento totale delle messe col popolo, del lockdown, che ha messo in ginocchio la Chiesa come mai era accaduto prima, con la fase 2, ora, segue una Chiesa che riapre con gioia ma  alquanto ingessata. Imbrigliata, cioè, in una serie di norme tecnico-sanitarie rigide, minuziose e scoraggianti, che a molti appaiono esorbitanti. Sicchè adesso la funzione liturgica con i fedeli appare come un rituale artificioso, cadenzato da una sequenza di prescrizioni rigide e mal disponenti. Una condizione che ha suscitato parecchi giudizi negativi e lamentele, di fedeli e sacerdoti, che esprimono sentimenti di disagio, smarrimento e confusione di fronte alle norme emanate dal Governo, e “accettate supinamente dalla Conferenza Episcopale Italiana”. 

Cessata la fase del lockdown, durata circa due mesi e mezzo col divieto per i fedeli di andare a messa, è iniziata la fase 2. Ora, in seguito a un travagliato accordo tra il Governo e la Cei, preceduto da momenti di

notevole tensione, i fedeli potranno tornare di nuovo a messa, ma sottoposti a norme piuttosto dure. Per cui, purtroppo, non tornerà tutto come prima del Coronavirus. La celebrazione eucaristica, infatti, appare imbrigliata da una serie di disposizioni inflessibili che ne rendono lo svolgimento radicalmente modificato: reso artificioso da restrizioni e obblighi da rispettare, secondo quanto sottoscritto dal Presidente della Cei cardinale Bassetti, dal presidente Conte e dal Ministro dell’Interno Lamorgese, per non venir meno alla sicurezza dei fedeli.

Sono infatti tante le regole imposte per il corretto svolgimento delle funzioni: sanificazione delle chiese ad apertura; svariate igienizzazioni prima delle funzioni e dopo; preordinato numero massimo di partecipanti; obbligo di distanza di sicurezza anche dai propri familiari;  uso della mascherina, guanti, e parecchie altre norme. Dal protocollo firmato dalla Cei e dal governo lo scorso 7 maggio, che cerca di conciliare le esigenze di culto con la sicurezza della salute pubblica, è iniziata, dunque, una “normalità” diversa da quella di prima, a cui potrebbe essere non facilissimo abituarsi. Per questo motivo parecchie Chiese locali hanno approntato dei piccoli prontuari di comportamento da seguire, “per garantire ricchezza delle celebrazioni comunitarie senza venir meno alle esigenze di prudenza e di rispetto della normativa vigente”.

Ecco, in sintesi, un elenco delle norme stabilite da osservare.

“Coloro che accedono ai luoghi di culto per le celebrazioni liturgiche, devono indossare mascherine e igienizzarsi le mani con l’apposito gel all’ingresso. Condizione di base per partecipare al culto: solo se non si presentano sintomi influenzali/respiratori, se non si ha una temperatura corporea di 37,5°C o più. Regole, naturalmente, che valgono anche per sacerdoti, diaconi, religiosi, ministri ordinati”. Il numero dei partecipanti in un luogo di culto chiuso è fissato ad un massimo di 200. Per le cerimonie all’aperto è di 1000 persone. Per tali limitazioni, sono necessari turni, con eventuali pren0tazioni via on-line o WhatsApp, per poter partecipare alla messa; nei banchi posti a sedere“a scacchiera” con l’obbligo di garantire che ci sia sempre una distanza tra le persone di non meno di un metro davanti e ai lati, e anche per evitare che una persona, inginocchiandosi, si trovi troppo vicino a chi gli è davanti; proibito lo scambio del segno della pace; da rispettare la distanza di sicurezza di almeno 1.5 metri, durante gli spostamenti, in particolare all’ingresso e all’uscita”.

