MESSINA – Settimana Liturgica, suor Massimi: “trovare strade per riportare i giovani a messa”, “l’esempio di Taizè”

Redazione1
di Redazione1 settembre 1, 2019 12:41

MESSINA – Settimana Liturgica, suor Massimi: “trovare strade per riportare i giovani a messa”, “l’esempio di Taizè”

Ha parlato del rapporto tra giovani e liturgia suor Elena Massimi, docente aggiunto di Teologia Sacramentaria presso la Pontificia Facoltà di Scienze dell’Educazione “Auxilium” in Roma, intervendo alla 70ª Settimana liturgica nazionale, svolta al Palacultura di Messina.

“Tutti vediamo come le nostre liturgie domenicali registrino una scarsa presenza di giovani. La sfida è quindi trovare le vie per riportare la liturgia ai giovani e i giovani alla liturgia”, ha osservato, suor Elena,  indicando nelle “comunità accoglienti” la prima strada da percorrere: “Comunità capaci di accogliere i nostri ragazzi non solo nella preghiera, ma nella vita ecclesiale e parrocchiale”. Altro suggerimento “individuare strade di formazione che non spieghino semplicemente che cos’è la liturgia, ma che permettano ai giovani di fare esperienze significative dell’altro, di Dio”.

“Abbiamo bisogno di liturgie belle, fresche, celebrate con arte, come hanno chiesto i giovani stessi durante il Sinodo dedicato a loro, che si è celebrato lo scorso anno”. La religiosa ha evidenziato che ci sono liturgie con una grande partecipazione di giovani, come quelle della comunità di Taizé. “La Chiesa ha qualcosa da offrire ai giovani, ma ad una condizione: essa è capace di far vivere la vera giovinezza nella misura in cui lei stessa si radica in questa novità perenne che è la vita dello Spirito Santo in noi”.

Concetti questi che richiamano il tema trattato al Convegno nazionale di Pastorale giovanile “Dare casa al futuro”, nell’aprile scorso, durante il quale, ripercorrendo la “Christus vivit” con quanti nelle diocesi d’Italia si occupano di giovani, frère John di Taizè ha approfondito il tema della giovinezza, anche della Chiesa: “Chiesa giovane non nel senso che imita le mode di questo mondo, ma perché ritorna continuamente alla sua fonte per ritrovare nuovo slancio. Esempio perfetto di questa Chiesa – ha detto – è Maria”.

La Chiesa e la pastorale giovanile hanno allora un compito preciso: “collaborare alla formazione dei giovani perché ritrovino i valori che umanamente appartengono alla loro età, ma che sono spesso affogati dalla società che invecchia: parlo – ha anche detto frère John in quella occasione – della capacità di sognare, dello spirito di avventura e di rischio, della disponibilità… in una parola la speranza”. Il relatore ha poi suggerito alcuni “spazi da creare per stimolare la vera giovinezza”. Innanzitutto “la fiducia, senza la quale gli esseri umani non possono scoprire loro vera identità, rimangono bloccati dalla paura e costretti a portare maschere.

Questa fiducia – ha detto frère John di Taizè – si radica in un rapporto di fiducia con Dio, che è ciò che si chiama fede, e conduce alla creazione di rapporti sinceri e profondi con gli altri”. La fiducia rende poi possibile “la vera amicizia che già tutti conosciamo come valore umano, ma la fede in Cristo, l’amicizia con lui, allarga e approfondisce anche rapporti umani. Gli spazi di fiducia e di amicizia poi “rendono possibile una crescita umana e spirituale dei giovani, che diventano capaci di vivere sempre più nella realtà, di assumere delle responsabilità e fare delle scelte per la loro vita”.

Tornando al corso della settimana liturgica di Messina, nell’omelia della messa che ha celebrato nel santuario di Tindari, mons. Guglielmo Giombanco, vescovo di Patti e delegato della Conferenza episcopale siciliana per i seminari e le vocazioni, ha affermato che “La liturgia è sorgente di grazia e santificazione per tutta la Chiesa e deve essere vissuta nella sua verità, bellezza e stupore”.

Ma, “per scoprire la loro identità vera e discernere la chiamata di Dio, i giovani hanno anche bisogno di essere accompagnati: hanno bisogno di padri e madri che, attraverso l’ascolto e l’accompagnamento, li aiutino a trovare la strada giusta. In cambio riceveranno l’entusiasmo dei giovani che dà speranza e forza a tutta la Chiesa”.

Il pastore della Chiesa pattese, inoltre, ha sottolineato come “in questo percorso tutto il popolo di Dio contempla in Maria la bellezza della santità generata dalla fede, alimentata dall’ascolto orante della Parola e vissuta nella verità dell’amore”. “Se viene meno la tensione alla santità – ha evidenziato mons. Giombanco – l’orizzonte umano e cristiano si restringe, il divario tra vangelo e storia si allarga e rimane invalicabile il fossato tra fede e vita”.

A completamento della Settimana liturgica, la visita guidata presso tre centri della città di Messina che custodiscono percorsi di santità legati a tre figure esemplari che li hanno incarnati nella loro vita: l’evangelizzazione in riferimento a Sant’Antonio di  Padova, nella chiesa dedicata a San Francesco all’Immacolata; la contemplazione in riferimento a Sant’Eustochia Smeralda Calafato, clarissa messinese, nel monastero di Montevergine; la carità, in riferimento a Sant’Annibale Maria di Francia, sacerdote messinese e apostolo della preghiera per le vocazioni, nella basilica santuario di Sant’Antonio.

