MESSINA – Montevergine, il commosso saluto a Madre Teresa Piccione, storica clarissa messinese di “grande spessore spirituale”

Redazione1
di Redazione1 settembre 6, 2019 19:57

MESSINA – Montevergine, il commosso saluto a Madre Teresa Piccione, storica clarissa messinese di “grande spessore spirituale”

Ci è caro richiamare la “storica” figura di una anziana e amata clarissa, Madre Teresa, che di recente è venuta a mancare all’affetto delle consorelle, dei suoi cari, ma anche all’affetto nostro e a quello di tutti coloro che l’hanno conosciuta, apprezzata e voluto bene. Di lei rimane il ricordo indelebile di un esempio edificante di povertà, penitenza, sacrificio, impegno fattivo in tanti momenti importanti della storia del monastero, di preghiera per il bene delle anime, e un sempre presente dolce sorriso per tutti. Nell’esprimere vivi sentimenti di gratitudine, affetto, preghiera e tanta tristezza per la persona tanto cara che viene a mancare, sentiamo di unirci ai sentimenti espressi dalle Sorelle povere di S. Chiara, le Clarisse seguaci di Santa Eustochia e sue compagne da una vita, con la pubblicazione del comunicato che riceviamo.      

“Monastero di Montevergine – Messina.

Il 18 agosto, alle ore 12.00 nella Clinica “ Villa Salus “ dove si trovava ricoverata dal 23 luglio, all’età di 89 anni, è tornata all’abbraccio del Padre delle Misericordie la nostra carissima sorella Sr. Chiara Teresa Piccione del Divino Amore, nata a Messina il 26 gennaio 1930. È entrata in monastero all’età di 29 anni. Sin dalla sua infanzia è stata segnata dalla prova e dalla sofferenza. A sette anni è rimasta orfana di madre, a tredici anni le è stato ucciso il papà che per lei, dopo la morte della Mamma, era tutto.

Madre Teresa, era una Messinese vera, profondamente radicata nelle tradizioni. Nelle ricreazioni ci raccontava della vita della Città a livello storico e sociale. Dolorosi gli episodi che Messina ha vissuto in tempo di guerra, per gli sfollati e continue fughe per raggiungere i rifugi. Sr. Chiara Teresa, nonostante il dolore e le prove che l’hanno sferzata, è stata una creatura sempre socievole, gioviale, aperta anche ai segni dei tempi…Andava oltre.

Aveva un grande spessore spirituale, che alimentava con la preghiera, l’adorazione, i ritiri, le sue devozioni e l’offerta continua della sua vita di consacrata fatta di silenzio e di preghiera. Nel momento del suo trapasso era cosciente e, in preghiera, si segnava spesso con il segno della croce…

Era amabile, mite, amorosa, dotata di spirito materno e di ascolto….Ha vissuto in pienezza la sua maternità spirituale. Il suo grembo fatto di accoglienza aveva posto per tutti: per ogni Sorella della Comunità, per le Sorelle della federazione, per i nostri Frati, per i Sacerdoti, per i Fratelli di tutto il mondo, per la Chiesa locale e universale. Una speciale vocazione era quella di seguire il Santo Padre in tutti i Suoi viaggi apostolici.

Amava tanto la Comunità. Amava stare con la Comunità, anche se per circa 15 anni è rimasta bloccata con il suo girello prima e la sedia a rotelle dopo. Amava fare ogni sorta di lavoro: ferri, uncinetto, maglieria, ma l’inclinazione sua naturale era l’ago. Dalle sue mani uscivano ricami che sembravano delle pitture… Amava l’arte e la bellezza, era molto creativa e questo lo trasmetteva a noi ma soprattutto alle Sorelle in formazione. Ci stimolava a fare sempre di più, in preghiera e offerta. Sr. Chiara Teresa in Comunità ha ricoperto diverse mansioni: è stata Economa fino qualche anno addietro, Abbadessa, Maestra delle Novizie per tanti anni, Vicaria, Discreta, Portinaia, Infermiera. Non si risparmiava mai, faceva un po’ di tutto. Quando una persona è invasa dall’Amore vero ciò che trasmette è amore, e l’amore è dono. Per la Canonizzazione di santa Eustochia Smeralda è stata lei come Economa ad avere tutto in mano con tanta serenità e fiducia nella Divina Provvidenza che, davvero, non è venuta mai meno….Sempre un pensiero per i bambini nella terra delle Missioni.

Ha sempre sofferto fisicamente di tante patologie, ma non si lamentava mai. Soffriva e offriva… Nonostante la sofferenza, lei, fino alla fine, ha regalato a tutti, compreso il personale della Clinica, il suo sorriso dolce e materno.  Avuto un forte peggioramento ha intuito il tutto, perché è stata lucida e presente fino all’ultimo istante. Si è messa in preghiera e offerta, ha ringraziato tutti i presenti si è fatta il segno della Croce e con la mano ha salutato i presenti.