Per garantire il rispetto delle condizioni di sicurezza, sono necessari “collaboratori affidabili” che con dispositivi di protezione individuale e un evidente segno di riconoscimento, favoriscano l’accesso e l’uscita, e controllino il rispetto delle regole prescritte. Al termine di ogni funzione o comunque prima di quella successiva si deve igienizzare il luogo di culto e la sacrestia, cambiare l’aria, disinfettare accuratamente i vasi sacri, vassoi, ampolline o ogni altro oggetto utilizzato.

Le offerte non vanno raccolte durante la celebrazione, ma deposte in contenitori collocati agli ingressi o in altro luogo idoneo. Le acquasantiere devono rimanere vuote. Rispetto alle attenzioni da osservare nelle celebrazioni liturgiche: si chiede di ridurre al minimo indispensabile la presenza di concelebranti e ministri; rispettare il distanziamento fisico, il che rende per ora impossibile evitare l’utilizzo dei cori.

Per quanto riguarda la Comunione: il celebrante e gli eventuali altri ministri della Comunione, si igienizzino le mani con disinfettante alcolico; debbono indossare guanti monouso nuovi e mascherina; offrano la Comunione esclusivamente sulla mano dei fedeli; nel porre l’ostia abbiano cura di mantenere un’adeguata distanza di sicurezza e di non toccare le loro mani; si valuti inoltre «l’opportunità di istruire i fedeli che, al posto di rispondere “Amen” a voce alta a “Il Corpo di Cristo” lo esprimano interiormente e lo manifestino con inchino del capo.

Nel formare la fila dei fedeli: va rispettata la distanza di 1,5 metri uno dall’altro e di almeno un metro tra la fila e i fedeli che sono al posto; non ci devono essere file parallele di fedeli distanti meno di 1,5 metri l’una dall’altra. Mentre sono in fila i fedeli devono portare la mascherina da rimettere subito dopo aver ricevuta la Comunione. Nei luoghi destinati ai fedeli non devono essere presenti sussidi per i canti o di altro tipo di preghiere, santini e quant’altro.

Il sacramento della Penitenza va amministrato non nei confessionali, ma in luoghi ampi e areati, che consentano il pieno rispetto delle misure di distanziamento e la riservatezza richiesta dal sacramento stesso. Tra le altre indicazioni una, importante, riguarda i fedeli, che «per gravi motivi di età o di salute, sono dispensati dall’adempimento del precetto festivo».

Al punto 5.3 si legge: “Si favoriscano le trasmissioni delle celebrazioni in modalità “streaming” per la fruizione di chi non può partecipare alla celebrazione eucaristica”. Un invito questo, che è in evidente contrasto con quello di papa Bergoglio, il quale, pur riconoscendo l’importanza di proteggere la salute, raccomanda: “Di fare attenzione a non “viralizzare” la Chiesa e i sacramenti”.

 

A.M.

 

 

 

 

 

