MESSINA – Montevergine, l’emozionante “Rito di vestizione” di due giovani che entrano nella Famiglia delle “Sorelle povere di S. Chiara”.

Redazione1
di Redazione1 maggio 29, 2018 23:35

MESSINA –  Montevergine, l’emozionante “Rito di vestizione” di due giovani che entrano nella Famiglia delle “Sorelle povere di S. Chiara”.

Un commovente rito di iniziazione mediante cui due giovani Novizie entrano a far parte della Comunità delle claustrali “Sorelle povere di S. Chiara”, di Montevergine, perchè verifichino la vocazione alla quale il Signore le ha chiamate; un avvenimento di grande significato spirituale che onora e rafforza l’identità religioso culturale di Messina, Terra di santi

Ci sono eventi di elevato valore culturale riguardanti la vita religiosa della nostra città, come quello avvenuto di recente nell’intimità del Monastero di clausura di Montevergine, che meritano di essere messi in luce perchè onorano e arricchiscono la nostra collettività. Rappresentano infatti momenti di alto significato spirituale e identitario che concorrono, fra l’altro, a dimostrare quanto Messina sia da considerare una Terra promotrice di santità.

Il fatto che due giovani donne iniziano il Noviziato nella Fraternità delle Sorelle povere di S. Chiara per verificare, con un’esperienza di vita claustrale, la vocazione alla quale il Signore le ha chiamate, è un segno importante di arricchimento del patrimonio di religiosità che caratterizza e dà valore all’identità culturale messinese. Tanto più perché un progetto di vita donativa sacrificale così totalizzante per il bene delle anime, acquista maggior valore in una società in cui profitto egoistico ed edonismo tendono di gran lunga a prevalere.

Dimostra inoltre che la nostra città può vantare una Comunità monastica claustrale di grande tradizione secolare che, nonostante la sua lunga storia, nel segno della Fondatrice Eustochia Calafato, mostra una vitale continuità e crescita del suo potenziale di religiosità contemplativa, a rafforzamento e sostegno del nostro ricco patrimonio spirituale.

 L’importante evento di iniziazione è stato celebrato, in forma riservata, con un rito avvincente di alto significato religioso, nella Chiesa di Montevergine alla presenza di una ristretta cerchia di partecipanti. Nella mistica atmosfera del Tempio di Santa Eustochia Smeralda si è vissuta un’esperienza di fede toccante, ricca di intense emozioni spirituali, durante la quale le due giovani donne: Chiara Serafini, di 28 anni, e Cinzia Vinci, di 45, hanno indossato l’abito delle Novizie che le ha introdotte nella Famiglia delle claustrali Sorelle Povere di S. Chiara.

E’ stata una liturgia intima e coinvolgente – presieduta dal Cappellano mons. Pietro Aliquò, insieme alla Comunità delle Clarisse guidate dalla abbadessa madre Agnese Pavone – che ha sancito il passaggio dallo stato di postulanti a quello di novizie delle due donne che, nel pieno della loro giovinezza, hanno deciso di intraprendere il cammino di donazione a Dio, mediante l’esperienza sacrificale della vita di clausura, in povertà, preghiera e nascondimento.

E così, nella mistica atmosfera del tempio di Montevergine, al canto d’ingresso, accompagnate dai genitori e biancovestite come novie, Chiara e Cinzia sono salite all’altare per compiere l’atto di introduzione alla vita religiosa. Subito dopo, in preparazione all’atto rituale centrale delle “promesse spose” all’Amato divino, si è levato il canto cadenzato dei salmi, tra le cui implorazioni sono risuonate quelle particolarmente significative: “Si, io sono il tuo servo, Signore, / a te offrirò sacrifici di lode /…“Adempirò i miei voti al Signore, / davanti a tutto il suo popolo, / negli atri della casa del Signore,/. 

Immediatamente dopo, entrando nel vivo del suo svolgimento, il rituale si è snodato attraverso i passaggi salienti che hanno rappresentato la centralità dell’azione liturgica. La rinuncia della veste mondana; la vestizione dell’abito di penitenza; il taglio dei capelli; la consegna del Vangelo e del libro della liturgia delle Ore, quale impegno di orazione e devozione.

Poi l’assegnazione del nuovo nome: per Chiara Serafini quello di “Sr. Chiara Maria Eustochia, della Passione, per Cinzia Vinci il nome di Sr. Maria Chiara Amata, dell’Eucarestia. In tal modo, le due giovani novizie, messinese la prima, milazzese la seconda, sull’esempio di Chiara di Assisi, – come ha sottolineato mons. Aliquò – vestendo l’abito nuovo di un’esistenza rivolta all’esperienza claustrale “si  avviano ad un incontro di amore senza tempo, rispondendo al “Ti Amo” incrollabile rivolto a ciascuna di loro da Gesù, che le chiama ad un amore vocazionale infinito, mediante una vita dedicata per sempre a Dio nel nascondimento e nella contemplazione, ma al tempo stesso aperta verso una dimensione di  carattere universale”.