Sr. Chiara Teresa del Divino Amore, si è spenta Domenica 18 agosto alle ore 12.00, la stessa ora del Trapasso di Santa Eustochia, serenamente, dolcemente addormentata nelle braccia amorose della mamma celeste, con il volto luminoso e il sorriso che la caratterizzava. Grazie, Sr. Chiara Teresa del Divino Amore, della tua testimonianza di vita, di dono e di fedeltà.  Sei stata la nostra colonna portante in Comunità; il tuo amore ci accompagnerà sempre; sappiamo che ci sei sempre, che non ci lasci mai”.

 

 

 

Redazione

 

Redazione1
di Redazione1 settembre 6, 2019 19:57

RSS aleteia

  • I padri più grandi del mondo: uomini santi che hanno allevato santi
    L’amore di un buon padre può essere un’icona dell’amore di Dio Padre, che spiega ai suoi figli la verità per la quale sono amati al di là di ogni immaginazione. Questo tipo di amore rende molto più semplice il fatto di ricevere l’amore di Dio e di donargli il nostro cuore, rendendo santi i figli […]
    Meg Hunter-Kilmer
  • Pensavate che la vostra vita sarebbe stata facile per il fatto di essere cattolici?
    “Del resto, tutti quelli che vogliono vivere piamente in Cristo Gesù saranno perseguitati” (II Timoteo 3, 12) Essere cattolico è la cosa migliore che mi sia capitata. Mi sento felice, accolto nella nostra santa Madre Chiesa. Non è perfetta, ma la amo. So anche che praticare la fede e perseverare nella preghiera non mi libererà dalle […]
    Claudio De Castro
  • Alfredo Infante, un Gesuita che esercita il suo sacerdozio tra guerre e conflitti
    Il fuoco incrociato tra le bande criminali per il “controllo della zona” e tra queste e i corpi di sicurezza dello Stato è “il pane quotidiano” a La Vega, un insieme di quartieri a sud-ovest di Caracas (Venezuela). Negli ultimi mesi, prendere precauzioni serve non solo a evitare la pandemia di coronavirus, ma anche a […]
    Ramón Antonio Pérez
  • La preghiera quotidiana che può trasformare la vostra vita
    Molti di noi stanno vivendo con il pilota automatico inserito, saltando da un compito all’altro, non permettendosi tempo o spazio per la contemplazione, o sprecando il proprio tempo in cose prive di importanza. Sant’Ignazio, sacerdote spagnolo, teologo e fondatore dei Gesuiti, ha scritto gli Esercizi Spirituali, un insieme di meditazioni cristiane, preghiere ed esercizi mentali […]
    José Miguel Carrera
  • Erdoğan vuole trasformare in moschee tutte le chiese cristiane della Turchia?
    La Turchia vuole trasformare in moschee tutte le chiese cristiane? È la domanda posta senza giri di parole dal sito Cristiani Today, che si chiede quale sia la politica del Governo di Recep Tayyip Erdoğan per quanto riguarda i templi cristiani esistenti nel Paese a maggioranza musulmana ma in teoria laico. Il reportage parte dal […]
    Francisco Vêneto
  • 105 anni appena compiuti, pregando ogni giorno San Francesco di Paola
    Il suo legame con San Francesco di Paola si è rinsaldato con la preghiera anche nel giorno del suo 105esimo compleanno.   Anna Mangione, la donna più longeva di Pizzo Calabro (Vibo Valentia), nata il 17 giugno 1916, nel clou del primo conflitto mondiale, era poco più che trentenne quando superò anche la seconda guerra. […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Incorporei, innumerevoli, “soffi” di Dio: così si presentano gli angeli
    Viviamo in un mondo circondato da spiriti la cui trascendenza è constante, ma più in là delle costellazioni e delle stelle, esiste un universo celeste i cui abitanti sono gli spiriti puri, ossia gli angeli, creature fuori dalle dimensioni temporali normali e che non un corpo umano. Non si possono quantificare Questi spiriti puri sono […]
    don Marcello Stanzione
  • Il bimbo più prematuro del mondo compie un anno, auguri Richard!
    Tanto piccolo, ma con un nome lunghissimo: Richard Scott William Hutchison. Altisonante come il nome di un re o di un principe e in effetti si merita squilli di tromba e una festa in grande stile. Ma in realtà gli è bastata una torta di panna da poter pastrocchiare con le mani. Lo scorso 5 […]
    Annalisa Teggi
  • Il matrimonio si celebra in casa. La svolta della diocesi di Livorno
    Nella diocesi di Livorno sarà possibile celebrare il matrimonio religioso anche in casa. La disposizione ha ricevuto il via libera da parte del consiglio presbiteriale, come riporta il settimanale diocesano. Il rifiuto di sposarsi in chiesa «Con questa disposizione – spiega il vescovo di Livorno Simone Giusti – abbiamo pensato di facilitare in parte un […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Roberto Mancini e la sua fede: “La Madonna è la mamma di tutti noi”
    Il sostegno della Madonna e la fede sono la forza del ct della Nazionale Roberto Mancini. «Io sono credente cattolico, praticante. Sono cresciuto all’oratorio sotto casa, è stata una grande fortuna». Queste le parole di Roberto Mancini intervistato da monsignor Dario Edoardò Viganò nella puntata del 19 giugno di “A sua immagine”, il programma religioso […]
    Gelsomino Del Guercio

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 129:
    • 200:
    giugno: 2021
    L M M G V S D
    « Mag    
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    282930  

    Login