Redazione1
di Redazione1 maggio 24, 2020 18:38


www.libreriadelsanto.it

RSS aleteia

  • Santa Sofia torna una Moschea
    Alla fine l’ha spuntata il premier Erdogan che aveva deciso di rompere con la “neutralità” dell’antica Basilica La decisione, fatta passare non da un atto parlamentare o dell’esecutivo ma da quello della giustizia, con una sentenza della 10/ma sezione della massima Corte turca, segna la fine formale della Turchia laica (o meglio laicista, sotto il […]
    Lucandrea Massaro
  • 4 santi molto famosi a cui è cambiata la vita grazie agli angeli
    Da San Francesco a San Tommaso, da Santa Cristiana a Santa Francesca Romana: le visioni degli spiriti celesti hanno trasmesso sofferenza e capacità di convertire i cuori più duri Il mondo dei Santi e quello angelico si intrecciano in continuazione. Nei primi secoli del cristianesimo, i primi Santi riconosciuti sono i martiri che versano il […]
    don Marcello Stanzione
  • Alla fine Notre-Dame de Paris sarà restaurata così com’era
    Niente aggiornamento architettonico: quindici mesi dopo l’incendio che ha devastato Notre-Dame de Paris Emmanuel Macron ha «raggiunto la convinzione» che si debba restaurare la cattedrale esattamente com’era al momento dell’incendio – così le dichiarazioni dell’Eliseo ieri sera. Poco prima, nella giornata, una riunione della Commissione Nazionale del Patrimonio e dell’Architettura (CNPA) contenente politici, esperti e […]
    Timothée Dhellemmes
  • Eutanasia, obbligò a morire una donna olandese: il racconto choc della “dottoressa A.”
    “Prima la drogai, poi le siringhe. Lei si dimenava, ma lo rifarei”. Marinou Arends, medico, assolto dalla Corte Suprema olandese, chiese per tre volte ad una donna ricoverata in una casa di cura se voleva l’eutanasia Si chiama Marinou Arends, è questo il nome della “dottoressa A.” o “Catharina A.”, pseudonimo usato in questi anni […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Il segreto dei Gesuiti arrivato fino all’universo Marvel
    Il rilancio della proposta turistica della Rotta Gesuitica e di quella dell’Erba Mate nella provincia argentina di Misiones Nella Mesopotamia Argentina si sta lavorando per potenziare due rotte turistiche che procedono mano nella mano, la Rotta del Mate e quella delle Missioni Gesuitiche, una proposta di turismo all’aria aperta ideale per rispettare il distanziamento sociale […]
    Esteban Pittaro
  • La ricerca: fare sport in gravidanza migliora la qualità del latte materno
    Una recente ricerca sottolinea gli effetti benefici di lungo periodo per i piccoli allattati al seno di madri che hanno svolto esercizio fisico durante la gestazione Uno studio condotto dal Wexner Medical Center e dal College of Medicine dell’Ohio State University, pubblicato su Nature Metabolism, aggiunge un ulteriore motivo per incoraggiare le donne in gravidanza […]
    Silvia Lucchetti
  • Al Covid-19 una mamma texana risponde con la vita. Anzi tre!
    Era incinta già di 28 settimane quando le hanno diagnosticato l’infezione da coronavirus. La notizia è che stanno tutti bene: mamma Maggie, i tre gemellini, il marito e l’altro figlio di 5 anni. Viva la Vita! La storia di un’incredibile mamma di Houston di nome Maggie è diventata virale oggi dopo che i medici dell’ospedale […]
    Paola Belletti
  • Cos’è l’odore di santità?
    La Chiesa si chiede sempre se certi fatti possono essere stati provocati da cause naturali: il luogo di residenza o il tumulo del defunto contenevano odori notevoli? Composti aromatici (come quelli della tradizione ebraica), una discreta imbalsamazione o l’aspersione a distanza di profumi non possono spiegare la cosa? L’odore di santità è un odore gradevole […]
    Aleteia
  • I 5 libri più belli della settimana scelti per le donne
    I libri sono passabellezza, passalibertà, passavita, più che passatempo. Dove imperversano guerra, distruzione e miseria bisogna ricominciare dalle cose essenziali: i libri e i bambini. Così deve aver ragionato Freshta Karim, sofisticata e brillante attivista afghana (che) … ha già le idee chiare su cosa possa essere utile al suo Paese, dopo quasi due decenni […]
    Paola Belletti
  • Virus, catastrofi naturali: Dio punisce gli uomini per i peccati commessi?
    Tre esperti teologi ci spiegano che Dio abbandona chi commette il male, ma non lo castiga volontariamente. Ecco perchè non c’entra con il coronavirus Il coronavirus, che continua ad infestare il mondo, ha rilanciato un interrogativo: è valida l’equazione calamità-castigo divino? In sostanza Dio punisce gli uomini per i peccati commessi? Tre autorevoli studiosi spiegano […]
    Gelsomino Del Guercio

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 6:
    • 111:
    luglio: 2020
    L M M G V S D
    « Giu    
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    2728293031  

    Login