Celibato sacerdotale: “Non un dogma“ ma “dono prezioso per tutti gli ultimi pontefici”

Redazione1
di Redazione1 gennaio 15, 2020 14:22

Celibato sacerdotale: “Non un dogma“ ma “dono prezioso per tutti gli ultimi pontefici”

Attorno al tema del celibato dei sacerdoti, in questi ultimi mesi si sono accese parecchie discussioni e  pareri espressi con foga su organi di stampa, su siti e blog incentrati sull’idea che il Sinodo sull’Amazzonia attualmente possa legittimare forme di ordinazione di viri probati, laici sposati di sicura fede, sull’esempio di quanto prospettato per le zone periamazzoniche. Non tenendo conto, però, che  “il Sinodo non è un organo deliberativo ma consultivo, che la decisione spetta al Papa che al riguardo potrà esprimersi mediante un’esortazione apostolica post-sinodale o altri strumenti a sua disposizione”.  Significativo in proposito quanto hanno detto i due papi, Francesco e il Papa emerito Banedetto XVI.

“Il celibato sacerdotale non è e non è mai stato un dogma. Si tratta di una disciplina ecclesiastica della Chiesa latina che rappresenta un dono prezioso, definito in questo modo da tutti gli ultimi Pontefici”. Lo scrive Andrea Tornielli, direttore editoriale del Dicastero per la Comunicazione della Santa Sede, in un editoriale pubblicato su Vatican News in merito all’uscita – anticipata da Le Figaro – di un libro sul sacerdozio che contiene il contributo del pensiero del Papa emerito Joseph Ratzinger insieme a quello del card. Robert Sarah, prefetto della Congregazione del Culto divino.

“La Chiesa cattolica di rito orientale – ricorda Tornielli a proposito del celibato sacerdotale – prevede la possibilità di ordinare sacerdoti uomini sposati ed eccezioni sono state ammesse anche per la Chiesa latina proprio da Benedetto XVI nella Costituzione apostolica ‘Anglicanorum coetibus’, dedicata agli anglicani che chiedono la comunione con la Chiesa cattolica, dove si prevede ‘di ammettere caso per caso all’Ordine Sacro del presbiterato anche uomini coniugati, secondo i criteri oggettivi approvati dalla Santa Sede’”. Sull’argomento, ricorda inoltre Tornielli, “si è espresso più volte anche Papa Francesco, che ancora cardinale, nel libro conversazione con il rabbino Abraham Skorka, aveva spiegato di essere favorevole al mantenimento del celibato ‘con tutti i pro e i contro che comporta, perché sono dieci secoli di esperienze positive più che di errori. La tradizione ha un peso e una validità’”.

Lo scorso gennaio, nel dialogo con i giornalisti sul volo di ritorno da Panama, il Papa aveva ricordato che nella Chiesa cattolica orientale era possibile l’opzione celibataria o matrimoniale prima del diaconato, ma aveva aggiunto, a proposito della Chiesa latina: “Mi viene in mente quella frase di San Paolo VI: ‘Preferisco dare la vita prima di cambiare la legge del celibato’. Mi è venuta in mente e voglio dirla, perché è una frase coraggiosa, in un momento più difficile di questo, 1968/1970… Personalmente, penso che il celibato sia un dono per la Chiesa… Io non sono d’accordo di permettere il celibato opzionale, no’”. Nella sua risposta aveva anche parlato della discussione tra i teologi circa la possibilità di concedere deroghe per alcune regioni sperdute, come le isole del Pacifico, precisando però che “non c’è decisione mia. La mia decisione è: celibato opzionale prima del diaconato, no. È una cosa mia, personale, io non lo farò, questo rimane chiaro. Sono uno ‘chiuso’? Forse. Ma non mi sento di mettermi davanti a Dio con questa decisione”.

“Nell’ottobre 2019 si è celebrato il Sinodo sull’Amazzonia e il tema è stato dibattuto”, aggiunge Tornielli: “Come si evince dal documento finale, ci sono stati vescovi che hanno chiesto la possibilità di ordinare sacerdoti diaconi permanenti sposati”. “Colpisce però che il 26 ottobre, nel suo discorso conclusivo il Papa, dopo aver seguito in aula tutte le fasi degli interventi e della discussione, non abbia menzionato in alcun modo il tema dell’ordinazione di uomini sposati, neanche di sfuggita”, questo il commento del direttore editoriale. In quello stesso discorso, il Pontefice “ha parlato della creatività nei nuovi ministeri e del ruolo della donna e riferendosi alla scarsità di clero in certe zone di missione, ha ricordato che ci sono tanti sacerdoti di un Paese che sono andati nel primo mondo – Stati Uniti ed Europa – ‘e non ce ne sono per inviarli alla zona amazzonica di quello stesso Paese’”.

A proposito di questo tema Benedetto XVI scrive: “Senza la rinuncia ai beni materiali, non può esistere un sacerdozio. La chiamata a seguire Gesù non è possibile senza questo segno di libertà e di rinuncia a tutti i compromessi. Credo che il celibato abbia un grande significato come abbandono di un possibile dominio terreno e un cerchio di vita familiare; il celibato diventa persino veramente essenziale affinché il nostro approccio a Dio possa rimanere il fondamento della nostra vita ed esprimersi concretamente. Ciò significa, ovviamente, che il celibato deve penetrare tutti gli atteggiamenti dell’esistenza con le sue esigenze. Non può raggiungere il suo pieno significato se ci conformiamo alle regole della proprietà e agli atteggiamenti della vita comunemente praticati oggi. Non può esserci stabilità se non mettiamo la nostra unione con Dio al centro della nostra vita”.