 

Anastasio Majolino

Redazione1
di Redazione1 maggio 29, 2018 23:35

RSS aleteia

  • I padri più grandi del mondo: uomini santi che hanno allevato santi
    L’amore di un buon padre può essere un’icona dell’amore di Dio Padre, che spiega ai suoi figli la verità per la quale sono amati al di là di ogni immaginazione. Questo tipo di amore rende molto più semplice il fatto di ricevere l’amore di Dio e di donargli il nostro cuore, rendendo santi i figli […]
    Meg Hunter-Kilmer
  • Pensavate che la vostra vita sarebbe stata facile per il fatto di essere cattolici?
    “Del resto, tutti quelli che vogliono vivere piamente in Cristo Gesù saranno perseguitati” (II Timoteo 3, 12) Essere cattolico è la cosa migliore che mi sia capitata. Mi sento felice, accolto nella nostra santa Madre Chiesa. Non è perfetta, ma la amo. So anche che praticare la fede e perseverare nella preghiera non mi libererà dalle […]
    Claudio De Castro
  • Alfredo Infante, un Gesuita che esercita il suo sacerdozio tra guerre e conflitti
    Il fuoco incrociato tra le bande criminali per il “controllo della zona” e tra queste e i corpi di sicurezza dello Stato è “il pane quotidiano” a La Vega, un insieme di quartieri a sud-ovest di Caracas (Venezuela). Negli ultimi mesi, prendere precauzioni serve non solo a evitare la pandemia di coronavirus, ma anche a […]
    Ramón Antonio Pérez
  • La preghiera quotidiana che può trasformare la vostra vita
    Molti di noi stanno vivendo con il pilota automatico inserito, saltando da un compito all’altro, non permettendosi tempo o spazio per la contemplazione, o sprecando il proprio tempo in cose prive di importanza. Sant’Ignazio, sacerdote spagnolo, teologo e fondatore dei Gesuiti, ha scritto gli Esercizi Spirituali, un insieme di meditazioni cristiane, preghiere ed esercizi mentali […]
    José Miguel Carrera
  • Erdoğan vuole trasformare in moschee tutte le chiese cristiane della Turchia?
    La Turchia vuole trasformare in moschee tutte le chiese cristiane? È la domanda posta senza giri di parole dal sito Cristiani Today, che si chiede quale sia la politica del Governo di Recep Tayyip Erdoğan per quanto riguarda i templi cristiani esistenti nel Paese a maggioranza musulmana ma in teoria laico. Il reportage parte dal […]
    Francisco Vêneto
  • 105 anni appena compiuti, pregando ogni giorno San Francesco di Paola
    Il suo legame con San Francesco di Paola si è rinsaldato con la preghiera anche nel giorno del suo 105esimo compleanno.   Anna Mangione, la donna più longeva di Pizzo Calabro (Vibo Valentia), nata il 17 giugno 1916, nel clou del primo conflitto mondiale, era poco più che trentenne quando superò anche la seconda guerra. […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Incorporei, innumerevoli, “soffi” di Dio: così si presentano gli angeli
    Viviamo in un mondo circondato da spiriti la cui trascendenza è constante, ma più in là delle costellazioni e delle stelle, esiste un universo celeste i cui abitanti sono gli spiriti puri, ossia gli angeli, creature fuori dalle dimensioni temporali normali e che non un corpo umano. Non si possono quantificare Questi spiriti puri sono […]
    don Marcello Stanzione
  • Il bimbo più prematuro del mondo compie un anno, auguri Richard!
    Tanto piccolo, ma con un nome lunghissimo: Richard Scott William Hutchison. Altisonante come il nome di un re o di un principe e in effetti si merita squilli di tromba e una festa in grande stile. Ma in realtà gli è bastata una torta di panna da poter pastrocchiare con le mani. Lo scorso 5 […]
    Annalisa Teggi
  • Il matrimonio si celebra in casa. La svolta della diocesi di Livorno
    Nella diocesi di Livorno sarà possibile celebrare il matrimonio religioso anche in casa. La disposizione ha ricevuto il via libera da parte del consiglio presbiteriale, come riporta il settimanale diocesano. Il rifiuto di sposarsi in chiesa «Con questa disposizione – spiega il vescovo di Livorno Simone Giusti – abbiamo pensato di facilitare in parte un […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Roberto Mancini e la sua fede: “La Madonna è la mamma di tutti noi”
    Il sostegno della Madonna e la fede sono la forza del ct della Nazionale Roberto Mancini. «Io sono credente cattolico, praticante. Sono cresciuto all’oratorio sotto casa, è stata una grande fortuna». Queste le parole di Roberto Mancini intervistato da monsignor Dario Edoardò Viganò nella puntata del 19 giugno di “A sua immagine”, il programma religioso […]
    Gelsomino Del Guercio

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 157:
    • 200:
    giugno: 2021
    L M M G V S D
    « Mag    
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    282930  

    Login