MESSINA – Padre Marrazzo “Il prete del popolo”, Incontro di studi sull’amato rogazionista seguace di Sant’Annibale

Redazione1
di Redazione1 aprile 28, 2018 18:10

MESSINA – Padre Marrazzo “Il prete del popolo”, Incontro di studi sull’amato rogazionista seguace di Sant’Annibale

Al nutrito numero di eccelsi fautori di santità, tra canonizzati e in via di esserlo, che fanno di Messina una privilegiata “Terra di santi”, si aggiunge P. Giuseppe Marrazzo, già avviato nel processo di beatificazione. Figura luminosa di sacerdote rogazionista e “messinese di fatto”, per aver vissuto 45 anni nella nostra città con la quale aveva un forte legame affettivo, di cui si parlerà in un importante Incontro di studi. 

A conclusione del Centenario della nascita di Padre Giuseppe

Marrazzo, venerdì 4 maggio, alle ore 16,30, nell’Aula Magna del Rettorato dell’Università di Messina, si terrà un incontro di studi sul tema “Il ‘prete del popolo’ tra apostolato sociale e ministero della misericordia”. Il convegno, organizzato dai Padri Rogazionisti e l’Associazione Amici di Padre Marrazzo, si concluderà il giorno seguente, sabato 5, alle ore 18,00, nella Basilica Santuario di Sant’Antonio, con una celebrazione eucaristica presieduta da mons. Vittorio Mondello, Arcivescovo emerito di Reggio Calabria. Alle ore 19,00, sarà inaugurata la sala dei ricordi di P. Marrazzo.

Per la sezione generale dell’incontro, con inizio alle ore 16,30, coordinatore Antonio Baglio, interverranno i relatori: Angelo Sindoni, Giovanna Costanzo, Rosa Grazia Romano, mons. Josè Costa.

Per la seconda parte, dedicata alle Testimonianze, coordinatore mons. Giò Tavilla, dalle ore 18,00, interverranno: Giuseppina Gazzara, Annamaria Ternullo, P. Agostino Zamperini, Anastasio Majolino. Conclusioni di Rachele Gerace.

Intervento musicale della violinista Viola Adamova.

Padre Giuseppe Marrazzo (1927-1992), sacerdote rogazionista, è stato uomo mite, buono, umile, semplice e tanto paziente. Per questa sua umiltà e dedizione caritatevole per il prossimo, era inteso il “prete del popolo”. La gente comune trovava in lui il sacerdote che con voce pacata e suadente sapeva suscitare energie, infondere coraggio e serenità spirituale. Il prete buono di S. Antonio era un’autentica luce proiettata sul “sentiero rogazionista, ” tracciato dal Fondatore  Sant’Annibale, che padre Marrazzo percorreva con abnegazione. Fin dai primi giorni della sua permanenza a Messina, una delle attività principali che hanno caratterizzato il suo apostolato, è stata la particolare dedizione verso i più poveri, i bisognosi, gli anziani e i malati.

Il carisma basilare del suo fervoroso ministero sacerdotale era quello di essere soprattutto Confessore. Lo era in maniera instancabile, per ore e ore, nel Tempio della Rogazione Evangelica, e per questo delicato esercizio era ricercato da tanti messinesi e anche da numerosi sacerdoti, regolari e secolari, e da moltissime religiose della città e della provincia.

Un altro motivo caratterizzante la sua spiritualità, che si intrecciava intimamente con la sua grande devozione mariana, era quello della “maternità sacerdotale”; per cui attribuiva un particolare valore protettivo alle cosiddette mamme dei sacerdoti (le figure femminili votate a sostenere spiritualmente con la preghiera i consacrati presbiteri), vedendole come un proficuo prolungamento della Madre celeste.

“La fama di santità di cui don Peppino godeva quando era in vita, continua da morto, diffondendosi anche fuori d’Italia. Molti dei suoi penitenti attestano di aver intrapreso per suo merito la giusta strada e di aver ricevuto da lui consigli e ispirazioni preziosi per la propria esistenza. A fronte delle numerose segnalazioni di grazie e della persistente fama di santità, i Rogazionisti hanno chiesto all’Arcivescovo di Messina di aprire il processo di canonizzazione. Ottenuto il nulla osta da parte della Santa Sede, il 5 maggio 2008 è iniziata l’inchiesta diocesana conclusasi il 9 maggio 2015. Il 14 settembre 2016 la Congregazione per le Cause dei Santi ha emanato il decreto di validità giuridica. Attualmente si attende il decreto sull’eroicità delle virtù”.

Padre Giuseppe Marrazzo morì a Messina nel novembre del 1992. Il 9 maggio 2014; i suoi resti mortali sono stati traslati nel Santuario di Sant’Antonio e deposti nello stesso sepolcro dove, per oltre sessant’anni, erano state collocate le spoglie di Sant’Annibale Maria Di Francia.