 

 

Redazione da Ag. di I.

 

Redazione1
di Redazione1 gennaio 15, 2020 14:22

RSS aleteia

  • Don Patriciello richiama Fedez che incita all’aborto: i preti scelgono la vita
    Don Maurizio Patriciello striglia Fedez sull’aborto. E lo fa con un editoriale sul quotidiano Avvenire (29 luglio) in cui smonta con parole d’amore, la “scomunica” ai sacerdoti via twitter intimata dal rapper milanese.  Tutto era nato da un tweet di un altro prete, don Mirco Bianchi, che inneggiava al supporto degli influencer nella battaglia contro […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Paolo Palumbo: la Sla non lo piega. Ora è un “eroe” su Facebook (FOTO)
    Nell’ultimo post su Facebook, Paolo Palumbo ha scagliato un altro schiaffo alla SLA, che lo ha colpito cinque anni fa: ha ricevuto quasi 15mila interazioni e centinaia di ovazione per il suo approccio da lottatore contro una malattia degenerativa che lo sta mettendo a dura prova ogni giorno. SONO ESAUSTO. Questa è la faccia di […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Benedetta dopo 66 anni la salma di “Luciedda”, ora la verità
    Si disse che i funerali non si fecero “per via del diritto canonico”, ma nella piccola Lucia Mantione la sua Montedoro riconobbe sempre e da subito una sorella di Maria Goretti. The post Benedetta dopo 66 anni la salma di “Luciedda”, ora la verità appeared first on Aleteia.org - Italiano.
    Giovanni Marcotullio
  • Neha, 17 anni, uccisa a bastonate da nonni e zii perché indossava i jeans
    Adolescente indiana, amava lo stile all’occidentale Uccisa a bastonate perché amava indossare jeans e t-shirt. E’ successo in India, nello stato settentrionale dell’ Uttar Pradesh. Si chiamava Neha Paswan, aveva 17 anni, studiava e sognava di diventare poliziotto. La madre riferisce a BBC Hindi che a casa era scoppiata l’ennesima discussione tra il nonno, gli […]
    Paola Belletti
  • Genova: neonata lasciata nella culla per la vita. Affidata, non abbandonata
    Come il proverbiale albero che cresce nella foresta, una vita salvata non fa rumore quanto le battaglie mediatiche pro-aborto. E va benissimo così, perché il campo da gioco è la realtà e non i post acchiappa-like. La vita ha un peso, c’è. E ha fatto scattare i sensori di una culla, lo scorso martedì sera. […]
    Annalisa Teggi
  • Non dominare la concupiscenza può rovinare la vita
    Quell’uomo, professionista di successo sui quaranta, aveva bisogno di un’assistente personale. Aveva intervistato alcune candidate con la solita professionalità quando si è presentata una ragazza attraente e affascinante, che ha deciso di assumere senza neanche chiederle il requisito di una lettera di presentazione. Fino a quel momento era stato in grado di vivere un amore […]
    Orfa Astorga
  • Il centro vaccinazioni di Sant’Egidio non lascia indietro nessuno
    “L’apertura di questo hub vaccinale è per aiutare gli ultimi”, ha dichiarato Marco Impagliazzo, presidente della Comunità di Sant’Egidio. “Ci sono ancora migliaia di persone che vivono per strada, che non hanno un domicilio fisso. Tante che non sono state raggiunte dalla campagna vaccinale, ma possono essere raggiunte da quella rete di contatti che Sant’Egidio […]
    Catholic-factchecking.com
  • A Federica Pellegrini e a tutte le nostre ultime volte
    Le ultime volte.  Potremo scrivere un trattato su come dovrebbero essere le ultime volte della nostra vita. Se sapessi quale sarà l’ultima volta che terrò in braccio mia figlia, l’ultima volta che ho salutato mia nonna. Ci sono le ultime volte che conosciamo. Il mio ultimo giorno di liceo era il 12 giugno 2008. L’ultima […]
    Giovanna Binci
  • Lo stress ci opprime? Possiamo imparare a gestirlo
    Il colibrì dalle racchette è un piccolo volatile variopinto che abita le foreste dell’America meridionale. La sua vita è semplice e frenetica allo stesso tempo: trascorre intere giornate alla ricerca di cibo con il fine ultimo di avere energie per la ricerca stessa. Le sue ali vibrano a una velocità molto elevata ed è così […]
    BenEssere
  • Madonna in lacrime, sangue, stigmate: dal 1989 accade a Giampilieri
    E’ morta per un male incurabile, la veggente di Giampilieri Marina, in provincia di Messina, Pina Micali. Di lei per un trentennio si sono occupate anche le cronache nazionali dei giornali, perchè Pina Micali diceva di entrare in contato con la Madonna nei giorni di martedì e venerdì. Così a Giamplieri, dove la Madonna avrebbe […]
    Gelsomino Del Guercio

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 77:
    • 110:
    luglio: 2021
    L M M G V S D
    « Giu    
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    262728293031  

    Login