 

 

Redazione da Ag. di I.

Redazione1
di Redazione1 settembre 1, 2019 12:41

RSS aleteia

  • Don Patriciello richiama Fedez che incita all’aborto: i preti scelgono la vita
    Don Maurizio Patriciello striglia Fedez sull’aborto. E lo fa con un editoriale sul quotidiano Avvenire (29 luglio) in cui smonta con parole d’amore, la “scomunica” ai sacerdoti via twitter intimata dal rapper milanese.  Tutto era nato da un tweet di un altro prete, don Mirco Bianchi, che inneggiava al supporto degli influencer nella battaglia contro […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Paolo Palumbo: la Sla non lo piega. Ora è un “eroe” su Facebook (FOTO)
    Nell’ultimo post su Facebook, Paolo Palumbo ha scagliato un altro schiaffo alla SLA, che lo ha colpito cinque anni fa: ha ricevuto quasi 15mila interazioni e centinaia di ovazione per il suo approccio da lottatore contro una malattia degenerativa che lo sta mettendo a dura prova ogni giorno. SONO ESAUSTO. Questa è la faccia di […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Benedetta dopo 66 anni la salma di “Luciedda”, ora la verità
    Si disse che i funerali non si fecero “per via del diritto canonico”, ma nella piccola Lucia Mantione la sua Montedoro riconobbe sempre e da subito una sorella di Maria Goretti. The post Benedetta dopo 66 anni la salma di “Luciedda”, ora la verità appeared first on Aleteia.org - Italiano.
    Giovanni Marcotullio
  • Neha, 17 anni, uccisa a bastonate da nonni e zii perché indossava i jeans
    Adolescente indiana, amava lo stile all’occidentale Uccisa a bastonate perché amava indossare jeans e t-shirt. E’ successo in India, nello stato settentrionale dell’ Uttar Pradesh. Si chiamava Neha Paswan, aveva 17 anni, studiava e sognava di diventare poliziotto. La madre riferisce a BBC Hindi che a casa era scoppiata l’ennesima discussione tra il nonno, gli […]
    Paola Belletti
  • Genova: neonata lasciata nella culla per la vita. Affidata, non abbandonata
    Come il proverbiale albero che cresce nella foresta, una vita salvata non fa rumore quanto le battaglie mediatiche pro-aborto. E va benissimo così, perché il campo da gioco è la realtà e non i post acchiappa-like. La vita ha un peso, c’è. E ha fatto scattare i sensori di una culla, lo scorso martedì sera. […]
    Annalisa Teggi
  • Non dominare la concupiscenza può rovinare la vita
    Quell’uomo, professionista di successo sui quaranta, aveva bisogno di un’assistente personale. Aveva intervistato alcune candidate con la solita professionalità quando si è presentata una ragazza attraente e affascinante, che ha deciso di assumere senza neanche chiederle il requisito di una lettera di presentazione. Fino a quel momento era stato in grado di vivere un amore […]
    Orfa Astorga
  • Il centro vaccinazioni di Sant’Egidio non lascia indietro nessuno
    “L’apertura di questo hub vaccinale è per aiutare gli ultimi”, ha dichiarato Marco Impagliazzo, presidente della Comunità di Sant’Egidio. “Ci sono ancora migliaia di persone che vivono per strada, che non hanno un domicilio fisso. Tante che non sono state raggiunte dalla campagna vaccinale, ma possono essere raggiunte da quella rete di contatti che Sant’Egidio […]
    Catholic-factchecking.com
  • A Federica Pellegrini e a tutte le nostre ultime volte
    Le ultime volte.  Potremo scrivere un trattato su come dovrebbero essere le ultime volte della nostra vita. Se sapessi quale sarà l’ultima volta che terrò in braccio mia figlia, l’ultima volta che ho salutato mia nonna. Ci sono le ultime volte che conosciamo. Il mio ultimo giorno di liceo era il 12 giugno 2008. L’ultima […]
    Giovanna Binci
  • Lo stress ci opprime? Possiamo imparare a gestirlo
    Il colibrì dalle racchette è un piccolo volatile variopinto che abita le foreste dell’America meridionale. La sua vita è semplice e frenetica allo stesso tempo: trascorre intere giornate alla ricerca di cibo con il fine ultimo di avere energie per la ricerca stessa. Le sue ali vibrano a una velocità molto elevata ed è così […]
    BenEssere
  • Madonna in lacrime, sangue, stigmate: dal 1989 accade a Giampilieri
    E’ morta per un male incurabile, la veggente di Giampilieri Marina, in provincia di Messina, Pina Micali. Di lei per un trentennio si sono occupate anche le cronache nazionali dei giornali, perchè Pina Micali diceva di entrare in contato con la Madonna nei giorni di martedì e venerdì. Così a Giamplieri, dove la Madonna avrebbe […]
    Gelsomino Del Guercio

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 74:
    • 110:
    luglio: 2021
    L M M G V S D
    « Giu    
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    262728293031  

    Login