 

Il programma degli interventi in dettaglio:

 

 

Redazione

Redazione1
di Redazione1 aprile 28, 2018 18:10

RSS aleteia

  • I padri più grandi del mondo: uomini santi che hanno allevato santi
    L’amore di un buon padre può essere un’icona dell’amore di Dio Padre, che spiega ai suoi figli la verità per la quale sono amati al di là di ogni immaginazione. Questo tipo di amore rende molto più semplice il fatto di ricevere l’amore di Dio e di donargli il nostro cuore, rendendo santi i figli […]
    Meg Hunter-Kilmer
  • Pensavate che la vostra vita sarebbe stata facile per il fatto di essere cattolici?
    “Del resto, tutti quelli che vogliono vivere piamente in Cristo Gesù saranno perseguitati” (II Timoteo 3, 12) Essere cattolico è la cosa migliore che mi sia capitata. Mi sento felice, accolto nella nostra santa Madre Chiesa. Non è perfetta, ma la amo. So anche che praticare la fede e perseverare nella preghiera non mi libererà dalle […]
    Claudio De Castro
  • Alfredo Infante, un Gesuita che esercita il suo sacerdozio tra guerre e conflitti
    Il fuoco incrociato tra le bande criminali per il “controllo della zona” e tra queste e i corpi di sicurezza dello Stato è “il pane quotidiano” a La Vega, un insieme di quartieri a sud-ovest di Caracas (Venezuela). Negli ultimi mesi, prendere precauzioni serve non solo a evitare la pandemia di coronavirus, ma anche a […]
    Ramón Antonio Pérez
  • La preghiera quotidiana che può trasformare la vostra vita
    Molti di noi stanno vivendo con il pilota automatico inserito, saltando da un compito all’altro, non permettendosi tempo o spazio per la contemplazione, o sprecando il proprio tempo in cose prive di importanza. Sant’Ignazio, sacerdote spagnolo, teologo e fondatore dei Gesuiti, ha scritto gli Esercizi Spirituali, un insieme di meditazioni cristiane, preghiere ed esercizi mentali […]
    José Miguel Carrera
  • Erdoğan vuole trasformare in moschee tutte le chiese cristiane della Turchia?
    La Turchia vuole trasformare in moschee tutte le chiese cristiane? È la domanda posta senza giri di parole dal sito Cristiani Today, che si chiede quale sia la politica del Governo di Recep Tayyip Erdoğan per quanto riguarda i templi cristiani esistenti nel Paese a maggioranza musulmana ma in teoria laico. Il reportage parte dal […]
    Francisco Vêneto
  • 105 anni appena compiuti, pregando ogni giorno San Francesco di Paola
    Il suo legame con San Francesco di Paola si è rinsaldato con la preghiera anche nel giorno del suo 105esimo compleanno.   Anna Mangione, la donna più longeva di Pizzo Calabro (Vibo Valentia), nata il 17 giugno 1916, nel clou del primo conflitto mondiale, era poco più che trentenne quando superò anche la seconda guerra. […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Incorporei, innumerevoli, “soffi” di Dio: così si presentano gli angeli
    Viviamo in un mondo circondato da spiriti la cui trascendenza è constante, ma più in là delle costellazioni e delle stelle, esiste un universo celeste i cui abitanti sono gli spiriti puri, ossia gli angeli, creature fuori dalle dimensioni temporali normali e che non un corpo umano. Non si possono quantificare Questi spiriti puri sono […]
    don Marcello Stanzione
  • Il bimbo più prematuro del mondo compie un anno, auguri Richard!
    Tanto piccolo, ma con un nome lunghissimo: Richard Scott William Hutchison. Altisonante come il nome di un re o di un principe e in effetti si merita squilli di tromba e una festa in grande stile. Ma in realtà gli è bastata una torta di panna da poter pastrocchiare con le mani. Lo scorso 5 […]
    Annalisa Teggi
  • Il matrimonio si celebra in casa. La svolta della diocesi di Livorno
    Nella diocesi di Livorno sarà possibile celebrare il matrimonio religioso anche in casa. La disposizione ha ricevuto il via libera da parte del consiglio presbiteriale, come riporta il settimanale diocesano. Il rifiuto di sposarsi in chiesa «Con questa disposizione – spiega il vescovo di Livorno Simone Giusti – abbiamo pensato di facilitare in parte un […]
    Gelsomino Del Guercio
  • Roberto Mancini e la sua fede: “La Madonna è la mamma di tutti noi”
    Il sostegno della Madonna e la fede sono la forza del ct della Nazionale Roberto Mancini. «Io sono credente cattolico, praticante. Sono cresciuto all’oratorio sotto casa, è stata una grande fortuna». Queste le parole di Roberto Mancini intervistato da monsignor Dario Edoardò Viganò nella puntata del 19 giugno di “A sua immagine”, il programma religioso […]
    Gelsomino Del Guercio

Messina Religiosa su FaceBook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar

RSS Sir

Commenti recenti

     

    • 135:
    • 200:
    giugno: 2021
    L M M G V S D
    « Mag    
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    282930  

    Login